/ Venezuela: ecco il saldo della violenza terrorista scatenata dall...

Venezuela: ecco il saldo della violenza terrorista scatenata dall'opposizione

Venezuela: ecco il saldo della violenza terrorista scatenata dall'opposizione
 

Il bilancio sanguinoso dei mesi di violenza terrorista imposta da un'opposizione irresponsabile e intrinsecamente golpista

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Fabrizio Verde
 

Da aprile a luglio di quest’anno il Venezuela è stato investito da un’ondata di violenza golpista scatenata dalle forze di opposizione. Proprio come nel 2014 quando con il piano denominato ‘La Salida’, le forze di opposizione volevano rovesciare il governo legittimamente eletto attraverso la violenza. 

 

In alcuni ben precisi e circoscritti punti del paese si sono verificati atti di violenza, anche apertamente terrorista, promossi da un’opposizione che non ha mai abbandonato la via eversiva. Anche per volere dei burattini che ne tirano i fili direttamente da quel di Washington. Purtroppo anche questa volta a pagare il prezzo più caro è stato il popolo venezuelano. 

 

Tra gli organizzatori troviamo i principali dirigenti dell’opposizione. Quella stessa recentemente premiata dall’Unione Europea con il Premio Sakharov per i diritti umani. I dirigenti che saranno giudicati per crimini come incitamento all’odio, sono: Julio Borges, Ramón Muchacho, Miguel Pizarro, Henrique Capriles, Gaby Arellano, Juan Requesens, David Smolansky, María Machado, José Manuel Olivares, Juan Guaidó, Carlos Paparoni, Freddy Guevara. Costoro hanno fomentato la spirale di violenza parte di un vasto piano insurrezionale con supporto internazionale dei soliti noti. 

 

I piani golpisti sono però stati sconfitti grazie alla lungimirante strategia messa in campo dal presidente Maduro. Attraverso la convocazione di un’Assemblea Nazionale Costituente, secondo quanto prevede la Costituzione della Repubblica Bolivariana del Venezuela. Tale iniziativa trovò pieno sostegno del popolo venezuelano. In 8 milioni si recarono alle urne nonostante un clima da guerra civile, con attentati terroristici, creato dai gruppi di assalto paramilitari al servizio dell’opposizione. 

 

Quattro mesi dopo l’insediamento, l’Assemblea Nazionale Costituente ha approvato una importante ‘Legge contro l’Odio, per la Convivenza Pacifica e la Tolleranza’, allo scopo di difendere il diritto alla pace e punire i comportamenti violenti ed eversivi. Miranti, inoltre, a colpire la sovranità venezuelana. 

 

La legge è stata elaborata dalla Commissione per la Verità, la Giustizia, la Pace e la Tranquillità pubblica (Covejuspaz), che ha inoltre fornito alcune cifre molto eloquenti.

Un’ulteriore smentita alle tonnellate di fake news propalate dal circuito informativo mainstream che per mesi ha accusato il governo venezuelano di praticare una feroce repressione a fronte di proteste pacifiche. Offrendo una realtà semplicemente capovolta. Dove le vittime diventano carnefici. 



 

Il segretario esecutivo della commissione e del Consiglio Nazionale dei Diritti Umani, durante un’audizione davanti all’Assemblea Nazionale Costituente, ha spiegato che:

 

  • Tra aprile e luglio, 4.439 atti di violenza sono stati perpetrati nelle principali città del paese.

 

  • 121 persone sono state uccise e 1.958 persone ferite, di queste 829 sono ufficiali degli organi di sicurezza statale, 73 feriti da armi da fuoco.

 

  • La violenza dell'opposizione ha generato inoltre 917 attacchi contro le imprese e gli stabilimenti privati e 913 attacchi contro le istituzioni pubbliche.

 

  • 10 scuole sono state attaccate e parzialmente distrutte durante questi eventi.

 

  • Sono stati attaccati otto ospedali, uno di questi è il pediatrico Hugo Chávez, che si trova a El Valle, Caracas, dove 54 bambini erano ricoverati, tra cui 28 neonati e 6 bambini in terapia intensiva, che per sicurezza furono costretti al trasferimento.

 

  • 166 unità di trasporto sono state distrutte.

 

  • Le organizzazioni pubbliche hanno ricevuto un totale di 300 attacchi.

 

  • 2 centri di stoccaggio di cibo sono stati bruciati.

 

  • 12 stazioni della metropolitana di Caracas sono state vandalizzate.

 

  • Il Sistema Elettrico Nazionale ha subito 30 attacchi.

 

 

In due messi e mezzo di lavoro la Covejuspaz ha ascoltato 178 vittime dirette e indirette delle violenze, 71 familiari delle vittime, 85 feriti e 22 persone che hanno subito attacchi ai propri beni.  

 

 

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: AVN
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: Euronews

Russia: Gli Stati Uniti intendono rimanere in Siria per sempre

Gli Stati Uniti cercano di separare una vasta regione dal resto del territorio siriano, ha avvertito ieri il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, il quale ha ribadito che Washington intende rimanere nel paese arabo a tempo indefinito.

"(Gli statunitensi) sembrano voler dividere gran parte del territorio siriano dal resto del paese, per creare...
Notizia del:     Fonte: Al Manar

Nasrallah: Possiamo distruggere le piattaforme petrolifere israeliane nel giro di poche ore

Il segretario generale di Hezbollah Sayyed Hassan Nasrallah ribadisce che la presenza degli USA nella regione è data dalla volontà di impadronirsi delle risorse naturali.

In occasione della ricorrenza del martirio di due leader del Movimento di resistenza libanese Hezbollah, il segretario...
Notizia del:

Attivista indigena denuncia: «I media nascondono gli interessi europei in Guatemala»

La redazione di Cubainformación TV ha intervistato Aura Lolita Chávez Ixcaquic

di Fabrizio Verde   Aura Lolita Chávez Ixcaquic, leader del Consiglio dei popoli K'iche per...
Notizia del:

Turchia, il primo ministro Yildirim afferma che Ankara è pronta a combattere contro gli Usa

Intervistato dall’emittente televisiva tedesca ‘Ard’, il primo ministro turco Binali Yildirim, ha dichiarato che la Turchia «ha un problema con le Ypg» e che nel caso gli Stati Uniti decidessero di entrare in guerra al fianco dei curdi siriani, «combatteremo anche contro di loro»

  Aumentano le tensioni in Siria tra Turchia e Stati Uniti. il governo di Ankara si è infatti detto...
Notizia del:     Fonte: TASS

Russia: Al-Nusra e 'Caschi bianchi' preparano un attacco chimico per accusare Damasco

Il gruppo terroristico di Al-Nusra (noto anche come il fronte Fath Al-Sham) e il corpo chiamato 'Caschi Bianchi' hanno trasportato più di 20 contenitori di cloro verso un villaggio situato nella provincia siriana di Idlib per preparare un attacco chimico e quindi accusare il governo siriano di questo crimine.

"La sera del 12 febbraio il Centro russo per la riconciliazione delle parti in guerra ha ricevuto una telefonata...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Abbas a Putin: Gli USA non siano l'unico mediatore nel conflitto con Israele

Arrabbiato dai recenti passi di Washington a favore di Israele, il presidente palestinese Mahmoud Abbas ha espresso la sua opposizione all'omologo russo Vladimir Putin nei riguardi degli Stati Uniti come unico mediatore nei negoziati di pace con il regime Tel Aviv.

"In questo ambiente, prodotto delle azioni degli Stati Uniti, dichiariamo che da questo momento ci rifiutiamo...
Notizia del:

Venezuela: l'impatto delle sanzioni USA colpisce tutto il popolo

L'economista e direttore di Datanalisis, Luis Vicente León, ha chiarito che le sanzioni applicate al Venezuela colpiscono tutti allo stesso modo

da Lechuguinos   Il direttore della società Datanalisis in Venezuela, Luis Vicente León,...
Notizia del:

Il governo di Caracas respinge i tentativi USA di provocare un colpo di stato in Venezuela

Telesur (Traduzione de l'AntiDiplomatico) Il governo della Repubblica bolivariana del Venezuela ha chiesto a Washington di "fermare immediatamente tutti gli assalti e le minacce"...
Notizia del:     Fonte: TASS

Russia: L'ISIS usa base USA per salvarsi dall'esercito siriano

La Russia torna a denunciare la presenza illegale degli Stati Uniti in Siria che, lungi dal contribuire alla sconfitta del gruppo terroristico ISIS (Daesh in arabo), gli prepara una zona sicura nlla sua base nel paese, facilitando così la sua fuga dall'esercito siriano.

"L'ISIS si sente a proprio agio ad Al-Tanf (che si trova vicino al confine con la Giordania e l'Iraq),"...
Notizia del:     Fonte: http://www.redstar.ru

Siria, gli Stati Uniti hanno fatto crollare di proposito un ponte costruito dai militari russi

Gli esperti siriani ritengono che le serrature di una diga vicina siano state aperte con lo scopo deliberato di distruggere il ponte costruito dagli ingegneri russi.

Un'indagine condotta da specialisti siriani ha stabilito che la distruzione, il 7 gennaio scorso, di un ponte...
Le più recenti da ALBA LATINA
Notizia del:

Attivista indigena denuncia: «I media nascondono gli interessi europei in Guatemala»

La redazione di Cubainformación TV ha intervistato Aura Lolita Chávez Ixcaquic

di Fabrizio Verde   Aura Lolita Chávez Ixcaquic, leader del Consiglio dei popoli K'iche per...
Notizia del:

Honduras, la denuncia di Nasralla: «Hernandez controlla il crimine organizzato»

Intanto il partito di governo dopo aver scippato l'elezione accusa i leader dell'opposizione di fomentare la violenza e di collegamenti con il narcotraffico

  Oltre il danno la beffa. I leader dell’opposizione in Honduras - il candidato dell’Alleanza...
Notizia del:

Venezuela: l'impatto delle sanzioni USA colpisce tutto il popolo

L'economista e direttore di Datanalisis, Luis Vicente León, ha chiarito che le sanzioni applicate al Venezuela colpiscono tutti allo stesso modo

da Lechuguinos   Il direttore della società Datanalisis in Venezuela, Luis Vicente León,...
Notizia del:

Il governo di Caracas respinge i tentativi USA di provocare un colpo di stato in Venezuela

Telesur (Traduzione de l'AntiDiplomatico) Il governo della Repubblica bolivariana del Venezuela ha chiesto a Washington di "fermare immediatamente tutti gli assalti e le minacce"...
Notizia del:

L’aggressione al Venezuela.  E’ imminente l’invasione militare dalla Colombia?

Mentre il presidente colombiano Juan Manuel Santos ordina di chiudere la frontiera con il Venezuela e muove 3.000 militari nell’area, e mentre il capo del comando Sud degli Stati uniti, Kurt Tidd,...
Notizia del:

Trump pianifica un golpe alla Pinochet in Venezuela

di W. Madsen - Strategic Culture (traduzione di Alessandro Lattanzio, Sito Aurora) L’amministrazione retrograda di Donald Trump progetta un colpo di Stato militare in Venezuela per estromettere...
Notizia del:

Ecuador, la Commissione inter-americana dei diritti dell'uomo contro il referendum di Moreno

La Commissione interamericana per i diritti umani ha affermato che il Consiglio di partecipazione dell'Ecuador deve continuare a funzionare nonostante il referendum che lo ha di fatto sciolto. Il...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa