/ LIBIA: I CRIMINI DI CAMERON CHE HANNO CREATO L'ISLAMISMO RADICALE

LIBIA: I CRIMINI DI CAMERON CHE HANNO CREATO L'ISLAMISMO RADICALE

LIBIA: I CRIMINI DI CAMERON CHE HANNO CREATO L'ISLAMISMO RADICALE
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

PICCOLE NOTE
 

Una relazione del Parlamento britannico inchioda Cameron alle sue responsabilità: il suo ruolo nello scatenare la guerra in Libia che rovesciò il Colonnello Muammar Gheddafi è stato «decisivo» e se ne deve assumere la responsabilità.

 

Infatti, nel rapporto si legge che la politica britannica riguardo la Libia «prima e dopo l’intervento di marzo 2011 è stata fondata su presupposti errati e su una comprensione incompleta del Paese e della situazione».

 

In particolare, sintetizza la Reuters del 14 settembre, il governo Cameron non ha recepito dai rapporti forniti dall’«intelligence che la minaccia per i civili è stata sopravvalutata e che le forze ribelli comprendevano un elemento islamista significativo».

 

Nota a margine. Così, dopo aver stigmatizzato i tragici errori compiuti da Tony Blair in Iraq, il parlamento britannico mette all’angolo anche David Cameron per laLibia. Destini incrociati, quelli dei due leader, i cui governi si sono succeduti nel segno della continuità, al di là delle differenze di partito (laburista il primo, Tory il secondo). Classico esempio di alternanza nella continuità.

 

Dove la continuità, almeno quella più importante per il destino del mondo, è data dall’adesione aprioristica alle dottrine neocon.  

Ma al di là della variegata continuità britannica, resta un dato inquietante implicito nell’accusa di aver «sopravvalutato» la minaccia che il regime costituiva per i civili: tante tragiche boutade girarono allora sulla “sanguinaria” repressione operata da Gheddafi. Abilmente usate per giustificare una guerra che si poteva e doveva evitare.

 

Né era difficile immaginare che i cosiddetti ribelli erano per gran parte jihadisti. Gli stessi che hanno poi portato il terrore in Siria e nel mondo. Non serviva una particolare intelligence, bastava un po’ di intelligenza.

 

Ma o il governo Cameron (come i suoi sodali occidentali) è stato poco dotato sotto questo profilo, o ha scientemente ignorato i rischi, in particolare quello della diffusione dell’islamismo radicale, pur di conseguire suoi obiettivi (leggi petrolio e altro). Per tacere di altre eventualità, più oscure e inquietanti.

 

La denuncia, che tale resterà nonostante sia atto di accusa, dei parlamentari britannici non aiuta solo a guardare il passato. Ma anche a capire il presente: gli stessi identici errori si stanno commettendo in Siria: identica la sottovalutazione dell’elemento jihadista tra le fila dei cosiddetti ribelli, identica la demonizzazione del governo di Assad, il quale, come Gheddafi allora, costituisce un argine al dilagare del terrorismo internazionale. Una coazione a ripetere certi errori che ha del diabolico.


SEGUI PICCOLE NOTE

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: https://ahtribune.com

'La BBC tradisce i principi giornalistici più elementari quando si parla di Siria'

Il giornalista e accademico Jeremy Salt, in un articolo, sottolinea che seppur nelle guerre la verità è la prima vittima, negli ultimi 15 anni, a partire dalla guerra in Iraq fino al conflitto in Siria, la falsificazione prodotta dai media statunitensi e britannici ha raggiunto livelli senza precedenti.

Jeremy Salt è  giornalista e professore universitario presso il Dipartimento di Scienze Politiche...
Notizia del:     Fonte: Al-Youm Rai

Gli Stati Uniti facilitano il trasferimento dell'ISIS e di Al-Qaeda in Libia

Un accordo segreto raggiunto dagli Stati Uniti e da diversi paesi arabi del Medio Oriente consente il trasferimento di migliaia di terroristi dell'ISIS (Daesh, in arabo), Al-Qaeda e di altre cellule estremiste dall'Iraq, Siria e Libano in Libia, ha rivelato il giornale arabo Al-Youm Rai.

Nell'articolo pubblicato ieri dal giornale arabo, 'Al-Youm Rai', che cita diverse fonti di intelligence...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Lavrov: Trump cerca di rovesciare Assad come pretendeva Obama

Per il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, la posizione del presidente statunitense, Donald Trump in Siria è simile a quella del suo predecessore Barack Obama: entrambi cercano di rovesciare il legittimo presidente siriano, Bashar al-Assad.

"Non ci sono differenze drastiche tra [gli approcci] dell'amministrazione Obama e quella di Trump. Purtroppo,...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Un senatore repubblicano rivela: nessuna prova di 'attacchi sonici' contro diplomatici Usa a Cuba

Gli Stati Uniti non hanno trovato prove che i suoi diplomatici a L'Avana, a Cuba, siano stati vittime di ‘attacchi sonici’ con un'arma sconosciuta

  La questione ha tenuto banco per diverso tempo e i media nostrani hanno, come sempre, rimasticato le nebulose...
Notizia del:

Haftar annuncia possibile candidatura alle elezioni in Libia. "Il governo di Tripoli è obsoleto"

In un discorso tv il generale ha dichiarato che La Libia "è a una svolta storica pericolosa" con "la scadenza dell'accordo politico" di Skhirat. "Tutti gli organi politici nati da questa intesa perdono oggi di fatto la loro legittimità, entità peraltro già contestate da quando sono entrate in carica".

La Libia "è a una svolta storica pericolosa" con "la scadenza dell'accordo politico"...
Notizia del:     Fonte: Al Mayadeen

Libia. Saif al-Islam Gheddafi prevede di candidarsi alle prossime elezioni presidenziali

Un portavoce delle tribù libiche e della famiglia di Gheddafi, Hashemi Alshoul ha rivelato all'emittente libanese, al-Mayadeen che "al-Islam Gheddafi Saif si sta preparando per le prossime elezioni presidenziali in Libia", aggiungendo che "ha il sostegno di una delle più grandi tribù del paese.

Secondo il canale satellitare libanese, al-Mayadeen, il programma della candidatura di Saif al-Islam per le presidenziali...
Notizia del:     Fonte: USA Today - AP(foto)

Studio Conflict Armament Research conferma: armi Usa per i "ribelli" siriani sono finite nelle mani dell'ISIS

La CIA non ha voluto commentare il Rapporto

Sofisticate armi militari statunitensi fornite 'segretamente' ai "ribelli siriani" sono rapidamente...
Notizia del:     Fonte: Mehrn

Iran: la tratta di esseri umani in Libia è dovuta all'aggressione straniera

Gli invasori militari che creano zone di conflitto e instabilità spianano la strada alla tratta di esseri umani in Libia, è la denuncia inviata dall'Iran alle Nazioni Unite.

"La tratta di esseri umani, soprattutto in situazioni di conflitto, sta diventando una sfida globale con...
Notizia del:     Fonte: Al Mayadeen

Nasrallah: La Resistenza sconfiggerà l'ISIS creato da Obama e Hillary Clinton

Il segretario generale di Hezbollah, Sayyed Hassan Nasrallah ha condannato l'interferenza saudita negli affari interni del Libano e ribadito che la Resistenza sconfiggerà l'ISIS creato da Obama e da Hillary Clinton.

In un discorso, tenuto in occasione dell'anniversario del quarantesimo giorno dopo il martirio dell'Imam...
Notizia del:

6 anni dall'assassinio di Gheddafi. Così titolavano i civili giornali occidentali: noi non dimentichiamo.

Sei anni fa veniva assassinato Mu'ammar Gheddafi. Era il 20 ottobre 2011. E questa è stata la reazione dei liberi giornali occidentali...   Rimane estremamente attuale...
Le più recenti da Piccole Note
Notizia del:

Nord Stream, la Guerra Fredda passa anche attraverso l’energia

PICCOLE NOTE La Guerra Fredda passa anche attraverso l’energia. In Europa si traduce nella guerra per impedire il raddoppio del gasdotto Nord Stream (che passa sotto il Baltico),...
Notizia del:

Rex Tillerson dichiara guerra all'Iran

"Prima dell’Impero americano un altro impero, nel passato, ebbe la Persia (attuale Iran) come nemico irriducibile e anche quello cercò più volte di conquistarla. Era l’impero romano. Non riuscì mai nell’intento, nonostante gli sforzi profusi."

PICCOLE NOTE Rex Tillerson «ha denunciato l’obiettivo di Teheran di “creare un arco...
Notizia del:

Siria, la battaglia per la liberazione di Idlib e gli ascari degli Usa

PICCOLE NOTE Mentre infuria il conflitto per la sorte di Idlib, che vede opposti l’esercito siriano e i suoi alleati alle milizie di al Qaeda che la controllano e ai turchi che li sostengono,...
Notizia del:

Di Siria e censura: ancora sull'articolo di Repubblica prima pubblicato e poi eliminato

PICCOLE NOTE  Il 5 gennaio scorso avevamo ripreso un articolo pubblicato sulla Repubblica in relazione alla guerra siriana. Uno scritto che finalmente usciva dai binari usuali sui quali è...
Notizia del:

Nuove incredibili rivelazioni sul terrorista Isis che uccise Padre Hamel a Rouen. L'intelligence francese ignorò l'allerta di un agente

Stefano Montefiori, sul Corriere della Sera del 5 gennaio, rivela nei dettagli quel che l’agente aveva trovato sul conto dell’assassino: «118 fotografie, 3 video, 29 documenti, 89 messaggi vocali e 89 link postati da @Jayyed, che racconta dei suoi tentativi di andare a fare la jihad in Siria, invita gli amici della zona di Rouen ad assistere ai corsi che tiene “in una moschea di Saint-Etienne-du-Rouvray” e esorta a usare il coltello per decapitare: “Si va in una chiesa dove si pratica il politeismo e si ammazzano tutti”».

PICCOLE NOTE Un agente della DRPP (Direzione dell’intelligence della prefettura di Parigi) aveva intercettato...
Notizia del:

Kim Jong-un ordina di normalizzare le relazioni con la Corea del Sud

PICCOLE NOTE Fiorisce la Pax Olimpica: dopo le aperture del presidente nordcoreano Kim jong-un nel discorso di fine anno e la pronta risposta della Corea del Sud, che ha subito accolto la mano...
Notizia del:

Rapimento di Hariri da parte di Riad. Il NYT svela il retroscena

Anche questa volta i media mainstream per settimane vi avevano raccontato "fake news"

PICCOLE NOTE Il rapimento del primo ministro Saad Hariri da parte dell’Arabia Saudita, uno dei capitoli...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa