/ L'eredita' di Obama calcolata per bombe sganciate al giorno

L'eredita' di Obama calcolata per bombe sganciate al giorno

L'eredita' di Obama calcolata per bombe sganciate al giorno
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
A dieci giorni dall'insediamento di Donald Trump, il presidente uscente Barack Obama pronuncerà questa sera il discorso di addio dopo i suoi otto anni alla Casa Bianca.

Ma cos'è che ha distinto di più il suo mandato sulla scena mondiale?

La presidenza di Obama, insignito addirittura del Premio Nobel per la Pace, era iniziata con la promessa di ritirare il paese dai conflitti internazionali creati da George W. Bush. Ma Obama lascia il suo incarico con un record, sottolineato dall'editorialista del Guardian Medea Benjamin: il presidente uscente ha mantenuto la nazione americana in guerra più a lungo di qualsiasi altro presidente nella storia degli Stati Uniti.





Se è vero che Obama è riuscito a migliorare le relazioni diplomatiche con Cuba e ha ridotto il numero di soldati americani in Afghanistan e Iraq, l'ex presidente ha drasticamente ampliato la guerra aerea e l'uso di forze speciali in tutto il mondo. Il numero di paesi con forze speciali americane dispiegate è cresciuto da 60 nel 2009 a 138 su 2016 (il 70% dei paesi del mondo), secondo i dati di Special Operations Command fornite a Tomdispatch blog.

Per analizzare l'eredità del presidente Obama, il Council on Foreign Relations degli Stati Uniti (CFR) ha presentato i dati relativi agli attacchi aerei sui paesi esteri. Solo nel 2016, Obama è stato responsabile per aver ordinato lo sganciamento di almeno 26,171 bombe.

La maggior parte di questi raid si sono verificati in Siria e Iraq, ma le bombe americane hanno colpito anche Afghanistan, Libia, Yemen, Somalia e Pakistan. Inoltre, il CFR ha rimarcato come le sue stime siano "senza dubbio verso il basso", in quanto ha riportato solo i "dati affidabili" degli attacchi aerei in Pakistan, Yemen, Somalia e Libia. Un "attacco", così come viene definito dal Pentagono, può comportare l'uso di più bombe o munizioni.

Un altro studio dalla stessa organizzazione indica che nel 2015 l'amministrazione Obama ha approvato il rilascio di 23.144 bombe in questi paesi, anche se non sono disponibili dati dagli attacchi sulla Libia in quell'anno.



Durante gli otto anni in carica Obama ha ottenuto un altro record: il maggior numero di vendite di armi dalla seconda guerra mondiale, con l'incredibile somma di 265.471 milioni di dollari. L'analista politico Dennis Small sottolinea correttamente che gli Stati Uniti non hanno avuto alcun problema a vendere armi "a quei terroristi impegnati a rovesciare governi in Medio Oriente". 

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: Rt
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: AdnKronos/Dpa

CETA: i socialisti spagnoli cambiano idea. Voteranno no

Finora il Psoe aveva votato a favore del Ceta sia all'Europarlamento che al parlamento di Madrid

A sorpresa il partito socialista spagnolo (Psoe) ha deciso di ritirare il suo appoggio al Ceta, il trattato...
Notizia del:

Tornano i sovietici! Il Corriere della Sera esagera con la russofobia...

Altra grande perla del giornalismo italiano: il Corriere della Sera cita fantomatiche «fonti sovietiche»

di Danilo Della Valle Era un po' la speranza nascosta di tutti gli oppressi della Terra, ieri il nostalgico...
Notizia del:

L'ONU si dichiara "preoccupata" per il sostegno di Israele ai gruppi terroristi in Siria

di Stefano Mauro - Contropiano Il segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, ha recentemente espresso le sue preoccupazioni riguardo ai contatti tra i militari dell’esercito...
Notizia del:

L’ex presidente Kuchma:”E' l’UE che ha messo in ginocchio l'Ucraina"

    L’Unione Europea? Ha messo in ginocchio l’Ucraina, considerandola come un appendice dove rifornirsi di materie prime. E’ un attacco veemente quello scagliato oggi da Leonid...
Notizia del:

Gentiloni, doppi standard e ipocrisia. Chi è l’italo-venezuelano ricercato numero uno per aver bruciato vivo un giovane chavista?

Chi è l’italo-venezuelano ricercato numero uno per aver bruciato vivo un giovane chavista? Enzo Franchini Oliveros è amministratore e azionista della ditta immobiliare che ha avuto...
Notizia del:

"La guerra deve essere portata in Iran prima che arrivi qui". Chi è Mohammed bin Salman, il nuovo erede al trono saudita

di Alberto Negri* - Il Sole 24 Ore Descritto come dinamico ma impulsivo, il nuovo erede al trono saudita punta a ribaltare i rapporti di forza con l’Iran. Gli iraniani, che hanno accusato...
Notizia del:

Macron non vede un successore legittimo ad Assad

Il presidente francese Emmanuel Macron, ritiene che oggi non v'è alcuna valida alternativa al presidente siriano Bashar al-Assad, per evitare che il paese diventi uno Stato fallito.

 "La nuova prospettiva che ho avuto su questo tema è che non ho dichiarato che la rimozione di...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa