/ Prima che inizi un'aggressione alla Siria, qualche dubbio sull'at...

Prima che inizi un'aggressione alla Siria, qualche dubbio sull'attacco di Idlib

Prima che inizi un'aggressione alla Siria, qualche dubbio sull'attacco di Idlib
 

Nei casi come l'attacco di Idlib, di oggi, quando si levano gli scudi delle condanne unanimi dall'Unione Europea alla Turchia, dagli USA fino a Israele, è segno che qualcosa, meglio dire una guerra, è in preparazione. È giusto e doveroso di fronte a scenari che potrebbe essere inquietanti, non imporre una verità, ma quanto meno seminare dei dubbi su quanto successo.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

Attraverso un articolo di Al Masdar News, proviamo ad analizzare ciò che è successo ad Idlib dove sono rimaste uccise 58 persone. Non vogliamo imporre nessuna verità, tantomeno però vogliamo essere passivi di fronte ai soliti leit motiv che hanno portato con le menzogne alimentate da parte dei media mainstream a scatenare guerre che hanno provocato più morti dei supposti "dittatori" che si volevano eliminare.
 
Partiamo dall'inizio. Almeno 58 persone sono state uccise in un attacco con gas nel Governatorato di Idlib questa mattina. Tuttavia, prima che le indagini fossero condotte e senza avere prove evidenti, Federica Mogherini, alto rappresentante dell'Unione europea (UE) per gli affari esteri e la politica di sicurezza, ha condannato il governo siriano affermando che il “regime di Assad ha la responsabilità del ' terribile' 'chimico' in Siria.
 
L'accusa immediata da parte di un alto funzionario dell'Unione europea serve come un pericoloso precedente prima che la verità che circonda la tragedia possa emergere.
 
Alla condanna si è unito Il presidente israeliano, Benjamin Netanyahu, così come Amnesty International.

Poche ore dopo il presunto attacco con armi chimiche a Khan Sheikhun, presumibilmente da parte del governo siriano, già cominciano ad emergere alcuni particolari che screditano le informazioni fornite dai Caschi Bianchi affiliati ad Al-Qaeda.


 
Come si vede nella foto sopra, i caschi bianchi toccano i cadaveri senza equipaggiamento di sicurezza sufficiente, in particolare oltre le maschere per lo più utilizzate, ma senza guanti. Anche se questo può sembrare insignificante, la comprensione della natura del gas sarin che è stata utilizzata la pretesa opposizione, apre la strada a diverse domande.
 
In pochi secondi di esposizione al sarin, gli effetti del gas cominciano a colpire il muscolo e il sistema nervoso. C'è un rilascio quasi immediato nelle viscere e nella vescica, e il vomito è indotto. Quando il sarin è utilizzato in un'area concentrata, ha la possibilità di uccidere migliaia di persone. Eppure, con un gas così pericoloso, i caschi bianchi toccano i corpi con imprudenza visti i danni che potrebbero essere causati alla loro pelle esposta.
 
Si pone anche la questione del perché un “dottore” in un ospedale pieno di vittime di gas sarin ha il tempo di scrivere tweet e di effettuare video chiamate.
 

 

 
È noto che circa 250 persone provenienti da Majdal e Khattab sono state rapite dai terroristi di Al-Qaeda la scorsa settimana. Fonti locali hanno affermato che molti di quei morti causati dalle armi chimiche erano i rapiti da Majdal e Khattab.
 
Questi elementi suggerirebbero che alla vigilia dei prossimi negoziati di pace,le forze terroristiche hanno ancora una volta creato uno scenario di false flag. Questo mette a nudo una somiglianza con l'attacco con armi chimiche avvenuto nel Ghouta, Damasco, nel 2013 dove l'esercito siriano è stato accusato di utilizzare le armi di distruzione di massa, il giorno che gli ispettori delle Nazioni Unite l'arma erano arrivati nella capitale siriana.
 
Successivamente, il magistrato Carla del Ponte, ad un ispettore Onu disse che non vi era alcuna prova che il governo siriano avesse commesso l'atrocità. Questo però non fermò le chiamate per un intervento contro il governo siriano, una speranza che i "ribelli" coltivavano con un eventuale loro uso di armi chimiche contro i civili di Khan-al-Assal.
 
Pertanto, è del tutto sorprendente che Orient TV aveva già preparato una “campagna mediatica” per coprire gli attacchi aerei russi e siriani nella campagna di Hama contro le forze terroristiche, con le accuse che le forze aeree hanno utilizzato armi chimiche. Inoltre, c'è l'annuncio di aver coperto la notizia sull'uso di armi chimiche da parte del governo siriano, ore prima che questa affermazione emergesse.
 


 

Nel frattempo, raccolti sui camion sono stati fotografati i corpi delle persone rimaste uccise. Anche in questo caso, ci sono dei dubbi perché ci sono persone che con la presenza di gas sarin sono senza alcun equipaggiamento protettivo. Inoltre, la presenza dei pick up è coerente con a quello che fonti locali hanno riferito, ovvero che molti di quei morti sono stati rapiti da Al-Qaeda nelle città filogovernative nella zona rurale di Hama.
 
In risposta alle accuse, l'Esercito siriano di stanza a nord di Hama ha negato l'uso di armi chimiche. Lo stesso ha fatto il ministero della Difesa russo, che ha negato qualsiasi coinvolgimento nell'attacco.
 
L'esercito “non le ha e non le usa, in passato come in futuro, perché non le ha, in primo luogo”, ha detto una fonte militare.
 
E questo, naturalmente, pone un'altra domanda. Con l'esercito siriano e i suoi alleati in una posizione favorevole in Siria, con progressi realizzati in tutto il paese, e il recupero dei punti persi a Hama, perché avrebbero dovuto ricorrere all'utilizzo di armi chimiche? È una domanda molto semplice con una risposta chiara. È una sfida ad ogni logica che alla vigilia di una conferenza sulla Siria a Bruxelles e una settimana prima dell'inizio dei negoziati di pace, il governo siriano usi palesemente armi chimiche. Tutte le prove suggerisono che questo è un altra falsa accusa contro il governo come fu ad Khan-al-Assal nel 2013 dove i gruppi terroristi speravano che la “linea rossa” tracciata dell'ex presidente Obama sarebbe stata attraversata per permettere agli USA di attaccare il paese arabo.
 
Per la precisione, il governo siriano non nega di aver colpito Khan Sheikhun. L'inviato di Al-Masdar Yusha Yuseef è stato informato dall'esercito siriano che l'aviazione ha colpito un fabbrica di missili a Khan Sheikoun, utilizzando il jet da combattimento di fabbricazione russa, Su-22 per effettuare l'attacco. Ancora più importante, le bombe del Su-22 non possono essere riempite con sostanze chimiche, sono diverse dalle bombe sganciate dagli elicotteri d'attacco. A Yuseef è stato poi riferito che l'aviazione militare siriana non sapeva ci fossero sostanze chimiche all'interno della fabbrica di missili a Khan Sheikhoun. Resta da sapere, quindi, se effettivamente ci fossero sostanze chimiche nella fabbrica di missili colpita dagli attacchi aerei, o se le forze terroristiche hanno usato i gas sui civili rapiti dalle città filogovernativi e li hanno portati sui camion al sito degli attacchi aerei.
 
Pertanto, diventa evidente che l'area interessata è stata sicuramente una posizione dei terroristi, dove è noto che i Caschi Bianchi hanno le sale operative condivise con le forze terroristiche come Al Qaeda, come si è visto dopo la liberazione di Aleppo Est. I civili e le forze combattenti, tra le quali le milizie curde, hanno tutte sostenuto che i gruppi "ribelli" che operano a Idlib, Hama e nelle zone rurali di Aleppo, hanno usato armi chimiche in passato. Pertanto, prima che le grida di guerra si innalzino, ci vuole il tempo necessario affinché tutte le prove possano emergere. Tuttavia, questo è un fattore importante che non è mai esistito nella guerra siriana, e le forze terroristiche continuano a sperare che si verifichi un intervento occidentale contro il governo, a costo della vita di civili innocenti.
 
 
 
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: Al Masdar-News
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: Hispantv

La Siria denuncia i massacri dei civili e danni per 2,5 miliardi di dollari nel settore petrolifero a causa degli attacchi aerei USA

Dopo le continue denuncie all'ONU sulle morti dei civili, il governo siriano lamenta anche danni per miliardi di dollari nel settore petrolifero a causa degli attacchi della Coalizione guidata dagli USA che illegalmente opera nel paese arabo.

In una lettera inviata al Segretario generale delle Nazioni Unite e al presidente del Consiglio di sicurezza...
Notizia del:

Una minaccia attraversa il mondo

Una minaccia attraversa il mondo, le élite mondiali hanno deciso di dare battaglia non solo per le risorse naturali dei paesi, ma anche per l’imposizione totalitaria della propria visione culturale

di Elias Jaua Milano - Ciudad CCS   C’è uno schema ricorrente nelle cosiddette ‘resistenze’...
Notizia del:     Fonte: TASS

VIDEO. L'aviazione russa elimina più di 200 terroristi dell'ISIS diretti a Deir Ezzor

I terroristi stavano viaggiando verso la città siriana in un convoglio formato da circa venti veicoli, compresi carri armati.

L'aviazione russa ha eliminato oltre 200 membri dell'ISIS, colpendo un convoglio con armi pesanti diretto...
Notizia del:     Fonte: The Sunday Times

'The Sunday Times': L'ISIS ha utilizzato società britanniche per inviare materiale militare in Spagna

L'ISIS ha beneficiato di una rete di aziende collegate ad un ufficio situato a Cardiff, per inviare materiale militare di alta qualità in Spagna e finanziare i piani terroristici nei paesi europei.

"La tecnologia di sorveglianza che è stata inviata in Spagna, dove 14 persone sono morte giovedì...
Notizia del:     Fonte: Sana.sy

Assad: "Abbiamo contrastato il progetto occidentale, ma la battaglia deve continuare fino alla vittoria"

Nel corso di una conferenza organizzata dal Ministero degli esteri, il Presidente siriano, Bashar al Assad ha dichiarato che "l'Occidente ora vive un conflitto esistenziale ogni volta che percepisce che uno Stato vuole prendere parte al suo ruolo."

"Abbiamo pagato un prezzo molto alto in questa guerra, ma siamo stati in grado di contrastare il progetto...
Notizia del:     Fonte: Haaretz

Preoccupato per i nuovi progressi dell'esercito siriano, Netanyahu incontrerà Putin

Il premier del regime israeliano terrà un incontro con il presidente russo Vladimir Putin per discutere gli ultimi sviluppi della guerra in Siria dopo gli ultimi successi dell'esercito siriano.

I media israeliani hanno riferito che il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu incontrerà il suo...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News

L'esercito siriano ha messo l'ISIS in trappola nella Siria centrale

Era solo una questione di tempo e, infatti, adesso l'ISIS si trova completamente assediato nel Governatorato di Hama. Il crollo completo del gruppo terroristico in tutto il deserto siriano in tempi così rapidi, fino a poco tempo, non era affatto previsto.

Come ha riferito 'Al Masdar news', ieri, l'incubo dell'ISIS è diventato una realtà,...
Notizia del:     Fonte: The Independent

Theresa May rifiuta la richiesta dei sopravvissuti dell'11 settembre di pubblicare i documenti sui legami tra terroristi e Arabia Saudita

I sopravvissuti hanno definito la risposta del Regno Unito "vergognosa".

Come ha riportato il quotidiano britannico 'The Independent', la premier della Gran Bretagna, Theresa May...
Notizia del:     Fonte: Al MAsdar

Siria, il ruolo chiave dei palestinesi nella lotta all'ISIS

Gli ultimi successi dell'esercito arabo siriano nella Siria centrale contro l'ISIS non sarebbero stati raggiunti senza il contributo dei suoi alleati come le Forze di Difesa nazionale, Liwaa Fatemiyoun (combattenti afgano-iraniani), Hezbollah e soprattutto le diverse unità combattenti palestinesi.

Secondo l'analisi del portale 'Al Masdar News', i guerriglieri palestinesi hanno svolto un ruolo fondamentale...
Notizia del:     Fonte: Reuters

SDF-YPG: Gli USA resteranno in Siria per decenni

Il portavoce delle 'Forze democratiche siriane', un insieme di milizie dominate dalle YPG, afferma che i militari statunitensi rimarranno nella Siria settentrionale a lungo dopo la sconfitta dei terroristi, prevedendo legami duraturi con la regione dominata dai curdi.

Le forze democratiche siriane (SDF) sostenute dagli Stati Uniti, un'alleanza di milizie dominate dal YPG...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Cuba, l'isola ferita solidale con il popolo spagnolo colpito dal terrorismo

I cubani solidarizzano con il popolo spagnolo, e gli altri che negli ultimi tempi hanno sofferto le conseguenze delle azioni terroristiche, perché sanno cosa vuol dire perdere i propri cari

di Arthur González (Traduzione di Francesco Monterisi*)   Rabbia ed impotenza si uniscono...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

La Siria denuncia i massacri dei civili e danni per 2,5 miliardi di dollari nel settore petrolifero a causa degli attacchi aerei USA

Dopo le continue denuncie all'ONU sulle morti dei civili, il governo siriano lamenta anche danni per miliardi di dollari nel settore petrolifero a causa degli attacchi della Coalizione guidata dagli USA che illegalmente opera nel paese arabo.

In una lettera inviata al Segretario generale delle Nazioni Unite e al presidente del Consiglio di sicurezza...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

L'Iran tornerà ad arricchire l'uranio al 20% se gli Stati Uniti non rispetteranno l'accordo sul nucleare

L'Iran è in grado di avviare entro cinque giorni il processo di arricchimento dell'uranio del 20% presso la centrale nucleare Fordow se gli USA non rispetteranno l'accordo sul nuclerare.

Il capo dell'Organizzazione dell'energia atomica iraniana (AEOI), Ali Akbar Salehi, ha dichiarato che...
Notizia del:

Una minaccia attraversa il mondo

Una minaccia attraversa il mondo, le élite mondiali hanno deciso di dare battaglia non solo per le risorse naturali dei paesi, ma anche per l’imposizione totalitaria della propria visione culturale

di Elias Jaua Milano - Ciudad CCS   C’è uno schema ricorrente nelle cosiddette ‘resistenze’...
Notizia del:

Evo Morales: «Gli Stati Uniti dotarono di armi chimiche Saddam per la guerra contro l'Iran»

Il presidente boliviano denuncia la «doppia morale dell'impero»

  Attraverso il proprio profilo Twitter, il presidente dello Stato Plurinazionale di Bolivia, Evo Morales,...
Notizia del:

Ucraina: schiavitù per i lavoratori e bombe per il Donbass

Questi non sono che i frutti di quella majdan Nezaležnosti, piazza Indipendenza, che il 24 agosto si appresta a celebrare il 26° anniversario della nezaležnosti

di Fabrizio Poggi - Contropiano   Oltre alla guerra nel Donbass, alla crisi economica che ha ridotto...
Notizia del:     Fonte: http://globovision.com/

Venezuela: l'oppositore Capriles avrebbe ricevuto ingenti finanziamenti dalla multinazionale Odebrecht

A rivelarlo è l’emittente televisiva Globovision, notoriamente vicina all’opposizione venezuelana

  Guai giudiziari in arrivo per Henrique Capriles. L’ex candidato presidenziale, sconfitto da Maduro,...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa