/ L'eredita' di Obama calcolata per bombe sganciate al giorno

L'eredita' di Obama calcolata per bombe sganciate al giorno

L'eredita' di Obama calcolata per bombe sganciate al giorno
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
A dieci giorni dall'insediamento di Donald Trump, il presidente uscente Barack Obama pronuncerà questa sera il discorso di addio dopo i suoi otto anni alla Casa Bianca.

Ma cos'è che ha distinto di più il suo mandato sulla scena mondiale?

La presidenza di Obama, insignito addirittura del Premio Nobel per la Pace, era iniziata con la promessa di ritirare il paese dai conflitti internazionali creati da George W. Bush. Ma Obama lascia il suo incarico con un record, sottolineato dall'editorialista del Guardian Medea Benjamin: il presidente uscente ha mantenuto la nazione americana in guerra più a lungo di qualsiasi altro presidente nella storia degli Stati Uniti.





Se è vero che Obama è riuscito a migliorare le relazioni diplomatiche con Cuba e ha ridotto il numero di soldati americani in Afghanistan e Iraq, l'ex presidente ha drasticamente ampliato la guerra aerea e l'uso di forze speciali in tutto il mondo. Il numero di paesi con forze speciali americane dispiegate è cresciuto da 60 nel 2009 a 138 su 2016 (il 70% dei paesi del mondo), secondo i dati di Special Operations Command fornite a Tomdispatch blog.

Per analizzare l'eredità del presidente Obama, il Council on Foreign Relations degli Stati Uniti (CFR) ha presentato i dati relativi agli attacchi aerei sui paesi esteri. Solo nel 2016, Obama è stato responsabile per aver ordinato lo sganciamento di almeno 26,171 bombe.

La maggior parte di questi raid si sono verificati in Siria e Iraq, ma le bombe americane hanno colpito anche Afghanistan, Libia, Yemen, Somalia e Pakistan. Inoltre, il CFR ha rimarcato come le sue stime siano "senza dubbio verso il basso", in quanto ha riportato solo i "dati affidabili" degli attacchi aerei in Pakistan, Yemen, Somalia e Libia. Un "attacco", così come viene definito dal Pentagono, può comportare l'uso di più bombe o munizioni.

Un altro studio dalla stessa organizzazione indica che nel 2015 l'amministrazione Obama ha approvato il rilascio di 23.144 bombe in questi paesi, anche se non sono disponibili dati dagli attacchi sulla Libia in quell'anno.



Durante gli otto anni in carica Obama ha ottenuto un altro record: il maggior numero di vendite di armi dalla seconda guerra mondiale, con l'incredibile somma di 265.471 milioni di dollari. L'analista politico Dennis Small sottolinea correttamente che gli Stati Uniti non hanno avuto alcun problema a vendere armi "a quei terroristi impegnati a rovesciare governi in Medio Oriente". 

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: Rt
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: Rt

Russia: "Il Pentagono sta creando un'arma per un attacco globale in massa"

"Gli Stati Uniti stanno sviluppando armi per un attacco globale istantaneo". Lo ha denunciato il rappresentante dello Stato maggiore russo, il tenente generale Víktor Poznijir secondo...
Notizia del:

Brasile. La polizia attacca manifestanti indigeni davanti il Parlamento. 4 arresti

La polizia militare brasiliana giovedì ha caricato violentemente migliaia di membri delle tribù indigene che manifestavano di fronte al Parlamento di Brasilia rivendicando maggiori diritti. Molti...
Notizia del:

Il "messaggio a Putin". Così il Regno Unito prosegue nella militarizzazione dell'est Europa

di Fabrizio Poggi - Contropiano  Pressoché in contemporanea con l'apertura a Mosca della Conferenza internazionale sulla sicurezza “MCIS-2017”, disertata dalla Nato, i...
Notizia del:

Macron e il sogno non nascosto di intervento armato contro la Siria

Ospite de L'Emisisone politique lo scorso 6 aprile, Emmanuel Macron si è dichiarato su France 2 a favore di "un intervento militare" in Siria, sotto gli auspici delle Nazioni Unite,...
Notizia del:

"Perché chiede elezioni in Siria e non nel suo paese?". La risposta dell'Ambasciatore saudita all'Onu non ha prezzo

Mr Propagande Quando poni la domanda all'ambasciatore saudita alle Nazioni Unite sul perché egli chieda elezioni libere in Siria ma non nel suo paese.  "Perché è...
Notizia del:

Rapporto think tank. L'Isis sta collassando: questo potrebbe portare a più attacchi terroristici in tutto il mondo

E' difficile quantificare l'effetto che l'ISIS  ha avuto sula nostra psiche collettiva . Dal momento che l'organizzazione ha iniziato a fare notizia diversi anni fa, siamo stati inondati...
Notizia del:     Fonte: Al Mayadeen

Lettera del leader politico palestinese, Marwan Barghouti ai parlamenti del mondo e ai membri dell'Assemblea parlamentare del Consiglio dell'Unione europea sullo sciopero per "la libertà e la dignità"

Il leader palestinese Marwan Barghouti, ha inviato un messaggio che è stato distribuito ai parlamentari di tutto il mondo per lo sciopero il cui motto è "battaglia per la libertà e la dignità", così come ai membri dell'Assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa, che comprende 47 paesi in rappresentanza di 800 milioni di cittadini dei paesi del continente europeo e a chi difende i diritti umani e la democrazia, dato che lo Stato di Palestina è un partner di questo organismo e Israele è un membro osservatore.

Attualmente, una delegazione del Consiglio nazionale palestinese partecipa alla sessione ordinaria dell'Assemblea...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa