/ 18 milioni a rischio, o già in povertà, un altro grande successo ...

18 milioni a rischio, o già in povertà, un altro grande successo di Euro e Ue

18 milioni a rischio, o già in povertà, un altro grande successo di Euro e Ue
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Giorgio Cremaschi

Secondo gli ultimi dati ISTAT in Italia 18 milioni di persone sono a rischio o sono già precipitate nella povertà. Se vogliamo essere più precisi, utilizzando altri dati dell'istituto di statistica, in Italia abbiamo 4 milioni di poveri "assoluti", cioè che non ce la fanno a comprare i beni fondamentali per vivere, 8 milioni di poveri "relativi" appena un gradino sopra gli altri; e altri 6 milioni di persone che stanno precipitando verso di loro. Sì perché la situazione sociale del paese, nonostante gli ottimismi di banche, grandi imprese e governo, sta degradando: i ricchi diventano più ricchi e i poveri sono sempre di più. E aumentano anche le divaricazioni territoriali. I poveri sono quasi un terzo della popolazione residente in Italia, ma nel Mezzogiorno diventano quasi la metà, mentre al Nord sono uno su cinque. Nel frattempo il 20% più ricco vede aumentare notevolmente le proprie entrate, anzi si può dire che gran parte dell'aumento del reddito che viene registrato, vada a chi ne avrebbe meno bisogno. La ricchezza del paese cresce solo con la ricchezza dei ricchi, scusate il gioco di parole. 

Più della metà delle famiglie italiane vivono con 24000 euro all'anno. Non è ancora la povertà, ma secondo lo stesso ISTAT con questo reddito si è molto vicini ad essa. Ricordiamo che questi soldi corrispondono a 48 milioni delle vecchie lire, con i quali nel passato non si sarebbe certo stati inclusi tra chi se la passa male. Certò c'è stata un poco di inflazione, ma se pensiamo alle promesse di benessere per tutti che furono diffuse dai fautori della moneta unica, non c'è smentita ad esse più chiara e brutale. 



Il combinato dell'Euro, delle politiche di austerità, dei trattati che da Maastricht al Fiscal Compact l'hanno codificata e imposta, del dominio economico della Germania travestito da Unione Europea; tutto questo assieme naturalmente alle decisioni di TUTTI i governi che si sono succeduti, ha fatto dell'Italia uno dei paesi più ingiusti d'Europa. Anche su questo le statistiche sono terribilmente chiare. 

L'Italia ha un indice di Gini, quello che misura la diseguaglianza sociale, tra i più elevati del continente. Per la precisione nella UE siamo al ventesimo posto. Peggio, e non di molto rispetto a noi stanno solo Spagna, Grecia e Portogallo. I PIGS, come vennero chiamati in un acronimo che vuol dire maiali, i paesi del Sud Europa devastati e colonizzati dal rigore liberista europeo. Ora questi paesi sono tutti in fondo alla classifica della giustizia sociale e in testa a quella del dilagare della povertà. 

Qualche anno fa Mario Monti affermò come la Grecia fosse il più grande successo dell'Euro, lo disse davvero, convinto, non è un fake. Ora questo successo dilaga nel nostro paese, come in tanti altri. Fino a che non ci sbarazzeremo di questi successi e di chi li persegue, la povertà continuerà a raggiungere record dopo dopo record.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:

Le prove della guerra economica contro il Venezuela

Questa realtà è innegabile e nessun paese è soggetto a questo tipo di assedio economico, ad alta intensità e persistenza

di Alfredo Serrano Mancilla - CELAG   Proibito vedere l’ovvio. Questa frase trovata su un murales...
Notizia del:

Non è la Russia ma Israele a intossicare l'informazione. Lo scandalo che scompare prima che sia troppo tardi

Così come è stato per l’indecente storia dei servizi segreti italiani (che, tramite mazzette, pilotavano  l’opinione pubblica ), scompare prima di nascere lo “scandalo”...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Il Fondo Monetario Internazionale spinge l'Argentina verso il baratro: chiede più austerità e privatizzazioni

di Fabrizio Verde   Da quando la coalizione Cambiemos guidata dall’imprenditore Mauricio Macri è andata al potere in Argentina, l’ortodossia neoliberista è ripiombata...
Notizia del:

Siamo nel paese dove la realtà è capovolta

di Nicolò Monti Siamo nel paese dove nell'ultimo giorno di scuola prima delle feste, uno studente si infortuna in azienda durante l'Alternanza Scuola/Lavoro, dove i supermercati sono...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Nazionalizzazione di risorse e aziende strategiche. Così la Bolivia ha raggiunto crescita e sovranità

Il lungo ventennio neoliberista è stato invece segnato dal saccheggio delle risorse naturali imposto attraverso politiche dettate da Washington attraverso il Fondo Monetario Internazionale

di Fabrizio Verde   «Grazie alla nazionalizzazione degli idrocarburi, abbiamo deciso con il supporto...
Notizia del:

Cari Grasso e Boldrini non siete credibili

di Francesco Valerio Della Croce Due presidenti delle Camere che si presentano oggi paladini di sinistra e Costituzione, mentre in 5 lunghi anni non hanno mosso un mignolo per dare a vedere questo...
Notizia del:

Video shock sulla povertà in Venezuela.... Ah no scusate è la Colombia

La denuncia del giornalista venezuelano Oswaldo Rivero

  Gli stessi media internazionali che utilizzano fiumi d’inchiostro e servizi lunghissimi per provare...
Notizia del:

Quanti disoccupati ci sono in Italia?

Allo stato attuale è classificato come “occupato” chiunque, di età superiore ai 14 anni, abbia lavorato almeno un’ora nella settimana di riferimento, a fronte di una retribuzione

di Gennaro Zezza - economia e politica   Il tasso di disoccupazione è una delle...
Notizia del:

Il crollo del consenso politico tedesco potrebbe propagarsi sull'Europa

  di Cui Hongjian* - Global Times Il fallimento di una coalizione tripartita tra la Democrazia Cristiana del Cancelliere tedesco Angela Merkel (CDU), il Partito Democratico Libero (FDP) e...
Notizia del:

Ci hanno impedito di abbracciare Leila, non ci impediranno di ascoltare la sua voce e quella di tutti i popoli oppressi

Napoli non si piega al nazismo. Non lo fece nemmeno quando, unica città in Italia, in quattro giorni cacciò via i nazisti tedeschi, nel 1943. "Adesso vi facciamo vedere noi chi sono...
Le più recenti da Dalla parte del lavoro
Notizia del:

Oggi manifestiamo a Ghedi contro la criminale installazione di nuove bombe atomiche in Italia

di Giorgio Cremaschi La decisione di Gentiloni e di chi l'ha preceduto di installare a Ghedi e ad Aviano 80 bombe atomiche di nuova generazione, cioè fatte per essere usate magari con...
Notizia del:

SPORCHI ASSASSINI, ANCORA UNA STRAGE DI OPERAI

"All'interno della città più ricca ed europea d'Italia, Milano, si è uccisi sul lavoro come nell'800"

di Giorgio Cremaschi Adesso sentiremo le solite frasi di cordoglio, che dureranno meno del solito perché...
Notizia del:

Cremaschi, ecco perché mi candido con "Potere al Popolo"

"Nasce una lista diversa da tutte le altre, che si propone di organizzare il popolo oppresso e sfruttato ben oltre la scadenza elettorale.  Forza con le firme e poi ..Potere al Popolo."

di Giorgio Cremaschi  Le compagne e i compagni di Bologna, per l'uninominale, e di Napoli, per...
Notizia del:

VIDEO. La bufala del "boom degli occupati" smontata in pochi minuti in TV

di Giorgio Cremaschi Sono stato invitato alla trasmissione di La7 "L'aria che tira". Si doveva parlare di lavoro e ci era stato chiesto di portare tabelle per illustrare la nostra...
Notizia del:

Valanga di aumenti di tariffe. E' la privatizzazione, bellezza.

di Giorgio Cremaschi Gas, elettricità, autostrade, persino l'acqua che avrebbe dovuto restare pubblica, con l'inizio dell'anno una valanga di aumenti di tariffe di servizi essenziali...
Notizia del:

IL PROSSIMO 20 GENNAIO MANIFESTIAMO CONTRO LE CRIMINALI BOMBE ATOMICHE ITALIANE

Mentre i mass media concentrano l'attenzione sulla disfida dei bottoni nucleari tra Kim e Trump, il governo italiano, zitto zitto quatti quatto, installa le sue criminali bombe atomiche. Il governo...
Notizia del:

EUROSTOP con i suoi tre No a UE, Euro e Nato partecipa alla lista #Poterealpopolo

 Non abbiamo le stesse posizioni su tutto con tutte e tutti coloro che promuvono la lista, ma su molto sì. Quanto basta per definire un programma avanzato, unico in Italia. E soprattutto...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa