/ Hezbollah: Il Piano di Trump per Gerusalemme è una nuova dichiara...

Hezbollah: Il Piano di Trump per Gerusalemme è una nuova dichiarazione di Balfour

Hezbollah: Il Piano di Trump per Gerusalemme è una nuova dichiarazione di Balfour
 

Il segretario generale di Hezbollah Seyed Hassan Nasrallah definisce il piano di Trump per Al-Quds-Gerusalemme come "una nuova dichiarazione di Balfour".

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

"Riteniamo che essa sia diventata la seconda Dichiarazione di Balfour, 100 anni dopo la prima," ha dichiarato, oggi, il segretario generale del Movimento di Resistenza Islamico in Libano (Hezbollah) dopo l'annuncio da parte del Presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, del riconoscimento di Al-Quds (Gerusalemme) come capitale israeliana.
 
A questo proposito, Nasrallah ha richiamato l'attenzione sul "futuro dei palestinesi che vivono ad Al-Quds" e sui loro beni, che "potrebbero essere distrutti o confiscati". Ha anche sottolineato che d'ora in poi il regime di Tel Aviv "estenderà i suoi insediamenti illegali senza criteri" nella West Bank occupata (Palestina orientale).
 
Il leader di Hezbollah ha anche avvertito che la decisione da parte dell'inquilino della Casa Bianca mette in pericolo il futuro dei luoghi santi cristiani e musulmani, a partire dalla moschea di Al-Aqsa e la Cupola della Roccia.
 
Con questa decisione, ha spiegato Nasrallah, Trump ha dimostrato che "considera Al-Quds di fuori di qualsiasi trattativa", mentre finora Washington si è sempre presentato come garante degli accordi tra israeliani e palestinesi, ha aggiunto.
 
Per tutti questi motivi, Nasrallah ha chiesto a tutti i paesi della regione di sostenere la chiamata dei palestinesi a una nuova intifada. "Se i palestinesi intraprendono un'intifada, il mondo arabo e musulmano deve sostenerla moralmente e finanziariamente", ha avvertito.
 
In questa stessa linea, il leader libanese ha chiesto condanne, proteste e manifestazioni in tutto il mondo e persino sui social network, compreso Twitter.
 
"La felicità degli israeliani si trasformerà in tristezza di fronte a una grande ondata di condanne e proteste (per la questione di Al-Quds) sui social network", ha sottolineato.
 
Successivamente, Nasrallah ha chiesto che "tutti i legami segreti" siano tagliati con Israele e che venga fatto ogni sforzo affinché Trump ritiri la sua decisione.
 
"La risposta più importante è l'intifada palestinese, la tenuta di un vertice dei paesi islamici e il riconoscimento di Al-Quds come capitale eterna della Palestina. Sono convinto che, nel caso in cui vengano presi tali provvedimenti, Trump ritirerà la sua decisione", ha insistito.
 
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: Hispantv
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: Der Spiegel - Foto AFP

Germania, Francia e Regno Unito promotrici di sanzioni all'Iran per accontentare Trump

Secondo il settimanale tedesco, 'Der Spiegel', la Germania insieme a Francia e Gran Bretagna stanno esercitando pressioni su altri paesi europei per imporre altre sanzioni all'Iran, accontentando di fatto il Presidente degli USA, Donald Trump.

Citando diplomatici europei, la rivista tedesca 'Der Spiegel' afferma in un articolo pubblicato ieri...
Notizia del:     Fonte: Der Spiegel

Giornalista israeliano rivela l'uccisione di migliaia di persone da parte del Mossad

Il giornalista israeliano Ronen Bergman, nel suo ultimo libro, ha rivelato l'uccisione di molte persone anche per 'errore' di almeno 3.000 persone per mano di agenti del servizio di intelligence del regime di Israele (Mossad) oltre anche a diversi casi di "rapimento" e "tortura".

"In generale, stiamo parlando di almeno 3.000 persone, bersaglio non solo le persone obiettivo, ma anche...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Nasrallah denuncia la guerra mediatica degli USA contro Hezbollah

Il Segretario Generale del Movimento di Resistenza libanese, Hezbollah, Seyed Hassan Nasrallah, ha denunciato la 'guerra mediatica' che gli USA fomentano in Libano e in tutto il Medio Oriente.

In un discorso televisivo, Il Segretario Generale di Hezbollah, Seyed Hassan Nasrallah ha respinto le accuse...
Notizia del:     Fonte: Al Mayadeen - Hispantv

Venezuela e Palestina rafforzano le relazioni bilaterali

Venezuela e Palestina hanno ratificato il rafforzamento delle loro relazioni bilaterali durante un incontro tra il presidente dell'Assemblea nazionale costituente venezuelana, Delcy Rodríguez, e il ministro degli Esteri palestinese, Riyad Al-Maliki.

L'incontro si è tenuto nella Casa Amarilla, sede della Cancelleria di Caracas, dove il ministro palestinese...
Notizia del:     Fonte: SANA - The Guardian

Damasco non vuole nemmeno un dollaro statunitense, 'macchiato con il sangue dei siriani'

Il ministero degli Esteri siriano ha sottolineato che Damasco non ha bisogno dell'aiuto di Washington per ricostruire la Siria e denuncia che la presenza militare degli Stati Uniti nel paese arabo si propone di sostenere il gruppo terroristico ISIS (Daesh, in arabo).

"Il governo siriano non ha bisogno neanche di un solo dollaro per la ricostruzione, perché i dollari...
Notizia del:     Fonte: Rai al-Youm

"Gli Stati Uniti, con il supporto di Israele, non stanno cercando di sconfiggere l'ISIS ma creare uno stato curdo"

Gli Stati Uniti, in collaborazione con il regime israeliano, fin dall'inizio hanno avuto l'intenzione di creare uno stato curdo che sarebbe servito come base militare 'permanente' di Washington nella regione sud-occidentale come alternativa alla base militare turca di Incirlik.

Nell'articolo del quotidiano arabo 'Rai al-Youm' si evidenzia come l'intervento degli Stati Uniti...
Notizia del:     Fonte: https://www.democracynow.org

VIDEO. Norman Finkelstein: Netanyahu, corrotto e razzista, è il vero volto di Israele

In un'intervista, lo storico e politologo statunitense, Norman Gary Finkelstein, figlio di sopravvissuti ebrei ai campi di sterminio nazisti, ritiene che, nonostante le politiche razziste e gli scandali di corruzione, Netanyahu mantiene il potere in Israele.

Link della trascrizione dell'intervista in lingua originale Nel corso dell'intervista concessa alla...
Notizia del:     Fonte: Hispantv - SANA

L'Iran ripudia il piano degli USA di creare un esercito in Siria

L'Iran considera la decisione degli Stati Uniti di formare le cosiddette "forze di sicurezza delle frontiere" nella Siria nord-orientale come una "chiara interferenza" negli affari interni del paese arabo e avverte che questa misura controversa peggiorerà e prolungherà la crisi.

Il portavoce del ministero degli Esteri iraniano, Bahram Qasemi ha avvertito che l'iniziativa degli Stati...
Notizia del:     Fonte: Fox News

I "ribelli", in visita negli USA, chiedono dollari per combattere Siria e Iran

I leader del sedicente 'Esercito siriano libero', ovvero i "ribelli", in visita negli USA, chiederanno a Trump che riprenda i programmi di 'cooperazione', già sospesi lo scorso luglio dall'inquilino della Casa Bianca, per combattere l'esercito siriano, dato il pericolo per la crescente influenza di Russia e Iran in Siria.

I membri del cosiddetto, 'Esercito siriano libero', (ESL, ovvero i "ribelli moderati" che originariamente...
Notizia del:

Intervista al medico palestinese Amer: "Chi difende la propria terra, la propria famiglia, non è un terrorista"

"Fino a quando ci sarà al Mondo una nostra donna che partorisce un nostro figlio, noi avremo vinto."

    di Michele Metta    Mohammad Awwad Amer è un medico palestinese. Ha vissuto...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: Der Spiegel - Foto AFP

Germania, Francia e Regno Unito promotrici di sanzioni all'Iran per accontentare Trump

Secondo il settimanale tedesco, 'Der Spiegel', la Germania insieme a Francia e Gran Bretagna stanno esercitando pressioni su altri paesi europei per imporre altre sanzioni all'Iran, accontentando di fatto il Presidente degli USA, Donald Trump.

Citando diplomatici europei, la rivista tedesca 'Der Spiegel' afferma in un articolo pubblicato ieri...
Notizia del:     Fonte: SANA -Reuters

Il governo siriano condanna "l'aggressione turca su Afrín"

In un comunicato, Damasco condanna l'aggressione turca sulla città siriana di Afrin. Inoltre, ha smentito di essere stata messa a conoscenza da Ankara dell'avvio dell'operazione "Ramoscello d'ulivo".

Il governo siriano ha condannato "l'aggressione turca contro Afrin" condotta nell'ambito dell'operazione...
Notizia del:

Perché gli "Stati Uniti d'Europa" non è la cosa più spaventosa detta oggi da Renzi

    “Il 4 marzo come il nuovo 1948”. Lo ha scritto Fabbrini (della Luiss) il 3 dicembre su il Sole 24 ore (giornale di Confindustria). Lo ha ribadito oggi Andrea Bonanni su...
Notizia del:     Fonte: TASS - AP foto

Siria, la Russia ritira le sue truppe dopo offensiva della Turchia ad Afrin

La Russia ha comunicato il ritiro delle sue truppe dall'area di Afrin nel nord della Siria, dove l'esercito turco sta lanciando un'offensiva terrestre e aerea contro obiettivi delle Unità di protezione popolare curde, YPG, lo ha riportatoil ministero della Difesa russo.

"Per evitare eventuali provocazioni ed escludere qualsiasi minaccia contro la vita e la salute dei militari...
Notizia del:

Il tormentone fake news ha il primo risultato: la "verità" la decideranno i poliziotti di Minniti

di Dante Barontini* Siamo governati da ignoranti contenti di esserlo. Dunque da gente pericolosa per tutta la popolazione, perché – perversa conseguenza di leggi elettorali che...
Notizia del:     Fonte: Der Spiegel

Giornalista israeliano rivela l'uccisione di migliaia di persone da parte del Mossad

Il giornalista israeliano Ronen Bergman, nel suo ultimo libro, ha rivelato l'uccisione di molte persone anche per 'errore' di almeno 3.000 persone per mano di agenti del servizio di intelligence del regime di Israele (Mossad) oltre anche a diversi casi di "rapimento" e "tortura".

"In generale, stiamo parlando di almeno 3.000 persone, bersaglio non solo le persone obiettivo, ma anche...
Notizia del:     Fonte: Airwars

La coalizione guidata dagli USA ha ucciso 6.000 civili in Iraq e in Siria nel 2017

Un nuovo rapporto indica che gli attacchi della cosiddetta coalizione anti-ISIS, guidati dagli Stati Uniti, hanno provocato più di 6000 civili morti in Iraq e in Siria durante l'anno 2017. La cifra è tre volte più grande rispetto a quella del 2016.

In un rapporto pubblicato giovedì scorso, l'organizzazione giornalistica indipendente 'Airwars'...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa