/ Libere mazzette sindacali in libero mercato

Libere mazzette sindacali in libero mercato

Libere mazzette sindacali in libero mercato
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

di Giorgio Cremaschi 


Vincenzo Mauriello è un dirigente sindacale del Fismic, il sindacato autonomo, noi diciamo giallo, che nella FCA assieme a Fim e Uim è complice di tutte le decisioni di Marchionne e come tale riconosciuto dall'azienda.



In qualità di rappresentante sindacale nello stabilimento di Melfi del gruppo,  Mauriello ha chiesto e intascato circa 5000 euro da genitori che così pensavano di favorire  l'assunzione del figlio. Il fatto non costituisce reato, ha dichiarato la Procura della Repubblica di Foggia, perché quei soldi sono stati versati al sindacalista a titolo della sua opera di "intermediazione". Sì perché il giovane in questione effettivamente è stato assunto in FCA come lavoratore interinale collocato dalla Manpower, ma poi non è stato confermato dall'azienda, due giorni prima della scadenza del contratto. Quindi l'intermediazione di Mauriello almeno parzialmente avrebbe funzionato, se poi il risultato finale non ha corrisposto a quello voluto, chi ha pagato 5000 euro per un posto di lavoro, potrà sempre rivalersi in sede civile, come quando il meccanico non aggiusta l'auto come convenuto. Così  la sentenza.



È bene ricordare che Manpower è ufficialmente una agenzia interinale, che già esercita il ruolo di intermediazione di manodopera in virtù della sciagurata legge Treu del 1997, che autorizzò ai privati ciò che prima era solo compito del collocamento pubblico e che altrimenti veniva punito come caporalato. Dunque lo scandaloso pronunciamento del magistrato foggiano legalizza un'altra intermediazione di manodopera che si aggiunge a quella ufficiale. Vuoi essere assunto da Manpower che ti colloca in FCA che forse col tempo ti assumerà a sua volta? Paga 5000 euro a Mauriello, libera mazzetta in libero mercato del lavoro. Esentasse naturalmente.

Questo degrado sociale ed umano,  perfettamente legale per i magistrati competenti, era già stato denunciato pubblicamente dal vescovo di Melfi Todisco, che aveva bollato come vergognoso questo ulteriore infame sfruttamento del bisogno di lavoro. A lui aveva risposto offeso proprio il Fismic, accusandolo di sparare nel mucchio degli onesti sindacalisti e intimandogli di fare i nomi. Ora che l'autore della richiesta di soldi è noto, il Fismic ha ben  pensato di promuoverlo a dirigente provinciale di Foggia.
Naturalmente tutto questo è avvenuto a totale insaputa delle direzioni  sia della Manpower che della FCA che ora cascano dalle nuvole; nonostante queste imprese abbiano intere strutture che lavorano per saper cosa facciano e cosa pensino i lavoratori con cui hanno a che fare. Ma non si può sapere tutto e poi "nun sacciu" è diventata la posizione ufficiale di tutte la classi dirigenti di questo paese,  di fronte ad ogni porcheria in cui siano coinvolte.

Tutti invece sanno che per lavorare in FCA, e non solo lì, bisogna avere il viatico dei sindacati complici del padrone, quelli che firmano tutti gli accordi, quelli che vengono presentati come moderni e responsabili dal regime e dalla sua stampa. E la raccomandazione di questi sindacati non serve  solo per esseri assunti, ma anche dopo, per usufruire di quei diritti elementari che tutelano la persona sul lavoro e che ora sono diventati favori,  che il padrone concede solo ai più fedeli.

Usufruire della "intermediazione" di certi sindacalisti può non essere sufficiente, ma è spesso necessario. E che per questa intermediazione qualcuno chieda e riceva il suo compenso,  ora anche ad un magistrato appare perfettamente lecito.

La disoccupazione di massa, la precarizzazione e lo sfruttamento del lavoro, la fine del collocamento pubblico, le politiche ed i contratti nel nome del libero mercato ed i loro autori, l'ignavia  di una parte della magistratura, tutti assieme hanno legalizzato l'infamia. E questo trionfo, oggi dichiarato perfettamente lecito,  dei metodi mafiosi nel lavoro è stato chiamato progresso e innovazione.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: Hispantv

La Russia avverte sul "piano B" degli Stati Uniti per rovesciare Assad

Il ministro degli esteri russo ritiene che la coalizione guidata dagli Stati Uniti protegga i terroristi in Siria per tornare al suo 'piano B': rovesciare il presidente siriano.

Gli indizi indicano come la coalizione che dice di combattere il gruppo terroristico ISIS(Daesh, in arabo), protegga...
Notizia del:     Fonte: The Washington Post

Trump ribadisce: Abbandonare l'accordo sul nucleare iraniano è "una possibilità reale"

Il presidente degli USA Donald Trump continua a considerare l'abbandono dell'accordo nucleare iraniano come una "possibilità reale".

"Può esserci una cessazione completa, che è una possibilità reale, qualcuno potrebbe...
Notizia del:     Fonte: AVN

Elezioni in Venezuela, il Ceela conferma che il processo elettorale riflette la volontà dei votanti

Il Consiglio degli Esperti Elettorali Latinoamericani (Ceela) smentisce i pochi fake media che paventano brogli

  Alcuni media provano ad insinuare alcuni dubbi, ma il risultato è chiaro oltre che inappellabile:...
Notizia del:     Fonte: RT

Ministro della difesa Russo: "Le operazioni militari in Siria stanno per finire"

Il ministro della Difesa russo, Šojgu ha dichiarato che l'operazione contro i terroristi in Siria sta per finire.

In un incontro con il suo omologo del regime israeliano, Avigdor Lieberman durante la sua visita in Israele, il...
Notizia del:

Il chavismo è maggioranza in Venezuela

La Rivoluzione Bolivariana ama votare. Dimostra ancora una volta che il suo cammino transita obbligatoriamente per il percorso elettorale. Condizione necessaria ma non sufficiente. La democrazia per il chavismo è molto più che il mero atto di votare

di Alfredo Serrano Mancilla - Publico   Nuovo appuntamento elettorale in Venezuela. Sì, avete...
Notizia del:

Venezuela, l’ennesima lezione di democrazia e sovranità al morente occidente

Il presidente Nicolas Maduro ha sottolineato che «il chavismo ha ripreso il cammino della vittoria in un momento molto difficile»

di Fabrizio Verde   Nel bel mezzo di un assedio internazionale dove le sanzioni economiche vanno ad...
Notizia del:     Fonte: Haaretz - Al Masdar News

L'Esercito siriano prepara offensiva contro i terroristi sul Golan.... e Israele distrugge il suo sistema anti aereo

L'aviazione israeliana ha distrutto un sistema anti aereo siriano. L'attacco sarebbe una risposta ad una "provocazione" siriana. Le forze armate israeliane hanno informato, precedentemente, la Russia del loro attacco.

Secondo quanto riferiscono i media israeliani, l'esercito del regime israeliano ha attaccato una batteria...
Notizia del:

Ucraina. Militanti politici illegalmente arrestati al confine con la Russia. Si recavano al Festival Mondiale della Gioventù

Dichiarazione dell'Unione dei Partiti Comunisti-PCUS da kprf.ru Traduzione dal russo di Mauro Gemma (Marx21) I comunisti dell'ex URSS chiedono l'immediato rilascio dei...
Notizia del:

Il segretario dell'ALBA-TCP esalta la vocazione democratica del Venezuela

«Oggi i venezuelani hanno un appuntamento con la democrazia (…) Hanno l’opportunità di esercitare la propria sovranità, prendere decisioni ed eleggere i propri rappresentanti», ha dichiarato ai microfoni di teleSUR

  Il Segretario Esecutivo dell’Alleanza Bolivariana per i Popoli della Nuestra America (ALBA-TCP),...
Notizia del:     Fonte: RT

VIDEO. L'Esercito siriano nella capitale 'de facto' dell'ISIS in Siria scopre armi prodotte in USA e Israele

Le forze siriane, dopo aver liberato la città di Al-Mayadeen, nella provincia orientale di Deir Ezzor, capitale de facto dell'ISIS in Siria, hanno scoperto una grande quantità di armi di produzione statunitense e israeliana.

Le Tiger Forces, unità speciali delle forze armate siriane, come riferito dai dai media russi, indicano...
Le più recenti da Dalla parte del lavoro
Notizia del:

GRAZIE AGLI STUDENTI, IN LOTTA PER TUTTI CONTRO IL LAVORO GRATIS

di Giorgio Cremaschi Non dobbiamo solo sostenere, dobbiamo ringraziare le decine di migliaia di studenti scesi in piazza oggi contro l'alternanza scuola lavoro. Finalmente in tante città...
Notizia del:

Ultimatum, parola che riemerge dal fango per colpa dell'UE

di Giorgio Cremaschi  Tutti i mass media adoperano senza alcuna cautela, anzi quasi con compiacimento, la parola "ultimatum" con cui Rajoy ha dato cinque giorni di tempo al governo...
Notizia del:

ILVA : O NAZIONALIZZAZIONE O SCHIAVITÙ

di Giorgio Cremaschi Fieramente il ministro Calenda ha rinviato l'incontro per L'Ilva, accusando il compratore Mittal di non mantenere i patti. Ma che penosa sceneggiata e quali patti e...
Notizia del:

"Serve a far accettare la schiavitù ai giovani". E' Crozza a dire la verità sulla vergogna "alternanza scuola-lavoro"

  di Giorgio Cremaschi Come spesso accade nel mondo dei mass media governato dal minculpop del liberismo, tocca ad un uomo di spettacolo dire ciò su cui tacciono esimi professori,...
Notizia del:

Sky licenzia. Vergogna!

di Giorgio Cremaschi  I licenziamenti sono tutti uguali, tutti devastano o distruggono le condizioni di vita di chi lavora, ma alcuni sono particolarmente disgustosi per la loro sfacciataggine.  ** Sky...
Notizia del:

Discorso violento, ottuso e autoritario: Re Felipe nella spazzatura della storia

  Il discorso violento, ottuso, autoritario con cui Re Felipe ha risposto al popolo di Catalogna mostra tutto il marcio di cui è composta la cosiddetta legalità costituzionale di...
Notizia del:

Il 3 ottobre sciopero generale: il "bivio Tsipras" per la lotta catalana

Dopo il pronunciamento di popolo del 1 ottobre ora la parola passa al mondo del lavoro. Lo sciopero generale, proclamato da tempo dalla confederazione anarcosindacalista CGT e ora fatto proprio da tutte...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa