/ Renzi che fa propaganda con le "fake news": ottimo esempio di lib...

Renzi che fa propaganda con le "fake news": ottimo esempio di liberismo totalitario

Renzi che fa propaganda con le fake news: ottimo esempio di liberismo totalitario
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

di Francesco Erspamer*


Che della questione delle fake news si sia appropriato proprio il politico universalmente noto come il cazzaro e che ne abbia fatto il tema principale della sua annuale kermesse propagandistica senza provocare il sarcasmo della stampa nazionale, è un ottimo esempio di come funziona il liberismo quando diventa totalitario. 



La sua prima mossa è deregolamentare l'informazione, ossia consentirne la privatizzazione e il consolidamento in gruppi monopolistici; i giornali smettono di avere responsabilità pubbliche e diventano imprese che con la scusa di massimizzare i profitti fanno gli interessi dei loro padroni. Nel frattempo si apre internet a chiunque, senza costi e senza norme, con la scusa della democratizzazione della rete ma in effetti allo scopo di permettere l'affermazione dei due gruppi che sempre prosperano quando l'unica legge sia quella della giungla: i ricchi e i sociopatici. 

Ovviamente succede che nell'anarchia mediatica trovino spazio anche a voci impreviste, scomode, inattuali, disorganiche rispetto al modello di consumismo qualunquista prescritto dal neocapitalismo globalista. Minoranze disorganizzate e tuttavia pericolose: il saccheggio del pianeta è così brutale e le conseguenze dell'avidità delle multinazionali così catastrofiche, che il potere non può permettersi alcun vero dissenso. Ecco allora che i suoi cani da guardia cominciano a criticare le fake news. Le hanno inventate loro, ne hanno fatto il pilastro della loro egemonia, fondata su ignoranza e superstizione: ma erano fake news ufficiali, dunque vere. Le fake news eretiche sono invece sovversive.

Non bisogna fare l'errore di credere che, di conseguenza, le fake news non gradite al neocapitalismo siano sovversive: la menzogna può irritare il potere ma non riuscirà mai a spodestarlo. Che fare allora per contrastare contemporaneamente le balle mediatiche e la disinformazione liberista?

Quattro cose, necessarie e sufficienti:

1) Frantumare i mezzi di informazione rendendo illegali le concentrazioni (anche piccole) di testate, canali tv e siti internet.
2) Rendere illegale il controllo di un giornale, canale o sito da parte di una corporation esterna.
3) Limitare e ipertassare la pubblicità a stampa, televisiva e su internet.
4) Dare finanziamenti pubblici ai mezzi d'informazione senza scopi di lucro (incluso il lucro dei loro direttori e giornalisti di punta) a patto che rispettino un preciso codice etico. 


Utopia? Oggi, e solo a causa della nostra passività. Ma la grande crisi sta arrivando e sarebbe meglio avere pronto un programma che quando l'occasione si presenterà ci permetta di approfittarne.

*Professore all'Harvard University. Post Facebook del 27 novemebre 2017
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: https://ahtribune.com

'La BBC tradisce i principi giornalistici più elementari quando si parla di Siria'

Il giornalista e accademico Jeremy Salt, in un articolo, sottolinea che seppur nelle guerre la verità è la prima vittima, negli ultimi 15 anni, a partire dalla guerra in Iraq fino al conflitto in Siria, la falsificazione prodotta dai media statunitensi e britannici ha raggiunto livelli senza precedenti.

Jeremy Salt è  giornalista e professore universitario presso il Dipartimento di Scienze Politiche...
Notizia del:

Iran: l'arresto di Ahmadinejad è una fake news

La denuncia del giornalista Alireza Mataji

  Il pensiero illusorio (in inglese, wishful thinking), conosciuto anche come pensiero desideroso o pensiero...
Notizia del:

Guerra mediatica al Venezuela: nel 2017 i media statunitensi hanno generato 3880 fake news

La guerra mediatica è particolarmente cruenta. I suoi echi giungono anche in Italia. Infatti nella nostra periferia dell’impero il circuito mediatico mainstream ricicla di continuo le fake news a stelle e strisce prodotte contro la Rivoluzione Bolivariana

di Fabrizio Verde   Contro il Venezuela è guerra totale. Una micidiale offensiva cha va dall’assedio...
Notizia del:     Fonte: RT

Le immagini false sulle proteste in Iran che circolano sui social network

Le immagini di manifestazioni in altri paesi, e persino film, circolano sui social network mostrate come fossero proteste anti-governative in Iran.

I comunicatori influenti hanno fotografato dimostrazioni in altri paesi, e persino film di finzione, e li hanno...
Notizia del:

Non è la Russia ma Israele a intossicare l'informazione. Lo scandalo che scompare prima che sia troppo tardi

Così come è stato per l’indecente storia dei servizi segreti italiani (che, tramite mazzette, pilotavano  l’opinione pubblica ), scompare prima di nascere lo “scandalo”...
Notizia del:

Perché quella dell'antrace è l'ennesima bufala contro la Corea del Nord

Mai sentito parlare del generale Frank Schwable?   Capo di Stato maggiore nel corpo dei Marines, nel 1952, durante i bombardamenti americani sulla Corea del Nord, precipitato per un guasto...
Notizia del:

Video shock sulla povertà in Venezuela.... Ah no scusate è la Colombia

La denuncia del giornalista venezuelano Oswaldo Rivero

  Gli stessi media internazionali che utilizzano fiumi d’inchiostro e servizi lunghissimi per provare...
Notizia del:

Il trionfo di Maduro alle ultime elezioni per La Stampa diventa: "In Venezuela non c'è più forza per protestare"

Il vortice di menzogne e mistificazioni è divenuto talmente intricato da rendere praticamente impossibile a un semplice lettore di scorgere la realtà dietro la propaganda anti-venezuelana imperante sui principali media

  di Fabrizio Verde Utilizzare fake news a sostegno di precedenti fake news propalate per giustificare...
Notizia del:

(VIDEO) Fake news sulle fake news: il cortocircuito dei media mainstream

"Sembra che questa brutta usanza del complotto russo di pubblicare notizie false e diffonderle per il mondo intero sia altamente contagiosa, perché i media che la denunciano con più...
Notizia del:

L'ONU conferma: in Venezuela nessuna crisi umanitaria

  La propaganda è martellante e condotta a suon di fake news: il Venezuela sarebbe nel pieno di una catastrofica crisi umanitaria. Ovviamente causata dalle politiche di segno socialista promosse...
Le più recenti da L'Analisi
Notizia del:     Fonte: https://ahtribune.com

'La BBC tradisce i principi giornalistici più elementari quando si parla di Siria'

Il giornalista e accademico Jeremy Salt, in un articolo, sottolinea che seppur nelle guerre la verità è la prima vittima, negli ultimi 15 anni, a partire dalla guerra in Iraq fino al conflitto in Siria, la falsificazione prodotta dai media statunitensi e britannici ha raggiunto livelli senza precedenti.

Jeremy Salt è  giornalista e professore universitario presso il Dipartimento di Scienze Politiche...
Notizia del:

Il pensiero dell'establishment sul Corriere: via libera dei mercati ai normalizzati Salvini e Meloni

di Dante Barontini* Da tempo immemorabile, se uno vuol capire cosa sta covando nei “salotti importanti” dell’establishment nazionale, bisogna leggere con attenzione il Corriere...
Notizia del:

GUERRA NUCLEARE IL GIORNO PRIMA - Da Hiroshima a oggi:  chi e come ci porta alla catastrofe

  di Manlio Dinucci      La lancetta dell’«Orologio dell’Apocalisse» – il segnatempo che sul Bollettino degli Scienziati Atomici statunitensi indica...
Notizia del:

Che cosa avverrebbe se caccia russi Sukhoi Su 35 pattugliassero il confine con l’Italia con la motivazione di proteggere la Svizzera?

Per dislocare in Estonia gli 8 cacciabombardieri, con un personale di 250 uomini, si spendono (con denaro proveniente dalle casse pubbliche italiane) 12,5 milioni di euro da gennaio a settembre

  di Manlio Dinucci* - il manifesto, 16 gennaio 2018 Che cosa avverrebbe se caccia russi...
Notizia del:

Business is business. Gli affari russi di Poroshenko e quelli degli oligarchi russi negli Usa

"Ancora una volta, che sia a ovest o a est del Dnepr, pecunia non olet."

  di Fabrizio Poggi    Colleghi, amici, mogli o mariti, avventori di bar, postini, sorpresi...
Notizia del:

Manlio Dinucci - Il vero libro esplosivo è a firma Trump 

  di Manlio Dinucci* - il manifesto, 9 gennaio 2018              Tutti parlano del libro esplosivo su Trump, con rivelazioni sensazionali di come Donald...
Notizia del:     Fonte: Al Manar

Iran: Chi pesca nel torbido?

Un'analisi per cercare di capire gli ultimi eventi in Iran, partendo dall'ossessione costante e dagli attacchi quasi quotidiani del Presidente USA, Donald Trump.

Link dell'analisi.   Pochi analisti credono nella buona fede degli americani quando affermano di voler...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa