/ L’Ue preoccupata per l’influenza russa in Serbia minaccia un nuov...

L’Ue preoccupata per l’influenza russa in Serbia minaccia un nuovo conflitto nei Balcani

L’Ue preoccupata per l’influenza russa in Serbia minaccia un nuovo conflitto nei Balcani
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
di Eugenio Cipolla

 
Se c’è una cosa che l’Unione Europea “premio Nobel per la pace” non riesce a fare è proprio mantenere quest’ultima. Da qualche tempo a questa parte, infatti, a Bruxelles c’è molta preoccupazione per l’avanzare del sentimento filorusso in Serbia, nazione strategica per gli equilibri molto precari dei Balcani. Perché quando c’è di mezzo Mosca, tutto, compreso le priorità, quelle vere, tipo disoccupazione, povertà e disuguaglianze, passano in secondo piano. A riprova di ciò c’è l’intervista rilasciata oggi al Die Welt da David Mcallister, eurodeputato tedesco della CDU, il partito di Angela Merkel, e presidente della Commissione esteri del Parlamento europeo.

Le dichiarazioni di Mcallister fanno seguito alla visita di Federica Mogherini a Belgrado nelle scorse settimane, segnata da tensioni e contestazioni che hanno demolito la sicurezza degli euroburocrati circa la posizione del popolo serbo rispetto all’Unione Europea. Il capo della diplomazia europea non era stata accolta molto bene nella capitale dell’ex Jugoslavia. Fuori dal Parlamento, a margine della sua visita nel tempio della democrazia serba, la Mogherini era stata contestata da numerosi manifestanti con in mano cartello del tipo “La Serbia non si fida di Bruxelles”. E durante il suo discorso ai parlamentari serbi non era andata meglio, perché diversi rappresentanti dell’opposizione avevano gridato slogan come “Serbia, Russia, non abbiamo bisogno dell’Unione Europea”. Episodi, che assieme al flop della visita in Montenegro (dove la Mogherini ha trovato l’aula del Parlamento mezza vuota) e alla mancata visita in Bosnia Herzegovina per le avverse condizioni climatiche, hanno fatto scattare l’allarme rosso in casa Europa.

“Mosca – ha detto Mcallister nel corso dell’intervista – sta cercando di influenzare pesantemente i media, alcuni politici e la società civile in Serbia. La Russia sta cercando deliberatamente di destabilizzare la Serbia e questo è motivo di grande preoccupazione”, ha affermato l’esponente del CDU. Attualmente Bruxelles è molto presente in Serbia, dove ha investito circa 1,5 miliardi di euro da qui al 2020 per promuovere riforme e progetti economici, sperando al contempo di allontanare il governo di Belgrado da Mosca. Questo perché, come ammette lo stesso europarlamentare, la Russia “è percepita nella società serba come uno dei maggiori sostenitori. E questo vuol dire che l’impegno europeo nella politica serba deve essere reso più visibile”. A sostegno delle sue dichiarazioni Mcallister non ha illustrato alcuna prova, ma ha avvertito, anche se molti l’hanno letto come una minaccia, circa il pericolo di un imminente conflitto nei Balcani a causa di questa situazione. “I Balcani sono una regione altamente sensibile in cui si può rivivere nel breve tempo un nuovo conflitto causa da azioni irresponsabili”.

Quali siano queste azioni irresponsabili Mcallister non lo ha definito con chiarezza, ma il riferimento al continuo tentennamento di Belgrado e alla pressioni di Mosca appare piuttosto chiaro. I negoziati di adesione della Serbia all’Unione Europea sono cominciati nel 2012 e sono tutt’ora in corso. Il percorso appare ancora lungo, anche da parte di Bruxelles c’è la volontà di allargare ancora di più ad est la propria influenza con l’obiettivo di togliere dall’orbita di Mosca un altro paese dell’ex blocco sovietico. Tuttavia, nel 2014 la Serbia ha firmato un accordo di “partnership strategica” con la Russia. Nell’accordo entrambi i paesi si sono impegnati nello scambio di informazioni di intelligence e ad effettuare azioni militari congiunte.  Negli ultimi tre anni l’intesa Mosca-Belgrado è stata un crescendo continuo, con quest’ultima che si è rifiutata di applicare le sanzioni europee contro la Russia. Cosa che ha infastidito non poco l’Unione europea, che adesso sembra minacciare l’inizio di un nuovo conflitto nei Balcani attraverso qualche rivoluzione “spontanea” e “democratica”.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Massacro del Donbass e recupero della Crimea. Il via libera dell'Albright e del National Democratic Institute

del National Democratic Institute

Risulta assai difficile dare un giudizio sull’incontro tra i presidenti di USA e Ucraina che si è...
Notizia del:     Fonte: Bloomberg

Il Piano di Trump per dominare il Mercato mondiale dell'Energia

L'Amministrazione Trump ha già iniziato la revisione della legislazione che limita lo sviluppo del settore energetico e cerca di eliminare gli ostacoli amministrativi per l'estrazione degli idrocarburi.

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, annuncerà la 'Settimana per l'Energia' per...
Notizia del:     Fonte: Haaretz - Hispantv

Israele attacca l'esercito siriano per il terzo giorno consecutivo

Israele continua i suoi attacchi contro l'esercito siriano sulle alture del Golan per il terzo giorno consecutivo, ignorando gli avvertimenti del governo siriano.

Come riportato dal quotidiano israeliano 'Haaretz', anche oggi i carri armati israeliani hanno attaccato...
Notizia del:     Fonte: https://www.welt.de

Il premio Pulitzer Seymour Hersh: Gli USA hanno bombardato la Siria senza che ci fosse stato un attacco chimico di Damasco

Gli Stati Uniti hanno bombardato la Siria pur sapendo che non c'era stato alcun attacco chimico ad opera di Damasco, ha spiegato, il giornalista Premio Pulitzer, Symur Hersh, dopo aver consultato diverse fonti statunitensi.

"Sappiamo che non c'è stato alcun attacco chimico. (...) I russi sono furiosi e noi che diciamo...
Notizia del:     Fonte: Associated Press

Coalizione guidata dagli Stati Uniti: Qualsiasi impegno da parte del governo siriano per sconfiggere l'ISIS è il benvenuto

La coalizione militare statunitense anti-ISIS accoglierà uno sforzo concertato del governo siriano o dai suoi alleati per sconfiggere il gruppo terroristico nelle sue rimanenti fortificazioni della Siria orientale, ha dichiarato un portavoce degli Stati Uniti.

Il colonnello dell'esercito USA Ryan Dillon, portavoce della coalizione anti ISIS, ha dichiarato ai giornalisti,...
Notizia del:     Fonte: Haaretz - al Masdar

Nuovo attacco di Israele contro la Siria e i "ribelli" riprendono l'offensiva sul Golan

In 48 ore l'aviazione israeliana ha attaccato 2 volte le truppe siriane nella provincia di Quneitra. Allo stesso tempo i "ribelli" affiliati ad al Qaeda hanno ripreso la loro offensiva. Non è una coincidenza

Questo pomeriggio l'aviazione israeliana ha attaccato due batterie di artiglieria e un camion di munizioni...
Notizia del:

Jeremy Corbyn infiamma Glastonbury. Accoglienza da rockstar per il leader laburista

Perché il discorso di Jeremy Corbyn genera tanto entusiasmo? Perché finalmente si opera una rottura totale con quel neoliberismo che ha devastato la società britannica

di Fabrizio Verde   «Oh Jeremy Corbyn», sulle note di Seven Nation Army, questo è...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa