/ Perché il PSUV è tornato a vincere in Venezuela?

Perché il PSUV è tornato a vincere in Venezuela?

Perché il PSUV è tornato a vincere in Venezuela?
 

«Come si spiega che nel bel mezzo di una crisi economica, sociale e politica in Venezuela il partito di governo ha ottenuto la maggioranza dei governatori?»

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Juan Manuel Karg* - RT
 

Le elezioni regionali in Venezuela sono state un vero e proprio terremoto per la destra a livello regionale, che sperava il ripetersi dei risultati scaturiti dalle legislative del 2015, dove la MUD trionfò clamorosamente. Niente di tutto questo è accaduto: il chavismo ha conquistato 18 governatori dei 23 in gioco, ottenendo il 54% a livello nazionale. La MUD ha conquistato appena 5 governatori, la maggioranza di questi da Acción Democrática, del ras veterano Ramos Allup. Le forze più radicali della destra, che hanno capeggiato le proteste violente, sono rimaste a mani vuote. 

 

«Come si spiega che nel bel mezzo di una crisi economica, sociale e politica in Venezuela il partito di governo ha ottenuto la maggioranza dei governatori?» chiede via Twitter la presentatrice della CNN, Patricia Janot, avversaria del chavismo dai tempi di Chavez. C’è una domanda che rimbalza negli ambienti della destra regionale: come può «questa gente», per essi sempre inferiore in termini di capacità, continuare a vincere le elezioni, nonostante una guerra economica che ha provocato carenze e inflazione enorme? Forse bisognerebbe cercare spiegazioni nel radicale cambiamento politico avuto con la convocazione dell’Assemblea Nazionale Costituente: milioni si recarono a votare per dire no alle guarimbas, alle manifestazioni violente che provocarono un centinaio di morti, molti di questi per il ‘peccato’ di essere poveri e chavisti. Da quella domenica elettorale, l violenza è notevolmente diminuita, e la MUD ha accettato di partecipare alle elezioni regionali realizzando elezioni primarie con magra partecipazione, dove Allup ha cominciato a vincere la gara interna alla destra. 

 

Ma inoltre Janiot, così come centinaia di comunicatori in tutto il continente, dimentica un fatto addizionale: il chavismo è una forza politica che ha costituito un vero e proprio paradigma nella politica venezuelana. Ciò può anche spiegare, in parte, che può vincere un'elezione nazionale nel quadro di un attacco internazionale senza precedenti, con inflazione galoppante, scarsità indotta, e con gran parte dei media - interni ed esteri - contro. Il chavismo non solo è sopravvissuto alla morte del proprio leader, ma quando è apparso morente, ha rovesciato il tavolo, approfittando degli errori grossolani compiuti da un'opposizione veramente amatoriale. E in tal modo ha costruito questa vittoria, che sconvolge coloro che hanno predetto il crollo del governo di Maduro solo dieci settimane fa. 

 

Uno dei dati più interessanti delle elezioni è costituito dall’apparizione sulla scena di una nuova generazione del PSUV. L’elezione di Hector Rodriguez a governatore di Miranda ossigena il chavismo, dimostrando che si tratta di un progetto politico a lungo termine, che può modificare il proprio discorso cercando di interpellare nuovamente i settori medi urbani. Nell’opposizione ci sono dei grandi sconfitti: gli ex governatori Capriles e Falcon, e il trio Guevara, Lopez e Tintori,  he incendiarono le strade mesi fa. MA c’è anche un gran vincitore: il navigato ras Ramos Allup, che con 4 governatori per Acción Democrática si accredita come un chiaro precandidato presidenziale per il 2018, in disputa con Julio Borges, presidente dell’Assemblea Nazionale. La debole ipotesi di brogli è fatta naufragare dallo stesso Capriles, che al momento della scrittura di queste righe non ha ancora preso pubblicamente posizione. 

 

Le elezioni della scorsa domenica mostrano quindi diverse cose. Innanzitutto, smentiscono l'ipotesi avanzata dalla destra venezuelana che «l’80% vuole Maduro fuori dal potere». Non a caso il governo ha anticipato da dicembre a ottobre le regionali: sapeva di un voto di condanna verso coloro che hanno destabilizzato il paese per mesi, per questo le sue parole d'ordine principali avevano a che fare con pace e democrazia. Mostrano anche che i voti all'opposizione sono andati ai settori meno radicalizzati, una tendenza che si è verificata sia nelle primarie che nelle generali. Questo dovrebbe favorire il dialogo, isolando i settori radicalizzati, che sono stati puniti con il voto popolare. Sembra aprirsi, quindi, un nuovo momento politico in Venezuela, con un governo consolidato sul versante istituzionale, ma che continuerà ad affrontare grandi difficoltà in campo economico, e un'opposizione che vorrà riarmarsi per affrontare le elezioni presidenziali che si terranno il prossimo anno. 

*Politologo UBA/Analista Internazionale

 

(Traduzione dallo spagnolo per l’AntiDiplomatico di Fabrizio Verde)

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: Al Mayadeen - Hispantv

Venezuela e Palestina rafforzano le relazioni bilaterali

Venezuela e Palestina hanno ratificato il rafforzamento delle loro relazioni bilaterali durante un incontro tra il presidente dell'Assemblea nazionale costituente venezuelana, Delcy Rodríguez, e il ministro degli Esteri palestinese, Riyad Al-Maliki.

L'incontro si è tenuto nella Casa Amarilla, sede della Cancelleria di Caracas, dove il ministro palestinese...
Notizia del:

Le prove della guerra economica contro il Venezuela

Questa realtà è innegabile e nessun paese è soggetto a questo tipo di assedio economico, ad alta intensità e persistenza

di Alfredo Serrano Mancilla - CELAG   Proibito vedere l’ovvio. Questa frase trovata su un murales...
Notizia del:

Mision Verdad - "Il narcostato colombiano e la sua guerra economica al Venezuela"

  María Fernanda Barreto - Mision Verdad 28 dicembre 2017 (traduzione di Alessandro Lattanzio per SitoAurora) Quante delle magnifiche storie di letteratura universale...
Notizia del:

Guerra mediatica al Venezuela: nel 2017 i media statunitensi hanno generato 3880 fake news

La guerra mediatica è particolarmente cruenta. I suoi echi giungono anche in Italia. Infatti nella nostra periferia dell’impero il circuito mediatico mainstream ricicla di continuo le fake news a stelle e strisce prodotte contro la Rivoluzione Bolivariana

di Fabrizio Verde   Contro il Venezuela è guerra totale. Una micidiale offensiva cha va dall’assedio...
Notizia del:     Fonte: Embajada de la República Bolivariana de Venezuela en Italia

Imperialismo senza maschere

di Jorge Arreaza M.*   Il 2017 è stato un anno chiarificatore durante il quale la politica internazionale si è sincerata e ha messo alla prova la politica estera della Repubblica...
Notizia del:     Fonte: AVN

Venezuela: nell'ultimo anno aumenti salariali del 664%

Gli aumenti salariali - che incidono sul reddito di oltre 13 milioni di lavoratori del paese - sono parte di della politica implementata dal governo nazionale per proteggere la classe operaia e dare piena attuazione alla Costituzione Bolivariana

  L'aumento salariale del 40% decretato domenica 31 dicembre dal presidente della Repubblica, Nicolas...
Notizia del:

Il Venezuela esprime solidarietà alla Repubblica Islamica dell'Iran e condanna le ingerenze di Usa e Israele

La Repubblica Bolivariana del Venezuela, ribadendo il suo sincero sentimento di solidarietà nei confronti della Repubblica Islamica dell'Iran si augura che il popolo e il governo del paese fratello possano continuare a costruire e rafforzare il proprio modello di paese sovrano senza l'intervento di alcun potere straniero

da AVN   La Repubblica Bolivariana del Venezuela condanna gli atti di violenza che si sono verificati...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Odebrecht conferma di aver finanziato l'opposizione venezuelana

In diverse occasioni, esponenti del chavismo hanno accusato l'ex governatore dello stato di Miranda Henrique Capriles di aver ricevuto finanziamenti dalla società di costruzioni brasiliana

  L’imprenditore brasiliano Marcelo Odebrecht, il cui nome risuona in America Latina perennemente legato...
Notizia del:     Fonte: Embajada de la República Bolivariana de Venezuela en Italia

Le dodici vittorie del Presidente Maduro nel 2017

di Ignacio Ramonet Per cominciare, dobbiamo ricordare che il presidente Nicolás Maduro è il presidente più ingiustamente accusato, calunniato e aggredito nella storia del Venezuela....
Notizia del:

Pavel Grudinin, il comunista che sfida Putin

Ma chi è Pavel Grudinin, l'uomo a cui il popolo comunista di Russia ha affidato la sfida impossibile delle elezioni 2018?

di Danilo Della Valle Pavel Grudinin, ingegnere ed imprenditore agricolo cinquantesettenne, sarà...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Il Venezuela risponde alle nuove sanzioni dell'UE. "E' la prova inconfutabile della sua indegna subordinazione a Trump"

Il governo venezuelano ha respinto, attraverso un comunicato pubblicato questo lunedì, le sanzioni imposte a sette suoi alti funzionari da parte dell'Unione Europea (UE). Le sanzioni sono...
Notizia del:

"Ci vuole un bel coraggio a chiamare missioni di pace gli avamposti delle conquiste neo-liberali"

di Mauro Armanino* - il Fatto Quotidiano Ci vuole davvero un bel coraggio. Chiamate missioni militari di pace gli avamposti delle conquiste neoliberali camuffate da buon samaritano. Arriviamo...
Notizia del:     Fonte: RT

Mosca: "Gli Stati Uniti stanno elaborando un piano B per cambiare il governo in Siria e la Russia lo neutralizzerà"

Mosca avverte sul tentativo dell'occidente, con un 'Piano B' di rovesciare il governo siriano ma allo stesso tempo ribadisce che lo neutralizzerà.

"Gli Stati Uniti hanno dato il via alla creazione di autorità alternative in una parte significativa...
Notizia del:     Fonte: TASS

La Turchia invade Afrin, ma la Francia all'ONU discuterà di Idlib e Damasco, dove l'esercito siriano affronta i gruppi jihadisti

Mentre la Turchia attacca i curdi sul territorio siriano, Parigi non considera questa operazione militare così importante da metterla al centro della riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Piuttosto si parlerà della 'situazione umanitaria' a Idlib e di Damasco dove l'esercito siriano sta conducendo un'offensiva contro i gruppi jihadisti.

La Francia, nell'ambito di una riunione a porte chiuse del Consiglio di sicurezza dell'ONU che si terrà...
Notizia del:     Fonte: Haaretz

'Il 97% dell'acqua di Gaza ha la stessa qualità di quella delle fogne'

Un rapporto dell'Autorità palestinese sull'acqua nella Striscia di Gaza. assediata da Israele, avverte che fino al 97% dell'acqua potabile nell'enclave costiera non è adatta al consumo umano a causa dell'inquinamento provocato da acque reflue non trattate e a causa di un alto livello di salinità.

Ahmed Yaqubi, idrologo, consulente per l'Autorità palestinese nella Striscia di Gaza, ha presentato...
Notizia del:

Alberto Negri: "I grandi perché dei bambini: perchè la Turchia è ancora nella Nato?"

di Alberto Negri* Perché ci sono diverse basi Nato, tra cui quella di Incirlik. Perché ci sono i missili puntati su Russia e Iran. Perché la stessa Turchia usa la sua membership...
Notizia del:

Egitto, Al Sisi verso il secondo mandato. Quali prospettive per il Mediterraneo?

Ha ufficializzato la propria candidatura ad un secondo mandato il capo di Stato uscente egiziano Abd al-Fattah Al Sisi, in carica dal 2014.  Lo ha annunciato durante una conferenza di tre giorni...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa