/ M. Alboresi, segretario del PCI sulla censura al Brancaccio: "Le ...

M. Alboresi, segretario del PCI sulla censura al Brancaccio: "Le motivazioni di Falcone sono per noi inaccettabili"

M. Alboresi, segretario del PCI sulla censura al Brancaccio: Le motivazioni di Falcone sono per noi inaccettabili
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

Teatro Brancaccio, Roma. E' andato in scena ieri l'incontro di varie componenti che avevano accolto l'invito della "società civile" per una nuova ricerca di unità a sinistra. La giurista Falcone, protagonista con lo storico dell'arte Montanari dell'iniziativa, ha deciso di non far parlare durante i lavori dell'Assemblea il segretario del Pci. E la motivazione, abbastanza singolare, è così sintetizzabile: ha già parlato Acerbo, segretario di Rifondazione Comunista. Sull'iniziativa in sè del Brancaccio non abbiamo molto da aggiungere a quello che abbiamo già pubblicato nei giorni precedenti. Trattasi, in estrema sintesi, dell'apripista di "Campo progressista" di Pisapia e dagli ex Pd.... per creare un nuovo Pd. 
Manuela Palermi, presidente del Pci, ha scritto una nota molto critica in cui dichiara: “Quando qualcuno non ti permette di parlare, vuol dire che non vuole sentire quello che hai da dire. Il Pci ha risposto positivamente all’appello Falcone/Montanari manifestando, per correttezza politica, la sua posizione. E cioè: nessuna alleanza col Pd, nessuna riedizione del centrosinistra e il mantenimento della proprio autonomia politica ed organizzativa. Per capirci bene tra noi: il Pci non aderisce ad alcun soggetto politico, non si scioglie, ma continua con assoluta determinazione la sua ricostruzione."
Ieri al Brancaccio avebbe dovuto prendere la parola il segretario nazionale del partito, Mauro Alboresi. Come AntiDiplomatico gli abbiamo rivolto alcune domande.


L'Intervista


La decisione di non farvi parlare vi era stata già comunicata nei giorni scorsi?

No abbiamo appreso il giorno stesso e con molto rammarico che nell'iniziativa convocata dall'appello di Falcone e Montanari non avremmo avuto diritto di parola. Avevamo aderito come altre forze politiche e la decisione c'ha lasciato sbigottitii.


Non siete stati i soli. Gli attivisti del centro occupato “Je so pazzo” di Napoli hanno avuto un trattamento anche peggiore. Quali ragioni gli organizzatori vi hanno comunicato?

Voglio premettere che il nostro partito sostiene la ricerca di un'unità a sinistra. Ma se il buongiorno si vede dal mattino, c'è molto da preoccuparsi da questa iniziativa. Si è dato spazio a molte individualità che parlavano a titolo personale, a piccole realtà territoriali e non ad un soggetto politico con un livello di rappresentanza nazionale. Abbiamo reagito con un comunicato duro, perché le motivazioni addotte dagli organizzatori sono state per noi davvero inaccettabili. Come si può dire che parla solo un soggetto comunista e di sinistra per tutti. Io non rappresento altri, ma, come segretario di una forza politica nazionale, non voglio essere rappresentato da nessuno. Dalla platea poi ho sentito Anna Falcone dire e anzi ringraziare chi come noi avesse accettato di non parlare per preferire la discussione generale. Non è vero, nessuno ce l'ha chiesto. 


Quali prospettive vede dopo quest'iniziativa?

E' chiaro che si trattava di un'iniziativa figlia della fretta di elezioni che sembravano imminenti. Il fatto che siano slittate rende meno urgente questo processo e infatti ieri il tutto si è concluso con un appuntamento a settembre per capire cosa fare.



Già che fare? Un nuovo centro-sinistra visti i protagonisti che hanno preso la parola?

Noi siamo pronti a sederci al tavolo e discutere con tutti coloro che hanno la voglia idi costruire un soggetto nuovo a sinistra. Un soggetto non unico, ma unitario, che lasci piena libertà d'organizzazione alle singole componenti. Con la stessa chiarezza le dico che non siamo pronti a farlo con chi ha in mente, al contrario, un nuovo centro sinistra. Il Pd, la cultura liberista che rappresenta, sono l'avversario non un interlocutore. La sinistra per essere tale deve ritrovare i suoi valori e impostare una poltica di rottura in primo luogo con il PD. Con tutte le sue varie anime: Tabacci, Prodi....


Prodi visto come il possibile "federatore", per l'ennesima volta, anche da Pisapia. Il primo luglio, del resto, ci sarà un incontro di "Campo progressista" dell'ex sindaco di Milano e sostenitore delle "riforme" Renzi in un appuntamento specchio di quello di ieri. Lo stesso giorno ci sarà un incontro della piattaforma Eurostop, che ha basato il suo processo unitario a sinistra su tre No chiari che sono tre No al PD: euro, Ue e Nato. Il vostro partito dove andrà?

Sicuramente saremo all'iniziativa di Eurostop che seguiamo con molto interesse sin dalla nascita. Da Campo progressista non abbiamo avuto alcun invito. 


E, parlando di politica estera, quali sarebbero i paletti che come partito mettereste nella costruzione di un soggetto a sinistra?

La politica estera del nostro partito segue direttive precise. In primo luogo consideriamo come neo-coloniali e neo-imperialiste le politiche che dai bombardamenti della Serbia alla destituzione e distruzione di tanti stati in Nord Africa e Medio Oriente stanno sconvolgendo il mondo nell'ultimo periodo. In secondo luogo, consideriamo inaccettabili le pretese subito accolte da Renzi prima e Gentiloni oggi di aumentare le spese militari come diktat della Nato. Quest'alleanza, se mai l'avesse avuta, non ha chiaramente alcuna caratterizzazione difensiva, come vediamo con apprensione nella militarizzazione dell'est e costringe, perlopiù, il nostro paese allo sperpero di miliardi di euro per missioni totalmente inutili. Infine, difendiamo il principio di autodeterminazione dei popoli.


A proposito di autodeterminazione dei popoli, come giudica la forte ingerenza di ieri di Gentiloni, insieme al suo collega spagnolo Rajoy, nelle vicende interne del Venezuela?

La giudico per quello che è: cultura neo-coloniale. La presunta motivazione - la protezione delle comunità italiane e spagnole in Venezuela - è un chiaro esempio. Quest'ultima ingerenza di Gentiloni è davvero un punto molto basso di chi pensa a giocare a fare lo statista, senza saper fare bene il suo lavoro all'interno.  In Venezuela è in atto una politica neo-imperialista degli Stati Uniti e delle multinazionali del petrolio che non digeriscono la nazionalizzazione della compagnia nazionale. Ci sono tante mire sulle riserve quantificate come le più grandi al mondo. Rispetto a quest'ultima ingerenza di Gentiloni, quello che posso dire è: cosa avrebbe detto l'Italia se il Venezuela, o un altro stato, avessero avuto da ridire sulla democraticità delle riforme costituzionali di Renzi?

Alessandro Bianchi
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da L'intervista
Notizia del:

Viola Carofalo (Potere al Popolo) a Pagina12: «Il Venezuela nostra principale fonte d'ispirazione»

La giovane ricercatrice universitaria di Napoli è stata nominata "capo politico" del nuovo partito della sinistra italiana, Potere al Popolo, che cercherà di emulare i suoi pari di Spagna e Francia alle elezioni generali del 4 marzo

di Federico Larsen - Pagina12   Il suo movimento è stato accolto in Europa come la rinascita...
Notizia del:

Il messaggio all'Italia di Victoria Coy (States United to prevent gun violence): "Vi prego, le vostre Leggi sul controllo delle armi devono rimanere restrittive"

"La criminalità armata qui negli Stati Uniti ha assunto la connotazione di una crisi dei Diritti Umani. Il vostro Paese patirà incredibilmente, se seguirete il nostro cammino."

  di Michele Metta    Victoria, consentimi innanzitutto, per favore, di dirti che parlare...
Notizia del:

Intervista a Lucio Manisco, una vita in trincea contro la disinformazione. "Voterò Potere al Popolo"

“… e da New York imperversa contro Washington un grandioso Lucio Manisco”. È una frase trovata su un giornale che descrive gli anni eroici del TG3, quando l’informazione...
Notizia del:

Intervista ad Alberto Negri. "Sono altri (e li conosciamo) che fomentano il terrorismo. L'Iran combatte l'Isis, è necessario collaborare con questo paese"

a cura di Mostafa El Ayoubi - Confronti    Quali sono i motivi socio-economici e politici che hanno scatenato le manifestazioni di fine dicembre/inizio gennaio in Iran? È...
Notizia del:

INTERVISTA AL MAGISTRATO UMBERTO APICE, SCRITTORE, E PIONIERE NELLA RICERCA DELLA VERITÀ SU PASOLINI

  INTERVISTA AL MAGISTRATO UMBERTO APICE, SCRITTORE, E PIONIERE NELLA RICERCA DELLA VERITÀ SU PASOLINI   - Articolo di Michele Metta -   Ho conosciuto il dottor Apice...
Notizia del:

Prof. Vasapollo: "Dal Pd, passando per LeU, arrivando a Negri. Azzeriamo questa sinistra serva dell'imperialismo dell'Unione Europea"

Luciano Vasapollo, direttore del Cestes e docente della Sapienza all'AntiDiplomatico: "La sinistra di governo, come vediamo anche in Tsipras, ha fatto le stesse politiche delle destre. La sinistra cosiddetta radicale alla Negri ha solo servito i grandi potentati, trasformandosi negli utili idioti dell’imperialismo dell’Unione Europea, eliminando l’idea del conflitto in tutte le sue forme. Basta. Bisogna ripartire da zero.

di Alessandro Bianchi Professore partiamo da questa dichiarazione di Toni Negri a Vanity Fair: «Auspico...
Notizia del:

Intervista al legale di Khaled el Hamedi, il cittadino libico che vuole portare la NATO in giudizio per i suoi crimini

L’associazione Vittime della Nato in Libia in lotta contro l’impunità dei potenti e l'indecente immunità di cui gode l'Alleanza Atlantica

Dalla guerra in Iraq nel 1991 a oggi, nessun tribunale internazionale ha mai processato e giudicato i vincitori...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa