/ Hezbollah: Il Piano di Trump per Gerusalemme è una nuova dichiara...

Hezbollah: Il Piano di Trump per Gerusalemme è una nuova dichiarazione di Balfour

Hezbollah: Il Piano di Trump per Gerusalemme è una nuova dichiarazione di Balfour
 

Il segretario generale di Hezbollah Seyed Hassan Nasrallah definisce il piano di Trump per Al-Quds-Gerusalemme come "una nuova dichiarazione di Balfour".

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

"Riteniamo che essa sia diventata la seconda Dichiarazione di Balfour, 100 anni dopo la prima," ha dichiarato, oggi, il segretario generale del Movimento di Resistenza Islamico in Libano (Hezbollah) dopo l'annuncio da parte del Presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, del riconoscimento di Al-Quds (Gerusalemme) come capitale israeliana.
 
A questo proposito, Nasrallah ha richiamato l'attenzione sul "futuro dei palestinesi che vivono ad Al-Quds" e sui loro beni, che "potrebbero essere distrutti o confiscati". Ha anche sottolineato che d'ora in poi il regime di Tel Aviv "estenderà i suoi insediamenti illegali senza criteri" nella West Bank occupata (Palestina orientale).
 
Il leader di Hezbollah ha anche avvertito che la decisione da parte dell'inquilino della Casa Bianca mette in pericolo il futuro dei luoghi santi cristiani e musulmani, a partire dalla moschea di Al-Aqsa e la Cupola della Roccia.
 
Con questa decisione, ha spiegato Nasrallah, Trump ha dimostrato che "considera Al-Quds di fuori di qualsiasi trattativa", mentre finora Washington si è sempre presentato come garante degli accordi tra israeliani e palestinesi, ha aggiunto.

 
Per tutti questi motivi, Nasrallah ha chiesto a tutti i paesi della regione di sostenere la chiamata dei palestinesi a una nuova intifada. "Se i palestinesi intraprendono un'intifada, il mondo arabo e musulmano deve sostenerla moralmente e finanziariamente", ha avvertito.
 
In questa stessa linea, il leader libanese ha chiesto condanne, proteste e manifestazioni in tutto il mondo e persino sui social network, compreso Twitter.
 
"La felicità degli israeliani si trasformerà in tristezza di fronte a una grande ondata di condanne e proteste (per la questione di Al-Quds) sui social network", ha sottolineato.
 
Successivamente, Nasrallah ha chiesto che "tutti i legami segreti" siano tagliati con Israele e che venga fatto ogni sforzo affinché Trump ritiri la sua decisione.
 
"La risposta più importante è l'intifada palestinese, la tenuta di un vertice dei paesi islamici e il riconoscimento di Al-Quds come capitale eterna della Palestina. Sono convinto che, nel caso in cui vengano presi tali provvedimenti, Trump ritirerà la sua decisione", ha insistito.
 
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: Hispantv
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: Euronews

Russia: Gli Stati Uniti intendono rimanere in Siria per sempre

Gli Stati Uniti cercano di separare una vasta regione dal resto del territorio siriano, ha avvertito ieri il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, il quale ha ribadito che Washington intende rimanere nel paese arabo a tempo indefinito.

"(Gli statunitensi) sembrano voler dividere gran parte del territorio siriano dal resto del paese, per creare...
Notizia del:     Fonte: Al Manar

Nasrallah: Possiamo distruggere le piattaforme petrolifere israeliane nel giro di poche ore

Il segretario generale di Hezbollah Sayyed Hassan Nasrallah ribadisce che la presenza degli USA nella regione è data dalla volontà di impadronirsi delle risorse naturali.

In occasione della ricorrenza del martirio di due leader del Movimento di resistenza libanese Hezbollah, il segretario...
Notizia del:     Fonte: Haaretz - The New York Times

Putin ha evitato una guerra tra Israele e Siria dopo l'abbattimento dell'F-16

Il presidente russo Vladimir Putin ha impedito a Israele di lanciare un'ondata senza precedenti di attacchi contro obiettivi "iraniani e siriani" in Siria in risposta all'abbattimento di un aereo da guerra israeliano F-16 da parte della difesa aerea siriana.

In un articolo pubblicato ieri, il quotidiano israeliano 'Haaretz' ha ricordato che dopo l'abbattimento...
Notizia del:

Turchia, il primo ministro Yildirim afferma che Ankara è pronta a combattere contro gli Usa

Intervistato dall’emittente televisiva tedesca ‘Ard’, il primo ministro turco Binali Yildirim, ha dichiarato che la Turchia «ha un problema con le Ypg» e che nel caso gli Stati Uniti decidessero di entrare in guerra al fianco dei curdi siriani, «combatteremo anche contro di loro»

  Aumentano le tensioni in Siria tra Turchia e Stati Uniti. il governo di Ankara si è infatti detto...
Notizia del:

Safaa Dhaher, ricercatrice palestinese: "La provocazione di Trump ha dato nuova vita alla richiesta di giustizia contro l'occupazione"

Da Betania ad Abu Dis, guardando Gerusalemme.

  di Patrizia Cecconi - Betlemme, 12 febbraio 2018 A due mesi dalla dichiarazione del più rozzo...
Notizia del:     Fonte: TASS

Russia: Al-Nusra e 'Caschi bianchi' preparano un attacco chimico per accusare Damasco

Il gruppo terroristico di Al-Nusra (noto anche come il fronte Fath Al-Sham) e il corpo chiamato 'Caschi Bianchi' hanno trasportato più di 20 contenitori di cloro verso un villaggio situato nella provincia siriana di Idlib per preparare un attacco chimico e quindi accusare il governo siriano di questo crimine.

"La sera del 12 febbraio il Centro russo per la riconciliazione delle parti in guerra ha ricevuto una telefonata...
Notizia del:     Fonte: https://www.scribd.com

Gli Stati Uniti incrementano di 191 milioni di dollari il fondo per le guerre in Iraq, Siria e Afghanistan

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha pubblicato ieri il suo secondo piano di bilancio in cui ha considerato un aumento di 191 milioni di dollari per l'anno fiscale 2019, che sarà utilizzato per operazioni militari in Iraq, Siria e Afghanistan.

"Il bilancio richiede anche 12 miliardi di dollari per finanziare i costi eccezionali delle operazioni di...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Abbas a Putin: Gli USA non siano l'unico mediatore nel conflitto con Israele

Arrabbiato dai recenti passi di Washington a favore di Israele, il presidente palestinese Mahmoud Abbas ha espresso la sua opposizione all'omologo russo Vladimir Putin nei riguardi degli Stati Uniti come unico mediatore nei negoziati di pace con il regime Tel Aviv.

"In questo ambiente, prodotto delle azioni degli Stati Uniti, dichiariamo che da questo momento ci rifiutiamo...
Notizia del:

Il monito di Moody's: Stati Uniti sull'orlo del collasso economico

L'analista finanziario Iván Danilov spiega perché una de-dollarizzazione del sistema finanziario internazionale porterebbe al collasso l'economia statunitense

di Fabrizio Verde   La narrazione dominante ci racconta da un po’ di tempo a questa parte di un’economia...
Notizia del:

Venezuela: l'impatto delle sanzioni USA colpisce tutto il popolo

L'economista e direttore di Datanalisis, Luis Vicente León, ha chiarito che le sanzioni applicate al Venezuela colpiscono tutti allo stesso modo

da Lechuguinos   Il direttore della società Datanalisis in Venezuela, Luis Vicente León,...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Noam Chomsky spiega quello che si nasconde dietro la chiamata alle armi con "l'intervento umanitario"

Telesur   "Quasi ogni atto aggressivo di una grande potenza è giustificata per motivi umanitari", afferma l'intellettuale statunitense Noam Chomsky in un'intervista...
Notizia del:

Ricordando, da Gaza, le Fosse Ardeatine

di Patrizia Cecconi - Pressenza Gaza city, 18 febbraio Durante tutta la notte da Gaza city si sono sentiti gli echi dei bombardamenti sulla Striscia di Gaza. Prima erano lontani, poi si sono...
Notizia del:

In Florida al massacro di 14 studenti e 3 insegnanti si reagisce così...

di Francesco Erspamer La foto sotto è di oggi (la riprendo da NBC News) e mostra come hanno reagito centinaia di abitanti della zona della Florida dove è avvenuto il massacro di 14...
Notizia del:     Fonte: Al Mayadeen

VIDEO. Consulente Media YPG: L'esercito siriano è il benvenuto ad Afrin in qualsiasi momento

Le Unità di Protezione popolare curde, YPG, ribadiscono che l'esercito siriano è benvenuto nella regione di Afrin, dove da alcune settimane la Turchia ha avviato una brutale aggressione.

Il consigliere dei media delle Unità di protezione popolare (YPG), Rizan Haddou, ha dichiarato venerdì...
Notizia del:     Fonte: The News York Times

The New York Times: "La CIA ha interferito più di 80 volte nelle elezioni di altri Paesi"

Sin dal suo inizio, la CIA ha anche contribuito a rovesciare i leader eletti in altri paesi, sostenuto colpi di stato, ha organizzato omicidi per ragioni politiche e sostenuto i governi anti-comunisti, si legge in un articolo del quotidiano statunitense, 'The New York Times'.

La Central Intelligence Agency (CIA) degli Stati Uniti ha interferito nelle elezioni in diversi paesi sin dall'inizio...
Notizia del:     Fonte: Euronews

Russia: Gli Stati Uniti intendono rimanere in Siria per sempre

Gli Stati Uniti cercano di separare una vasta regione dal resto del territorio siriano, ha avvertito ieri il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, il quale ha ribadito che Washington intende rimanere nel paese arabo a tempo indefinito.

"(Gli statunitensi) sembrano voler dividere gran parte del territorio siriano dal resto del paese, per creare...
Notizia del:     Fonte: Al Manar

Nasrallah: Possiamo distruggere le piattaforme petrolifere israeliane nel giro di poche ore

Il segretario generale di Hezbollah Sayyed Hassan Nasrallah ribadisce che la presenza degli USA nella regione è data dalla volontà di impadronirsi delle risorse naturali.

In occasione della ricorrenza del martirio di due leader del Movimento di resistenza libanese Hezbollah, il segretario...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa