/ Le caramelle di Barghouti: la "notizia" che sdogana la censura

Le caramelle di Barghouti: la "notizia" che sdogana la censura

Le caramelle di Barghouti: la notizia che sdogana la censura
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 
Dopo settimane di silenzio mediatico su uno sciopero della fame unico al mondo per numero dei detenuti e, per ciò stesso, “notiziabile” come direbbe il  pessimo gergo giornalistico, finalmente arriva la notizia che sdogana la censura.



Se di questo sciopero e delle sue degnissime motivazioni finora si è saputo  qualcosa è stato solo grazie ai social e ai pochi giornali liberi  - ma purtroppo di nicchia - che facendo un tam tam sui digiuni simbolici e altre manifestazioni di solidarietà, alla fine hanno costretto i media main stream a darne, sebbene senza troppi approfondimenti, notizia. 

Ma non è questo che sdogana la censura, bensì un video fatto girare da Israele. Un video che prima di tutto dimostra, anzi dimostrerebbe se i nostri media ci ponessero attenzione, la totale violazione della privacy grazie a telecamere che spiano ogni angolo, ogni secondo e ogni movimento del prigioniero Barghouti. Telecamere spia che entrano perfino nella toilette senza il minimo rispetto. Ma cosa mostra il video che i media hanno ghiottamente ripreso tuffandocisi come avvoltoi?

Mostra un Barghouti che per ben due volte, si badi bene, due volte, una 10 giorni dopo l’inizio del terribile sciopero della fame ed una dopo 18 giorni, avrebbe rotto il digiuno con due biscotti nascosti sotto il materasso e una caramella.

La moglie, Fadwa Barghouti si affanna a dichiarare che è una montatura.

Che Marwan sa bene che ci sono telecamere a violare la sua privacy in ogni momento e che non sarebbe mai caduto in una simile trappola. Tutti i sostenitori della causa palestinese, compreso il neo eletto capo di  Hamas Hanieh - benché non abbia dato indicazione di sciopero ai prigionieri della sua fazione – ha dichiarato che si tratta di una trappola orchestrata da Israele per distruggere l’immagine di Barghouti di fronte ai palestinesi. Tutti i suoi sostenitori ripetono che Marwan sa bene di essere spiato e che non avrebbe mai commesso un errore del genere.

Ma i media nostrani e mondiali, che per 20 giorni hanno ignorato il digiuno, improvvisamente si sono fatti sensibili ed hanno mostrato il video della “vergogna”.



Non hanno detto che Israele ha sequestrato anche il sale, unico sostentamento per allungare il digiuno e quindi allontanare di qualche giorno la morte. Non hanno detto quali sono le cause del digiuno e quali i crimini che Israele commette contro i detenuti, oltre che contro la popolazione palestinese in genere. Ma si sono tuffati sul video che il giornale più democratico di Israele, Haaretz, ha diffuso.

Ricordo il titolo di un vecchio film, uno di quelli in cui le vittime del più grande genocidio della storia passavano per assassini, parlo del ciclo cinematografico del “Far west” che piaceva tanto ai bambini degli anni “60. Il titolo era “Gli avvoltoi hanno fame”.  Eccoli qua i nostri valenti media, eccoli come uccelli rapaci a volteggiare sulla preda in attesa che divenga cadavere. Ma cos’è che devono fare? A quale ordine rispondere, in modo consapevole o meno? Perché hanno ignorato una potenziale morte annunciata di quasi 1600 detenuti per poi porre attenzione sulle caramelle di Barghouti?

Perché Marwan Barghouti, come ha già scritto da qualcuno, con questo sciopero è tornato “nel radar della politica palestinese”. Inoltre è riuscito a far arrivare la sua lunga, dettagliata e coinvolgente lettera di spiegazione dello sciopero al New York Times che, incredibilmente, l’ha pubblicata. Cosa che ha indignato Israele al punto che, messa da parte la veste democratica, ha minacciato ritorsioni perfino sul quotidiano newyorkese.

Ma cosa rappresenta Marwan Barghouti oltre che un detenuto condannato a 4 ergastoli  più 40 anni di detenzione? Perché è necessario screditarlo?

 Barghouti rappresenta l’ala carismatica e combattente di Fatah. Rappresenta colui che potrebbe sostituire Abu Mazen ed avere seguito anche oltre Fatah. Perché ha un passato legato alla resistenza  armata ed un presente in cui crede che l’opzione possibile sia la resistenza non-violenta, cosa che lo rende gradito a molti movimenti internazionali pro-Palestina.

Nel caso in cui vincesse le elezioni presidenziali in Palestina, forse Israele dovrebbe liberarlo. Allora è necessario screditarlo. Desiderio principalmente israeliano, ma non solo.

Hanieh da Gaza ha espresso pubblicamente la sua stima. I prigionieri del Fronte popolare si sono uniti alla protesta. La situazione si fa pericolosa e il silenzio stampa non basta.

Allora serve altro, serve la denigrazione.

Gli avvoltoi verranno attirati con un boccone gustoso.

Non saranno le parole di stile nazistoide del ministro dell’Intelligence Israel Hatz a stroncare il leader della rivolta. Il ministro del democratico Stato di Israele, dopo aver definito Barghouti terrorista, conclude il suo twitt di odio con “c’è una sola soluzione: pena di morte per i terroristi”.

Questo può servire a fomentare odio nel popolo israeliano, ma bisogna andare oltre, bisogna distruggere il carisma di Marwan tra i palestinesi. Poi magari lo si potrà pure liberare.

Allora ci si chiede come avrebbe fatto Barghouti a ottenere due biscotti e due caramelle durante lo sciopero, in totale isolamento e dopo essere stato trasferito in un altro carcere?

Il giornale Haaretz cita fonti dell’agenzia israeliana per i detenuti secondo le quali sarebbe stata la stessa agenzia (Shabas) a procurargli questi due dolcetti per indebolire la sua resistenza al digiuno. E’ probabile, ma perché? non certo per farlo resistere più a lungo, cosa per la quale Barghouti avrebbe tutta la comprensione e l’ammirazione dei suoi, non per quello ma per poterlo filmare e dire: “guardate, è un imbroglione, non vi fidate, vi sta sfruttando per rinforzare la sua posizione ed arrivare al potere. Non lo seguite, abbandonate lo sciopero.”

Questo è il messaggio che Israele manda e che i nostri media rimbalzano. Ma una logica minima, purché limpida e priva di malafede, non porterebbe a dire che se in 22 giorni di digiuno, e dopo il sequestro del sale, un detenuto ha ceduto a due biscotti e una caramella, in 22 giorni 2 biscotti e una caramella! non solo non ha interrotto lo sciopero, ma lo ha rinforzato grazie a quei pochi grammi di zucchero che gli consentono di proseguirlo nonostante fossero posti là per intrappolarlo?

Allora, Fadwa Barghouti e l’avvocato di Marwan e tutti i suoi sostenitori farebbero bene a non parlare di manipolazione del video, ma a rivendicare il diritto per tutti  di assumere un minimo di zuccheri per non morire e proseguire la lotta che Israele vorrebbe concludere con la morte fisica o politica del suo leader.

La trappola dello Shabas, vista in questa luce, si ritorcerebbe contro Israele e sarebbe un valido aiuto alla lotta per la dignità e la libertà che è il focus dello sciopero.

Patrizia Cecconi
Milano 9 maggio 2017
 
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: it.sputniknews.com

Russia: Stalin è il leader che gode di maggiore popolarità

Il secondo posto lo occupano Vladimir Putin e Aleksandr Pushkin, terzo Lenin

da Sputnik  Il leader sovietico Josif Stalin occupa il primo posto nella classifica delle figure di...
Notizia del:

Cina, ecco chi è Liu Xiaobo Premio nobel.... della guerra

"Già fiero sostenitore della guerra di Bush all'Iraq e della protezione Usa ad Israele, nel 2006 Liu Xiaobo ha chiarito che la “modernizzazione significa in sostanza occidentalizzazione,...
Notizia del:

Il salvataggio delle banche venete "un colpo mortale all'Unione Bancaria europea" - Jacques Sapir

di Jacques Sapir, 24 giugno 2017 (Traduzione di Vocidall'estero)   Una crisi bancaria nell’Unione europea?   Ecco un’informazione che non è apparsa sulle prime...
Notizia del:

Lettera appello di Padre Zanotelli al Parlamento italiano: "Non firmate il CETA, un gigantesco regalo alle multinazionali"

In questi giorni è in discussione in Senato il CETA (Comprehensive Economic and Trade Agreement), l’accordo commerciale ed economico fra il Canada e la UE. Se sarà approvato sarà...
Notizia del:

Massacro del Donbass e recupero della Crimea. Il via libera dell'Albright e del National Democratic Institute

Risulta assai difficile dare un giudizio sull’incontro tra i presidenti di USA e Ucraina che si è...
Notizia del:

Professore australiano: "La fine dell'Isis? Quando la famiglia saudita sarà rimossa dal potere".

Quando i gruppi di Al-Qaeda sono stati cacciati da Aleppo, si è sancita la fine degli Elmetti Bianchi ad Aleppo. Quando la famiglia saudita sarà rimossa dal potere, si sancirà la...
Notizia del:     Fonte: Bloomberg

Il Piano di Trump per dominare il Mercato mondiale dell'Energia

L'Amministrazione Trump ha già iniziato la revisione della legislazione che limita lo sviluppo del settore energetico e cerca di eliminare gli ostacoli amministrativi per l'estrazione degli idrocarburi.

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, annuncerà la 'Settimana per l'Energia' per...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa