/ Non solo Hariri, anche l'ex presidente dello Yemen tenuto in osta...

Non solo Hariri, anche l'ex presidente dello Yemen tenuto in ostaggio in Arabia Saudita

Non solo Hariri, anche l'ex presidente dello Yemen tenuto in ostaggio in Arabia Saudita
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


PICCOLE NOTE

 

A quanto pare quanto avvenuto al primo ministro libanese Saad Hariri non è un caso isolato. Egli condividerebbe la sorte di un altro leader politico, ovvero il presidente yemenita Abd – Rabbu Mansour Hadi, anch’egli ristretto a Ryad.
 

Della sorte di Hariri abbiamo scritto in alcune note precedenti: giunto nella capitale saudita egli non ha fatto più ritorno in patria,  nonostante l’insistenza con la quale i libanesi ne chiedano il rientro.


Da Ryad egli ha annunciato le sue dimissioni da premier tramite una televisione saudita. Da allora sulla sua sorte è calato il mistero e i libanesi accusano i sauditi di averlo rapito.


A quanto pare l’Arabia Saudita porta sfortuna agli esponenti politici che vanno a visitarla, perché anche ad Abd-Rabbu Mansour Hadi, riconosciuto a livello internazionale  come presidente legittimo dello Yemen, è impedito di tornare in patria.


Il poverissimo Yemen dal 2015 è preda di una guerra sanguinosa che oppone i ribelli sciiti Houti a una coalizione internazionale guidata dall’Arabia Saudita. In teoria e in via ufficiale Ryad sostiene il legittimo governo, ovvero quello di Hadi, che controlla lo Yemen meridionale (gli houti invece il Nord). Ma non è così.


A rivelare la strana sorte di Hadi è l’Associated Press, ripresa dalla Reuters del 7 novembre. L’agenzia di stampa britannica riporta le dichiarazioni anonime di un alto funzionario della sicurezza yemenita, che ha rivelato: «Da quando Hadi ha lasciato lo Yemen nel mese di febbraio [per recarsi a Ryad], ha ripetutamente inviato richieste scritte al re saudita Salman per tornare [in patria]. Ma non ha trovato risposta».


Nell’agosto scorso, ha spiegato l’anonimo funzionario all’Associated Press, Hadi si era recato all’aeroporto di Ryad per tornare in Yemen, ma è stato sequestrato dai sauditi.


«Altri due funzionari yemeniti hanno confermato che ad Hadi, ai suoi figli e a diversi ministri [del governo di Hadi] giunti a Riyadh è stato impedito di tornare in Yemen», continua l’Agenzia.




«”I sauditi hanno imposto [ad Hadi] una forma di arresti domiciliari», ha detto l’alto funzionario della sicurezza yementa. «Quando Hadi chiede di partire» i sauditi lo impediscono, opponendo alle sue richieste ragioni di sicurezza, dal momento che ci sarebbe chi, ad Aden, vuole ucciderlo «e i sauditi temono per la sua vita».


Pare che dietro il rocambolesco destino di Hadi e dei suoi ministri ci siano gli Emirati Arabi Uniti, i più solerti alleati di Ryad contro gli Houti. Infatti, a controllare la zona dello Yemen meridionale strappata ai ribelli sciiti è ormai Abu Dhabi, che non vuole che il presidente yemenita riprenda le sue funzioni.


Ma il peccato originale di Hadi, imperdonabile anche agli occhi dei sauditi, è un altro, ovvero la sua alleanza con il partito Islah (vedi al Monitor), ramo yemenita della Fratellanza musulmana.


Infatti Ryad ha ingaggiato un confronto a tutti i livelli con questa organizzazione islamica, al potere in Qatar e in Turchia, per ottenere l’egemonia sul variegato mondo arabo-sunnita.


Ma al di là delle motivazioni, pare dunque confermato che i sauditi hanno il vizio di rapire i leader politici scomodi che approdano nel loro regno.


Tale sembra sia appunto anche la sorte di Hariri, dal momento che da quando ha “letto” le sue dimissioni da premier continua a non dare notizie di sé nonostante le attenda tutto il mondo.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:

Pensioni, lavoro e diritti sociali: l'Italia è come la Grecia

La letterina della Commissione UE appena giunta al governo italiano chiarisce tutto. I burocrati europei confermano che la legge Fornero è un tabù intoccabile. E che il governo si è già formalmente impegnato su questo

di Giorgio Cremaschi Un vecchio governo democristiano avrebbe sicuramente evitato questo crisi da burla...
Notizia del:

USB, Piacenza. Prof. Vasapollo: "Se si abituano a toglierti i diritti, te li toglieranno sempre".

"Se si abituano a toglierti i diritti, te li toglieranno sempre". "I diritti non rimangono per sempre". Pubblichiamo in questi cinque brevi video alcuni importanti stralci del discorso...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Zimbabwe: 3 passaggi chiave per comprendere il golpe

Il panorama politico in Zimbabwe è mutato in pochi giorni con il licenziamento di Emmerson Mnangagwa, passando per il colpo di Stato e le dimissioni di Robert Mugabe, dopo oltre 30 anni di governo

La destituzione del vicepresidente Robert Mugabe destituisce Emmerson Mnangagwa dalla vicepresidenza il...
Notizia del:

“Il mio stipendio basta appena per mangiare”. Il dramma censurato dei lavoratori in Grecia

Di Keep Talking Greece, 4 novembre 2017  (traduzione di Voci dall'estero)   Le riforme hanno gravi effetti collaterali. Dalla crisi economica in Grecia è emersa una...
Notizia del:

La lettera di Suleimani a Khamenei annuncia: "la guerra contro l'Isis è finita"

Il generale Qassem Suleimani, guida delle brigate di al Quds della Guardia Repubblicana, riconosciuto nel mondo come il più autorevole militare iraniano, ha annunciato ufficialmente la vittoria...
Notizia del:     Fonte: RT

Presto non avremo più bisogno delle banche. Parla l'esperto di criptovalute Falkvinge

Secondo l’esperto «la criptovaluta non ha davvero bisogno di sostituire il dollaro USA, sostituire l'euro. Ha solo bisogno di sopravvivere mentre questi colossi crollano sotto il loro stesso peso. E quando accadrà, sarà molto veloce»

  Siamo agli albori di un cambiamento epocale. Una nuova era dove le banche non saranno più un intermediario...
Notizia del:

ESCLUSIVO AD. Gershon Peres (fratello dell'ex Presidente israeliano) è stato membro del CMC, il centro occulto della CIA legato all'omicidio Kennedy

Nel Centro Mondiale Commerciale, dal 1967 al 1970, sedette Gershon Peres.

Questo 22 novembre 2017, nell'anno del centenario della nascita di JFK e nel giorno dell'anniversario...
Notizia del:

Citgo Petroleum Corporation, il Venezuela smantella una rete di corruzione di altissimo livello in servizio negli USA

di Geraldina Colotti*   In una conferenza stampa, il Procuratore generale del Venezuela, Tareck William Saab, ha dato conto di una rete di corruzione ad altissimo livello in cui risultano...
Notizia del:

"Ho salvato la Spagna". La "nuova" Repubblica parte dal franchismo

Viene presentata oggi la "Nuova" Repubblica. E per l'occasione il direttore in persona, Mario Calabresi pubblica un'intervista (molto prona) esclusiva al premier (post?)franchista...
Notizia del:     Fonte: TASS

Netanyahu a Putin: Israele non permetterà all'Iran di guadagnare terreno in Siria

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha detto al presidente russo Vladimir Putin durante la loro conversazione telefonica che Israele non accetterà i tentativi dell'Iran di ottenere un punto d'appoggio in Siria.

"Una conversazione ha avuto luogo [tra Netanyahu e Putin ndt] ed è durata circa mezz'ora. Hanno...
Le più recenti da Piccole Note
Notizia del:

In Yemen è strage di bambini per il massacro saudita. "Muore un bambino ogni dieci minuti"

PICCOLE NOTE  Da quando è iniziata la guerra, in Yemen muoiono circa 50.000 bambini l’anno, «una media di 130 al giorno, o un bambino ogni dieci minuti»....
Notizia del:

La lettera di Suleimani a Khamenei annuncia: "la guerra contro l'Isis è finita"

Il generale Qassem Suleimani, guida delle brigate di al Quds della Guardia Repubblicana, riconosciuto nel mondo come il più autorevole militare iraniano, ha annunciato ufficialmente la vittoria...
Notizia del:

Hariri e Arabia Saudita: il niet di Israele all"Armageddon in Medio Oriente"

PICCOLE NOTE La crisi libanese conseguente al rapimento da parte dei sauditi del primo ministro Saad Hariri ha rischiato di innescare un conflitto di grandi proporzioni in Medio...
Notizia del:

"Ciò che sta accadendo oggi in Libano è un ritorno alla vigilia dell’invasione israeliana del 1982"

Perché Hariri viene spedito in Francia prima di tornare in Libano?

PICCOLE NOTE  Il caso Hariri sembra risolto. Il ministro degli Esteri francese Jean-Yves...
Notizia del:

«Lo sporco segreto di Raqqa». Perché questo reportage della BBC non è Notizia in Italia?

PICCOLE NOTE  «Lo sporco segreto di Raqqa», questo il titolo di un reportage della Bbc «che documenta l’accordo dei curdi siriani per l’uscita indenne...
Notizia del:

"Ieri è suonata la «sveglia», per usare le parole di Netanyahu. La sfida mortale è stata lanciata"

Venti di guerra riprendono a spirare in Medio Oriente: l’annuncio delle dimissioni del primo ministro libanese, Saad Hariri, avvenuto a Ryad, s’intreccia con il giro di vite che si sta consumando nella stessa Arabia Saudita, dove si registrano delle vere e proprie “purghe”.

Piccole Note Venti di guerra riprendono a spirare in Medio Oriente: l’annuncio delle dimissioni...
Notizia del:

Quello che devi sapere sul prossimo viaggio di Trump in Cina

Piccole Note  «Nessun dittatore, nessun regime, nessuna nazione dovrebbe sottostimare la determinazione americana» ha affermato Donald Trump alle truppe americane in una tappa...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa