/ Trump: una Brexit statunitense?

Trump: una Brexit statunitense?

Trump: una Brexit statunitense?
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Miguel Angel Ferrer per teleSUR
 

Il ministro delle Finanze messicano, José Antonio Meade, ha dichiarato che il Messico è preparato per un’eventuale vittoria del candidato repubblicano alla presidenza degli Stati Uniti, Donald Trump. Il ministro teme che questa eventualità si tramuti in realtà il prossimo 8 di novembre? Meade è a conoscenza di qualcosa che noi comuni mortali ignoriamo? Oppure si tratta semplicemente di un sospetto più o meno fondato? Qualcosa dev’essere per non prendersi la briga di affermare che il Messico è preparato per un’eventuale vittoria di Hillary Clinton.

 

Il predecessore di Meade al Ministero delle Finanze, Luis Videgaray, fu il promotore e l’artefice dell’invito di Peña Nieto a Trump, affinché, da candidato, visitasse il Messico. La visita si rivelò un disastro per Peña Nieto e Videgaray stesso, ma qualcosa indicava la preoccupazione del governo messicano rispetto a una vittoria di Trump.

 

Sarebbe così negativo per il Messico l’arrivo di Trump alla Casa Bianca? Indubbiamente esiste una potente ed estesa corrente di opinione che sposa quest’ottica. Una corrente d’opinione nata nella cupola economica messicana e alimentata fondamentalmente dai mezzi di comunicazione. Tutto questo porta milioni di messicani a desidera e finanche promuovere la sconfitta di Trump e la vittoria della candidata Clinton. 

 

Il presidente Clinton sarebbe meglio per il Messico rispetto al presidente Trump? Non si capisce il perché. I due sono entrambi xenofobi, anti-messicani, razzisti, imbroglioni, sono entrambi due plutocrati finiti e notoriamente sociopatici. Forse l’unica differenza visibile sta nel fatto che la Clinton è una guerrafondaia senza scrupoli, mentre di Trump non abbiamo esperienza diretta in materia.  

 

Trump di certo ha detto una montagna di barbarità. Ma Hillary Clinton le ha commesse. Spaventano le parole ma non i fatti? Cosa porta la cupola economica messicana a temere tanto il trionfo di Trump? Hanno paura di un terremoto politico negli Stati Uniti che possa disturbare le attuali relazioni delle cuspidi di entrambi i lati della frontiera?

 

L’elite economica messicana teme che con Trump presidente si esauriscano gli attuali business lucrativi? Per esempio che Washington ripudi il North American Free Trade Agreement, il tristemente noto NAFTA, che ha gravemente colpito la popolazione messicana ma ha arricchito enormemente la cupola. 

 

Di solito un presidente democratico degli Stati Uniti è, con alcune sfumature, sostanzialmente uguale a un presidente repubblicano. Per il Messico e per il pianeta. «Lo stesso cane ma con un collare diverso», come ha detto una volta Fidel Castro. C’è qualcosa di diverso ora? Tutto ciò può significare uno scisma nel sistema politico statunitense?

 

Qualcosa che scuota il sistema statunitense, come la Brexit ha scosso il sistema europeo? Un annuncio interno del crollo della potenza imperiale? Un sintomo che il sistema imperialista e colonialista non è più sostenibile? Un riassestamento delle forze economiche degli Stati Uniti che cominciano a guardare verso l’interno e non verso l’esterno?

 

Un terremoto, un sisma di tale portata colpirebbe il Messico e il pianeta. Ma non necessariamente in peggio. La caduta dell’impero non sarebbe una cattiva notizia. La Brexit annuncia una nuova Europa meno dannosa di quella attuale. Trump presidente sarebbe l’annuncio di un inarrestabile declino degli Stati Uniti meno dannoso per il mondo e per il Messico? O sarebbe solamente lo stesso cane con un diverso collare?



(Traduzione dallo spagnolo de l'AntiDiplomatico)

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: teleSUR
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News

FOTO. Convoglio militare USA entra in Siria attraverso l'Iraq

Come riporta e documenta 'Al Masdar-News', un convoglio militare statunitense composto da diversi veicoli blindati, è entrato in Siria dal confine iracheno, arrivando questa mattina nella...
Notizia del:     Fonte: https://www.cia.gov

Documenti della CIA rivelano: Gli USA già programmavano di distruggere la Siria nel 1983

Un documento della CIA declassificato ha rivelato le trame ordite dagli Stati Uniti nel 1983 per distruggere la Siria e rovesciare il padre dell'attuale presidente siriano. Con le stesse pratiche adottate poi nel 2011.

Un documento declassificato della CIA, ha rivelato i piani di Washington, nel 1983, per rovesciare il governo...
Notizia del:     Fonte: Al-Mayadeen

VIDEO. Yemen sempre più allo stremo, oltre all'aggressione dell'Arabia Saudita, le organizzazioni internazionali riducono gli aiuti

Più di quarantamila sfollati yemeniti ad Abes, nella Provincia di Hajja, Yemen occidentale, soffrono la carenza di cibo in seguito alla decisione delle organizzazioni internazionali per ridurre il loro aiuto a meno della metà. Un reportage di Ahmed Abdul Rahman parla delle grandi difficoltà nelle quali gli sfollati yemeniti dal vivo, oltre a quella dell'aggressione dell'Arabia Saudita appoggiata dagli USA.

Lunghe code in attesa della distribuzione del cibo che non è sufficiente. Dopo la riduzione, quel poco...
Notizia del:     Fonte: Sana.sy

Assad: " Per gli USA, in Siria come in Venezuela, chiunque serva i suoi interessi e pratichi il terrorismo, è un 'oppositore', un 'moderato' un combattente per la libertà"

In un'intervista concessa a 'Telesur', il Presidente siriano Bashar al Assad, tra i veri argomenti affrontati, ha analizzato anche gli ultimi eventi in Venezuela e la strategia di destabilizzazione ordita dagli USA, già attuata in Siria nel 2011.

  Qui, il testo originale dell'intervista   Domanda 1:   Partiamo dai fatti più...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Russia, Siria e Iran continueranno sulla stessa trincea la lotta al terrorismo

I ministri della difesa di Iran, Siria e Russia sottolineano che continueranno sulla stessa trincea la lotta al terrorismo fino alla sua totale eliminazione.

In una riunione, ieri, a Mosca, il generale di brigata Hussein Dehqan (Iran), il generale Fahd Jassem al-Freij...
Notizia del:     Fonte: SIPRI

SIPRI. Crescono le spese militari nel mondo. USA sempre in testa. Italia incremento dell'11%

La spesa militare globale totale è salita a 1686.000 miliardi di dollari nel 2016, con un incremento del 0,4 per cento in termini reali rispetto al 2015, secondo i dati dell'Istituto Internazionale di Stoccolma per la ricerca sulla pace. L'Italia ha fatto registrare uno degli incrementi più alti, l'11%. Lo riporta l'Istituto Internazionale di Ricerche sulla Pace di Stoccolma.

Secondo uno studio condotto dall'Istituto Internazionale di Ricerche sulla Pace di Stoccolma, SIPRI*, le...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News - Hispantv

Aleppo. I terroristi di Tahrir al-Sham usano missili anticarro TOW di fabbricazione USA, forniti da Turchia e Arabia Saudita

I terroristi di Tahrir al-Sham Hayat sono dotati di 'grandi' arsenali di missili anti-carro di fabbricazione USA nella parte occidentale di Aleppo, molto probabilmente forniti dai loro sponsor Arabia Saudita e Turchia

Il portale di informazione 'Al-Masdar News', in un articolo sullo stato di avanzamento dell'esercito...
Notizia del:     Fonte: RT

Venezuela: sono in gioco il futuro del popolo e della Rivoluzione Bolivariana

Se qualcuno lanciasse una molotov in una manifestazione contro il governo statunitense a Washington, sarebbe arrestato e accusato di terrorismo domestico

di Eva Golinger - RT   Il Venezuela è nuovamente sulla prima pagina del ‘New York Times’...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Sentenza già scritta? OPCW respinge proposta di indagine russo-iraniana sull'attacco chimico in Siria

L'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPCW) ha respinto la proposta di Iran e Russia per una diversa indagine sull'uso di armi chimiche in Siria. In particolare, i due paesi chiedevano di indagare se nella base siriana di Shayrat si trovassero resti armi chimiche, dove, secondo gli USA, sarebbero partiti i raid siriani su Khan Shaykhun.

"La proposta russo-iraniana per sostituire l'inchiesta della OPCW con un nuovo meccanismo è stato...
Notizia del:     Fonte: ria.ru

Assad: "Non c'è stato nessun attacco chimico a Khan Shaykhun, per questo l'ONU non invia nessuna delegazione in Siria"

Assad sostiene che quando gli esperti arriveranno nella città siriana di Khan Shaykhun si renderanno conto che tutte le affermazioni circa il presunto attacco chimico erano bugie ma, proprio per questa ragione, l'ONU non invia nessuna delegazione per indagare, nonostante le richiesta ufficiale del governo siriano.

Il presidente siriano Bashar al Assad ha negato in un'intervista concessa a 'RIA Novosti' che un...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Pepe Mujica: "La radicalizzazione di Almagro nell'Osa non è un pericolo solo per il Venezuela ma per tutta l'America Latina"

In un'intervista molto lunga e molto bella (si consiglia la lettura integrale) rilasciata a Caras y Careta, l'ex presidente dell'Uruguay Pepe Mujica ha rilasciato queste parole sulla situazione...
Notizia del:

Caracas. Ammissione shock di una dirigente opposizione: «Se Voluntad Popular potesse, brucerebbe oggi stesso il Venezuela»

Voluntad Popular è il partito il cui leader Leopoldo Lopez è incarcerato per i fatti violenti del 2014

di Fabrizio Verde   «Se potessero bruciare il Venezuela oggi stesso, lo farebbero», crolla...
Notizia del:

Il momento esatto in cui la polizia del regime brasiliano lancia una bomba lacrimogena contro un deputato in un comizio

  Un video di Ronaldo Parra diffuso da Ninja Medios mostra il momento esatto in cui la polizia militare brasiliana ha lanciato una bomba lacrimogena contro il deputato di Rio de Janeiro,...
Notizia del:     Fonte: The Guardian - Turkey Blocks

La Turchia blocca l'accesso a Wikipedia

Un gruppo turco di monitoraggio del web ha riferito che Ankara ha bloccato tutti gli accessi all'interno del paese all'enciclopedia online Wikipedia, una misura che segue l'ondata di repressione del governo contro l'opposizione e il dissenso.

Turkey Blocks, che si definisce un "progetto di trasparenza digitale" indipendente,  in un comunicato,...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News

Yemen, al Qaeda annuncia la sua disponibilità ad unirsi all'Arabia saudita per combattere Ansarollah

Il ramo yemenita del gruppo terroristico al Qaeda ha annunciato al sua disponibilià a combattere a fianco dell'Arabia Saudita contro Ansarollah.

Come riportato dal portale Al-Masdar News, il leader di Al Qaeda nella penisola arabica (AQAP), Qasim al-Raymi,...
Notizia del:

Manlio Dinucci - Italia «a testa alta» nelle spese per la guerra

  di Manlio Dinucci (il manifesto, 30 aprile 2017)    «L'Italia partecipa a testa alta all'Alleanza Atlantica, nella quale è il quinto maggiore contributore,...
Notizia del:

Capriles contro Papa Francesco: leader dell'opposizione venezuelana rifiuta la richiesta di dialogo del Pontefice

Il leader dell'opposizione venezuelana Henrique Capriles ha rifiutato l'offerta di papa Francisco per riattivare il dialogo con il governo del Presidente Nicolás Maduro. Lo riporta...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa