/ Non solo Hariri, anche l'ex presidente dello Yemen tenuto in osta...

Non solo Hariri, anche l'ex presidente dello Yemen tenuto in ostaggio in Arabia Saudita

Non solo Hariri, anche l'ex presidente dello Yemen tenuto in ostaggio in Arabia Saudita
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


PICCOLE NOTE

 

A quanto pare quanto avvenuto al primo ministro libanese Saad Hariri non è un caso isolato. Egli condividerebbe la sorte di un altro leader politico, ovvero il presidente yemenita Abd – Rabbu Mansour Hadi, anch’egli ristretto a Ryad.
 

Della sorte di Hariri abbiamo scritto in alcune note precedenti: giunto nella capitale saudita egli non ha fatto più ritorno in patria,  nonostante l’insistenza con la quale i libanesi ne chiedano il rientro.


Da Ryad egli ha annunciato le sue dimissioni da premier tramite una televisione saudita. Da allora sulla sua sorte è calato il mistero e i libanesi accusano i sauditi di averlo rapito.


A quanto pare l’Arabia Saudita porta sfortuna agli esponenti politici che vanno a visitarla, perché anche ad Abd-Rabbu Mansour Hadi, riconosciuto a livello internazionale  come presidente legittimo dello Yemen, è impedito di tornare in patria.


Il poverissimo Yemen dal 2015 è preda di una guerra sanguinosa che oppone i ribelli sciiti Houti a una coalizione internazionale guidata dall’Arabia Saudita. In teoria e in via ufficiale Ryad sostiene il legittimo governo, ovvero quello di Hadi, che controlla lo Yemen meridionale (gli houti invece il Nord). Ma non è così.


A rivelare la strana sorte di Hadi è l’Associated Press, ripresa dalla Reuters del 7 novembre. L’agenzia di stampa britannica riporta le dichiarazioni anonime di un alto funzionario della sicurezza yemenita, che ha rivelato: «Da quando Hadi ha lasciato lo Yemen nel mese di febbraio [per recarsi a Ryad], ha ripetutamente inviato richieste scritte al re saudita Salman per tornare [in patria]. Ma non ha trovato risposta».


Nell’agosto scorso, ha spiegato l’anonimo funzionario all’Associated Press, Hadi si era recato all’aeroporto di Ryad per tornare in Yemen, ma è stato sequestrato dai sauditi.


«Altri due funzionari yemeniti hanno confermato che ad Hadi, ai suoi figli e a diversi ministri [del governo di Hadi] giunti a Riyadh è stato impedito di tornare in Yemen», continua l’Agenzia.




«”I sauditi hanno imposto [ad Hadi] una forma di arresti domiciliari», ha detto l’alto funzionario della sicurezza yementa. «Quando Hadi chiede di partire» i sauditi lo impediscono, opponendo alle sue richieste ragioni di sicurezza, dal momento che ci sarebbe chi, ad Aden, vuole ucciderlo «e i sauditi temono per la sua vita».


Pare che dietro il rocambolesco destino di Hadi e dei suoi ministri ci siano gli Emirati Arabi Uniti, i più solerti alleati di Ryad contro gli Houti. Infatti, a controllare la zona dello Yemen meridionale strappata ai ribelli sciiti è ormai Abu Dhabi, che non vuole che il presidente yemenita riprenda le sue funzioni.


Ma il peccato originale di Hadi, imperdonabile anche agli occhi dei sauditi, è un altro, ovvero la sua alleanza con il partito Islah (vedi al Monitor), ramo yemenita della Fratellanza musulmana.


Infatti Ryad ha ingaggiato un confronto a tutti i livelli con questa organizzazione islamica, al potere in Qatar e in Turchia, per ottenere l’egemonia sul variegato mondo arabo-sunnita.


Ma al di là delle motivazioni, pare dunque confermato che i sauditi hanno il vizio di rapire i leader politici scomodi che approdano nel loro regno.


Tale sembra sia appunto anche la sorte di Hariri, dal momento che da quando ha “letto” le sue dimissioni da premier continua a non dare notizie di sé nonostante le attenda tutto il mondo.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:

A 170 anni dalla pubblicazione del Manifesto Comunista la Cina fa rivivere il socialismo

"I valori, le idee, la missione, la teoria, la metodologia e i principi del Manifesto Comunista saranno sempre le coordinate di origine", si legge in un articolo di Li Haiqing, professore dell'Istituto di Marxismo afferente la Scuola del Partito del Comitato Centrale del PCC

di Yang Sheng - Global Times   Il Partito Comunista Cinese (PCC) sta facendo rivivere il socialismo...
Notizia del:     Fonte: Sputnik - Ruptly

VIDEO. I curdi ribadiscono che l'offensiva turca non ha impedito all'esercito siriano di arrivare ad Afrin

I bombardamenti effettuati dall'aviazione militare turca contro il Cantone siriano di Afrin non è riuscito a impedire l'ingresso dell'esercito siriano o costringerlo a ritirarsi, hanno riferito le Unità di Protezione Popolare curde.

In dichiarazioni rese oggi all'agenzia di stampa russa Sputnik, il portavoce del YPG, Reizan Hedu, ha negato...
Notizia del:     Fonte: CNN

Siria, le armi consegnate dagli Stati Uniti all'opposizione sono finite in vendita su Internet

I terroristi schierati nel nord della Siria vendono fucili d'assalto M-16 prodotti negli Stati Uniti su Internet che erano stati forniti alla cosiddetta opposizione moderata in Siria, secondo la CNN.

La CNN ieri ha raccontato che i suoi giornalisti hanno contattato un residente di Idlib via Telegram fingendosi...
Notizia del:

Ken Livingstone sulle accuse di spionaggio a Corbyn: «Troppo di sinistra anche per il KGB»

L'ex sindaco di Londra intervistato da RT

  L’ex sindaco di Londra Ken Livingstone, anche conosciuto come Ken il rosso, ha canzonato le accuse...
Notizia del:

Crisi umanitaria in Venezuela? Solo una fake news, afferma esperto dell'ONU

L'avvocato e storico statunitense Alfred de Zayas, esperto nel campo dei diritti umani, ha messo in guardia sull'uso del termine crisi umanitaria per intervenire in Venezuela e rovesciare l'attuale governo

di Fabrizio Verde   «Ho comparato le statistiche del Venezuela con quelle di altri paesi e non...
Notizia del:     Fonte: BBC - The Guardian

Londra riprende il progetto di "finanziamento ad Al-Qaeda" in Siria

Il Regno Unito ha ripreso un controverso programma di miliardi di sterline per addestrare 'polizia' nelle aree occupate dai gruppi armati in Siria, un progetto sospeso più di due mesi fa a causa di accuse di aver finanziato gruppi 'estremisti' affiliati ad Al- Qaeda.

Il progetto è cessato nel novembre dello scorso anno dopo che un'indagine ha rivelato che le forze...
Notizia del:     Fonte: The Jerusalem Post

Israele prevede la guerra nel Golan nel 2018 per i progressi dell'esercito siriano

In mezzo a tensioni crescenti in Medio Oriente, un alto generale delle forze armate di Israele, ha messo in guardia contro la "crescente possibilità di una guerra" sulle alture del Golan seguito i progressi dell'esercito siriano contro i gruppi estremisti e "ribelli".

In dichiarazioni rilasciate durante un'intervista alla radio dell'esercito, il comandante delle operazioni...
Notizia del:     Fonte: RT arabic - AP news - Ria Novosti

VIDEO. Le forze siriane entrano ad Afrin e la Turchia bombarda

Le unità dell'esercito siriano sono entrate oggi nel distretto di Afrin, dove le forze armate turche e le sue milizie alleate stanno portando avanti un'aggressione contro le YPG curde.

Le forze filo-governative siriane hanno iniziato ad entrare ad Afrín nonostante le minacce provenienti...
Notizia del:

Viola Carofalo (Potere al Popolo) a Pagina12: «Il Venezuela nostra principale fonte d'ispirazione»

La giovane ricercatrice universitaria di Napoli è stata nominata "capo politico" del nuovo partito della sinistra italiana, Potere al Popolo, che cercherà di emulare i suoi pari di Spagna e Francia alle elezioni generali del 4 marzo

di Federico Larsen - Pagina12   Il suo movimento è stato accolto in Europa come la rinascita...
Notizia del:

"Il Venezuela è un pioniere nel mondo". Nicolas Maduro annuncia la pre-vendita della criptomoneta Petro

RT  Questo mercoledì inizia la prevendita del cosiddetto Petro, una criptovaluta diversa da tutte le altre perché creata direttamente dal governo venezuelano e sostenuta dalle...
Le più recenti da Piccole Note
Notizia del:

Strage Florida: il terrorista segnalato all’Fbi un mese fa

PICCOLE NOTE   Sulla strage scolastica avvenuta alcuni giorni fa nel liceo di Parkland, una delle  più efferate registrate negli Stati Uniti, emergono altri...
Notizia del:

E così, dopo tante piccole bugie e grandi fake news... gli Usa ammettono: non abbiamo prove delle armi chimiche di Assad

PICCOLE NOTE E così, dopo tante piccole bugie e altrettante spudorate menzogne, la narrativa anti-Assad subisce una ferita mortale: gli Stati Uniti hanno ammesso che non hanno nessuna...
Notizia del:

È finita l’era Netanyahu?

PICCOLE NOTE La polizia israeliana, al termine di una lunga e travagliata inchiesta, ha espresso la convinzione che Benjamin Netanyahu debba essere incriminato.  L’accusa...
Notizia del:

Best for Britain, Soros scende in campo per sovvertire il risultato della Brexit

Piccole Note «La campagna in chiave pro-UE per invertire il voto sulla Brexit ha ricevuto oltre 400.000 sterline di finanziamenti dalla Fondazione del miliardario americano George...
Notizia del:

Sochi, il futuro della Siria in bilico

PICCOLE NOTE  A Sochi si riuniscono delegati turchi e iraniani e parte dell’opposizione siriana per continuare i negoziati di Astana sul destino della Siria. Putin ha provato...
Notizia del:

Usa e il progetto dell’atomica tascabile

PICCOLE NOTE  C’è dibattito negli Stati Uniti sull’ipotesi di cambiare la politica americana riguardo le armi nucleari. Nuove norme, nuove testate. Tra le novità,...
Notizia del:

La battaglia di Afrin, come si esce dall'impasse

Piccole Note La campagna dei turchi contro il cantone siriano di Afrin conosce evoluzioni impreviste, come d’altronde tanto è imprevedibile in questo lungo conflitto siriano. Abbiamo...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa