/ L'attentato di Gerusalemme e quella foto del camion sulla Promena...

L'attentato di Gerusalemme e quella foto del camion sulla Promenade des anglais

L'attentato di Gerusalemme e quella foto del camion sulla Promenade des anglais
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Piccole Note

 

L’attentato a Gerusalemme, quattro le vittime, fa ripiombare Israele in uno scenario cupo. La strage avviene mentre dure si incrociano le polemiche riguardo alla sorte del soldato Elor Azaria, che aveva ucciso a sangue freddo un attentatore palestinese ferito e ormai definitivamente fuori combattimento (il relativo video aveva fatto il giro del mondo, sconvolgendolo).

 

Azaria è finito sotto processo e si è creato un forte movimento di protesta per sostenere la non punibilità del suo gesto. Un movimento che ha nell’ambito degli ultras di destra i suoi sponsor più appassionati e al quale ha reso omaggio anche Netanyahu, che ha chiesto sia concessa la grazia al soldato.

 

Un gesto inusuale e «oltraggioso» quello di Netanyahu, ha sostenuto David Grossman sulla Stampa del 6 gennaio, anche perché, ha spiegato il romanziere israeliano, la richiesta è stata avanzata prima ancora che la magistratura abbia preso una decisione definitiva.

 

Alcuni analisti spiegano l’iniziativa del premier israeliano come un modo per guadagnarsi nuovo favore popolare, del quale oggi ha estremamente bisogno, dal momento che è sotto inchiesta per reati gravi e ha subito anche l’umiliazione di due interrogatori da parte della polizia, l’ultimo dei quali durato ben cinque ore.
Insomma, clima invero infuocato sotto il cielo di Gerusalemme. Questo sangue innocente rischia di farlo incendiare ancora di più.

 

In attesa di vedere lo sviluppo degli eventi, val la pena evidenziare una curiosità: la foto che abbiamo pubblicato in calce all’articolo mostra il camion dell’attentato. Come si può notare, l’abitacolo è crivellato di colpi, quelli serviti per abbattere l’assassino che lo guidava.

 

Sotto pubblichiamo la foto di un altro camion: quello che fece strage a Nizza, uccidendo 86 persone. Anche in questa immagine si può vedere il parabrezza crivellato di proiettili. Solo che, a differenza del veicolo di Gerusalemme, i fori dei colpi non sono ubicati nella parte del guidatore (in realtà non ce n’è uno), ma tutti sul lato passeggeri.

 

Di tale bizzarria avevamo scritto al tempo della strage di Nizza, accennando alla sua improbabilità: se si vuol colpire il conducente di un veicolo occorre sparare nella zona del guidatore, come è avvenuto appunto a Gerusalemme.

 

Oggi quella non sanata bizzarria stride ancora di più. Tante le ombre che gravano sull’eccidio della Promenade des anglais, prima o poi qualcuno dovrà dare spiegazioni quantomeno plausibili…

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le pi recenti da Piccole Note
Notizia del:

Zukerberg for president?

PICCOLE NOTE «”Dobbiamo creare una comunità globale che vada bene per tutti”. È zeppa di buoni propositi, di idee spesso apprezzabili, a volte discutibili, quasi...
Notizia del:

McCain incontra Erdogan: pessime notizie per la Siria

Piccole Note «Oggi ho avuto un incontro caloroso e costruttivo con il presidente Erdogan. Sono stato fautore da lungo tempo dell’alleanza tra gli Stati Uniti e la Turchia...
Notizia del:

Dopo un mese di presidenza, "Trump barcolla ma tiene" (nonostante i neo-con)

Piccole Note L’elezione di Trump aveva fatto sperare nell’inizio di un dialogo tra Stati Uniti e Russia. Purtroppo non è andata così e con le dimissioni...
Notizia del:

Il premio Word Press Photo va all'Isis... e nessuno in occidente si scandalizzato!

PICCOLE NOTE   Il premio World Press Photo, il più prestigioso premio fotografico internazionale, è stato assegnato all’Isis.   Premiata, infatti, la foto che immortala...
Notizia del:

Il muro (invisibile) dell'Europa sui migranti e l'ipocrisia contro Trump

«L’Europa si scandalizza per il bando di Trump e il Muro al confine con il Messico, ma quello che stiamo facendo un Europa non è poi così diverso. Un Paese, la Libia, viene...
Notizia del:

Bernard-Henri Lvy profetizza: "la presidenza Trump durera' un anno"

PICCOLE NOTE La prima mossa del nuovo Presidente americano è stata quella di firmare il decreto che istituisce il controverso Muro tra Stati Uniti e Messico. La foto che immortala un...
Notizia del:

La strage canadese distrugge la narrativa corrente sul terrorismo

PICCOLE NOTE Un altro lupo solitario, che magari tanto solitario poi non è, firma un’altra, ennesima, strage, stavolta in Canada. Si tratta di tal Alexandre Bissonnette, che...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa