/ "Non è per una sola testata che scendiamo in piazza." L'appello d...

"Non è per una sola testata che scendiamo in piazza." L'appello degli organizzatori della manifestazione antifascista di sabato a Ostia

Non è per una sola testata che scendiamo in piazza. L'appello degli organizzatori della manifestazione antifascista di sabato a Ostia
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Riceviamo e immediatamente pubblichiamo questo comunicato di Ostia Solidale - Assemblea 9/11
 

Le realtà e i singoli riuniti nell’assemblea del 9 novembre lanciano un appello di adesione alla manifestazione dell’11 novembre a Ostia.
 

Non è per una sola testata che scendiamo in piazza. Ma per la storia e le responsabilità politiche che hanno come triste epilogo il violento gesto contro il giornalista.
 

Durante il commissariamento le istituzioni si sono trincerate dentro le stanze del Municipio lasciando i cittadini ad affrontare l’ascesa dei fascisti del terzo millennio a suon di aggressioni e pacchi alimentari, e di un pezzo di criminalità che schiva i grandi processi e stringe alleanze economico-politiche proprio con Casa Pound Ostia.
 

Nel silenzio dei grandi partiti in questi anni è continuata a crescere la disoccupazione, la dispersione scolastica, l’impoverimento. la mancanza di casa, la mancanza di luoghi culturali e sociali.


Questo ha permesso a fascisti e criminali di accrescere il loro consenso, speculando sulla disperazione e i bisogni della gente.
I grandi poteri del territorio non sono stati toccati e la mafia su Ostia è diventata folklore, dimenticando le grandi speculazioni dei mondiali di nuoto, del porto turistico, delle opere compensative mai realizzate e tanto altro…


Al contrario di quanto dichiarato dall’ ex commissario prefettizio Vulpiani, in questi anni non c’è stata nessuna tregua.

Si sono susseguite aggressioni, intimidazioni e minacce, e i veri problemi del quartiere non sono stati risolti.


Sono anni che i cittadini, i militanti, gli studenti e i volontari denunciano il clima che si respira sul territorio, e siamo rammaricati che sia stata l’aggressione a un giornalista Rai a risvegliare l’attenzione su una situazione che fino a quando ha riguardato semplici cittadini non ha avuto l’onore delle prime pagine.


Per tutto questo se i rappresentanti delle istituzioni decideranno di intervenire sabato gli verrà chiesto di sfilare come tutti gli altri, non in prima fila.


Saranno i cittadini antifascisti a scendere in piazza perché c’è la necessita di ritrovarsi intorno a valori comuni, perché “ la mafia è una montagna di merda” si, e noi sappiamo bene da dove arriva.


Sabato scendiamo in piazza per uscire dall’isolamento a cui media e istituzioni ci hanno condannato, ribadendo che il vero degrado delle periferie sono il fascismo la mafia.


Assemblea del 9 novembre 2017

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: Euronews

Russia: Gli Stati Uniti intendono rimanere in Siria per sempre

Gli Stati Uniti cercano di separare una vasta regione dal resto del territorio siriano, ha avvertito ieri il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, il quale ha ribadito che Washington intende rimanere nel paese arabo a tempo indefinito.

"(Gli statunitensi) sembrano voler dividere gran parte del territorio siriano dal resto del paese, per creare...
Notizia del:     Fonte: Al Manar

Nasrallah: Possiamo distruggere le piattaforme petrolifere israeliane nel giro di poche ore

Il segretario generale di Hezbollah Sayyed Hassan Nasrallah ribadisce che la presenza degli USA nella regione è data dalla volontà di impadronirsi delle risorse naturali.

In occasione della ricorrenza del martirio di due leader del Movimento di resistenza libanese Hezbollah, il segretario...
Notizia del:

Jean-Luc Melenchon da Napoli: «La Russia non è un nostro nemico»

Il leader francese invita anche a contrastare le politiche guerrafondaie della NATO

  Dall’ex Opg di Napoli dove si è recato per un incontro con gli esponenti della lista Potere...
Notizia del:

Consiglio Mondiale della Pace: "E' un dovere difendere le vittorie della Siria contro il terrorismo, per il dialogo e la sovranità"

di Socorro Gomes, presidente del Consiglio Mondiale della Pace da cebrapaz.org.br Traduzione di Marx21.it Le forze di pace giudicano con ottimismo i progressi della Siria di fronte...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News - Al Mayadeen

L'Esercito siriano rifiuta la proposta delle YPG di entrare ad Afrin, ma continuerà a permettere il passaggio dei rinforzi curdi da Aleppo

Il portale di notizie 'Al Masdar News' ha smentito che l'esercito siriano entrerà ad Afrin, nord della Siria, per combattere l'aggressione turca, rifiutando la proposta delle YPG curde.

Ieri il canale libanese 'Al Mayadeen' ha annunciato che "lo schieramento di truppe siriane nei prossimi...
Notizia del:     Fonte: http://redstar.ru

La Russia ha lanciato più di 100 missili da crociera durante l'operazione anti-terrorismo in Siria

Il gruppo di attacco della portaerei russa nel Mediterraneo è riuscito a raggiungere più di 1.250 obiettivi terroristici in Siria.

Durante l'operazione antiterrorismo in Siria la marina russa ha lanciato contro le posizioni dei terroristi...
Notizia del:     Fonte: SANA

Cuba: sosteniamo la Siria e apprezziamo la sua fermezza contro il terrorismo e l'imperialismo

Cuba ribadisce la sua solidarietà e appoggio alla Siria elogiando la fermezza dei siriani di fronte al terrorismo e all'imperialismo.

Durante il suo incontro con il ministro siriano dell'Istruzione superiore, Atef Nadaf, a L'Avana, ieri,...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa