/ Mosca risponde alle accuse del capo della missione ONU che indaga...

Mosca risponde alle accuse del capo della missione ONU che indaga gli attacchi chimici in Siria

Mosca risponde alle accuse del capo della missione ONU che indaga gli attacchi chimici in Siria
 

Il Ministero degli Esteri russo ritiene che, con le sue critiche alla Russia, Edmond Mulet vuole cercare di porre rimedio "alla sua cattiva reputazione".

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

Il ministero degli Esteri russo considera dichiarazioni "inaccettabili" di Edmond Mulet, il capo della missione congiunta delle Nazioni Unite e l'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPCW) per indagare sull'attacco chimico in Siria, il quale dice che Mosca avrebbe cercato di imporre le sue conclusioni alla Commissione.
 
Lo scorso 8 novembre, in un'intervista al quotidiano statunitense 'The New York Times', Mulet ha dichiarato che la Russia aveva protestato contro i metodi per indagare sull'uso delle armi chimiche in Siria pochi mesi prima dalla pubblicazione della relazione. Secondo Mulet, i diplomatici russi hanno dato istruzioni al capo della missione sul loro lavoro e hanno rifiutato di accettare le conclusioni se non fossero state seguite le direttive russe.
 
Nel suo commento, il ministero russo degli affari esteri nota che sia il contenuto delle accuse di Mulet che il suo tono sono una chiara indicazione che l'intento del funzionario è quello di salvare la sua reputazione professionale.
 
"Crediamo che il tono e, soprattutto, l'essenza degli attacchi effettuati contro la Russia sono inaccettabili per un funzionario internazionale del suo livello. Per noi è ovvio che in questo modo sta cercando di porre rimedio alla sua cattiva reputazione", si legge sul sito ufficiale del Ministero.
 
Il ministero degli Esteri ha anche ricordato che durante le consultazioni che si sono svolte nel mese di settembre per iniziativa di Edmond Mulet, la raccomandazione principale dei diplomatici russi doveva essere agito in stretta conformità con le norme della Convenzione sulla proibizione delle armi chimiche. Questa raccomandazione includeva, tra l'altro, l&# 39;invio di specialisti al sito dell'attacco chimico a Khan Sheikun e alla base aerea Shayrat, dove l'esercito siriano presumibilmente conservava munizioni chimiche. Il ministero ha osservato che Mulet non ha seguito la raccomandazione e preferisce fare un'indagine a distanza.
 
"Ha fatto ogni sforzo per giustificare la versione dei fatti che, anche prima della apertura dell'inchiesta è stata già annunciata da Washington e da altre capitali occidentali come l'unica possibile. Cioè, la versione del presunto attacco del Syrian Air Force con munizioni chimiche. Tutti i dati raccolti dal meccanismo investigativo sono stati adeguati a questa conclusione. Gli altri possibili scenari della relazione sono indicati in modo puramente formale e praticamente ignorati", prosegue la nota della Diplomazia russa.
 
La dichiarazione afferma che la relazione della missione dell'OPCW è di basso livello dal punto di vista professionale e supera "i limiti del dilettantismo". "La principale conclusione circa la presunta colpevolezza di Damasco nell'uso del sarin era assolutamente insostenibile", dicono al Ministero russo degli affari esteri.
 
"Non permettere la politicizzazione dell'OPCW"
 
Da parte sua, il rappresentante permanente della Russia al OPCW, Alexander Shulguín, ha dichiarato che i risultati degli esperti che l'attacco gas sarin nella Khan Shaykhun sia stato effettuato da Damasco sono basate su prove indiziarie.
 
In una riunione dell'OPCW che si è svolta il 9 novembre scorso all'Aia, Shulguín ha chiesto di impedire ulteriori politicizzazione dell'organizzazione. "La gente non giunge alle giuste conclusioni, quindi ho detto che è importante per noi non permettere una maggiore politicizzazione della nostra organizzazione", ha sottolineato il rappresentante russo.
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: http://www.mid.ru - The New York Times
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: Sputnik

La Siria confida nelle misure di Rohani e Putin per risolvere la crisi

La Siria è fiduciosa che le misure di Russia e Iran porranno fine sia ai conflitti che al terrorismo nel paese arabo.

"Tutte le azioni e le misure adottate dai presidenti Putin e Rohani contribuiranno alla soluzione della...
Notizia del:     Fonte: The Times of Israel

Netanyahu minaccia di attaccare gli obiettivi dell'Iran in Siria

Il primo ministro israeliano afferma che il suo esercito è pronto a colpire e attaccare obiettivi iraniani sul suolo siriano.

Durante una conversazione con il presidente francese Emmanuel Macron, il primo ministro israeliano Benyamin Netanyahu...
Notizia del:     Fonte: The Washington Post

"Gli Stati Uniti hanno intenzione di preservare la propria presenza militare in Siria dopo aver eliminato l'ISIS"

Washington vuole creare nuove strutture amministrative in Siria che non siano collegate a Damasco.

Le autorità degli Stati Uniti intendono mantenere la propria presenza militare nel nord della Siria, dopo...
Notizia del:     Fonte: TASS

Netanyahu a Putin: Israele non permetterà all'Iran di guadagnare terreno in Siria

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha detto al presidente russo Vladimir Putin durante la loro conversazione telefonica che Israele non accetterà i tentativi dell'Iran di ottenere un punto d'appoggio in Siria.

"Una conversazione ha avuto luogo [tra Netanyahu e Putin ndt] ed è durata circa mezz'ora. Hanno...
Notizia del:

'Incontro di Assad e Putin mostra il fallimento della politica di Israele'

L'ex primo ministro israeliano, Ehud Barak ha affermato che la visita del presidente siriano Bashar al-Assad in Russia dimostra la sconfitta della politica israeliana.

L'ex primo ministro israeliano Ehud Barak, in una serie di messaggi pubblicati ieri sul suo account del social...
Notizia del:

Lugansk: arresti ai vertici dell'intelligence della LNR

Uomini armati del Berkut e di altri non meglio precisati reparti delle forze armate della Repubblica popolare stanno presidiando gli edifici e le aree attigue al Ministero degli Interni

di Fabrizio Poggi Situazione non esattamente chiara in queste ore a Lugansk. Uomini armati del Berkut e...
Notizia del:     Fonte: Haaretz

Israele riconosce che Assad ha vinto la guerra contro i terroristi

Il ministro della Difesa israeliano, Avigdor Lieberman, riconosce che la Siria ha vinto la lotta contro il gruppo terroristico ISIS (Daesh, in arabo) e allo stesso tempo chiede al suo governo lo stanziamento di altri fondi per le forze armate per la presenza di Iran e Hezbollah nel paese arabo.

Il presidente siriano "(Bashar) al-Assad haterminato la lotta, perché ora controlla il 90 per cento...
Notizia del:     Fonte: http://kremlin.ru

Putin incontra Assad in Russia e dichiara: Vinta la guerra contro i terroristi, bisogna trovare una soluzione politica

Putin ha ricevuto oggi il suo omologo siriano, Bashar al-Asad, a Sochi e si è congratulato con lui per la fine dell'operazione militare contro il terrorismo nel paese arabo.

"Voglio congratularmi con voi per i risultati ottenuti dalla Siria nella lotta contro il terrorismo. (...)...
Notizia del:

Dalla Nunziatella spirano venti di guerra su Napoli

Dalle notizie che trapelano dall’accordo di Bruxelles sembra che nello specifico l’hub formativo di Napoli si specializzerà sugli attacchi a distanza ovvero la guerra coi droni. Wargames

da Contropiano   Venti di guerra spirano su Napoli. Nessun attacco in vista ma la conferma che l’accademia...
Notizia del:     Fonte: Al Manar

Hezbollah celebra la sconfitta dell'ISIS in Siria, nonostante i sabotaggi degli USA

Il segretario generale di Hezbollah Seyed Hassan Nasrallah ha celebrato la fine dell'ISIS in Siria nonostante il sostegno degli Stati Uniti a questo gruppo terroristico.

Durante un discorso televisivo, Nasrallah, questa sera, ha fatto riferimento alla recente liberazione della città...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Le "scatole cinesi" dietro le corporazioni dei diritti umani: lo strano caso di una ONG "siriana" in tour a Roma

di Marinella Correggia - Sibialiria   La Ong siriana CCSD (Center for Civil Society and Democracy), registrata in Turchia, Usa e Kurdistan iracheno è al centro di una serie di incontri...
Notizia del:

I soldi dei servizi segreti per influenzare i mass media

Un articolo uscito il 16 novembre scorso, ha svelato non solo l’esistenza di molti conti bancari dei servizi segreti dentro la Banca Popolare di Vicenza, ma anche e soprattutto l’obiettivo di questa liquidità finanziaria dei servizi segreti: far arrivare soldi a chi in qualche modo è vicino o dà una mano all’attività dei servizi

di Federico Rucco - Contropiano   Il Sole 24 Ore è un giornale propriamente padronale, nel senso...
Notizia del:     Fonte: Sputnik

La Siria confida nelle misure di Rohani e Putin per risolvere la crisi

La Siria è fiduciosa che le misure di Russia e Iran porranno fine sia ai conflitti che al terrorismo nel paese arabo.

"Tutte le azioni e le misure adottate dai presidenti Putin e Rohani contribuiranno alla soluzione della...
Notizia del:     Fonte: The Times of Israel

Netanyahu minaccia di attaccare gli obiettivi dell'Iran in Siria

Il primo ministro israeliano afferma che il suo esercito è pronto a colpire e attaccare obiettivi iraniani sul suolo siriano.

Durante una conversazione con il presidente francese Emmanuel Macron, il primo ministro israeliano Benyamin Netanyahu...
Notizia del:     Fonte: The Washington Post

"Gli Stati Uniti hanno intenzione di preservare la propria presenza militare in Siria dopo aver eliminato l'ISIS"

Washington vuole creare nuove strutture amministrative in Siria che non siano collegate a Damasco.

Le autorità degli Stati Uniti intendono mantenere la propria presenza militare nel nord della Siria, dopo...
Notizia del:     Fonte: Reuters

L'Arabia Saudita acquisterà 7 miliardi di dollari in munizioni di precisione dagli Stati Uniti

L'Arabia Saudita è pronta ad acquistare munizioni di precisione da aziende statunitensi per un valore di 7 miliardi di dollari, secondo quanto riferisce l'agenzia Reuters.

Riyadh ha accettato di acquistare munizioni di precisione dagli appaltatori della difesa degli Stati Uniti, secondo...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Zimbabwe: 3 passaggi chiave per comprendere il golpe

Il panorama politico in Zimbabwe è mutato in pochi giorni con il licenziamento di Emmerson Mnangagwa, passando per il colpo di Stato e le dimissioni di Robert Mugabe, dopo oltre 30 anni di governo

La destituzione del vicepresidente Robert Mugabe destituisce Emmerson Mnangagwa dalla vicepresidenza il...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa