/ Messico. Il rincaro della benzina fomenta venti di rivolta

Messico. Il rincaro della benzina fomenta venti di rivolta

Messico. Il rincaro della benzina fomenta venti di rivolta
 

Molti temono, non a torto, che salendo il costo del trasporto delle merci trasportate su ruota, prima o poi seguirà anche un rincaro dei prodotti, con esiti preoccupanti per la tenuta sociale

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Daniele Cardetta
 

Il governo messicano del Presidente  Enrique Peña Nieto ha deciso un rincaro della benzina del 20% e del diesel del 16,5%  che ha scatenato vere e proprie rivolte di piazza, esacerbando una situazione sociale già abbastanza tesa e ponendo le premesse per ulteriori tensioni nell’immediato futuro. Letteralmente migliaia di persone in tutto il Paese sono scese in piazza per protestare, e non sempre in modo pacifico, rendendo così anche plasticamente percepibile il malessere sociale che si respira in Messico. Come riferito da Euronews (http://it.euronews.com/2017/01/09/non-si-fermano-le-proteste-in-messico-contro-l-aumento-del-carburante) molti manifestanti hanno deciso di unirsi alle proteste nel timore che molto presto possano alzarsi a catena anche i prezzi di tutti i principali prodotti di consumo come patate, carne e pane. 

 

Molti temono, non a torto, che salendo il costo del trasporto delle merci trasportate su ruota, prima o poi seguirà anche un rincaro dei prodotti, con esiti preoccupanti per la tenuta sociale. Le proteste poi non sono state solo pacifiche, basti pensare che in Baja California le forze di polizia hanno dovuto utilizzare le maniere forti per disperdere manifestanti infuriati che hanno letteralmente assalito distributori e depositi. 

 

Secondo diverse fonti le autorità messicane avrebbero arrestato qualcosa come 1500 persone in tutto il Paese a causa dei tumulti, e la sensazione è che le proteste non si fermeranno molto presto visto che l’elezione alla presidenza americana di Donald Trump secondo molti analisti peggiorerà la situazione economica del paese centroamericano. Proprio il magnate americano infatti ha promesso di fare pressioni affinchè le grandi industrie statunitensi come Ford e General Motors non aprano nuovi siti produttivi in Messico, con tutte le conseguenze negative del caso per l’economia locale. Intanto però il governo messicano dovrà pensare sin da subito a pacificare la situazione visto che, da Puebla fino a Monterrey e Veracruz, le manifestazioni di protesta sono state molto partecipate e hanno visto ovunque frange violente arrivare a saccheggiare negozi e centri commerciali. Il bilancio del tutto provvisorio parla anche di alcuni morti, tra cui un poliziotto, e le promesse del governo di aumentare del 10% i salari dei dipendenti pubblici non sembrano essere abbastanza per riportare la situazione sotto controllo. 

 

Da parte sua il presidente Nieto ha spiegato che vista la difficile contingenza internazionale con la crescita dei prezzi del petrolio e il Messico dipendente dalle importazioni il governo messicano non avrebbe avuto altra alternativa all’aumento dei prezzi. Ma i messicani sembrano ormai stanchi e chiedono una inversione di tendenza al presidente, magari che si cominci a fare realmente qualcosa contro la corruzione e l’impunità o che si aumentino le tasse per le varie multinazionali. Da qui il rischio per Nieto di aver intrapreso una pericolosa parabola discendente in termini di consenso a meno di due anni dalla fine del suo mandato. 

 

L’aumento dei prezzi del carburante sembra quindi aver avuto l’effetto di una goccia che ha fatto traboccare il vaso, e la svalutazione del peso messicano ha subito un brusco ridimensionamento proprio dopo l’elezione di Trump, un personaggio capace di influenzare il mercato del Messico semplicemente con un Tweet. 

 

La sensazione è che molti messicani di fronte all’emergere di un quadro internazionale sfavorevole, basti pensare alle dichiarazioni di Trump nei confronti del Messico, inizino a pretendere una inversione di tendenza al proprio governo a difesa degli interessi e della sovranità del paese.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: SIPRI

SIPRI. Crescono le spese militari nel mondo. USA sempre in testa. Italia incremento dell'11%

La spesa militare globale totale è salita a 1686.000 miliardi di dollari nel 2016, con un incremento del 0,4 per cento in termini reali rispetto al 2015, secondo i dati dell'Istituto Internazionale di Stoccolma per la ricerca sulla pace. L'Italia ha fatto registrare uno degli incrementi più alti, l'11%. Lo riporta l'Istituto Internazionale di Ricerche sulla Pace di Stoccolma.

Secondo uno studio condotto dall'Istituto Internazionale di Ricerche sulla Pace di Stoccolma, SIPRI*, le...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News - Hispantv

Aleppo. I terroristi di Tahrir al-Sham usano missili anticarro TOW di fabbricazione USA, forniti da Turchia e Arabia Saudita

I terroristi di Tahrir al-Sham Hayat sono dotati di 'grandi' arsenali di missili anti-carro di fabbricazione USA nella parte occidentale di Aleppo, molto probabilmente forniti dai loro sponsor Arabia Saudita e Turchia

Il portale di informazione 'Al-Masdar News', in un articolo sullo stato di avanzamento dell'esercito...
Notizia del:     Fonte: RT

Venezuela: sono in gioco il futuro del popolo e della Rivoluzione Bolivariana

Se qualcuno lanciasse una molotov in una manifestazione contro il governo statunitense a Washington, sarebbe arrestato e accusato di terrorismo domestico

di Eva Golinger - RT   Il Venezuela è nuovamente sulla prima pagina del ‘New York Times’...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Sentenza già scritta? OPCW respinge proposta di indagine russo-iraniana sull'attacco chimico in Siria

L'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPCW) ha respinto la proposta di Iran e Russia per una diversa indagine sull'uso di armi chimiche in Siria. In particolare, i due paesi chiedevano di indagare se nella base siriana di Shayrat si trovassero resti armi chimiche, dove, secondo gli USA, sarebbero partiti i raid siriani su Khan Shaykhun.

"La proposta russo-iraniana per sostituire l'inchiesta della OPCW con un nuovo meccanismo è stato...
Notizia del:     Fonte: ria.ru

Assad: "Non c'è stato nessun attacco chimico a Khan Shaykhun, per questo l'ONU non invia nessuna delegazione in Siria"

Assad sostiene che quando gli esperti arriveranno nella città siriana di Khan Shaykhun si renderanno conto che tutte le affermazioni circa il presunto attacco chimico erano bugie ma, proprio per questa ragione, l'ONU non invia nessuna delegazione per indagare, nonostante le richiesta ufficiale del governo siriano.

Il presidente siriano Bashar al Assad ha negato in un'intervista concessa a 'RIA Novosti' che un...
Notizia del:     Fonte: Euronews

Ahmadineyad: "La guerra contro la Siria provocherà il collasso dell'egemonia mondiale degli USA"

Donald Trump "ha scelto la via della guerra", nonostante "le promesse fatte al suo popolo", ha lamentato l'ex presidente iraniano.

La crisi in Siria causerà il crollo dell'egemonia mondiale degli Stati Uniti, ha dichiarato l'ex...
Notizia del:     Fonte: AFP-Hispantv

FOTO. Yemen, la "protesta del pane" contro l'aggressione dell'Arabia Saudita

Oggi, gli yemeniti hanno partecipato ad una marcia da Sana'a alla città di Al-Hodeida per chiedere la fine della guerra imposta dall'Arabia Saudita,.

I partecipanti nella mobilitazione chiamata "protesta per il pane" ha condannato l'appoggio dell'Occidente...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Iran: Gli USA ripensino ai loro disastrosi interventi e ai vergognosi crimini commessi in Vietnam, Iraq, Somalia, Siria e Yemen

Il Ministro della Difesa iraniano, Hussein Dehqan ha invitato l'amministrazione Trump a ricordasi delle precedenti avventure militari e dei conseguenti crimini vergognosi commessi dalle precedenti amministrazioni USA in Vietnam Iraq, Somalia, Siria e Yemen.

Il Ministro della Difesa iraniano, generale di brigata, Hussein Dehqan ha risposto ai recenti commenti del segretario...
Notizia del:     Fonte: http://www.independent.co.uk

Robert Fisk: "Se Trump si preoccupa dei bambini siriani perché non ha condannato anche il massacro di altri ragazzini ad opera dei "ribelli" ad Aleppo?"

Il noto reporter di guerra Robert Fisk denuncia la doppia morale dell'Occidente rispetto al conflitto siriano. Si chiede Fisk: "Decine di bambini sono stati uccisi in Siria questo fine settimana, ma dove è il grido di dolore del presidente degli Stati Uniti? Dove sono le denunce da parte dell'UE e del Regno Unito? L'Occidente deve reagire con la stessa indignazione quando sciiti sono le vittime del terrorismo. Oppure dobbiamo semplicemente disinteressarci?"

Qui l'articolo originale di Robert Fisk.   È stata la Madre di ogni ipocrisia. Alcuni bambini...
Notizia del:     Fonte: Bloomberg

'Trump potrebbe inviare fino a 50.000 soldati in Siria'

Gli Stati Uniti studiano la possibilità di inviare da 10.000 a 50.000 truppe in Siria, secondo Bloomberg.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, potrebbe essere sul punto di far degenerare il conflitto in Siria...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: Rt

Russia: "Il Pentagono sta creando un'arma per un attacco globale in massa"

"Gli Stati Uniti stanno sviluppando armi per un attacco globale istantaneo". Lo ha denunciato il rappresentante dello Stato maggiore russo, il tenente generale Víktor Poznijir secondo...
Notizia del:

Brasile. La polizia attacca manifestanti indigeni davanti il Parlamento. 4 arresti

La polizia militare brasiliana giovedì ha caricato violentemente migliaia di membri delle tribù indigene che manifestavano di fronte al Parlamento di Brasilia rivendicando maggiori diritti. Molti...
Notizia del:

Il "messaggio a Putin". Così il Regno Unito prosegue nella militarizzazione dell'est Europa

di Fabrizio Poggi - Contropiano  Pressoché in contemporanea con l'apertura a Mosca della Conferenza internazionale sulla sicurezza “MCIS-2017”, disertata dalla Nato, i...
Notizia del:

Macron e il sogno non nascosto di intervento armato contro la Siria

Ospite de L'Emisisone politique lo scorso 6 aprile, Emmanuel Macron si è dichiarato su France 2 a favore di "un intervento militare" in Siria, sotto gli auspici delle Nazioni Unite,...
Notizia del:

"Perché chiede elezioni in Siria e non nel suo paese?". La risposta dell'Ambasciatore saudita all'Onu non ha prezzo

Mr Propagande Quando poni la domanda all'ambasciatore saudita alle Nazioni Unite sul perché egli chieda elezioni libere in Siria ma non nel suo paese.  "Perché è...
Notizia del:

Rapporto think tank. L'Isis sta collassando: questo potrebbe portare a più attacchi terroristici in tutto il mondo

E' difficile quantificare l'effetto che l'ISIS  ha avuto sula nostra psiche collettiva . Dal momento che l'organizzazione ha iniziato a fare notizia diversi anni fa, siamo stati inondati...
Notizia del:     Fonte: Al Mayadeen

Lettera del leader politico palestinese, Marwan Barghouti ai parlamenti del mondo e ai membri dell'Assemblea parlamentare del Consiglio dell'Unione europea sullo sciopero per "la libertà e la dignità"

Il leader palestinese Marwan Barghouti, ha inviato un messaggio che è stato distribuito ai parlamentari di tutto il mondo per lo sciopero il cui motto è "battaglia per la libertà e la dignità", così come ai membri dell'Assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa, che comprende 47 paesi in rappresentanza di 800 milioni di cittadini dei paesi del continente europeo e a chi difende i diritti umani e la democrazia, dato che lo Stato di Palestina è un partner di questo organismo e Israele è un membro osservatore.

Attualmente, una delegazione del Consiglio nazionale palestinese partecipa alla sessione ordinaria dell'Assemblea...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa