/ "LEGGE SHOCK", "Mosca legalizza le botte a mogli e figli". Ecco d...

"LEGGE SHOCK", "Mosca legalizza le botte a mogli e figli". Ecco da dove nasce la nuova bufala anti-Putin

LEGGE SHOCK, Mosca legalizza le botte a mogli e figli. Ecco da dove nasce la nuova bufala anti-Putin
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 


Tutti, in Russia, a riempire di botte moglie e figli. Lo permetterebbe una nuova legge - subito definita “nauseante” da Amnesty International e ancora peggio da Thorbjorn Jagland segretario del Consiglio d’Europa - che sta facendo fremere di indignazione RAI, SKY, giornali mainstream e legioni di, disinformati, utenti Facebook e Twitter. Ma da dove nasce questa ennesima bufala anti-Putin? Non già da una iniziativa della farneticante (e per questo, sui nostrani media, strombazzata) parlamentare russa Elena Mizulina, ma da una proposta di emendamento alla legge contro le violenze domestiche approvata dalla Duma l’anno scorso e che ora dovrebbe equiparare gli “atti di violenza fisica” (stiamo parlando di strattonamenti, ceffoni, tirate di capelli...) commessi nelle mura domestiche a quelli commessi fuori.


Se questi “atti di violenza fisica” non determinano lesioni e se non sono usuali, la pena prevista – secondo l’emendamento proposto all'articolo 116 del codice penale russo - è una multa equivalente a 500 euro. Se sono, invece, dimostrabili con referto medico (un morso, un occhio nero....) allora si tratta di articolo 115, che non è depenalizzato, e si rischia fino a 3 anni di galera. Se il danno è medio o pesante (braccio rotto, denti spaccati....) allora – articolo 114 - si rischiano fino a 7 anni di galera. Un regime sanzionatorio non certo dissimile da quello di tanti paesi occidentali, compreso l’Italia dove fa giurisprudenza la recente sentenza (Tribunale, Ivrea, sez. penale, sentenza 03/06/2016 n° 714), secondo la quale i maltrattamenti considerati lievi e non protratti nel tempo non sono penalmente rilevanti; un provvedimento che – tranne gli addetti ai lavori – non ha suscitato, praticamente, nessun interesse sui media.


Né, tantomeno, gli odierni fiumi di indignazione che ora sfociano nel ridicolo. Come la bufala della BBC, ovviamente ripresa come Vangelo da Il Fatto Quotidiano, secondo la quale in Russia, grazie al maschilista regime di Putin, ogni anno 14.600 donne (40 al giorno) verrebbero uccise dai mariti o dai partner. E questo in un paese dove gli omicidi complessivi sono annualmente meno di 13.000.


Insomma, una ennesima bufala. Ma, grazie al Cielo, c’è il sito www.stopfake.org , punta di diamante dell’Unione Europea per combattere le bufale. Date una occhiata qui e poi chiedetevi in mano a chi stiamo.

 

Francesco Santoianni

P.s.


Alcune precisazioni e qualche ulteriore link di approfondimento
 
Anche per l’interesse che sta suscitando, credo che questo articolo meriti alcune precisazioni e qualche ulteriore link di approfondimento.
Intanto, per evidenziare l’equivalenza (dopo l’approvazione dell’emendamento in discussione alla Duma) tra Italia e Russia del quadro sanzionatorio per maltrattamenti domestici, più che la summenzionata sentenza del Tribunale di Ivrea, è opportuno segnalare la sentenza 30903/2015 della Corte di Cassazione e, ancor di più, il D.Lgs. n. 28/2015 sulla non punibilità del reato per “tenuità del fatto” che, sostanzialmente, rende oggi non perseguibili la stragrande maggioranza dei maltrattamenti in famiglia.
Per quanto riguarda, invece, la puntuale disamina del provvedimento in discussione alla Duma, per scrivere l’articolo, dopo aver glooggato le parole ?????????? ???????????????? ??????????????? (legge maltrattamenti domestici), ho consultato alcuni siti russi dei quali, però, non ho potuto trascrivere, nel testo dell’articolo, il link in quanto, nell’incollarlo, stranamente, appariva composto da una serie di “?????” (unica eccezione a ciò il sito http://www.rbc.ru/politics/25/01/2017/588727459a7947bde03fca37)
Invito, pertanto coloro che volessero saperne di più sull’emendamento in discussione alla Duma ad incollare le tre parole in cirillico sopra riportate nel motore di ricerca e leggersi quindi i relativi articoli in lingua russa (magari aiutandosi con il traduttore di Google, così come ho fatto io)
 

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:

"Perché io, eurodeputata, parteciperò alla terza carovana antifascista in Donbass"

Intervista ad Eleonora Forenza, Eurodeputata del PRC di Maurizio Vezzosi per L'AntiDiplomatico Cominciamo con una domanda semplice, ma forse solo apparentemente. Perché ha deciso di...
Notizia del:     Fonte: http://www.mid.ru

"Incoerenze evidenti": Mosca mette in discussione le accuse della Francia sull'uso di armi chimiche in Siria

Il ministero degli Esteri russo ha ribadito ancora una volta che l'unica possibilità di trovare la verità è che l'OPCW conduca un'indagine.

La Russia ha messo in discussione l'integrità di un rapporto dell'intelligence francese che ripete...
Notizia del:     Fonte: TASS

Russia, Ministero degli Esteri: "I Caschi Bianchi danno appoggio ai terroristi in Siria"

La portavoce del ministero degli Esteri russo, María Zajárova, ha denunciato le attività dell'organizzazione nella Repubblica araba.

"I soccorritori volontari dell'organizzazione 'Caschi Bianchi' che operano in Siria stanno sostenendo...
Notizia del:     Fonte: Hispantv - TASS - Reuters

La Russia condanna gli attacchi di Israele contro la Siria. E Damasco promette una risposta rapida

Il governo russo ha messo in guardia Israele sugli attacchi aerei contro Damasco, mentre la Siria ha promesso una rapida risposta a tale aggressione.

Il portavoce del presidente russo, Dmitri Peskov, ha dichiarato, oggi, che Mosca mette in guardia da qualsiasi...
Notizia del:     Fonte: Sana.sy

Assad: " Per gli USA, in Siria come in Venezuela, chiunque serva i suoi interessi e pratichi il terrorismo, è un 'oppositore', un 'moderato' un combattente per la libertà"

In un'intervista concessa a 'Telesur', il Presidente siriano Bashar al Assad, tra i veri argomenti affrontati, ha analizzato anche gli ultimi eventi in Venezuela e la strategia di destabilizzazione ordita dagli USA, già attuata in Siria nel 2011.

  Qui, il testo originale dell'intervista   Domanda 1:   Partiamo dai fatti più...
Notizia del:

Così JP Morgan e Goldman Sachs aggirano ogni giorno le sanzioni contro la Russia

di Eugenio Cipolla   Da quasi tre anni gli Stati Uniti ammorbano l’opinione pubblica occidentale con il mantra delle sanzioni alla Russia in seguito alla crisi ucraina. Nel tempo Washington,...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Russia, Siria e Iran continueranno sulla stessa trincea la lotta al terrorismo

I ministri della difesa di Iran, Siria e Russia sottolineano che continueranno sulla stessa trincea la lotta al terrorismo fino alla sua totale eliminazione.

In una riunione, ieri, a Mosca, il generale di brigata Hussein Dehqan (Iran), il generale Fahd Jassem al-Freij...
Notizia del:

Il "messaggio a Putin". Così il Regno Unito prosegue nella militarizzazione dell'est Europa

di Fabrizio Poggi - Contropiano  Pressoché in contemporanea con l'apertura a Mosca della Conferenza internazionale sulla sicurezza “MCIS-2017”, disertata dalla Nato, i...
Notizia del:     Fonte: SIPRI

SIPRI. Crescono le spese militari nel mondo. USA sempre in testa. Italia incremento dell'11%

La spesa militare globale totale è salita a 1686.000 miliardi di dollari nel 2016, con un incremento del 0,4 per cento in termini reali rispetto al 2015, secondo i dati dell'Istituto Internazionale di Stoccolma per la ricerca sulla pace. L'Italia ha fatto registrare uno degli incrementi più alti, l'11%. Lo riporta l'Istituto Internazionale di Ricerche sulla Pace di Stoccolma.

Secondo uno studio condotto dall'Istituto Internazionale di Ricerche sulla Pace di Stoccolma, SIPRI*, le...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Russia: Perché l'OPCW non indaga sugli attacchi chimici in Siria?

La Russia definisce 'insolita' la decisione dell'Organizzazione per la Proibizione delle Armi Chimiche (OPCW) di non indagare sui presunti attacchi chimici in Siria.

"È insolito perché la decisione non prevede altro che un'indipendente, imparziale e trasparente...
Le più recenti da I media alla guerra
Notizia del:

Dall'Ucraina alla Siria. Più che senza frontiere, Reporter senza vergogna

  Puntuale come il raffreddore da fieno, anche per questa primavera incombe il “Rapporto sulla libertà di stampa nel mondo”. Redatto da “Reporter senza frontiere”...
Notizia del:

Saviano, le navi delle Ong e le "rivoluzioni colorate"

“Il Venezuela, come il Cile di Pinochet, che i migranti li vorrebbe morti in fondo al mare”. Non è certo la prima volta che Roberto Saviano – icona della sinistra sushi&spumantino...
Notizia del:

L' “Armada” perduta, Yeonmi Park, Hyeonseo Lee e tutte le esilaranti bufale sulla Corea del Nord

"Ma perchè? Ci sono borse di Chanel nella Corea del Nord?” comincia a franare con questa domanda – posta dalla giornalista investigativa Mary Ann Jolley - la leggenda di ...
Notizia del:

Il video che smaschera la bufala di Idlib

Il “Sarin di Assad” a Idlib nell’aprile 2017: una bufala che rischia di scatenare la Terza Guerra mondiale (e/o far vincere un altro Premio Oscar a George Clooney e ai suoi White Helmets)....
Notizia del:

Bambini intenzionalmente uccisi dai “ribelli siriani” per rendere più convincenti i loro video

Strage di  Idlib. Bambini intenzionalmente uccisi dai “ribelli siriani” per rendere più convincenti i loro video da rifilare ai media occidentali?  La risposta è si....
Notizia del:

Idlib: le foto che i media non vi hanno fatto vedere perché mostrano la verità

  “Bombardamento con armi chimiche di un ospedale a Idlib.” Questa la versione dei “ribelli siriani” e di tutta la stampa mainstream della strage di Idlib, (incredibilmente,...
Notizia del:

La bufala di "Igor il russo": non solo russofobia, è strategia di controllo sociale

Forse per i media mainstream ci sarebbe stato qualcosa di più sensato da fare che alimentare la saga di "Igor il russo", evaso dal carcere di massima sicurezza di Frosinone e accusato...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa