/ Trump: una Brexit statunitense?

Trump: una Brexit statunitense?

Trump: una Brexit statunitense?
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Miguel Angel Ferrer per teleSUR
 

Il ministro delle Finanze messicano, José Antonio Meade, ha dichiarato che il Messico è preparato per un’eventuale vittoria del candidato repubblicano alla presidenza degli Stati Uniti, Donald Trump. Il ministro teme che questa eventualità si tramuti in realtà il prossimo 8 di novembre? Meade è a conoscenza di qualcosa che noi comuni mortali ignoriamo? Oppure si tratta semplicemente di un sospetto più o meno fondato? Qualcosa dev’essere per non prendersi la briga di affermare che il Messico è preparato per un’eventuale vittoria di Hillary Clinton.

 

Il predecessore di Meade al Ministero delle Finanze, Luis Videgaray, fu il promotore e l’artefice dell’invito di Peña Nieto a Trump, affinché, da candidato, visitasse il Messico. La visita si rivelò un disastro per Peña Nieto e Videgaray stesso, ma qualcosa indicava la preoccupazione del governo messicano rispetto a una vittoria di Trump.

 

Sarebbe così negativo per il Messico l’arrivo di Trump alla Casa Bianca? Indubbiamente esiste una potente ed estesa corrente di opinione che sposa quest’ottica. Una corrente d’opinione nata nella cupola economica messicana e alimentata fondamentalmente dai mezzi di comunicazione. Tutto questo porta milioni di messicani a desidera e finanche promuovere la sconfitta di Trump e la vittoria della candidata Clinton. 

 

Il presidente Clinton sarebbe meglio per il Messico rispetto al presidente Trump? Non si capisce il perché. I due sono entrambi xenofobi, anti-messicani, razzisti, imbroglioni, sono entrambi due plutocrati finiti e notoriamente sociopatici. Forse l’unica differenza visibile sta nel fatto che la Clinton è una guerrafondaia senza scrupoli, mentre di Trump non abbiamo esperienza diretta in materia.  

 

Trump di certo ha detto una montagna di barbarità. Ma Hillary Clinton le ha commesse. Spaventano le parole ma non i fatti? Cosa porta la cupola economica messicana a temere tanto il trionfo di Trump? Hanno paura di un terremoto politico negli Stati Uniti che possa disturbare le attuali relazioni delle cuspidi di entrambi i lati della frontiera?

 

L’elite economica messicana teme che con Trump presidente si esauriscano gli attuali business lucrativi? Per esempio che Washington ripudi il North American Free Trade Agreement, il tristemente noto NAFTA, che ha gravemente colpito la popolazione messicana ma ha arricchito enormemente la cupola. 

 

Di solito un presidente democratico degli Stati Uniti è, con alcune sfumature, sostanzialmente uguale a un presidente repubblicano. Per il Messico e per il pianeta. «Lo stesso cane ma con un collare diverso», come ha detto una volta Fidel Castro. C’è qualcosa di diverso ora? Tutto ciò può significare uno scisma nel sistema politico statunitense?

 

Qualcosa che scuota il sistema statunitense, come la Brexit ha scosso il sistema europeo? Un annuncio interno del crollo della potenza imperiale? Un sintomo che il sistema imperialista e colonialista non è più sostenibile? Un riassestamento delle forze economiche degli Stati Uniti che cominciano a guardare verso l’interno e non verso l’esterno?

 

Un terremoto, un sisma di tale portata colpirebbe il Messico e il pianeta. Ma non necessariamente in peggio. La caduta dell’impero non sarebbe una cattiva notizia. La Brexit annuncia una nuova Europa meno dannosa di quella attuale. Trump presidente sarebbe l’annuncio di un inarrestabile declino degli Stati Uniti meno dannoso per il mondo e per il Messico? O sarebbe solamente lo stesso cane con un diverso collare?



(Traduzione dallo spagnolo de l'AntiDiplomatico)

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: teleSUR
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: Hispantv

La Russia avverte sul "piano B" degli Stati Uniti per rovesciare Assad

Il ministro degli esteri russo ritiene che la coalizione guidata dagli Stati Uniti protegga i terroristi in Siria per tornare al suo 'piano B': rovesciare il presidente siriano.

Gli indizi indicano come la coalizione che dice di combattere il gruppo terroristico ISIS(Daesh, in arabo), protegga...
Notizia del:     Fonte: The Washington Post

Trump ribadisce: Abbandonare l'accordo sul nucleare iraniano è "una possibilità reale"

Il presidente degli USA Donald Trump continua a considerare l'abbandono dell'accordo nucleare iraniano come una "possibilità reale".

"Può esserci una cessazione completa, che è una possibilità reale, qualcuno potrebbe...
Notizia del:     Fonte: RT

VIDEO. L'Esercito siriano nella capitale 'de facto' dell'ISIS in Siria scopre armi prodotte in USA e Israele

Le forze siriane, dopo aver liberato la città di Al-Mayadeen, nella provincia orientale di Deir Ezzor, capitale de facto dell'ISIS in Siria, hanno scoperto una grande quantità di armi di produzione statunitense e israeliana.

Le Tiger Forces, unità speciali delle forze armate siriane, come riferito dai dai media russi, indicano...
Notizia del:     Fonte: TASS - Ria Novosti

"Fratelli in armi": La Corea del Nord propone all'Iran di unire forze contro "l'ingiustizia" statunitense

L'Iran ha condannato la "mancanza di rispetto" alla comunità internazionale mostrata dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump e la Corea del Nord a tal proposito invita Teheran ad unire le forze contro il comune nemico

La Corea del Nord ha proposto, oggi, che la Repubblica islamica dell'Iran unisca le forze per "combattere...
Notizia del:     Fonte: Al Mayadeen

L'Iran avverte Trump: "In 4 giorni possiamo portare l'arricchimento dell'uranio al 20%"

L'Iran avverte Trump ma insiste sul fatto che la sua volontà è quella di mantenere il patto siglato nel 2015 con il gruppo 5 + 1 (Stati Uniti, Regno Unito, Francia e Russia e Cina, più Germania) senza modifiche.

Il capo dell'Organizzazione dell'energia atomica dell'Iran (OEAI), Ali Akbar Salehi ha assicurato...
Notizia del:

La Cina ribadisce sostegno all'Unesco dopo uscita degli Stati Uniti

«La Cina spera che tutte le nazioni contribuiscano al raggiungimento degli obiettivi dell’organizzazione mondiale per promuovere la cooperazione scientifica, educativa e culturale, così come la comprensione tra le differenti civiltà»

  Il governo della Repubblica Popolare Cinese ha ribadito il proprio sostegno all’Organizzazione delle...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News

L'esercito siriano ha liberato più di 8000 km² di territorio dai "ribelli" appoggiati dagli USA

Tra i vari fronti della guerra in Siria, uno dei più caldi è quello sulla frontiera con la Giordania dove orbitano i "ribelli" appoggiati dagli USA che nella zona hanno illegalmente costruito una base militare per "combattere" l'ISIS

Secondo quanto riporta il portale, 'Al Masdar News', l'esercito arabo siriano ha proseguito la massiccia...
Notizia del:

Immanuel Wallerstein - Il mito della sovranità ai tempi di Donald Trump

«Quando Trump usa il termine, ha implicazioni reazionarie. Quando altri lo utilizzano, possono esserci implicazioni progressiste. Il termine stesso non ci dice niente»

di Immanuel Wallerstein - La Jornada   Donald Trump ha impiegato gran parte del suo discorso alle...
Notizia del:     Fonte: The Hill

Premio Nobel Richter: 'Gli accordi sul nucleare iraniano non sono una vergogna per gli USA. La vergogna è non rispettarli'

Due importanti fisici nordamericani avvertono che se gli Stati Uniti abbandonano l'accordo nucleare con l'Iran, "spingeranno il paese in una direzione pericolosa".

Burton Richter, vincitore del Premio Nobel per la Fisica nel 1976, e Michael S. Lubell, ex direttore degli affari...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

La Russia denuncia la "farsa" della Coalizione guidata dagli USA nella lotta all'ISIS in Iraq e Siria

Il ministero della Difesa russo denuncia la "farsa" della coalizione anti-ISIS nella lotta contro il terrorismo in Iraq e la Siria.

"La coalizione guidata dagli Stati Uniti, che finge di combattere l'ISIS in Iraq come vedono tutti, per...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: Hispantv

La Russia avverte sul "piano B" degli Stati Uniti per rovesciare Assad

Il ministro degli esteri russo ritiene che la coalizione guidata dagli Stati Uniti protegga i terroristi in Siria per tornare al suo 'piano B': rovesciare il presidente siriano.

Gli indizi indicano come la coalizione che dice di combattere il gruppo terroristico ISIS(Daesh, in arabo), protegga...
Notizia del:     Fonte: The Washington Post

Trump ribadisce: Abbandonare l'accordo sul nucleare iraniano è "una possibilità reale"

Il presidente degli USA Donald Trump continua a considerare l'abbandono dell'accordo nucleare iraniano come una "possibilità reale".

"Può esserci una cessazione completa, che è una possibilità reale, qualcuno potrebbe...
Notizia del:     Fonte: AVN

Elezioni in Venezuela, il Ceela conferma che il processo elettorale riflette la volontà dei votanti

Il Consiglio degli Esperti Elettorali Latinoamericani (Ceela) smentisce i pochi fake media che paventano brogli

  Alcuni media provano ad insinuare alcuni dubbi, ma il risultato è chiaro oltre che inappellabile:...
Notizia del:     Fonte: RT

Ministro della difesa Russo: "Le operazioni militari in Siria stanno per finire"

Il ministro della Difesa russo, Šojgu ha dichiarato che l'operazione contro i terroristi in Siria sta per finire.

In un incontro con il suo omologo del regime israeliano, Avigdor Lieberman durante la sua visita in Israele, il...
Notizia del:

Il chavismo è maggioranza in Venezuela

La Rivoluzione Bolivariana ama votare. Dimostra ancora una volta che il suo cammino transita obbligatoriamente per il percorso elettorale. Condizione necessaria ma non sufficiente. La democrazia per il chavismo è molto più che il mero atto di votare

di Alfredo Serrano Mancilla - Publico   Nuovo appuntamento elettorale in Venezuela. Sì, avete...
Notizia del:

Il "tiranno di Caracas" e LA7

  Proprio non c'è verso. Oggi su LA7 Aldo Cazzullo parlava non so se di cucina o di telefonini, ma è riuscito a infilare una frecciata velenosa contro il "tiranno di Caracas"...
Notizia del:     Fonte: Haaretz - Al Masdar News

L'Esercito siriano prepara offensiva contro i terroristi sul Golan.... e Israele distrugge il suo sistema anti aereo

L'aviazione israeliana ha distrutto un sistema anti aereo siriano. L'attacco sarebbe una risposta ad una "provocazione" siriana. Le forze armate israeliane hanno informato, precedentemente, la Russia del loro attacco.

Secondo quanto riferiscono i media israeliani, l'esercito del regime israeliano ha attaccato una batteria...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa