/ Storia di ordinaria "democrazia" nella Palestina occupata

Storia di ordinaria "democrazia" nella Palestina occupata

Storia di ordinaria democrazia nella Palestina occupata
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Paola Di Lullo
 

In Palestina la vita corre appesa ad un filo. Ieri sera, una sera come tante, Muhammad Abdullah Moussa, 26 anni, e sua sorella Latifa, 33 anni, entrambi del villaggio di Deir Ballout, vicino Salfit, si trovavano in macchina, lungo una strada parallela all'insediamento illegale di Halamish, costruito sulle terre rubate al villaggio palestinese di Nabi Saleh, a nord-ovest di Ramallah, quando i soldati israeliani hanno fatto fuoco.


Muhammad è stato lasciato a terra a sanguinare, lo descrivono cosciente. All'ambulanza della Mezza Luna Rossa Palestinese è stato impedito l'accesso al luogo e Muhammed è stato caricato su un'ambulanza israeliana. Condotto in un ospedale israeliano, è stato dichiarato morto. La sorella, ricoverata in un ospedale palestinese di Ramallah, non è in pericolo di vita.


Andava verso Birzeit, direzione Ramallah, Muhammad. Ha trovato la morte, perché i soldati israeliani hanno ritenuto che guidasse la sua macchina in modo sospetto. Mi piacerebbe capire cosa vuol dire guidare in modo sospetto, da cosa lo capiscono, questi assassini patentati dal loro governo. Ma non credo ci riuscirò mai.


Muhammad Hazim al-Khawaja,uno dei palestinesi scesi dalle loro auto per prestare soccorso, racconta che i soldati israeliani hanno crivellato di colpi l'auto di Muhammad, che lui ha provato a tamponare la ferita alla schiena, da cui fuoriusciva molto sangue, che Muhammad gli chiedeva di aiutarlo. E che gridava...gridava di dolore.


Il ministero degli esteri palestinese ha condannato le forze israeliane, ree di aver commesso un'ennesima "esecuzione extragiudiziale" e ha chiesto un'immediata indagine sulla sparatoria e sulla "negligenza medica deliberata" dei soldati israeliani.


I due erano diretti a Ramallah, quando "all'improvviso sono stati colpiti dagli spari delle forze israeliane senza alcuna ragione e senza costituire minaccia alcuna per i soldati".


"Ciò riafferma che i soldati israeliani sono usati come macchine per uccidere i palestinesi in ossequio alle decisioni del governo israeliano e alle istruzioni militari, il che trasforma i territori palestinesi occupati e i checkpoint in campi di addestramento per uccidere", ha continuato il ministero.


Infine, sempre il ministero ha invitato le organizzazioni per i diritti umani a documentare questo "crimine atroce", che dovrebbe essere perseguito nei tribunali internazionali.


Ed ha condannato l'incapacità di reazione della comunità internazionale, invitando le Nazioni Unite a "indagare su questo crimine e trattenere gli assassini e coloro che coprono i responsabili".


< Durante l'ispezione dell'auto non sono state trovate armi, e pertanto l'incidente non è stato definito come un tentativo di attacco terroristico. Contemporaneamente all'inchiesta dell'esercito, i soldati comunicheranno la propria versione dei fatti.>>


Incidente, lo definisce la Criminal Investigation Division. Omicidio, tanto più crudele perché inutile, io.


 

FONTI : MA'AN NEWS AGENCY
QUDS NETWORK

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: The Jerusalem Post

Israele prevede la guerra nel Golan nel 2018 per i progressi dell'esercito siriano

In mezzo a tensioni crescenti in Medio Oriente, un alto generale delle forze armate di Israele, ha messo in guardia contro la "crescente possibilità di una guerra" sulle alture del Golan seguito i progressi dell'esercito siriano contro i gruppi estremisti e "ribelli".

In dichiarazioni rilasciate durante un'intervista alla radio dell'esercito, il comandante delle operazioni...
Notizia del:     Fonte: https://www.israelnationalnews.com

VIDEO. Ministro israeliano: L'ISIS non è una minaccia strategica per Israele

Il ministro dell'Economia israeliano Naftali Bennett ammette che Tel Aviv non ha mai visto il gruppo terroristico ISIS (Daesh in arabo) come una "minaccia esistenziale o strategica" e crede che la distruzione di questo gruppo potrebbe rafforzare la posizione dell'Iran in Siria e in Iraq.

"Non abbiamo mai visto l'ISIS come una minaccia esistenziale o strategica, (e) non si dovrebbe rimuovere...
Notizia del:     Fonte: Haaretz

Israele fornisce armi e denaro a 7 gruppi "ribelli" in Siria

Un rapporto dettagliato pubblicato oggi dal quotidiano israeliano 'Harretz', rivela come il regime israeliano sta inviando denaro, armi e munizioni a sette gruppi 'ribelli' che operano attraverso le alture del Golan occupate da Israele e che combattono contro l'esercito siriano.

Secondo l'analista Elishabeth Tsurkov, che per anni ha monitorato lo sviluppo del conflitto siriano, almeno...
Notizia del:     Fonte: RT

Lavrov: "La Russia esorta gli Stati Uniti a non giocare con il fuoco in Siria"

La Russia è preoccupata per le azioni degli Stati Uniti che mirano alla "disintegrazione della Siria".

La Russia "esorta gli Stati Uniti a non giocare con il fuoco in Siria e a calibrare attentamente i suoi...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Ecco la mappa dei giacimenti di gas israeliani che Hezbollah potrebbe distruggere

Sabato scorso, il Segretario generale del Movimento di Resistenza Islamico in Libano (Hezbollah), Seyed Hassan Nasrallah ha minacciato il regime israeliano di attaccare i suoi giacimenti di gas e petrolio nel Mar Mediterraneo, se il governo Beirut lo chiedesse.

Media legati a Hezbollah hanno diffuso le mappe dei giacimenti di gas israeliani che potrebbero essere attaccati...
Notizia del:

Gaza: dove la Resistenza non si arrende

Gaza la Resistente, l'indomita, la ribelle, non si piega all'occupazione e paga sempre il prezzo più alto. Assassinati due diciassettenni nei bombardamenti israeliani della scorsa notte

di Paola di Lullo   Sono le 16,00 circa, di sabato pomeriggio, quando una jeep israeliana della Brigata...
Notizia del:     Fonte: Al Manar

Nasrallah: Possiamo distruggere le piattaforme petrolifere israeliane nel giro di poche ore

Il segretario generale di Hezbollah Sayyed Hassan Nasrallah ribadisce che la presenza degli USA nella regione è data dalla volontà di impadronirsi delle risorse naturali.

In occasione della ricorrenza del martirio di due leader del Movimento di resistenza libanese Hezbollah, il segretario...
Notizia del:     Fonte: Haaretz - The New York Times

Putin ha evitato una guerra tra Israele e Siria dopo l'abbattimento dell'F-16

Il presidente russo Vladimir Putin ha impedito a Israele di lanciare un'ondata senza precedenti di attacchi contro obiettivi "iraniani e siriani" in Siria in risposta all'abbattimento di un aereo da guerra israeliano F-16 da parte della difesa aerea siriana.

In un articolo pubblicato ieri, il quotidiano israeliano 'Haaretz' ha ricordato che dopo l'abbattimento...
Notizia del:

Safaa Dhaher, ricercatrice palestinese: "La provocazione di Trump ha dato nuova vita alla richiesta di giustizia contro l'occupazione"

Da Betania ad Abu Dis, guardando Gerusalemme.

  di Patrizia Cecconi - Betlemme, 12 febbraio 2018 A due mesi dalla dichiarazione del più rozzo...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Abbas a Putin: Gli USA non siano l'unico mediatore nel conflitto con Israele

Arrabbiato dai recenti passi di Washington a favore di Israele, il presidente palestinese Mahmoud Abbas ha espresso la sua opposizione all'omologo russo Vladimir Putin nei riguardi degli Stati Uniti come unico mediatore nei negoziati di pace con il regime Tel Aviv.

"In questo ambiente, prodotto delle azioni degli Stati Uniti, dichiariamo che da questo momento ci rifiutiamo...
Le più recenti da La mia Gaza
Notizia del:

"Cos' è la mia vita quando Israele uccide donne e bambini e contamina la nostra Al-Aqsa?"

La storia di Omar al-Abed, condannato a quattro ergastoli sabato scorso da un tribunale militare di Israele.

    di Paola Di Lullo   "Ho molti sogni e credo che si avvereranno, amo la vita e...
Notizia del:

Gaza: dove la Resistenza non si arrende

Gaza la Resistente, l'indomita, la ribelle, non si piega all'occupazione e paga sempre il prezzo più alto. Assassinati due diciassettenni nei bombardamenti israeliani della scorsa notte

di Paola di Lullo   Sono le 16,00 circa, di sabato pomeriggio, quando una jeep israeliana della Brigata...
Notizia del:

Ameer e Ali, altri due martiri minorenni nella Palestina occupata

Ancora due giovani martiri, giovedì, in Palestina. Due giovani vite spezzate nel fiore degli anni dall'unica democrazia del Medio Oriente e dai suoi soldati assetati di sangue. Due giovani di...
Notizia del:

Dov'è finita Gerusalemme?

di Paola Di Lullo Dov'è finita Gerusalemme? Sulle bacheche, ma non solo, sui Tg nostrani, impazza Ahed Tamimi. Premetto che nulla ho contro questa ragazzina dal volto angelico e dallo...
Notizia del:

9 anni dopo, noi non dimentichiamo - 27 dicembre 2008 iniziava "Piombo fuso", uno dei crimini più odiosi del regime israeliano.

di Paola Di Lullo L'operazione Cast Lead cominciò il 27 dicembre 2008 e terminò il 18 gennaio 2009. Durante questi 23 giorni furono uccise 1.285 persone, di cui 200 solo nel primo...
Notizia del:

Palestina occupata. Venerdì rosso...sangue

di Paola Di Lullo   Dieci giorni e due venerdì "della rabbia". Tanto è trascorso dalla dichiarazione unilaterale e priva di legittimità di Donald Trump di riconoscere...
Notizia del:     Fonte: Ynet News

Gaza stanotte, più di 20 bombardamenti in mezz'ora

di Paola Di Lullo Più di venti bombardamenti in circa mezz'ora, dopo il lancio di 4 razzi dalla Striscia verso i Territori del '48. Due di essi sarebbero stati abbattuti dall'Iron...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa