/ Prima che inizi un'aggressione alla Siria, qualche dubbio sull'at...

Prima che inizi un'aggressione alla Siria, qualche dubbio sull'attacco di Idlib

Prima che inizi un'aggressione alla Siria, qualche dubbio sull'attacco di Idlib
 

Nei casi come l'attacco di Idlib, di oggi, quando si levano gli scudi delle condanne unanimi dall'Unione Europea alla Turchia, dagli USA fino a Israele, è segno che qualcosa, meglio dire una guerra, è in preparazione. È giusto e doveroso di fronte a scenari che potrebbe essere inquietanti, non imporre una verità, ma quanto meno seminare dei dubbi su quanto successo.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

Attraverso un articolo di Al Masdar News, proviamo ad analizzare ciò che è successo ad Idlib dove sono rimaste uccise 58 persone. Non vogliamo imporre nessuna verità, tantomeno però vogliamo essere passivi di fronte ai soliti leit motiv che hanno portato con le menzogne alimentate da parte dei media mainstream a scatenare guerre che hanno provocato più morti dei supposti "dittatori" che si volevano eliminare.
 
Partiamo dall'inizio. Almeno 58 persone sono state uccise in un attacco con gas nel Governatorato di Idlib questa mattina. Tuttavia, prima che le indagini fossero condotte e senza avere prove evidenti, Federica Mogherini, alto rappresentante dell'Unione europea (UE) per gli affari esteri e la politica di sicurezza, ha condannato il governo siriano affermando che il “regime di Assad ha la responsabilità del ' terribile' 'chimico' in Siria.
 
L'accusa immediata da parte di un alto funzionario dell'Unione europea serve come un pericoloso precedente prima che la verità che circonda la tragedia possa emergere.
 
Alla condanna si è unito Il presidente israeliano, Benjamin Netanyahu, così come Amnesty International.

Poche ore dopo il presunto attacco con armi chimiche a Khan Sheikhun, presumibilmente da parte del governo siriano, già cominciano ad emergere alcuni particolari che screditano le informazioni fornite dai Caschi Bianchi affiliati ad Al-Qaeda.


 
Come si vede nella foto sopra, i caschi bianchi toccano i cadaveri senza equipaggiamento di sicurezza sufficiente, in particolare oltre le maschere per lo più utilizzate, ma senza guanti. Anche se questo può sembrare insignificante, la comprensione della natura del gas sarin che è stata utilizzata la pretesa opposizione, apre la strada a diverse domande.
 
In pochi secondi di esposizione al sarin, gli effetti del gas cominciano a colpire il muscolo e il sistema nervoso. C'è un rilascio quasi immediato nelle viscere e nella vescica, e il vomito è indotto. Quando il sarin è utilizzato in un'area concentrata, ha la possibilità di uccidere migliaia di persone. Eppure, con un gas così pericoloso, i caschi bianchi toccano i corpi con imprudenza visti i danni che potrebbero essere causati alla loro pelle esposta.
 
Si pone anche la questione del perché un “dottore” in un ospedale pieno di vittime di gas sarin ha il tempo di scrivere tweet e di effettuare video chiamate.
 

 

 
È noto che circa 250 persone provenienti da Majdal e Khattab sono state rapite dai terroristi di Al-Qaeda la scorsa settimana. Fonti locali hanno affermato che molti di quei morti causati dalle armi chimiche erano i rapiti da Majdal e Khattab.
 
Questi elementi suggerirebbero che alla vigilia dei prossimi negoziati di pace,le forze terroristiche hanno ancora una volta creato uno scenario di false flag. Questo mette a nudo una somiglianza con l'attacco con armi chimiche avvenuto nel Ghouta, Damasco, nel 2013 dove l'esercito siriano è stato accusato di utilizzare le armi di distruzione di massa, il giorno che gli ispettori delle Nazioni Unite l'arma erano arrivati nella capitale siriana.
 
Successivamente, il magistrato Carla del Ponte, ad un ispettore Onu disse che non vi era alcuna prova che il governo siriano avesse commesso l'atrocità. Questo però non fermò le chiamate per un intervento contro il governo siriano, una speranza che i "ribelli" coltivavano con un eventuale loro uso di armi chimiche contro i civili di Khan-al-Assal.
 
Pertanto, è del tutto sorprendente che Orient TV aveva già preparato una “campagna mediatica” per coprire gli attacchi aerei russi e siriani nella campagna di Hama contro le forze terroristiche, con le accuse che le forze aeree hanno utilizzato armi chimiche. Inoltre, c'è l'annuncio di aver coperto la notizia sull'uso di armi chimiche da parte del governo siriano, ore prima che questa affermazione emergesse.
 


 

Nel frattempo, raccolti sui camion sono stati fotografati i corpi delle persone rimaste uccise. Anche in questo caso, ci sono dei dubbi perché ci sono persone che con la presenza di gas sarin sono senza alcun equipaggiamento protettivo. Inoltre, la presenza dei pick up è coerente con a quello che fonti locali hanno riferito, ovvero che molti di quei morti sono stati rapiti da Al-Qaeda nelle città filogovernative nella zona rurale di Hama.
 
In risposta alle accuse, l'Esercito siriano di stanza a nord di Hama ha negato l'uso di armi chimiche. Lo stesso ha fatto il ministero della Difesa russo, che ha negato qualsiasi coinvolgimento nell'attacco.
 
L'esercito “non le ha e non le usa, in passato come in futuro, perché non le ha, in primo luogo”, ha detto una fonte militare.
 
E questo, naturalmente, pone un'altra domanda. Con l'esercito siriano e i suoi alleati in una posizione favorevole in Siria, con progressi realizzati in tutto il paese, e il recupero dei punti persi a Hama, perché avrebbero dovuto ricorrere all'utilizzo di armi chimiche? È una domanda molto semplice con una risposta chiara. È una sfida ad ogni logica che alla vigilia di una conferenza sulla Siria a Bruxelles e una settimana prima dell'inizio dei negoziati di pace, il governo siriano usi palesemente armi chimiche. Tutte le prove suggerisono che questo è un altra falsa accusa contro il governo come fu ad Khan-al-Assal nel 2013 dove i gruppi terroristi speravano che la “linea rossa” tracciata dell'ex presidente Obama sarebbe stata attraversata per permettere agli USA di attaccare il paese arabo.
 
Per la precisione, il governo siriano non nega di aver colpito Khan Sheikhun. L'inviato di Al-Masdar Yusha Yuseef è stato informato dall'esercito siriano che l'aviazione ha colpito un fabbrica di missili a Khan Sheikoun, utilizzando il jet da combattimento di fabbricazione russa, Su-22 per effettuare l'attacco. Ancora più importante, le bombe del Su-22 non possono essere riempite con sostanze chimiche, sono diverse dalle bombe sganciate dagli elicotteri d'attacco. A Yuseef è stato poi riferito che l'aviazione militare siriana non sapeva ci fossero sostanze chimiche all'interno della fabbrica di missili a Khan Sheikhoun. Resta da sapere, quindi, se effettivamente ci fossero sostanze chimiche nella fabbrica di missili colpita dagli attacchi aerei, o se le forze terroristiche hanno usato i gas sui civili rapiti dalle città filogovernativi e li hanno portati sui camion al sito degli attacchi aerei.
 
Pertanto, diventa evidente che l'area interessata è stata sicuramente una posizione dei terroristi, dove è noto che i Caschi Bianchi hanno le sale operative condivise con le forze terroristiche come Al Qaeda, come si è visto dopo la liberazione di Aleppo Est. I civili e le forze combattenti, tra le quali le milizie curde, hanno tutte sostenuto che i gruppi "ribelli" che operano a Idlib, Hama e nelle zone rurali di Aleppo, hanno usato armi chimiche in passato. Pertanto, prima che le grida di guerra si innalzino, ci vuole il tempo necessario affinché tutte le prove possano emergere. Tuttavia, questo è un fattore importante che non è mai esistito nella guerra siriana, e le forze terroristiche continuano a sperare che si verifichi un intervento occidentale contro il governo, a costo della vita di civili innocenti.
 
 
 
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: Al Masdar-News
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: Reuters

Gli USA creeranno una coalizione internazionale per contrastare l'Iran

La decisione è stata annunciata dall'ambasciatrice statunitense all'ONU, Nikki Haley.

Gli Stati Uniti creeranno una coalizione internazionale per contrastare l'Iran ha informato l'ambasciatrice...
Notizia del:     Fonte: USA Today - AP(foto)

Gli Stati Uniti hanno acquistato armi per i "ribelli siriani" e 'alcune' sono finite nelle mani dell'ISIS

Sofisticate armi militari statunitensi fornite 'segretamente' ai "ribelli siriani" sono rapidamente cadute nelle mani dell'ISIS, secondo uno studio pubblicato oggi.

Lo studio, come riferisce il quotidiano statunitense, 'USA Today', sostiene che il possesso da parte...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News

Le forze aeree russe in Siria bombardano le postazioni jihadiste per l'offensiva delle truppe siriane a Idlib

Le rimanenti forze aeree russe continuano a bombardare le postazioni dei gruppi terroristici, in particolare quelli affiliati ad al Qaeda particolarmente radicati tra la provincia di Hama e Idlib.

All'inizio di questa settimana, il presidente russo Vladimir Putin ha fatto una visita a sorpresa all'aeroporto...
Notizia del:     Fonte: Ynet News

Gaza stanotte, più di 20 bombardamenti in mezz'ora

di Paola Di Lullo Più di venti bombardamenti in circa mezz'ora, dopo il lancio di 4 razzi dalla Striscia verso i Territori del '48. Due di essi sarebbero stati abbattuti dall'Iron...
Notizia del:

"Giustificare le azioni che violano la sovranità della Siria è inaccettabile"

La portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, durante la sua conferenza stampa settimanale definisce 'goffi' e 'inaccettabili', le giustificazioni statunitensi riguardo la permanenza in Siria.

La portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakhárova, ha parlato anche della situazione in Siria...
Notizia del:     Fonte: RIA.Ru . Bloomberg

La Cina spiega a Trump chi ha vinto la guerra contro il terrorismo in Siria

Il Presidente degli USA, Trump, rivendica la vittoria sull'ISIS in Siria. La Cina, invece, elogia il contributo decisivo della lotta al terrorismo della Russia

Lo scorso 12 dicembre, mentre firmava il bilancio della difesa vicino ai 700 miliardi di dollari per il 2018, il...
Notizia del:     Fonte: Tasnim

L'Iran avverte: Gli Stati Uniti cercano di riportare l'Iraq e la Siria nel caos

Un importante consigliere del leader della rivoluzione islamica in Iran avverte sui tentativi degli Stati Uniti di riportare l'Iraq e la Siria nel caos.

"Gli Stati Uniti cercano di generare conflitti e caos sia in Iraq che in Siria, in particolare nella città...
Notizia del:     Fonte: RT

Mosca: "Gli Stati Uniti sono in Siria senza una base legale, minando le norme del diritto internazionale"

Il rifiuto degli Stati Uniti di ritirare le loro truppe dalla Siria è un riflesso dell'atteggiamento sdegnoso di Washington nei confronti delle norme del diritto internazionale, secondo il vice ministro degli Esteri russo Sergey Ryabkov.

Gli Stati Uniti sono in Siria senza una base legale, sminuendo le regole del diritto internazionale, ha dichiarato...
Notizia del:     Fonte: https://function.mil.ru/ - Ruptly

La Russia avvia il ritiro dei suoi aerei e della polizia militare dalla Siria

I bombardieri russi Tu-22M3 e un battaglione della polizia militare sono tornati in Russia oggi, dopo aver adempiuto alla loro missione antiterroristica in Siria, si legge in un comunicato del Ministero della Difesa russo

Il ministero della Difesa russo, in un comunicato, ha riferito che i bombardieri Tu-22M3, che sono intervenuto...
Notizia del:     Fonte: The New Yorker

'The New Yorker': Gli Stati Uniti sono costretti ad accettare Bashar al-Assad fino al 2021

Il governo degli Stati Uniti visti gli sviluppi degli ultimi anni sul campo di battaglia sono costretti ad accettare che il presidente siriano Bashar al-Assad rimanga al potere fino al 2021, secondo il settimanale statunitense, 'The New Yorker'.

Data la realtà dei campi di battaglia in Siria e gli ultimi progressi dell'esercito contro i gruppi...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: Reuters

Gli USA creeranno una coalizione internazionale per contrastare l'Iran

La decisione è stata annunciata dall'ambasciatrice statunitense all'ONU, Nikki Haley.

Gli Stati Uniti creeranno una coalizione internazionale per contrastare l'Iran ha informato l'ambasciatrice...
Notizia del:     Fonte: USA Today - AP(foto)

Gli Stati Uniti hanno acquistato armi per i "ribelli siriani" e 'alcune' sono finite nelle mani dell'ISIS

Sofisticate armi militari statunitensi fornite 'segretamente' ai "ribelli siriani" sono rapidamente cadute nelle mani dell'ISIS, secondo uno studio pubblicato oggi.

Lo studio, come riferisce il quotidiano statunitense, 'USA Today', sostiene che il possesso da parte...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News

Le forze aeree russe in Siria bombardano le postazioni jihadiste per l'offensiva delle truppe siriane a Idlib

Le rimanenti forze aeree russe continuano a bombardare le postazioni dei gruppi terroristici, in particolare quelli affiliati ad al Qaeda particolarmente radicati tra la provincia di Hama e Idlib.

All'inizio di questa settimana, il presidente russo Vladimir Putin ha fatto una visita a sorpresa all'aeroporto...
Notizia del:

Argentina, Cristina contro la brutale repressione della polizia. "Così non si governa"

"Per dodici anni e mezzo ci sono state manifestazioni a favore e contro, come in qualsiasi democrazia, ma non abbiamo mai visto episodi come quelli di adesso"

Telesur L'ex-presidente e attuale senatrice dello stato argentino, Cristina Fernández de Kirchner...
Notizia del:

Quanti disoccupati ci sono in Italia?

Allo stato attuale è classificato come “occupato” chiunque, di età superiore ai 14 anni, abbia lavorato almeno un’ora nella settimana di riferimento, a fronte di una retribuzione

di Gennaro Zezza - economia e politica   Il tasso di disoccupazione è una delle...
Notizia del:     Fonte: The Telegraph

Interferenza "low cost": Facebook quantifica in meno di 1 euro la spesa pubblicitaria russa durante la Brexit

Il social network ha informato il comitato elettorale britannico che l'Agenzia di ricerca su Internet ha speso una "piccola somma di denaro" su tre annunci sull'immigrazione.

Meno di un euro: nello specifico, 83 centesimi, l'equivalente a 97 centesimi o 73 pence britannici. Questo...
Notizia del:

"Giustificare le azioni che violano la sovranità della Siria è inaccettabile"

La portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, durante la sua conferenza stampa settimanale definisce 'goffi' e 'inaccettabili', le giustificazioni statunitensi riguardo la permanenza in Siria.

La portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakhárova, ha parlato anche della situazione in Siria...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa