/ Ornella Bertorotta (M5S): "Sul CETA, dal PD solita ipocrisia: Zin...

Ornella Bertorotta (M5S): "Sul CETA, dal PD solita ipocrisia: Zingaretti è contrario, ma i suoi lo votano in Senato"

Ornella Bertorotta (M5S): Sul CETA, dal PD solita ipocrisia: Zingaretti è contrario, ma i suoi lo votano in Senato
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Grande mobilitazione di massa ieri a Montecitorio contro il CETA, il famigerato accordo di "libero" scambio che l'Unione Europea ha firmato con il Canada e che l'Italia, primo tra tutti, sta ratificando in Senato. Per protestare contro il "cavallo di Troia del TTIP", che permetterà anche alle multinazionali nord-americane di invadere i mercati europei, la Coldiretti, insieme ad altre organizzazioni (Cgil, Arci, Adusbef, Movimento Consumatori, Legambiente, Greenpeace, Slow Food International, Federconsumatori, Acli Terra e Fair Watch) sono scese in piazza per chiedere che ci sia maggiore discussione nel paese su una questione così importante. 



Presente in piazza la senatrice del Movimento 5 Stelle Ornella Bertorotta, alla quale abbiamo rivolto alcune domande.




L'INTERVISTA


Quali sono i principali danni per l'Italia con l'eventuale ratifica del CETA?
Occorre fare una doverosa premessa: l’Italia è un Paese con un assetto di imprese medie e piccole, il CETA favorirà le multinazionali, non le piccole e medie imprese. In Canada invece prevalgono aziende capaci di intraprendere commercio internazionale con maggiore facilità. Subito dopo l’approvazione del CETA, assisteremo ad un’ulteriore pressione sulle nostre PMI, in assenza di qualsiasi provvedimento volto a tutelare non solo i nostri marchi, ma anche la struttura prevalente delle nostre imprese.


Un grave danno all'economia?
Il tema del CETA supera il problema della tutela del made in Italy, per allargarsi alla tutela del nostro sistema produttivo. Su questo punto come al solito, non ci sono risposte da parte della politica, quindi si navigherà a vista. L’Italia ha molto da perdere dall’approvazione del CETA. In primo luogo riguardo alla nostra produzione agricola, che sarà penalizzata dall’importazione di prodotti canadesi, di scarsa qualità, ma a prezzi più convenienti; in termini di perdita di sovranità, poiché lo Stato subirà grosse limitazioni nella gestione delle proprie politiche economiche interne. Non è stata nemmeno fatta una seria previsione sugli impatti del Ceta nel nostro sistema economico, quindi non sappiamo con certezza, cosa guadagneremo dall’approvazione di questo provvedimento
 

Che farà il Movimento Cinque Stelle?
Il M5S ha già dichiarato la sua opposizione al CETA, lo abbiamo fatto in sede di commissioni, lo faremo in aula, quando il CETA verrà calendarizzato.
La manifestazione contro il CETA di oggi ha dimostrato che l’opposizione a questo trattato è più ampia di quanto si pensi. Il 5 luglio si è manifestato un fronte che va dalla sinistra alla Lega nord, dalla CGIL alla Coldiretti, la stessa che aveva appoggiato le riforme costituzionali di Renzi. Anche altre forze politiche tra cui pezzi consistenti del PD, mal digeriscono questo accordo, temo però che sia più per ragioni elettoralistiche che di sostanza.



In che senso?
Nel senso che di fatto che il PD, come al solito fa il partito di lotta e di governo. Con i suoi senatori in commissione esteri vota a favore, poi manda avanti Zingaretti a dire che è contrario. Più che voci discordanti a me sembra un’operazione per cercare di tenere dentro tutti, favorevoli e contrari, rimandando le recriminazioni a quando il trattato sarà approvato e avrà già creato problemi enormi alla nostra economia. 
La stessa situazione la vive Forza Italia, che in commissione esteri ha votato a favore del CETA, salvo poi mandare Lega Nord e un outsider come Tremonti, che ufficialmente è fuori dal partito di Berlusconi, a criticare il trattato. Senza l’informazione che pressa i partiti però, queste contraddizioni rimarranno nel sottobosco degli addetti ai lavori. Dubito che qualcuno farà notare pubblicamente alla Lega la contraddizione di allearsi con Forza Italia e allo stesso tempo votare contro il CETA. Allo stesso tempo il Pd potrà permettersi di votare a favore al Senato e produrre inutili atti in Regione in cui si chiede di non votare il CETA. Come al solito i partiti giocano su due campi e nessuno sembra accorgersene.


Sta il M5S cercando un'alleanza con i movimenti di base per creare pressione prima del voto in Senato previsto il 25 luglio?
Il M5S è la principale forza politica di opposizione al CETA. Una convergenza con i movimenti sociali di base è naturale, ma probabilmente sarebbe il caso di cercare di convogliare le forze non solo sull’opposizione al CETA, ma anche su altri temi, come l’approvazione di un reddito di cittadinanza nel nostro Paese o sul recupero degli immobili abbandonati e il diritto alla casa. Il M5S non fa alleanze con i partiti, ma una convergenza con i movimenti su temi importanti per i cittadini andrebbe cercata oltre che auspicata.
 

Perché la stampa non sta dando spazio alla questione del CETA anche se in gioco c'è il futuro di molti nostri diritti?
Sono rimasta basita dal silenzio dei grandi mezzi di informazione sul CETA. Parliamo spesso di tematiche assolutamente secondarie, che hanno effetti limitati sulla vita dei cittadini. Probabilmente il silenzio sul CETA è volto ad evitare una mobilitazione di massa, come già avvenuto sul TTIP. Non riesco a spiegarmi altrimenti l’atteggiamento dei media, se non come una forma di censura. Anche la manifestazione del 5 luglio è stata quasi ignorata, nonostante la partecipazione e la presenza di più forze politiche diverse tra loro e l’importanza del tema trattato.
 
Fabrizio Verde
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da L'intervista
Notizia del:

Inedito di Gianni Minà: intervista a Jack La Motta

La leggenda di Toro Scatenato

di Gianni Minà   “Mi conoscono come il “Toro del Bronx”. La mia vita controversa...
Notizia del:     Fonte: Hispan TV

Generale Soleimani: "Il cancro di Daesh, creato da Usa e Israele, sarà eliminato entro due mesi."

Il Generale iraniano Qasem Soleimani ha assicurato che il gruppo terrorista Isis sarà eliminato nei prossimi due mesi e l’Iran celebrerà questa vittoria.   ** Durante una...
Notizia del:

Di ritorno da Caracas, ecco come il Venezuela risponde alla guerra economica e alle sanzioni

L'AntiDiplomatico intervista Omar Minniti che ha partecipato alle giornate di solidarietà Todos Somos Venezuela. “Diversificazione economica, de-dollarizzazione, autosufficienza alimentare e la cooperazione internazionale con Russia e Cina: le risposte del governo di Caracas che ho visto di prima persona”

Omar Minniti, collaboratore de "L'Antidiplomatico", ha partecipato all'incontro internazionale...
Notizia del:

"Un anno dopo la deposizione di Dilma il golpe in Brasile va avanti"

José Reinaldo Carvalho, responsabile delle Relazioni Internazionali del Partito Comunista del Brasile (PCdoB): "Il governo di Michel Temer è impegnato a svuotare la CELAC e a trasformare il paese in una testa di ariete dell'attacco al Venezuela."

Intervista a José Reinaldo Carvalho, responsabile delle Relazioni Internazionali del Partito Comunista...
Notizia del:

Pablo Iglesias intervista Álvaro García Linera: così in Bolivia abbiamo sconfitto la "sinistra che non serve"

Da Contropiano* Pubblichiamo questa lunga intervista di Pablo Iglesias con il Vicepresidente della Bolivia, Alvaro García Linera nella nota trasmissione “Otra vuelta de tuerka”....
Notizia del:

Andre Vltchek: "Il popolo dell'Afghanistan non ne può più dell'occupazione imperiale e barbarica dell'Occidente"

Andre Vltchek, noto saggista e documentarista di fama internazionale è stato nel mese di maggio in Afghanistan per realizzare un cortometraggio ed altri futuri lavori. A noi dell'AntiDiplomatico...
Notizia del:

Andre Vltchek: "The people of Afghanistan have had truly enough of this Western imperialist barbarism"

"Collaboration with the Western occupation forces is now the greatest ‘business’ in the country. Afghan diplomats, many politicians, countless military commanders, Western-funded NGO’s, even thousands of educators, are all serving the occupiers. Billions of dollars are being made from such shameful collaboration. It is all one huge business, and the mafia of servile Afghan ‘journalists’, diplomats, governors and ‘educators’ will never leave their lucrative positions voluntarily."

(PHOTO BY A. VLTCHEK: conflict at Afghan-Pakistani border) Interview with ANDRE VLTCHEK by ALESSANDRO...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa