/ Non basta postare il testo di Gramsci sul Capodanno. Bisogna appl...

Non basta postare il testo di Gramsci sul Capodanno. Bisogna applicarlo durante l'anno

Non basta postare il testo di Gramsci sul Capodanno. Bisogna applicarlo durante l'anno
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

di Francesco Valerio della Croce


Come ogni anno, gira tanto oggi un testo famosi di Gramsci sul #Capodanno. Mi fa piacere, spero che il suo significato sia colto nel senso più autentico: la nostra vita non può essere spezzettata artificialmente, specie quanto più è autentica e frutto di una scelta di impegno. Ogni giorno è Capodanno significa augurarsi e impegnarsi a continuare, per chi non l'ha ancora fatto l'augurio è quello di cominciare. A fare cosa? A scegliere, essere partigiani, a lottare. Perchè le cose che non ci piacciono non cambieranno da sole. 

Buon 2018, continuiamo, lottiamo insieme.


.................................
 

Ogni mattino, quando mi risveglio ancora sotto la cappa del cielo, sento che per me è capodanno.

Perciò odio questi capodanni a scadenza fissa che fanno della vita e dello spirito umano un’azienda commerciale col suo bravo consuntivo, e il suo bilancio e il preventivo per la nuova gestione. Essi fanno perdere il senso della continuità della vita e dello spirito. Si finisce per credere sul serio che tra anno e anno ci sia una soluzione di continuità e che incominci una novella istoria, e si fanno propositi e ci si pente degli spropositi, ecc. ecc. È un torto in genere delle date.

Dicono che la cronologia è l’ossatura della storia; e si può ammettere. Ma bisogna anche ammettere che ci sono quattro o cinque date fondamentali, che ogni persona per bene conserva conficcate nel cervello, che hanno giocato dei brutti tiri alla storia. Sono anch’essi capodanni. Il capodanno della storia romana, o del Medioevo, o dell’età moderna.

E sono diventati così invadenti e così fossilizzanti che ci sorprendiamo noi stessi a pensare talvolta che la vita in Italia sia incominciata nel 752, e che il 1490 0 il 1492 siano come montagne che l’umanità ha valicato di colpo ritrovandosi in un nuovo mondo, entrando in una nuova vita. Così la data diventa un ingombro, un parapetto che impedisce di vedere che la storia continua a svolgersi con la stessa linea fondamentale immutata, senza bruschi arresti, come quando al cinematografo si strappa il film e si ha un intervallo di luce abbarbagliante.

Perciò odio il capodanno. Voglio che ogni mattino sia per me un capodanno. Ogni giorno voglio fare i conti con me stesso, e rinnovarmi ogni giorno. Nessun giorno preventivato per il riposo. Le soste me le scelgo da me, quando mi sento ubriaco di vita intensa e voglio fare un tuffo nell’animalità per ritrarne nuovo vigore.

Nessun travettismo spirituale. Ogni ora della mia vita vorrei fosse nuova, pur riallacciandosi a quelle trascorse. Nessun giorno di tripudio a rime obbligate collettive, da spartire con tutti gli estranei che non mi interessano. Perché hanno tripudiato i nonni dei nostri nonni ecc., dovremmo anche noi sentire il bisogno del tripudio. Tutto ciò stomaca.

Aspetto il socialismo anche per questa ragione. Perché scaraventerà nell’immondezzaio tutte queste date che ormai non hanno più nessuna risonanza nel nostro spirito e, se ne creerà delle altre, saranno almeno le nostre, e non quelle che dobbiamo accettare senza beneficio d’inventario dai nostri sciocchissimi antenati.
 

Antonio Gramsci, 1 gennaio 1916, Avanti!, edizione torinese, rubrica Sotto la Mole.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da A Testa Alta
Notizia del:

Liberi e Uguali al PD. Cade la maschera in Lombardia e anche nel Lazio

di Francesco Valerio della Croce* Apprendiamo che il 4 marzo Liberi e Uguali voterà alle politiche contro Renzi, in Lombardia e Lazio a suo favore alleandosi col Pd. Lo stesso giorno. Cade...
Notizia del:

"80 miliardi di euro rapinati al popolo da grandi imprese e banche in questa legislatura. Riprendiamoceli nella prossima!"

Nell'ultima legislatura, almeno dal 2014, è stata trasferita dallo Stato a imprese e banche una somma superiore a 80 miliardi di euro. Una grande rapina sulle spalle del nostro popolo. Immagino...
Notizia del:

Se non ti sottometti ti deporto

di Francesco Valerio Della Croce Se non ti sottometti ti deporto: le relazioni di lavoro nel 2017. In provincia di Torino una lavoratrice che rifiuta di lavorare di domenica 31 dicembre viene punita...
Notizia del:

Cari Grasso e Boldrini non siete credibili

di Francesco Valerio Della Croce Due presidenti delle Camere che si presentano oggi paladini di sinistra e Costituzione, mentre in 5 lunghi anni non hanno mosso un mignolo per dare a vedere questo...
Notizia del:

Fiscal Compact, il velo di bugie che ricopre la distruzione totale delle nostre vite e dei nostri diritti

Una volta mi hanno detto che essere contro questa UE e l'integrazione europea significa essere contro il futuro. Mi è capitato di passare in scuole superiori e trovare lavagne ultramoderne...
Notizia del:

"Come si fa a stare dalla parte della Costituzione e non essere per la rottura dell'Unione europea?"

Lavoro, libertà, uguaglianza, diritti: molti esponenti dei partiti parlamentari ripetono sempre più queste parole, man mano che marzo elettorale si avvicina. "Queste parole sono scritte...
Notizia del:

Lasciate stare il logo. Sono queste parole di Grasso il loro vero "simbolo"

Del logo di Liberi e uguali interessa nulla, sono le parole di Pietro Grasso pronunciate ieri il vero "simbolo":   "Nessuna preclusione al Pd dopo il voto".    Esse...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa