/ Putin risponde alla ritorsione di Obama affermando che la Russia ...

Putin risponde alla ritorsione di Obama affermando che la Russia non intende scendere al livello di una «diplomazia irresponsabile e primitiva»

Putin risponde alla ritorsione di Obama affermando che la Russia non intende scendere al livello di una «diplomazia irresponsabile e primitiva»
 

Lezione agli Usa da parte del presidente della Federazione Russa

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 

In riferimento alle sanzioni imposte alla Russia dal Dipartimento di Stato degli Stati Uniti d’America, che contemplano l’espulsione di 35 funzionari russi dal territorio statunitense, il presidente Vladimir Putin ha deciso di non procedere con nessuna espulsione per rappresaglia, affermando la volontà di non abbassarsi al livello di una «diplomazia irresponsabile e primitiva». 

 

Il Cremlino atterro una dichiarazione afferma di «riservarsi il diritto a prendere contromisure, ma non ci abbasseremo al livello di una diplomazia primitiva, irresponsabile, e studieremo i passi da intraprendere per ristabilire le relazioni russo-statunitensi in funzione della politica che applicherà l’amministrazione del presidente Donald Trump».  

 

Vladimir Putin ha affermato che le misure «ostili» dell’amministrazione Obama sono «una provocazione volta a minare ulteriormente le relazioni russo-statunitensi». 

 

Il presidente si è anche rammaricato per il fatto che il governo Obama «concluda il suo lavoro in questa maniera», ma in ogni caso ha voluto augurare al suo omologo, la sua famiglia e a tutto il popolo statunitense un felice anno nuovo.  

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: teleSUR
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:

"Perché io, eurodeputata, parteciperò alla terza carovana antifascista in Donbass"

Intervista ad Eleonora Forenza, Eurodeputata del PRC di Maurizio Vezzosi per L'AntiDiplomatico Cominciamo con una domanda semplice, ma forse solo apparentemente. Perché ha deciso di...
Notizia del:     Fonte: http://www.mid.ru

"Incoerenze evidenti": Mosca mette in discussione le accuse della Francia sull'uso di armi chimiche in Siria

Il ministero degli Esteri russo ha ribadito ancora una volta che l'unica possibilità di trovare la verità è che l'OPCW conduca un'indagine.

La Russia ha messo in discussione l'integrità di un rapporto dell'intelligence francese che ripete...
Notizia del:     Fonte: Al-Mayadeen

VIDEO. Yemen sempre più allo stremo, oltre all'aggressione dell'Arabia Saudita, le organizzazioni internazionali riducono gli aiuti

Più di quarantamila sfollati yemeniti ad Abes, nella Provincia di Hajja, Yemen occidentale, soffrono la carenza di cibo in seguito alla decisione delle organizzazioni internazionali per ridurre il loro aiuto a meno della metà. Un reportage di Ahmed Abdul Rahman parla delle grandi difficoltà nelle quali gli sfollati yemeniti dal vivo, oltre a quella dell'aggressione dell'Arabia Saudita appoggiata dagli USA.

Lunghe code in attesa della distribuzione del cibo che non è sufficiente. Dopo la riduzione, quel poco...
Notizia del:     Fonte: TASS

Russia, Ministero degli Esteri: "I Caschi Bianchi danno appoggio ai terroristi in Siria"

La portavoce del ministero degli Esteri russo, María Zajárova, ha denunciato le attività dell'organizzazione nella Repubblica araba.

"I soccorritori volontari dell'organizzazione 'Caschi Bianchi' che operano in Siria stanno sostenendo...
Notizia del:     Fonte: Hispantv - TASS - Reuters

La Russia condanna gli attacchi di Israele contro la Siria. E Damasco promette una risposta rapida

Il governo russo ha messo in guardia Israele sugli attacchi aerei contro Damasco, mentre la Siria ha promesso una rapida risposta a tale aggressione.

Il portavoce del presidente russo, Dmitri Peskov, ha dichiarato, oggi, che Mosca mette in guardia da qualsiasi...
Notizia del:     Fonte: Sana.sy

Assad: " Per gli USA, in Siria come in Venezuela, chiunque serva i suoi interessi e pratichi il terrorismo, è un 'oppositore', un 'moderato' un combattente per la libertà"

In un'intervista concessa a 'Telesur', il Presidente siriano Bashar al Assad, tra i veri argomenti affrontati, ha analizzato anche gli ultimi eventi in Venezuela e la strategia di destabilizzazione ordita dagli USA, già attuata in Siria nel 2011.

  Qui, il testo originale dell'intervista   Domanda 1:   Partiamo dai fatti più...
Notizia del:

Così JP Morgan e Goldman Sachs aggirano ogni giorno le sanzioni contro la Russia

di Eugenio Cipolla   Da quasi tre anni gli Stati Uniti ammorbano l’opinione pubblica occidentale con il mantra delle sanzioni alla Russia in seguito alla crisi ucraina. Nel tempo Washington,...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Russia, Siria e Iran continueranno sulla stessa trincea la lotta al terrorismo

I ministri della difesa di Iran, Siria e Russia sottolineano che continueranno sulla stessa trincea la lotta al terrorismo fino alla sua totale eliminazione.

In una riunione, ieri, a Mosca, il generale di brigata Hussein Dehqan (Iran), il generale Fahd Jassem al-Freij...
Notizia del:

Il "messaggio a Putin". Così il Regno Unito prosegue nella militarizzazione dell'est Europa

di Fabrizio Poggi - Contropiano  Pressoché in contemporanea con l'apertura a Mosca della Conferenza internazionale sulla sicurezza “MCIS-2017”, disertata dalla Nato, i...
Notizia del:     Fonte: SIPRI

SIPRI. Crescono le spese militari nel mondo. USA sempre in testa. Italia incremento dell'11%

La spesa militare globale totale è salita a 1686.000 miliardi di dollari nel 2016, con un incremento del 0,4 per cento in termini reali rispetto al 2015, secondo i dati dell'Istituto Internazionale di Stoccolma per la ricerca sulla pace. L'Italia ha fatto registrare uno degli incrementi più alti, l'11%. Lo riporta l'Istituto Internazionale di Ricerche sulla Pace di Stoccolma.

Secondo uno studio condotto dall'Istituto Internazionale di Ricerche sulla Pace di Stoccolma, SIPRI*, le...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

LA CINA METTE IN GUARDIA SULL’USO DELLA FORZA IN COREA

Il Ministro degli esteri cinese Wang Yi ha affermato che il dialogo e il negoziato sono gli unici strumenti per poter risolvere il problema della crisi nucleare in Corea, in un suo intervento ad una riunione...
Notizia del:

Saviano e i "Caschi Bianchi": Lettera aperta ad "Amici"

Gentile redazione di Amici, Apprendiamo con stupore che l’onnipresente Roberto Saviano utilizzerà la trasmissione "Amici" di questa sera per un ennesimo panegirico degli Elmetti...
Notizia del:

Per la prima volta un paese bombardato dalla Nato vota per l'integrazione nell'Alleanza

Il Parlamento del Montenegro ha votato questo venerdì a favore del progetto per l'integrazione del paese nella Nato, proposto dalla coalizione al governo. L'opposizione ha convocato proteste...
Notizia del:

Come da manuale arrivano i "Caschi Bianchi" anche in Venezuela

Come da manuale, arrivano i Caschi Bianchi a Caracas per il sostegno mediatico al tentativo di golpe violento contro il governo venezuelano.  Ea! Ya están en Venezuela, ¿quién?...
Notizia del:

Il sistema “Anaconda” ai confini russi: la "cintura liberale" per stritolare Mosca

di Fabrizio Poggi - Contropiano La municipalità di Kiev ha stabilito di proclamare il 2017, nell'area comunale, anno dell'UPA, il cosiddetto esercito insurrezionale ucraino, braccio...
Notizia del:     Fonte: http://www.mid.ru

"Incoerenze evidenti": Mosca mette in discussione le accuse della Francia sull'uso di armi chimiche in Siria

Il ministero degli Esteri russo ha ribadito ancora una volta che l'unica possibilità di trovare la verità è che l'OPCW conduca un'indagine.

La Russia ha messo in discussione l'integrità di un rapporto dell'intelligence francese che ripete...
Notizia del:     Fonte: Al-Mayadeen

VIDEO. Yemen sempre più allo stremo, oltre all'aggressione dell'Arabia Saudita, le organizzazioni internazionali riducono gli aiuti

Più di quarantamila sfollati yemeniti ad Abes, nella Provincia di Hajja, Yemen occidentale, soffrono la carenza di cibo in seguito alla decisione delle organizzazioni internazionali per ridurre il loro aiuto a meno della metà. Un reportage di Ahmed Abdul Rahman parla delle grandi difficoltà nelle quali gli sfollati yemeniti dal vivo, oltre a quella dell'aggressione dell'Arabia Saudita appoggiata dagli USA.

Lunghe code in attesa della distribuzione del cibo che non è sufficiente. Dopo la riduzione, quel poco...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa