/ 'Libero' e 'Tuttosport', è vostro il 'solito vecchio vizio' di in...

'Libero' e 'Tuttosport', è vostro il 'solito vecchio vizio' di insulti e stereotipi contro Napoli

'Libero' e 'Tuttosport', è vostro il 'solito vecchio vizio' di insulti e stereotipi contro Napoli
 

Le polemiche sull'arbitraggio della semifinale di Coppa Italia tra Juventus e Napoli hanno ormai preso una direzione che va ben oltre la partita di calcio e gli sfottò fra tifoserie, culminando in una serie di vecchi luoghi comuni offensivi verso Napoli e la sua gente.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

Non vogliamo parlare della partita e degli errori presunti o tali dell'arbitro Valeri. Non ci interessa. Ci interessa, invece, evidenziare la brutta piega polemica del post partita. È inaccettabile che quotidiani a tiratura nazionale debbano sfoderare i vecchi luoghi comuni offendendo Napoli, la sua gente e la sua squadra di calcio. Accuse che rivelano una forma di razzismo non troppo velato nei confronti della città.
 
Partiamo da un punto. Avete sentito qualcuno denunciare i cori contro i napoletani allo Juventus Stadium, fra i quali il sempre verde "Vesuvio lavali col fuoco?"
 
Partiamo con 'Tuttosport', questa mattina presenta la prima pagina che cita Totò(Ma fateci il piacere) e una caricatura del Direttore sportivo del Napoli, Cristiano Giuntoli che ironizza sul silenzio stampa. Nella caricatura, si dileggia il linguaggio dei tifosi partenopei, il simbolo della stessa squadra(alla N napoleonica sostituito il ciuccio). Il capolavoro è l'editoriale del Direttore Paolo de Paola che lamenta la campagna di odio del Napoli e dei suoi tifosi contro gli arbitri, dimenticando le sue prime pagine prima come direttore del 'Corriere dello Sport' e poi a 'Tuttosport'. Memoria corta.


 
La perla in assoluto è del quotidiano 'Libero', non pago della prima pagina vergognosa contro la Sindaca di Roma, Virginia Raggi, ci ha regalato il peggio del repertorio sui luoghi comuni nei confronti di Napoli e dei napoletani.

Libero e Tuttosport attaccano Napoli in prima pagina: “Che piagnisteo”
 
Avete letto? Bene, siamo costretti a replicare alle accuse mendaci di 'Libero'.
 
I napoletani sono assenteisti? A quanto pare non sono i soli purtroppo. Questa piaga colpisce tutta l'Italia.  Ecco i link 1, 2, 3, 4
 
Il Napoli e il suo presidente "si attacca" all'arbitro anche quando ha torto. Le altre squadre e tifoserie no, sono un esempio di fair play e accettano qualsiasi decisione arbitrale senza battere ciglio. Ecco una piccola dimostrazione.
 
Sulle tessere del PD a Napoli, sorvoliamo. La linea politica di questo sito di informazione è nota. La città di Napoli ha dimostrato di essere con il suo Sindaco un laboratorio politico-sociale contro l'arroganza del PD, eleggendo un Sindaco, Luigi De Magistris, fuori dalle logiche di Palazzo tenendo malaffare e camorra fuori dalle Istituzioni.
 
L'inchiesta CONSIP rivela, al contrario, quanto sia efficiente la Procura di Napoli che vigila sul malaffare. Altro che assenteismo.
 
Il Milan di Arrigo Sacchi, il 1 maggio 1988 quando vincendo 3-2 al San Paolo conquistò il suo undicesimo scudetto, fu applaudito dal pubblico partenopeo. Esempio di sportività forse unico e raro nel panorama calcistico italiano. 
 
Ci fermiamo qui, abbiamo il pudore di non infierire. Abbiamo pietà per chi è ridotto attraverso una forma di bullismo informativo ad elemosinare la vendita di qualche copia di giornale in più.

Non i piagnistei, è della vostra informazione così che Non se ne può più.
 
La redazione de Lantidiplomatico
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Nessuna notizia trovata
Le più recenti da Notizia del giorno
Notizia del:

Aveva ragione Maduro. In Venezuela trionfa la pace.... e Rampini (Repubblica) diventa un Trumpiano doc

"La cosa più comica di tutte è che Repubblica si è abbassata a fare propaganda di basso livello per proteggere Trump dai suoi deliri criminali."

Abbiamo dedicato tutta la settimana (con tre diversi articoli che vi invitiamo a leggere qui, qui e qui) a provare...
Notizia del:

Aveva ragione Maduro (3). In Venezuela trionfa la pace e (per questo) alla Farnesina saltano i nervi

Sulle davvero incredibili minacce del sottosegretario Amendola contro il Comune di Napoli

Per il terzo giorno consecutivo (dopo averlo scritto qui e qui) torniamo a ricordarvi che in Venezuela sta...
Notizia del:

Venezuela, aveva ragione Maduro. Ma Usa, "cani fedeli" e stampa italiana non si arrendono

Un fact-checking sull'articolo di oggi dell'ANSA che vi fornirà molte risposte

    Proprio nella notte italiana arriva l’ennesima conferma che aveva ragione Maduro. I media...
Notizia del:

Amnesty, dalla parte dei poteri forti. La lettera appello per il Venezuela firmata dal premio Nobel Esquivel, Frei Betto e Houtart

  Nel suo nuovo, ma sempre imbarazzante, comunicato contro il Venezuela, Amnesty International, esattamente come accaduto per altri paesi poi massacrati dall’interventismo “umanitario”,...
Notizia del:

Gianni Minà: "Il problema non è Maduro, il problema è il petrolio del Venezuela che gli Usa vogliono"

Il più grande conoscitore dell'America Latina in Italia: "Io ce li ho questi dati e dicono che di morti ammazzati l’opposizione ne ha fatti molti più del governo. Intellettuali e combattenti come l’argentino Adolfo Pèrez Esquivel (premio Nobel per la Pace nel 1980) o il brasiliano Frei Beto hanno espresso solidarietà a Maduro: sono forse amici dei criminali? C’è un bel pezzo di propaganda".

  Chi oggi con il massacro mediatico in corso contro il Venezuela non vorrebbe intervistare l’indiscusso...
Notizia del:

G. Colotti da Caracas - Venezuela. Tra popolo e cifre, l'opposizione si spacca

di Geraldina Colotti * Caracas, 3 agsoto 2017 Partiamo dalla notizia. Mercoledì, Antonio Mugica, direttore dell'impresa Smartmatic, convoca una conferenza stampa a Londra per denunciare...
Notizia del:

G. Colotti da Caracas - La "frode di Maduro" e altro materiale satirico dai fake media occidentali

"Chiunque, qui, può richiedere il controllo del voto. E a dicembre vi saranno le elezioni per i governatori. Che farà l'opposizione? Se non ci va, lascia il campo libero, ma se ci va avalla l'autorità del Cne. E allora perché ora la disconosce? Ma nella costruzione della “post-verità”, tutto fa brodo. Prima di partire per Miami, Lilian Tintori, moglie di Leopoldo Lopez, ha dichiarato di essere incinta: di 16 settimane. Ma in che modo se ha passato i mesi a gridare che suo marito era torturato e represso, e tenuto in isolamento dal “rrregime”? Ben presto, la canonizzazione della fake-news per eccellenza..."

di Geraldina Colotti, Caracas - 3 agosto 2017 Ieri sera eravamo nello storico quartiere 23 Enero, che...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa