/ Santiago Maldonado: il primo desaparecido nell’Argentina di Macri

Santiago Maldonado: il primo desaparecido nell’Argentina di Macri

Santiago Maldonado: il primo desaparecido nell’Argentina di Macri
 

Diversi testimoni hanno visto Santiago correre per ripararsi dal fuoco. Non è riuscito ad attraversare il fiume e si era rifugiato sotto un albero. Dall’altra parte del fiume, quelli che erano riusciti a fuggire hanno visto Santiago rimanere lì accovacciato tra i 20 e i 25 minuti, fino a quando lo hanno perso di vista ma potevano sentire la voce di due dei gendarmi che avrebbero intimato a qualcuno “abbiamo qui uno” e un altro gendarme dire “sei in arresto”

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


da Contropiano*

Il Centro di Studi Sociali e legali ha chiesto l’intervento urgente del Comitato sulle “scomparse forzate” delle Nazioni Unite nel caso Maldonado.

Noceti ha anticipato in due interviste radiofoniche che tutti i membri della Resistenza Ancestrale Mapuche (RAM) sarebbero stati arrestati e si vantava che il governo nazionale avrebbe agito senza l’intervento di un giudice, ritenuto non necessario.

Noceti ha affermato che negli atti di violenza attribuiti al RAM Mapuche sarebbero coinvolti anche il vincitore del Premio Nobel per la Pace, Adolfo Perez Esquivel, “persone legate al governo precedente” e “estremisti curdi.”

Quando Noceti è diventato capo del personale del suo ministero, le organizzazioni per i diritti umani segnalarono che, come avvocato difensore dei militari processati per crimini contro l’umanità, Noceti aveva messo in dubbio le prove giudiziarie definendole “una vendetta politica” e mettendo in discussione l’impossibilità della prescrizione per tali crimini.

Il giudice federale Guido Otranto, parlando in una seduta premiliare (habeas corpus) per conto del detenuto-desaparecido Maldonado, ha separato la Gendarmeria dalla ricerca, come richiesto dal protocollo dell’Ufficio del Pubblico Ministero e ha ordinato alla Guardia Costiera condurre un rastrellamento nella zona in cui Maldonado è stato visto l’ultima volta, ma senza risultati.

Dallo scorso anno, il Ministero della Sicurezza tenta di classificare la RAM Mapuche come un’organizzazione terroristica, nonostante una sentenza contraria emessa dalla Corte Suprema.

Il 31 luglio, membri delle comunità mapuche hanno protestato davanti al tribunale federale di Bariloche per l’arresto arbitrario di Facundo Jones Huala e sono stati repressi dalla Gendarmeria Nazionale e dal reparto di Assalto Tattico della polizia aeroportuale di sicurezza, con proiettili di gomma sparati ad altezza d’uomo. Nove persone sono state arrestate e molte sono rimaste ferite.

La presentazione del CELS davanti alle Nazioni Unite ci dice che circa 100 membri della Gendarmeria isono entrati in modo rregolare e violento nel territorio della comunità Mapuche Pu Lof in Resistenza, nel dipartimento di Cushamen, provincia di Chubut.

Hanno sparato munizioni vere e di gomma e bruciati oggetti appartenenti alle famiglie. Santiago Maldonado, 28 anni, residente a El Bolson, è stato visto l’ultima volta mentre fuggiva da tale persecuzione. Portava un piccolo zaino con effetti personali e documenti, che non è stato ancora trovato.

Quando circa 30 membri in uniforme della Gendarmeria hanno iniziato a sparare, diverse persone presenti sulla scena sono corse verso il fiume, a circa 100 metri ad est della comunità. Alcuni sono riuscite ad attraversarlo e fuggire.

Diversi testimoni hanno visto Santiago correre per ripararsi dal fuoco. Non è riuscito ad attraversare il fiume e si era rifugiato sotto un albero. Dall’altra parte del fiume, quelli che erano riusciti a fuggire hanno visto Santiago rimanere lì accovacciato tra i 20 e i 25 minuti, fino a quando lo hanno perso di vista ma potevano sentire la voce di due dei gendarmi che avrebbero intimato a qualcuno “abbiamo qui uno” e un altro gendarme dire “sei in arresto”.

Dall’altra parte del fiume, una persona che era su una collina, ha visto un gruppo di poliziotti percuotere un giovane uomo ammanettato. Ma non è riuscito a identificarlo con precisione a causa della distanza; nessuno degli altri membri della comunità è stato arrestato nel territorio.

Più tardi, intorno alle 13.30, un altro uomo che era dall’altra parte del fiume ha potuto anche lui osservare che tra i sei e gli otto soldati formavano una linea tentando di nascondere qualcosa mentre cercavano di entrare attraverso la porta sul retro di un furgone della Gendarmeria.

Questo furgone, bianco con I vetri verdi (oscurati) era entrato nel territorio indio in retromarcia, e si è poi ritirata lungo la Route n° 40, verso la città di Esquel.

Il CELS si è messo in comnicazione con due segretari di Stato per porre all’attenzione lo status di Maldonado. Il capo della sicurezza, Eugenio Burzaco, superiore formale di Noceti, ha risposto che avrebbe cercato di scoprire cosa era successo. Il responsabile del comitato per i Diritti dell’uomo e il pluralismo culturale, Claudio Avruj, ha risposto che avrebbe provveduto intanto a contestare l’accaduto. Dopo un giorno e mezzo ha in effetti presentatoun lungo rapporto che espone in dettaglio i passi formali fatti su richiesta del Tribunale Federale di Esquel, ma presenta la prima scomparsa del governo attuale come un semplice “ricerca di persona scomparsa”

(Da Pagina 12)

*questo articolo esce in contemporanea su Contropiano e l'AntiDiplomatico
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:

Argentina, Cristina contro la brutale repressione della polizia. "Così non si governa"

"Per dodici anni e mezzo ci sono state manifestazioni a favore e contro, come in qualsiasi democrazia, ma non abbiamo mai visto episodi come quelli di adesso"

Telesur L'ex-presidente e attuale senatrice dello stato argentino, Cristina Fernández de Kirchner...
Notizia del:

Così in Argentina si è installata una dittatura mafiosa

Prof. Jorge Beinstein (docente dell'Università di Buenos Aires): "L'avventura macrista non si appoggia su un mito globale sufficientemente credibile, e neppure promette prosperità e libertà. La sua ascesa ricompone l'odio classista con esplosioni di razzismo e accanimento conservatore, mentre i suoi referenti globali-occidentali, gli Stati Uniti e L'Unione Europea mostrano quotidianamente il loro declino economico e il deterioramento istituzionale."

di Jorge Beinstein* da alainet.org Traduzione di Marx21.it Mancano solo alcuni piccoli aggiustamenti...
Notizia del:

Il Messico, un grande cimitero clandestino

«Violenza e terrore. Nuove scoperte sulle fosse clandestine in Messico», questo è il titolo di un dettagliato rapporto scaturito dalle investigazioni condotte dall’Università Iberoamericana (UIA) e la Commissione Messicana per la Difesa e la Promozione dei Diritti Umani (CMDPDH)

  La violenza che scuote il Messico ha trasformato il paese in una grande fossa comune. In territorio messicano...
Notizia del:

Argentina, cosa succede dopo la vittoria di Macrì nelle elezioni legislative?

di Danilo Della Valle  Che in America Latina, da qualche tempo a questa parte, si respiri un'aria non proprio favorevole a chi si oppone al neocolonialismo di stampo liberista lo sapevamo...
Notizia del:

Confermata la morte di Santiago Maldonado. La multinazionale Benetton ha nulla da dire?

E' ufficiale il corpo ritrovato in un fiume del sud dell'Argentna è effettivamente dell'attivista Santiago Maldonado, primo desaperecido dell'era Macrì. A confermarlo sono...
Notizia del:

Macri, il "lavamano" di Trump

di Patricio Montesinos - cubadebate Gli inquilini della Casa Bianca hanno l'abitudine di "designare" in America Latina o nel mondo un "noto" personaggio denominato lavamani,...
Notizia del:

L'economista argentino Kicillof: il neoliberismo cerca di spaccare l'America Latina

L'ex ministro dell'Economia argentino denuncia la gestione Macri: «Il primo anno è stato disastroso, si è registrato un peggioramento in tutti gli indicatori economici»

  «Il neoliberismo ha una strategia per l'America Latina, che ha a che fare con il libero mercato,...
Notizia del:

Argentina: la coltivazione di soia transgenica provoca inondazioni. Il ministro dell'ambiente parla di «profezie apocalittiche»

Il rabbino Sergio Bergman, quando ha preso la carica di Ministro dell’Ambiente del governo di Mauricio Macri, ha dichiarato di non avere alcuna conoscenza sulla materia

da HispanTV   Sembra una bella alba su di una laguna, ma è l'immagine di una tragedia. Mi...
Notizia del:

Il Premio Nobel per la Pace Pérez Esquivel contro Macri e Rajoy: non hanno autorità morale per giudicare gli affari interni del Venezuela

da AVN   Il Premio Nobel per la Pace, Adolfo Pérez Esquivel, ha affermato che i presidenti di Argentina e Spagna, Mauricio Macri e Mariano Rajoy, non hanno l’autorità morale...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Argentina, le Madri di Plaza de Mayo paragonano Macri a Videla per la sparizione di Santiago Maldonado

  La presidente dell’Associazione Madri di Plaza de Mayo, Hebe de Bonafini, ha espresso la propria solidarietà per il caso del giovane argentino Santiago Maldonado, avvistato per l’ultima...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: Reuters

Gli USA creeranno una coalizione internazionale per contrastare l'Iran

La decisione è stata annunciata dall'ambasciatrice statunitense all'ONU, Nikki Haley.

Gli Stati Uniti creeranno una coalizione internazionale per contrastare l'Iran ha informato l'ambasciatrice...
Notizia del:     Fonte: USA Today - AP(foto)

Gli Stati Uniti hanno acquistato armi per i "ribelli siriani" e 'alcune' sono finite nelle mani dell'ISIS

Sofisticate armi militari statunitensi fornite 'segretamente' ai "ribelli siriani" sono rapidamente cadute nelle mani dell'ISIS, secondo uno studio pubblicato oggi.

Lo studio, come riferisce il quotidiano statunitense, 'USA Today', sostiene che il possesso da parte...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News

Le forze aeree russe in Siria bombardano le postazioni jihadiste per l'offensiva delle truppe siriane a Idlib

Le rimanenti forze aeree russe continuano a bombardare le postazioni dei gruppi terroristici, in particolare quelli affiliati ad al Qaeda particolarmente radicati tra la provincia di Hama e Idlib.

All'inizio di questa settimana, il presidente russo Vladimir Putin ha fatto una visita a sorpresa all'aeroporto...
Notizia del:

Argentina, Cristina contro la brutale repressione della polizia. "Così non si governa"

"Per dodici anni e mezzo ci sono state manifestazioni a favore e contro, come in qualsiasi democrazia, ma non abbiamo mai visto episodi come quelli di adesso"

Telesur L'ex-presidente e attuale senatrice dello stato argentino, Cristina Fernández de Kirchner...
Notizia del:

Quanti disoccupati ci sono in Italia?

Allo stato attuale è classificato come “occupato” chiunque, di età superiore ai 14 anni, abbia lavorato almeno un’ora nella settimana di riferimento, a fronte di una retribuzione

di Gennaro Zezza - economia e politica   Il tasso di disoccupazione è una delle...
Notizia del:     Fonte: The Telegraph

Interferenza "low cost": Facebook quantifica in meno di 1 euro la spesa pubblicitaria russa durante la Brexit

Il social network ha informato il comitato elettorale britannico che l'Agenzia di ricerca su Internet ha speso una "piccola somma di denaro" su tre annunci sull'immigrazione.

Meno di un euro: nello specifico, 83 centesimi, l'equivalente a 97 centesimi o 73 pence britannici. Questo...
Notizia del:

"Giustificare le azioni che violano la sovranità della Siria è inaccettabile"

La portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, durante la sua conferenza stampa settimanale definisce 'goffi' e 'inaccettabili', le giustificazioni statunitensi riguardo la permanenza in Siria.

La portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakhárova, ha parlato anche della situazione in Siria...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa