/ Più di 600.000 rifugiati siriani tornano alle loro case nelle cit...

Più di 600.000 rifugiati siriani tornano alle loro case nelle città liberate dalla presenza dei terroristi

Più di 600.000 rifugiati siriani tornano alle loro case nelle città liberate dalla presenza dei terroristi
 

Più di 600.000 siriani, rifugiati interni, sono tornati alle loro case, ha riferito l'Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (OIM).

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Secondo l'Organizzazione Internazionale per le Migrazioni, OIM, agenzia dell'ONU, l'84%  di queste persone sfollate all'interno della Siria stessa, mentre il resto è tornato in patria dalla Turchia, Libano, Giordania e Iraq.
 
La maggior parte di coloro che sono arrivati ??dalla Turchia e Giordania hanno fatto rientro nelle province di Aleppo e Hasakah, si legge nel rapporto.
 
La Siria soffre partire da marzo 2011 è alle prese con una guerra di aggressione, motivata dagli interessi dell'Occidente e dei suoi alleati regionali per imporre un cambiamento di governo non allineato ai loro interessi, provocando oltre a morte e distruzioni la fuga di milioni di persone.
 
Negli ultimi mesi, le truppe siriane con il supporto dell&# 39;aviazione russa e delle milizie alleate sono riusciti ad assestare duri colpi ai gruppi terroristici che occupavano alcune zone del Paese.
 
Secondo l'OIM, il 27% delle persone che sono tornati alle loro case, hanno sostenuto la necessità di proteggere le loro proprietà, mentre il 25% per una migliore sicurezza e situazione economica nelle loro aree di origine.
 
Per quanto riguarda le province dove la maggior parte siriani sono tornati quest'anno,  l'OIM menziona Aleppo, con circa il 67% (405.000), seguita da quella di Hama (75.000) e Raqqa (45.000).
 
Inoltre, l'organizzazione nel suo documento sostiene che ci sono altri 800.000 rifugiati prodotti dal conflitto tra gennaio e luglio 2017, senza però specificare da quali zone della Siria abbiano lasciato.
 
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: http://www.iom.int
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: Yeni Safak

La Turchia installerà 8 basi militari nel nord della Siria

La Turchia prevede di stabilire otto basi militari nella provincia siriana di Idlib. Lo ha riferito il quotidiano filo-governativo turco 'Yeni Safak'.

Ieri, il quotidiano vicino alle posizioni del Governo di Ankara, 'Yeni Safak', ha riferito che l'esercito...
Notizia del:     Fonte: Blic InSerbia

Gli USA obbligano la Serbia a non aiutare la Siria nel processo di sminamento

Gli Stati Uniti ha esercitato pressioni sulla Serbia affinché non cooperi con il governo siriano nel processo di sminamento del paese arabo.

Giovedì scorso sul quotidiano serbo 'Blic', è apparsa la notizia che gli Stati Uniti hanno...
Notizia del:     Fonte: https://travel.state.gov - Ria Novosti

Gli USA ammettono per la prima volta che i terroristi dell'ISIS e Al Nosra usano armi chimiche

Questa ammissione è stata pubblicata in un documento ufficiale del Dipartimento di stato USA.

Mercoledì scorso, il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha emesso sul suo sito web un avvertimento...
Notizia del:     Fonte: AFP

L'Occidente pronto ad accusare Damasco per l'uso di armi chimiche senza valutare tutte le prove e Mosca minaccia il veto all'ONU

La Russia minaccia di negare il proprio consenso al rinnovo del mandato, previsto a novembre, per gli esperti di armi chimiche dell'ONU e dell'OPCW che indagano sugli attacchi in Siria.

Secondo l'AFP, questo rinnovamento è soggetto a una resa dei conti nel Consiglio di Sicurezza tra...
Notizia del:     Fonte: Newsweek

Newsweek: Gli Stati Uniti hanno perso la guerra in Siria

Nonostante i cambiamenti costanti, date le circostanze, tutti i piani statunitensi sono falliti in Siria. La Russia e l'Iran sono i vincitori di questa guerra.

"Molto è cambiato da quando, nel 2012, l'allora presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News

Le forze irachene liberano i confini con la Siria e l'Iran dalla presenza dei curdi

Le forze irachene continuano ad avanzare rapidamente contro le milizie curde e assumono il controllo di diverse zone di confine del paese.

Come riportato dal sito 'Al masdar News',la Polizia Federale irachena, sostenuta da forze pro-governative...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

La Russia avverte sul "piano B" degli Stati Uniti per rovesciare Assad

Il ministro degli esteri russo ritiene che la coalizione guidata dagli Stati Uniti protegga i terroristi in Siria per tornare al suo 'piano B': rovesciare il presidente siriano.

Gli indizi indicano come la coalizione che dice di combattere il gruppo terroristico ISIS(Daesh, in arabo), protegga...
Notizia del:     Fonte: RT

Ministro della difesa Russo: "Le operazioni militari in Siria stanno per finire"

Il ministro della Difesa russo, Šojgu ha dichiarato che l'operazione contro i terroristi in Siria sta per finire.

In un incontro con il suo omologo del regime israeliano, Avigdor Lieberman durante la sua visita in Israele, il...
Notizia del:     Fonte: The Daily Mail

Israele: Se scoppia una guerra affronteremo un fronte unico Libano, Siria e Hezbollah

Il ministro della Difesa del regime israeliano ha sostenuto che, in caso di una nuova guerra, Israele si troverà ad affrontare un 'fronte' comune, composto da Libano, Siria e Hezbollah.

"Nella prossima guerra nel nord, il Libano non è l'unico fronte", ha così spiegato...
Notizia del:     Fonte: http://en.mehrnews.com

Presidente iraniano: "Neanche 10 Trump potrebbero privarci dei vantaggi dell'accordo nucleare"

Hasán Rohaní afferma che se ci fosse una violazione da parte degli Stati Uniti, il mondo condannerebbe Washington invece di Teheran.

Il presidente iraniano Hasán Rohaní ha affermato che i "benefici" che il suo paese ha...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Referendum in Lombardia e Veneto? Intanto il più grande fondo d'investimento al mondo ha scommesso sul crollo del "sistema Italia"

Il Simplicissimus* Nei giorni scorsi non mi sono occupato per niente dei referendum in Lombardia e Veneto, riedizione in fotocopia del vecchio federalismo finito in ruberie, illusione egoistica...
Notizia del:

Perché quando ad essere accusato di antisemitismo è il regime di Kiev non è una notizia?

a cura di Marx21.it Il Congresso Ebraico Mondiale (WJC) ha condannato energicamente la “vergognosa e deplorevole” decisione delle autorità di Vinnycja di...
Notizia del:

Elezioni Venezuela: ecco i documenti che certificano regolarità del voto. Firmati anche dall'opposizione

Il dirigente chavista Jorge Rodriguez pubblica i verbali di verifica del processo elettorale. Nessun tecnico ha avanzato dubbi o reclami. Oppositori compresi

di Fabrizio Verde   Cadono inesorabilmente, pezzo dopo pezzo, le fallaci accuse di brogli lanciate nei...
Notizia del:

VIDEO. La studentessa alla ministra Fedeli: 4 meravigliosi minuti sull'istruzione da diffondere

Parlano spesso di una "generazione persa" per descrivere i giovani di oggi. Preoccupandosi poco delle loro difficoltà in una società che li annichilisce, li annulla, spesso si sparano...
Notizia del:

Nicola II, un "santo" nella Russia di oggi?

Esce oggi nelle sale il discusso film "Matilde", sulla storia della ballerina polacca presunta amante dello zar Nicola II. Nel paese scoppia la polemica

di Fabrizio Poggi* - Contropiano In programma per stasera al teatro Mariinskij di Pietroburgo la prima del...
Notizia del:

Alberto Negri - Utopie suicide: la secessione senza piano B porta al disastro economico

  di Alberto Negri* - Il Sole 24 Ore   Statalisti e secessionisti, dalla Catalogna al Kurdistan iracheno, turco, siriano, non hanno un piano B per uscire dal vicolo cieco in cui si sono...
Notizia del:

Il Partito comunista spagnolo: "Contro il taglio di libertà in Catalogna, un appello a tutte le forze progressiste di Spagna"

  da pce.es Traduzione di Marx21.it Ricercare una via di uscita all'attuale situazione che vada a beneficio della classe lavoratrice e degli strati popolari Stiamo assistendo...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa