/ Marine Le Pen vuole portare la Francia fuori dall'euro e ridenomi...

Marine Le Pen vuole portare la Francia fuori dall'euro e ridenominare il debito francese in una nuova valuta

Marine Le Pen vuole portare la Francia fuori dall'euro e ridenominare il debito francese in una nuova valuta
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 
La candidata francese alla presidenza e leader del Fronte Nazionale, Marine Le Pen, ha detto che vuole portare la Francia fuori dall'euro e ha aggiunto di voler ridenominare il debito pubblico francese in una nuova moneta nazionale.

"Sempre più cittadini europei si rendono conto che le loro economie sono state soffocate con l'euro", ha detto ai giornalisti a margine di una conferenza stampa a Parigi, citata da Bloomberg .

Inoltre, seguendo l'esempio britannico, la Le Pen ha detto che prima di lasciare l'euro avrebbe proposto un referendum sulle relazioni della Francia con l'Unione europea e si è impegnata a tenere un tale voto entro sei mesi in caso di vittoria elettorale.

"Una moneta nazionale potrebbe essere legata a una moneta comune", ha aggiunto, senza fornire ulteriori dettagli sulla connessione. 

Come osserva Politico, il capo del Fronte Nazionale ha da tempo chiesto una "Frexit," l'uscita della Francia dall'Unione europea. Ma questa volta ha detto che dopo un referendum, l'Europa dovrebbe mantenere una moneta comune, l'euro, in parallelo al franco francese. E' la prima volta che Le Pen riconosce, tuttavia implicitamente, che il ritiro dalla zona euro unilateralmente potrebbe portare a fluttuazioni valutarie, che l'ECU è stato progettato per prevenire. La maggior parte degli elettori francesi non supportano il ritiro da parte dell'Unione Europea, secondo i sondaggi del 2016.

"Voglio una valuta nazionale con l'euro come moneta comune", ha detto la Le Pen a BFMTV.  

Come aggiunge Politico, il cambiamento è venuto come Le Pen ha lanciato la sua campagna presidenziale e ha presentato una serie di proposte.

Sull'euro, i quadri Fronte nazionale hanno ripetutamente lasciato intendere che Le Pen potrebbe annacquare la sua posizione prima delle elezioni. Il ritiro brutale dalla zona euro è particolarmente impopolare con gli elettori anziani che vogliono proteggere i loro beni dalle oscillazioni valutarie.

Eppure, Philippe Murer, consigliere economico di Le Pen, ha detto a POLITICO che la sua posizione sulla moneta non era cambiata radicalmente. Un ritorno all' ECU, un paniere di valute europee che esisteva prima dell'euro, è una delle diverse opzioni in fase di studio in caso di recesso dall'Euro, ha detto.  

"La nazione deve essere in grado di decidere per se stessa. "

Può essere un argomento controverso: dopo aver avuto un vantaggio sostanziale nei sondaggi precedenti nel 2016, secondo i sondaggi più recenti, la Le Pen si trova dietro il suo sfidante principale, François Fillon nelle ultime settimane, in particolare nel secondo turno delle elezioni presidenziali in cui Fillon avrebbe un vantaggio del 65%. Poi, se il 2016 ci ha insegnato qualcosa, è che i sondaggi sono quasi sempre sbagliati.
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da Europlot
Notizia del:

"Macron non è né un outsider né uno sfidante dello staus quo: è solo una pedina dell'establishment per bloccare la Le Pen"

    Il candidato «centrista» Emmanuel Macron non non era neanche stato proclamato vincitore del primo turno delle elezioni presidenziali francesi che l'establishment politico...
Notizia del:

Il “meno peggio” è la causa del “peggio”: è Macron la malattia politica dell’Europa. Emiliano Brancaccio

"Chi a sinistra invita a votare il “meno peggio” non sembra comprendere che nelle condizioni in cui siamo il “meno peggio” è la causa del “peggio”. Le Pen...
Notizia del:

Per l'Ue è già Brexit, almeno sulle mappe

 "In qualità di Presidente della Commissione ho cercato di conferire alle priorità sociali l'importanza che meritano in Europa. Con il pilastro europeo dei diritti sociali e...
Notizia del:

La fine del sistema a due partiti in Francia

 “Siamo alla fine del sistema a due partiti in Francia?”, si domandava ieri Fraser King di Citi, durante lo spoglio dei voti del primo turno delle elezioni presidenziali francesi. La...
Notizia del:

Cecilia Malmstroem negli Usa per riprendere i colloqui sul TTIP

Il commissario europeo per il Commercio, Cecilia Malmstroem, è a Washington oggi per discutere sucome procedere con i colloqui sul TTIP. Il presidente degli Stati Uniti Trump sembra aver ammorbidito...
Notizia del:

Jacques Sapir: "L'unico candidato che può tenere testa alla Le Pen è Jean-Luc Mélenchon"

A tre settimane del primo turno delle elezioni presidenziali francesi c'è stato un riequilibrio delle forze in una campagna in cui è sempre più difficile prevedere l'esito....
Notizia del:

Theresa May ha annunciato elezioni anticipate per l'8 giugno

  In una mossa a sorpresa, il primo ministro britannico Theresa May ha annunciato elezioni anticipate l'8 giugno in un tentativo di rafforzare la sua posizione in vista dei negoziati sulla Brexit. Oltre...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa