/ Messico. Il rincaro della benzina fomenta venti di rivolta

Messico. Il rincaro della benzina fomenta venti di rivolta

Messico. Il rincaro della benzina fomenta venti di rivolta
 

Molti temono, non a torto, che salendo il costo del trasporto delle merci trasportate su ruota, prima o poi seguirà anche un rincaro dei prodotti, con esiti preoccupanti per la tenuta sociale

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Daniele Cardetta
 

Il governo messicano del Presidente  Enrique Peña Nieto ha deciso un rincaro della benzina del 20% e del diesel del 16,5%  che ha scatenato vere e proprie rivolte di piazza, esacerbando una situazione sociale già abbastanza tesa e ponendo le premesse per ulteriori tensioni nell’immediato futuro. Letteralmente migliaia di persone in tutto il Paese sono scese in piazza per protestare, e non sempre in modo pacifico, rendendo così anche plasticamente percepibile il malessere sociale che si respira in Messico. Come riferito da Euronews (http://it.euronews.com/2017/01/09/non-si-fermano-le-proteste-in-messico-contro-l-aumento-del-carburante) molti manifestanti hanno deciso di unirsi alle proteste nel timore che molto presto possano alzarsi a catena anche i prezzi di tutti i principali prodotti di consumo come patate, carne e pane. 

 

Molti temono, non a torto, che salendo il costo del trasporto delle merci trasportate su ruota, prima o poi seguirà anche un rincaro dei prodotti, con esiti preoccupanti per la tenuta sociale. Le proteste poi non sono state solo pacifiche, basti pensare che in Baja California le forze di polizia hanno dovuto utilizzare le maniere forti per disperdere manifestanti infuriati che hanno letteralmente assalito distributori e depositi. 

 

Secondo diverse fonti le autorità messicane avrebbero arrestato qualcosa come 1500 persone in tutto il Paese a causa dei tumulti, e la sensazione è che le proteste non si fermeranno molto presto visto che l’elezione alla presidenza americana di Donald Trump secondo molti analisti peggiorerà la situazione economica del paese centroamericano. Proprio il magnate americano infatti ha promesso di fare pressioni affinchè le grandi industrie statunitensi come Ford e General Motors non aprano nuovi siti produttivi in Messico, con tutte le conseguenze negative del caso per l’economia locale. Intanto però il governo messicano dovrà pensare sin da subito a pacificare la situazione visto che, da Puebla fino a Monterrey e Veracruz, le manifestazioni di protesta sono state molto partecipate e hanno visto ovunque frange violente arrivare a saccheggiare negozi e centri commerciali. Il bilancio del tutto provvisorio parla anche di alcuni morti, tra cui un poliziotto, e le promesse del governo di aumentare del 10% i salari dei dipendenti pubblici non sembrano essere abbastanza per riportare la situazione sotto controllo. 

 

Da parte sua il presidente Nieto ha spiegato che vista la difficile contingenza internazionale con la crescita dei prezzi del petrolio e il Messico dipendente dalle importazioni il governo messicano non avrebbe avuto altra alternativa all’aumento dei prezzi. Ma i messicani sembrano ormai stanchi e chiedono una inversione di tendenza al presidente, magari che si cominci a fare realmente qualcosa contro la corruzione e l’impunità o che si aumentino le tasse per le varie multinazionali. Da qui il rischio per Nieto di aver intrapreso una pericolosa parabola discendente in termini di consenso a meno di due anni dalla fine del suo mandato. 

 

L’aumento dei prezzi del carburante sembra quindi aver avuto l’effetto di una goccia che ha fatto traboccare il vaso, e la svalutazione del peso messicano ha subito un brusco ridimensionamento proprio dopo l’elezione di Trump, un personaggio capace di influenzare il mercato del Messico semplicemente con un Tweet. 

 

La sensazione è che molti messicani di fronte all’emergere di un quadro internazionale sfavorevole, basti pensare alle dichiarazioni di Trump nei confronti del Messico, inizino a pretendere una inversione di tendenza al proprio governo a difesa degli interessi e della sovranità del paese.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: Hispantv

La Russia promette rappresaglie contro gli Stati Uniti per la creazione di una guardia di frontiera in Siria

Indignato per l'addestramento di 30.000 miliziani arabo-curdi sul confine turco-siriano da parte degli Stati Uniti, il capo del Comitato di difesa della Camera bassa (Duma) del parlamento russo, l'ammiraglio Vladimir Shamanov, promette misure di rappresaglia a questo proposito.

"[Tale comportamento della cosiddetta coalizione guidata dagli USA] è un affronto diretto [con gli...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Lavrov: Trump cerca di rovesciare Assad come pretendeva Obama

Per il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, la posizione del presidente statunitense, Donald Trump in Siria è simile a quella del suo predecessore Barack Obama: entrambi cercano di rovesciare il legittimo presidente siriano, Bashar al-Assad.

"Non ci sono differenze drastiche tra [gli approcci] dell'amministrazione Obama e quella di Trump. Purtroppo,...
Notizia del:     Fonte: Reuters

Gli Stati Uniti addestrano 30.000 miliziani da schierare come nuove forze di frontiera in Siria

La nuova forza sarà schierata sui confini turco e iracheno e sul fiume Eufrate.

La coalizione internazionale guidata dagli Stati Uniti sta lavorando con i militanti curdi e arabi in Siria per...
Notizia del:     Fonte: TASS

Russia: l'area intorno ad Al-Tanf, nel sud della Siria, è praticamente occupata dagli Stati Uniti

Le Forze statunitensi non consentono alle forze armate e alle autorità siriane di entrare nell'area, secondo il ministero degli Esteri russo.

La zona intorno alla base di Al-Tanf, nel sud della Siria, è de facto occupata dagli Stati Uniti, secondo...
Notizia del:     Fonte: Soufan Group

L'ISIS potrebbe attaccare Hamas a Gaza dal Sinai egiziano

I tentativi del gruppo terroristico ISIS (Daesh, in arabo) di espandersi dalla penisola del Sinai nell'Egitto nordorientale aumentano il rischio di attacchi contro membri del Movimento palestinese di resistenza, Hamas nella Striscia di Gaza.

La società di intelligence e sicurezza strategica 'Soufan Group', con sede a New York (USA), in...
Notizia del:     Fonte: Haaretz

Il capo del Mossad confessa di essere dietro le rivolte in Iran

Il capo Mossad, Yossi Cohen, ha praticamente ammesso, ieri, la partecipazione del regime di Tel Aviv alle proteste in alcune città iraniane che si sono tenute le scorse settimane sulla situazione economica.

Parlando in una sessione di lavori del Ministero dell'Economia del regime israeliano, il direttore del Mossad...
Notizia del:     Fonte: Tass

Russia: un aereo statunitense ha pattugliato il Mediterraneo durante l'attacco dell'ISIS con i droni in Siria

Dal Ministero della Difesa russo sostengono che un aereo dell'intelligence statunitense era di pattuglia nel Mediterraneo durante il recente attacco con 13 droni lanciato dall'ISIS contro due installazioni militari russe in Siria.

Un aereo dell'intelligence statunitense ha pattugliato il Mar Mediterraneo durante il recente attacco dei...
Notizia del:

Jared Kushner ha ricevuto 30 milioni di dollari da un'azienda israeliana

Kushner avrebbe ricevuto i soldi poco prima del suo primo viaggio in Israele con Trump in qualità di consigliere

da teleSUR   Il genero e consigliere del presidente degli Stati Uniti, Jared Kushner, ha stretto un...
Notizia del:

L’uso fake dei diritti umani. La Cina si disciplina contro le interferenze Usa

  di Fabio Massimo Parenti - Marx21.it Xinjiang e Tibet Il 13 dicembre Human Right Watch, organizzazione con base a New York e sedi in mezzo mondo, ha rilasciato un rapporto sulla...
Notizia del:

Le prove della guerra economica contro il Venezuela

Questa realtà è innegabile e nessun paese è soggetto a questo tipo di assedio economico, ad alta intensità e persistenza

di Alfredo Serrano Mancilla - CELAG   Proibito vedere l’ovvio. Questa frase trovata su un murales...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Erdogan: "Distruggeremo l'esercito terrorista formato dagli Usa in Siria"

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha definito un "esercito terrorista" le forze militari curdo-arabe alleate degli Stati Uniti nel nord della Siria. In un discorso ad Ankara, ripreso lunedì...
Notizia del:

Emmanuel Macron, l’"Europeista" che vuole mettere l'Ue al servizio della Francia

Indagine sull'incontenibile attivismo dell'Inquilino dell'Eliseo...

di Federico Nero  Qualche giorno fa Macron ha concluso il suo viaggio in Cina. Il baldanzoso presidente...
Notizia del:

Il Papa in Cile tra proteste, povertà e l'incontro con i Mapuche

La visita di Papa Bergoglio doveva essere un tranquillo ritorno nella “sua” America Latina, invece il viaggio in Cile e Perù rischia di essere tra i più difficili ed insidiosi.

di Patrizia Larese – 15 gennaio 2018   Il Cile accoglie il Papa nel suo viaggio in America Latina...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

La Russia promette rappresaglie contro gli Stati Uniti per la creazione di una guardia di frontiera in Siria

Indignato per l'addestramento di 30.000 miliziani arabo-curdi sul confine turco-siriano da parte degli Stati Uniti, il capo del Comitato di difesa della Camera bassa (Duma) del parlamento russo, l'ammiraglio Vladimir Shamanov, promette misure di rappresaglia a questo proposito.

"[Tale comportamento della cosiddetta coalizione guidata dagli USA] è un affronto diretto [con gli...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Lavrov: Trump cerca di rovesciare Assad come pretendeva Obama

Per il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, la posizione del presidente statunitense, Donald Trump in Siria è simile a quella del suo predecessore Barack Obama: entrambi cercano di rovesciare il legittimo presidente siriano, Bashar al-Assad.

"Non ci sono differenze drastiche tra [gli approcci] dell'amministrazione Obama e quella di Trump. Purtroppo,...
Notizia del:     Fonte: Fars News

La Turchia sostiene i gruppi terroristici nella battaglia contro l'esercito siriano a Idlib

La protesta turca alle operazioni dell'esercito siriano a Idlib indica il suo sostegno ai gruppi terroristici che combattono l'esercito, specialmente il Fronte al-Nusra (Tahrir al-Sham Hay'at), ha dichiarato oggi un esperto militare.

Il generale Yahya Suleiman, esperto di strategia militare, ha fatto riferimento alla recente offensiva del Fronte...
Notizia del:     Fonte: Reuters

Gli Stati Uniti addestrano 30.000 miliziani da schierare come nuove forze di frontiera in Siria

La nuova forza sarà schierata sui confini turco e iracheno e sul fiume Eufrate.

La coalizione internazionale guidata dagli Stati Uniti sta lavorando con i militanti curdi e arabi in Siria per...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa