/ L'Unione Europea prepara l'embargo contro Maduro: Italia tristeme...

L'Unione Europea prepara l'embargo contro Maduro: Italia tristemente in prima fila

L'Unione Europea prepara l'embargo contro Maduro: Italia tristemente in prima fila
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

 

di Geraldina Colotti*


I paesi dell'Unione europea (Ue) si stanno accodando a Trump. Ieri, 8 novembre, hanno deciso di sanzionare il Venezuela per la “repressione” e di imporre un embargo sulle armi e misure restrittive ad personam contro “i responsabili”. Una decisione unanime ottenuta dagli ambasciatori dei 28, che dovrebbe essere ratificata dal Consiglio a breve. 





L'embargo riguarda le armi ma anche le esportazioni di materiale potenzialmente utilizzabile “per la repressione interna” o per “la sorveglianza” degli apparati elettronici. Inoltre, “se la situazione lo richiede”, la Ue può stilare una lista di persone considerate responsabili della “repressione” alle quali potrà proibire di viaggiare nella Comunità europea e potrà congelare eventuali beni posseduti in Europa. Le sanzioni dovrebbero avere carattere “graduale, selettivo, flessibile e reversibile”. Tutto, naturalmente, in nome “del dialogo e della democrazia”... 

Già a ottobre, i paesi Ue avevano raggiunto per preparare “sanzioni selettive” contro alcune personalità del governo venezuelano, sulla scia di quanto già applicato dagli Usa, dal Canada e anche da alcuni paesi neoliberisti dell'America latina, come la Colombia. Il presidente colombiano Manuel Santos ha anche bloccato un carico di medicine già acquistate, diretto in Venezuela. 

Nel suo paese continua la mattanza di leader sociali ed ex guerriglieri Farc e gli indigeni che protestano vengono repressi senza esitazioni. Ma il Segretario generale dell'Osa, Luis Almagro non vede e non sente.

La sua unica ossessione è il Venezuela.

Ora si sta muovendo per accusare Maduro di crimini contro l'umanità davanti alla Corte Penale Internazionale. Il fatto che l'estrema destra venezuelana, durante 4 mesi di violenze, abbia compiuto delitti efferati come quelli di bruciare vivi chavisti e afrovenezuelani, non importa ad Almagro. 

In Venezuela, però, da oggi partiti e organizzazioni politiche che promuovano l'odio e il fascismo, verranno inabilitati. E, nei social network o sul web, chi diffonda messaggi simili e non li ritiri entro sei ore dalla pubblicazione, verrà bloccato e dovrà pagare una multa salata. Sono queste le disposizioni approvate dall'Assemblea nazionale Costituente (Anc) con la “Ley contra el odio, por la Conviviencia Pacifica y la Tolerancia”, votata all'unanimità oggi. Chi istiga all'odio razziale, etnico, di genere, religioso, politico, sociale, ideologico o verso un determinato orientamento sessuale rischia fino a vent'anni di carcere.

Almagro ha deciso invece di tutelare chi ha promosso odio e fascismo in Venezuela, fino a consentire loro di istituire un “governo parallelo” all'estero, benedetto da Trump e dall'Europa.

Al centro, la figura della ex Fiscal General Luisa Ortega, fuggita dal Venezuela e rifugiata in Colombia. 

Ortega è stata inclusa in un pot-pourri in stile vaticano che porterà a convegno 70 donne provenienti da tutto il mondo: magistrate, avvocate e personalità impegnate “contro il traffico di esseri umani e il crimine organizzato”. Il summit si svolgerà il 9 e il 10 novembre alla Casina Pio IV, in Vaticano e vedrà anche la presenza della Procuratrice argentina che ha rinunciato all'incarico per dissensi con Macri, Alejandra Gils Carbó. La Procuratrice aveva ricevuto il sostegno anche delle Abuelas de Plaza de Mayo.

Due figure diverse, Carbó e Ortega. La prima si è occupata di crimini contro l'umanità e ha istruito i processi contro i repressori dell'ultima dittatura civico-militare argentina. Luisa Ortega, al contrario, non ha ritenuto di processare chi ha bruciato vive le persone e devastato il paese per quattro mesi, non ha perseguito chi ha impiegato ragazzini nelle violenza di piazza. 

Ha preferito impegnarsi in una battaglia procedurale contro Maduro: con lo sguardo rivolto all'esterno. In un'eventuale “governo di transizione” voluto dagli Usa e dall'Europa, Ortega conta di svolgere lo stesso ruolo che ebbe contro i sandinisti Violeta Chamorro, presentandosi come una figura affidabile. A contenderle il posto nel circo virtuale promosso da Almagro, c'è però l'oltranzista filo atlantica Maria Corina Machado, che ha già cominciato ad agitarsi per farsi notare.

Per contro, il Venezuela ha ottenuto un'altra significativa vittoria negli organismi internazionali. E' stato eletto nel Consiglio direttivo dell'Unesco. Il voto necessario a includere i 2 membri per l'America latina ha favorito ampiamente Cuba e Venezuela contro Argentina, Colombia, Costa Rica e Perù. 
Intanto, Maduro è impegnato in un complicato processo di ristrutturazione del debito con Russia e Cina, nel tentativo di disinnescare le conseguenze delle sanzioni. Sanzioni che il suo omologo argentino Macri vorrebbe fossero inasprite. In una intervista al Financial Times, infatti, ha chiesto agli Usa un embargo petrolifero totale alle esportazioni del Venezuela. 

Ma, intanto, il prezzo del barile di petrolio, è ricominciato a salire e arrivano le prime boccate d'aria per l'economia. Il Venezuela è assillato dalla guerra economica e dall'aumento stratosferico dei prezzi deciso dai commercianti in spregio a ogni controllo. La Banca nazionale ha emesso una nuova banconota da 20.000 bolivar, che subito ha preso il largo verso il mercato nero alla frontiera con la Colombia. 

Oltre il 30% dei bolivar se ne va per quella via. Si paga fino a 90.000 bolivar per una banconota da 20.000, che in seguito viene cambiata in pesos e in dollari. In internet la banconota vale 36,99 dollari. Viene venduta a organizzazioni criminali che poi la portano in Colombia e vi fanno affari, sapendo che in Venezuela, per controllare questo traffico, il governo ha limitato il montante che è possibile ritirare nelle banche. Alla base del traffico, soprattutto il mercato nero della benzina, che in Venezuela costa pochissimo (meno di una bottiglia d'acqua il pieno di un Suv), mentre oltre la frontiera colombiana i prezzi salgono notevolmente.


*Post Facebook del 8 novembre 2017. Pubblichiamo su gentile concessione dell'Autrice

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:

Viola Carofalo (Potere al Popolo) a Pagina12: «Il Venezuela nostra principale fonte d'ispirazione»

La giovane ricercatrice universitaria di Napoli è stata nominata "capo politico" del nuovo partito della sinistra italiana, Potere al Popolo, che cercherà di emulare i suoi pari di Spagna e Francia alle elezioni generali del 4 marzo

di Federico Larsen - Pagina12   Il suo movimento è stato accolto in Europa come la rinascita...
Notizia del:     Fonte: The News York Times

The New York Times: "La CIA ha interferito più di 80 volte nelle elezioni di altri Paesi"

Sin dal suo inizio, la CIA ha anche contribuito a rovesciare i leader eletti in altri paesi, sostenuto colpi di stato, ha organizzato omicidi per ragioni politiche e sostenuto i governi anti-comunisti, si legge in un articolo del quotidiano statunitense, 'The New York Times'.

La Central Intelligence Agency (CIA) degli Stati Uniti ha interferito nelle elezioni in diversi paesi sin dall'inizio...
Notizia del:     Fonte: France 24

Iran: Gli europei non dovrebbero avere paura degli Stati Uniti

In un'intervista rilasciata a France 24, il viceministro dell'Economia iraniano ha dichiarato che l'Iran è rimasto fedele all'accordo sul nucleare, il piano globale di azione congiunta e ha arricchito gli scambi economici con il mondo.

"Siamo impegnati a rimanere nel patto nucleare, ma ammettiamo che il livello degli investimenti stranieri...
Notizia del:

Non è la Russia ma Israele a intossicare l'informazione. Lo scandalo che scompare prima che sia troppo tardi

Così come è stato per l’indecente storia dei servizi segreti italiani (che, tramite mazzette, pilotavano  l’opinione pubblica ), scompare prima di nascere lo “scandalo”...
Notizia del:

Siamo nel paese dove la realtà è capovolta

di Nicolò Monti Siamo nel paese dove nell'ultimo giorno di scuola prima delle feste, uno studente si infortuna in azienda durante l'Alternanza Scuola/Lavoro, dove i supermercati sono...
Notizia del:

Cari Grasso e Boldrini non siete credibili

di Francesco Valerio Della Croce Due presidenti delle Camere che si presentano oggi paladini di sinistra e Costituzione, mentre in 5 lunghi anni non hanno mosso un mignolo per dare a vedere questo...
Notizia del:

Quanti disoccupati ci sono in Italia?

Allo stato attuale è classificato come “occupato” chiunque, di età superiore ai 14 anni, abbia lavorato almeno un’ora nella settimana di riferimento, a fronte di una retribuzione

di Gennaro Zezza - economia e politica   Il tasso di disoccupazione è una delle...
Notizia del:

Il crollo del consenso politico tedesco potrebbe propagarsi sull'Europa

  di Cui Hongjian* - Global Times Il fallimento di una coalizione tripartita tra la Democrazia Cristiana del Cancelliere tedesco Angela Merkel (CDU), il Partito Democratico Libero (FDP) e...
Notizia del:

18 milioni a rischio, o già in povertà, un altro grande successo di Euro e Ue

di Giorgio Cremaschi Secondo gli ultimi dati ISTAT in Italia 18 milioni di persone sono a rischio o sono già precipitate nella povertà. Se vogliamo essere più precisi, utilizzando...
Notizia del:

Ci hanno impedito di abbracciare Leila, non ci impediranno di ascoltare la sua voce e quella di tutti i popoli oppressi

Napoli non si piega al nazismo. Non lo fece nemmeno quando, unica città in Italia, in quattro giorni cacciò via i nazisti tedeschi, nel 1943. "Adesso vi facciamo vedere noi chi sono...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: BBC - The Guardian

Londra riprende il progetto di "finanziamento ad Al-Qaeda" in Siria

Il Regno Unito ha ripreso un controverso programma di miliardi di sterline per addestrare 'polizia' nelle aree occupate dai gruppi armati in Siria, un progetto sospeso più di due mesi fa a causa di accuse di aver finanziato gruppi 'estremisti' affiliati ad Al- Qaeda.

Il progetto è cessato nel novembre dello scorso anno dopo che un'indagine ha rivelato che le forze...
Notizia del:     Fonte: The Jerusalem Post

Israele prevede la guerra nel Golan nel 2018 per i progressi dell'esercito siriano

In mezzo a tensioni crescenti in Medio Oriente, un alto generale delle forze armate di Israele, ha messo in guardia contro la "crescente possibilità di una guerra" sulle alture del Golan seguito i progressi dell'esercito siriano contro i gruppi estremisti e "ribelli".

In dichiarazioni rilasciate durante un'intervista alla radio dell'esercito, il comandante delle operazioni...
Notizia del:     Fonte: RT arabic - AP news - Ria Novosti

VIDEO. Le forze siriane entrano ad Afrin e la Turchia bombarda

Le unità dell'esercito siriano sono entrate oggi nel distretto di Afrin, dove le forze armate turche e le sue milizie alleate stanno portando avanti un'aggressione contro le YPG curde.

Le forze filo-governative siriane hanno iniziato ad entrare ad Afrín nonostante le minacce provenienti...
Notizia del:

Così si impone e trionfa in Italia e nel mondo il nuovo fascismo della finanza e delle corporation

di Francesco Erspamer* Da trent'anni il gioco dei liberisti è sempre quello e il fatto che continuino a vincere dipende solo dalla mancanza di lucidità, capacità e coraggio...
Notizia del:     Fonte: https://www.israelnationalnews.com

VIDEO. Ministro israeliano: L'ISIS non è una minaccia strategica per Israele

Il ministro dell'Economia israeliano Naftali Bennett ammette che Tel Aviv non ha mai visto il gruppo terroristico ISIS (Daesh in arabo) come una "minaccia esistenziale o strategica" e crede che la distruzione di questo gruppo potrebbe rafforzare la posizione dell'Iran in Siria e in Iraq.

"Non abbiamo mai visto l'ISIS come una minaccia esistenziale o strategica, (e) non si dovrebbe rimuovere...
Notizia del:     Fonte: Ruptly - Al Masdar News

VIDEO. 'Afrin è siriana' I commenti dei residenti sulle relazioni tra YPG e governo siriano

La popolazione di Afrin ha commentato le ultime indiscrezioni sul possibile accordi tra le YPG e l'esercito siriano per combattere l'offensiva turca.

I residenti di Afrin nel nord-ovest della Siria, hanno commentatole recenti indiscrezioni, secondo le quali,...
Notizia del:

Pyongyang: "Se non ci fossero stati gli USA, la pace e l'unificazione nazionale sarebbe realtà"

di Fabrizio Poggi    Decise prese di posizione dei media della RPDC contro il tentativo statunitense di minare il pur embrionale processo di avvicinamento tra Pyongyang e Seoul, che ha...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa