/ "L'impero fallito": la Russia e la strategia militare cinese per ...

"L'impero fallito": la Russia e la strategia militare cinese per contenere gli Stati Uniti

L'impero fallito: la Russia e la strategia militare cinese per contenere gli Stati Uniti
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

di  Federico Pieraccini - Strategiculture

(traduzione di Controinformazione)



Guardando al panorama politico globale nel corso dell’ultimo mese, due tendenze stanno diventando più evidenti. L’infame potere militare ed economico a disposizione dell’ America è in declino, mentre nel campo multipolare si è verificata un’accelerazione nella creazione di una serie di infrastrutture, meccanismi e procedure per contenere e limitare gli effetti negativi dell’attuale fase di declino unipolare dell’America. Questa serie di tre articoli si concentrerà in primo luogo sull’aspetto militare di questi cambiamenti in corso, poi l’economia in gioco e, infine, come e perché i paesi più piccoli stanno passando dal campo unipolare al campo multipolare.

Una delle conseguenze più tangibili del declino del potere militare statunitense può essere osservata nel conflitto siriano.




Nelle ultime settimane l’esercito arabo siriano (SAA) ei suoi alleati hanno completato la liberazione storica e strategica di Deir ez-Zor , città assediata da più di cinque anni da parte di islamisti appartenenti a Al Qaeda e Daesh. L’ attenzione è ora spostata nei campi petroliferi a sud della città liberata, con una frenetica corsa da parte delle forze democratiche siriane (SDF) supportate dagli Stati Uniti per liberare territori ancora detenuti da Daesh. L’obiettivo finale è quello di rivendicare le risorse della Siria e rafforzare una debole posizione statunitense (gli Stati Uniti non sono nemmeno parte dei colloqui di pace di Astana) nei futuri negoziati relativi al futuro del Paese.

Per capire quanto il sogno americano di ripartizione della Siria sia inadeguato, bisogna solo ricordare ripetuti fallimenti statunitensi come si è visto nella liberazione di Aleppo e poi Deir Ez-Zor, e ora l’ attraversamento del fiume Eufrate . Nonostante l’intimidazione americana, le minacce, e talvolta anche l’aggressione diretta, l’esercito siriano continuava a combattere contro il Daesh nella provincia di Deir Ez-Zor, avanzando sui siti ricchi di petrolio . Grazie alla protezione fornita dalla Federazione Russa durante il conflitto, Damasco ha ottenuto un ombrello protettivo necessario per resistere ai tentativi degli USA di balkanizzare il paese.

L’ulteriore conferma della strategia fallita di Washington per dividere il paese, come avvenuto nella ex Jugoslavia, appare evidente dal riallineamento strategico degli alleati più fedeli di Washington nella regione e oltre. Nel corso delle ultime settimane si sono svolti diversi incontri in Astana ed a Mosca tra tra i colleghi di Putin e Lavrov con i loro omologhi turchi , controparti sauditi e israeliani . Questi incontri hanno descritto le linee guida per il futuro della Siria grazie alle linee rosse di Mosca, in particolare per quanto riguarda il desiderio di Israele di perseguire il cambiamento di regime in Siria e di un atteggiamento aggressivo verso l’Iran.
Anche i più fedeli alleati degli Stati Uniti cominciano a pianificare un futuro in Siria con Assad come presidente. Gli alleati statunitensi hanno iniziato a mostrare un passaggio pragmatico verso una riconciliazione con le fazioni che stanno chiaramente vincendo la guerra e che intendono chiamare per evitare colpi in futuro. I sogni e i desideri lunghi di sceicchi (saudita-qatar) e sultani (Erdogan) per riformare la Siria e il Medio Oriente secondo la loro immagine sono finiti e loro lo sanno. Gli alleati di Washington sono stati abbattuti, con gli Stati Uniti incapaci di mantenere le loro promesse di adempiere un cambiamento di regime a Damasco. Le conseguenze per gli Stati Uniti sono appena iniziate. Senza una postura militare in grado di piegare gli avversari e gli amici alla sua volontà, gli Stati Uniti dovranno iniziare a trattare una nuova realtà che comporta compromessi e negoziati, cosa che gli Stati Uniti non sono abituati a fare.

Un esempio di ciò che può succedere se Washington decide di andare contro un ex amico può essere visto con la Crisi del Golfo che coinvolge Qatar. Sin dall’inizio dell’aggressione contro la Siria, il piccolo emirato è stato al centro di appezzamenti e programmi intesi ad armare e finanziare i jihadisti in Medio Oriente e in Siria. Cinque anni dopo, dopo aver dilapidato miliardi di dollari (per armare i terroristi) e senza aver ottenuto niente in Siria, il Consiglio di cooperazione del Golfo, come previsto, si è imbattuto in una lotta fratricida tra Qatar e altri paesi come l’Arabia Saudita, il Kuwait, l’Emirati Arabi Uniti e l’Egitto. Questi ultimi accusano Doha di finanziare il terrorismo, una verità innegabile. Ma omettono di riconoscere i propri legami con i jihadisti (l’Egitto in questo quadro è escluso, combattendo questo continuamente con i terroristi ispirati alla Fratellanza Musulmana nel Sinai), mostrando quindi un’ipocrisia con cui solo i media principali possono competere.

Le conseguenze delle azioni di Riyad contro Doha, sostenute da una gran parte dell’insediamento americano, sei mesi dopo sembrano quasi aver finalmente spinto il Qatar e l’Iran a cooperare assieme, riaprendo i legami diplomatici . Questi sono due paesi che da anni sono stati di fronte a molti conflitti in Medio Oriente, riflettendo contrasti e divisioni dettati dalle rispettive posizioni di Teheran e Riyadh. Questo sembra non essere più, con Doha e Teheran che si riavvicinano e, circumnavigando sanzioni e blocchi, superando le difficoltà comuni. Questo cambiamento può essere descritto solo come un fallimento strategico di Riyadh.

Guardando indietro di sei anni, una delle ragioni dell’eruzione del conflitto in Siria ha del tutto a che fare con la famosa pipeline che l’Iran intendeva costruire per collegare l’Iraq e la Siria. Incredibilmente, la fine del conflitto vedrà una nuova linea di trasporto emergente tra paesi che da anni hanno avuto obiettivi strategici opposti e divergenti. L’Iran e il Qatar stanno attualmente impegnando accordi commerciali, e secondo le voci locali, lo hanno fatto con uno sforzo comune per costruire un nuovo gasdotto che dovrebbe attraversare l’Iraq e la Siria, per finire nel Mediterraneo, progetto in fase di elaborazione. L’idea è quella di sfruttare congiuntamente il più grande campo del gas mondiale e diventare così un nuovo fornitore per un’Europa che sta cercando di diversificare le sue importazioni di energia. Riyadh e Washington dovranno assumersi la piena responsabilità di questo fallimento di proporzioni epiche.

Un segnale chiaro di come le cose stiano velocemente cambiando nella regione e oltre proviene da Israele. Anche lo Stato ebraico ha dovuto abbandonare ogni sogno di espansione territoriale in Siria, nonostante molti tentativi di Netanyahu per convincere Putin del pericolo esistenziale che Israele affronta con la presenza dell’Iran in Siria. Un Putin intelligente e pragmatico è in grado di far sapere a Israele che qualsiasi richiesta di imporre condizioni sulla Russia o sui suoi alleati in Siria sarà fermamente rifiutata. Ma allo stesso tempo, Mosca e Tel Aviv continueranno a perseguire buone relazioni tra loro. Le figure politiche russe sono molto intelligenti per giocare nei doppi giochi con i loro alleati di lunga data in Siria o per sottovalutare la capacità che Israele potrebbe avere nel distruggere la regione e farla cadere nel caos. Inoltre, Assad ha invitato la Russia in Siria, così come l’Iran e Hezbollah. Anche se Putin era disposto a aiutare Netanyahu, cosa che è dubbia, il diritto internazionale vieta questo. Se tutto è chiaro, è che Mosca rispetta il diritto internazionale nonostante poche nazioni lo fanno. Tutte le altre nazioni straniere che operano in Siria, o che volano sopra i cieli siriani, non hanno il diritto di esserci in primo luogo, per non parlare di imporre decisioni su un territorio sovrano.

Se l’obiettivo di Tel Aviv fosse quello di espandere il confine illegale nelle Alte Terre del Golan e procedere con il cambiamento del regime, la situazione è finita completamente diversi sei anni dopo. L’Iran ha ampliato la sua influenza in Siria grazie all’aiuto fornito a Damasco nella lotta contro il terrorismo. Hezbollah ha aumentato la sua esperienza di battaglia e il suo arsenale militare, nonché ha ampliato la sua rete di contatti e simpatizzanti in tutto il Medio Oriente. Hezbollah e l’Iran sono considerati dei pacemaker mediorientali, giocando in posizioni positive per combattere la peste del terrorismo jihadista, nonché contro Israele e Arabia Saudita, che hanno cercato in ogni modo di aiutare le organizzazioni terroristiche con armi e soldi. Washington, Riyadh e Tel Aviv sei anni dopo si ritrovano in un ambiente completamente diverso, con vicini ostili, in generale con alleati meno collaborativi e con una fama di inaffidabilità.

Un altro indicatore del declino americano in termini militari può essere chiaramente visto nella penisola coreana. La RPDC ha ottenuto una piena capacità nucleare attraverso un programma di sviluppo che ha prestato scarsa attenzione alle minacce americane, sudcoreane e giapponesi. L’imperativo di Pyongyang era quello di creare un deterrente nucleare in grado di dissuadere il desiderio di molti politici statunitensi di adottare il sistema di cambiamento del regime nella Corea del Nord (tipo Libia). L’ importanza strategica di un cambiamento di regime nella RPDC segue la strategia di contenimento e di enciclopedia della Repubblica popolare cinese, una dottrina fallita conosciuta come il perno asiatico.

Oltre al suo deterrente nucleare, gli Stati Uniti non sono in grado di attaccare la RPDC a causa del deterrente convenzionale che Pyongyang ha messo pazientemente in atto. Trump ei suoi generali continuano la retorica di fuoco e fiamme, trascinando Seoul e Tokyo in un gioco pericoloso del pollo tra le due potenze nucleari. Non sorprende che le parole di Trump preoccupano tutti nella regione, specialmente la Repubblica di Corea del Sud, che avrebbe pagato il prezzo più pesante se la guerra fosse mai ricomparsa. Alla luce di questa valutazione, vale la pena sottolineare che l’ opzione militare è semplicemente impensabile , con Seul e forse anche Tokyo pronte a rompere con il loro alleato americano in caso di unadisastrosa azione unilaterale contro Pyongyang.

Kim Jong-un, così come Assad e altri leader mondiali che affrontano la pressione di Washington, hanno compreso pienamente ed hanno approfittato del potere militare in declino dell’America. Trump e il suo vicino circolo di generali sono pieni di minacce vuote, incapaci di cambiare il corso degli eventi in diverse regioni del mondo, dal Medio Oriente alla penisola coreana. Sia che sia attraverso azioni dirette o tramite azioni proxy, piccoli cambiamenti ei risultati rimangono gli stessi, mostrando un fallimento continuo di obiettivi e intenzioni.

La regola sottostante che guida i responsabili politici statunitensi è che, se un paese non può essere controllato, ad esempio con un regime in stile saudita che serve solo gli interessi americani attraverso qualcosa come il petrodollari, quel paese è inutile e dovrebbe essere distrutto per arrestare altri concorrenti dall’espansione dei loro legami con quel paese. L’esempio libico è ancora fresco nella mente di tutti. Fortunatamente per il mondo, la Russia è entrata in piena capacità militare e, in più di un’occasione ha, insieme ai suoi alleati, sabotato o fatto da deterrente alle forze armate statunitensi evitando di far prendere azioni sconsiderate (Ucraina, Siria e DPRK).

In questo senso, la sconfitta di Hillary Clinton, più che la vittoria di Trump , sembra aver innescato in un certo senso questo declino dell’impero , se si ignora la persistente forza retorica. Si può solo rabbrividire nell’immaginare una presidenza di Clinton nell’attuale circostanza, con la sua prevedibilità a una piena velocità verso un conflitto con la Russia in Ucraina e in Siria o uno scontro nucleare con la RPD in Asia.

Trump ei suoi generali si stanno adattando lentamente ad una nuova realtà in cui non è solo impossibile controllare i paesi, ma dove è sempre più difficile distruggerli. L’antica dottrina del caos sul mondo, in vista di emergere la realtà per cui che la polvere si deposita anche sulla potenza egemonica del mondo, sembra che l’egemonia unilaterale USA sia ora un ricordo lontano. Solo guardando il Medio Oriente, anche la Siria, malgrado la distruzione senza precedenti, è sulla strada per la ricostruzione e la pacificazione.


abbraccio russo cinese
Il potere militare russo e l’economia cinese avrebbero quindi avuto un ruolo prezioso nel limitare la macchina da guerra statunitense. La RPDC ha anche compiuto un passo avanti, raggiungendo un formidabile deterrente nucleare e convenzionale, bloccando in modo efficace gli Stati Uniti dall’ influenzare gli eventi nazionali causando distruzione e caos.

Mentre questa realtà è difficile da accettare per Washington, prima o poi deve farsene una ragione . Dopo quasi settant’anni di caos e di distruzione imperialistica in tutto il mondo, gli amici e i nemici dell’America stanno reagendo a questa situazione. Washington viene lasciata con un presidente pieno di minacce e furia bellicosa, ma una postura militarmente credibile è ormai una cosa del passato.

I meccanismi finanziari che hanno permesso questa spesa militare indiscriminata si basano su un legame intrinseco tra dollaro, petrolio e il ruolo del denaro americano come valuta di riserva mondiale. La transizione dell’ordine mondiale da una realtà unipolare a quella multipolare è profondamente legata alle strategie economiche e diplomatiche della Russia e della Cina.
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da Geopolitica e Conflitto
Notizia del:

Perché l'acquisto di Walt Disney della 21st Century Fox riduce ulteriormente la libertà di stampa negli Usa

Come se i media non fossero già abbastanza concentrati nelle mani di pochi, ecco l'ennesimo cambiamento significativo nei media mainstream. **   Il gruppo Walt Disney ha appena acquisito...
Notizia del:

L'ennesimo 'capolavoro' degli strateghi nordamericani

di Federico Pieraccini Miliardi di dollari investiti, migliaia di civili trucidati, infiniti fiumi di inchiostro per ingannare decine di milioni di cittadini, il tutto per cosa?  La...
Notizia del:

La Fine della Guerra Siriana è l'inizio di un Nuovo Ordine Mediorientale

In Medio Oriente e oltre, stiamo assistendo a una serie di incontri politici ad alto livello tra dozzine di nazioni coinvolte direttamente o indirettamente nella situazione siriana. È fondamentale capire tutto questo per capire la direzione in cui la regione sta andando e quale sia il nuovo ordine regionale.

di Federico Pieraccini      Con la liberazione di Abu Kamal sul confine iracheno, l'ultima...
Notizia del:

Ecco cosa rischia il mondo con Israele e Arabia Saudita con l'acqua alla gola

di Federico Pieraccini Bin Salman e Netanyahu sono entrambi con l’acqua alla gola e con il tempo che gioca a loro sfavore. Le loro azioni e parole sembrano avere la benedizione di Trump che...
Notizia del:

FAKE NEWS. Gli Stati Uniti impegnati a combattere il terrorismo. Bufala smontata con tre immagini

di Federico Pieraccini  La favola degli Stati Uniti che si impegnano per combattere il terrorismo si può tranquillamente inserire nella categoria delle #fakenews.   **...
Notizia del:

Terrorismo e complicità occidentali: le 3 foto che inchiodano i "liberal"

  di Federico Pieraccini   Nella prima foto un ritaglio di un documento declassificato interno al dipartimento di stato USA. Testuale: “il modo migliore per aiutare Israele a contrastare...
Notizia del:

Il discorso di Trump all'Onu: l'epitaffio dell'Impero

Ancora una volta, conta la realtà dei fatti e non le parole dietro cui Trump e l'establishment americano spesso si nascondono: in Siria hanno perso, così come in Iraq ed Afghanistan

di Federico Pieraccini   Trump, nel suo discorso alle Nazioni Unite, ha attaccato nell'ordine Kim...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa