/ Ecco cosa rischia il mondo con Israele e Arabia Saudita con l'acq...

Ecco cosa rischia il mondo con Israele e Arabia Saudita con l'acqua alla gola

Ecco cosa rischia il mondo con Israele e Arabia Saudita con l'acqua alla gola
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Federico Pieraccini


Bin Salman e Netanyahu sono entrambi con l’acqua alla gola e con il tempo che gioca a loro sfavore. Le loro azioni e parole sembrano avere la benedizione di Trump che vede l’ossessione Iran del trio neocon, wahabiti Sauditi e israeliani-sionisti come un’ottima occasione per non approfittare della debolezza Israeliana e saudita. Ci sono quattro obbiettivi che Trump vuole raggiungere e per farlo è disposto a portare all’implosione gli alleati più preziosi in Medio Oriente che, accecati dal loro odio per l’Iran, non si rendono conto di quello che sta succedendo.
 

- Vendere armi, stringere accordi, portare a casa investimenti seguendo così la logica della sua promessa elettorale di aumentare i posti di lavoro e risollevare l’economia (entrambi essenziali per la conferma nel 2020).
 

- Colpire i suoi avversari politici a Washington dove fa più male: nelle finanze. Il Qatar accusato di finanziare il terrorismo (Fratelli Musulmani) ha nella famiglia reale uno dei maggiori sponsor della Clinton Foundation; i fondi del Qatar posseggono quote importanti in svariati network televisivi notoriamente avversi a Trump; Alcuni dei multi-miliardari e principi Sauditi arrestati da Bin Salman sono noti critici di Trump e importanti shareholders di aziende nell’area neoliberal.
 

- Dare l’impressione di combattere il terrorismo rimanendo coinvolti in Siria/Iraq/Afghanistan, ma di fatto svanendo nell’oblio e diventando irrilevante, come visto in Siria con la quasi sconfitta dell’Isis per mano di Damasco e dei suoi alleati.
 

- Assecondare e giustificare la retorica violenta che esce da Tel Aviv, Riyad contro Tehran per accontentare gli oppositori interni dell’area neocon (McCain&Co) sopprimendo critiche e dissenso.
 

Bin Salman e Netanyahu se davvero credono di poter agire militarmente (lo escludo) contro l’Iran (o Hezbollah)rischiano una sconfitta militare senza precedenti, con gli Stati Uniti impossibilitati e riluttanti ad entrare nel conflitto per ovvi motivi.
 

Trump, Bin Salman e Netanyahu giocano col fuoco. Fortunatamente figure come Putin, Al Sisi e molti altri in Iran sono pienamente in grado di spegnere sul nascere eventuali focolai. Il missile balistico su Riyad è un monito ben preciso che non lascia adito ad alcun dubbio. In caso di attacco, l’Iran considererebbe Israele, Arabia Saudita e basi militari USA come bersagli legittimi.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: The Times of Israel

Netanyahu minaccia di attaccare gli obiettivi dell'Iran in Siria

Il primo ministro israeliano afferma che il suo esercito è pronto a colpire e attaccare obiettivi iraniani sul suolo siriano.

Durante una conversazione con il presidente francese Emmanuel Macron, il primo ministro israeliano Benyamin Netanyahu...
Notizia del:     Fonte: Reuters

L'Arabia Saudita acquisterà 7 miliardi di dollari in munizioni di precisione dagli Stati Uniti

L'Arabia Saudita è pronta ad acquistare munizioni di precisione da aziende statunitensi per un valore di 7 miliardi di dollari, secondo quanto riferisce l'agenzia Reuters.

Riyadh ha accettato di acquistare munizioni di precisione dagli appaltatori della difesa degli Stati Uniti, secondo...
Notizia del:

ESCLUSIVO AD. Gershon Peres (fratello dell'ex Presidente israeliano) è stato membro del CMC, il centro occulto della CIA legato all'omicidio Kennedy

Nel Centro Mondiale Commerciale, dal 1967 al 1970, sedette Gershon Peres.

Questo 22 novembre 2017, nell'anno del centenario della nascita di JFK e nel giorno dell'anniversario...
Notizia del:     Fonte: TASS

Netanyahu a Putin: Israele non permetterà all'Iran di guadagnare terreno in Siria

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha detto al presidente russo Vladimir Putin durante la loro conversazione telefonica che Israele non accetterà i tentativi dell'Iran di ottenere un punto d'appoggio in Siria.

"Una conversazione ha avuto luogo [tra Netanyahu e Putin ndt] ed è durata circa mezz'ora. Hanno...
Notizia del:

'Incontro di Assad e Putin mostra il fallimento della politica di Israele'

L'ex primo ministro israeliano, Ehud Barak ha affermato che la visita del presidente siriano Bashar al-Assad in Russia dimostra la sconfitta della politica israeliana.

L'ex primo ministro israeliano Ehud Barak, in una serie di messaggi pubblicati ieri sul suo account del social...
Notizia del:     Fonte: Haaretz

Israele riconosce che Assad ha vinto la guerra contro i terroristi

Il ministro della Difesa israeliano, Avigdor Lieberman, riconosce che la Siria ha vinto la lotta contro il gruppo terroristico ISIS (Daesh, in arabo) e allo stesso tempo chiede al suo governo lo stanziamento di altri fondi per le forze armate per la presenza di Iran e Hezbollah nel paese arabo.

Il presidente siriano "(Bashar) al-Assad haterminato la lotta, perché ora controlla il 90 per cento...
Notizia del:     Fonte: Reuters

Il Libano dispone per il suo esercito la stato di "massima allerta" per affrontare il "nemico israeliano" al confine

All'esercito libanese è stato ordinato di rimanere vigile sul confine meridionale del paese.

Il capo dell'esercito libanese ha esortato i militari ad essere completamente pronti ad affrontare il "nemico...
Notizia del:     Fonte: Hispantv - SABA

FOTO. I bambini yemeniti denunciano i crimini subiti da USA e Arabia Saudita

Oggi, in occasione della Giornata mondiale dei diritti dell'infanzia, i bambini yemeniti hanno manifestato la loro condanna per i crimini commessi ai loro danni da parte di Arabia Saudita e USA.

"I bambini nel mondo celebrano i loro diritti e i bambini dello Yemen muoiono per il silenzio del mondo...
Notizia del:     Fonte: Reuters

Ministro israeliano: Collaboriamo 'in segreto' con l'Arabia Saudita contro l'Iran

Un ministro israeliano conferma ufficialmente l'esistenza di contatti 'segreti' tra l'Arabia Saudita e il regime israeliano per affrontare l'Iran.

Il ministro dell'energia del regime di Israele, Yuval Steinitz, ha confermato ieri l'esistenza di contatti...
Notizia del:     Fonte: Al Manar - CNN

La Lega araba definisce Hezbollah "terrorista" e denuncia le politiche di 'aggressione' dell'Iran

La Lega araba continua nel suo declino vergognoso, dominata dai voleri dell'Arabia Saudita.

Il comunicato finale dell'incontro straordinario della Lega Araba al Cairo, tenutosi ieri su richiesta di...
Le più recenti da Geopolitica e Conflitto
Notizia del:

FAKE NEWS. Gli Stati Uniti impegnati a combattere il terrorismo. Bufala smontata con tre immagini

di Federico Pieraccini  La favola degli Stati Uniti che si impegnano per combattere il terrorismo si può tranquillamente inserire nella categoria delle #fakenews.   **...
Notizia del:

Terrorismo e complicità occidentali: le 3 foto che inchiodano i "liberal"

  di Federico Pieraccini   Nella prima foto un ritaglio di un documento declassificato interno al dipartimento di stato USA. Testuale: “il modo migliore per aiutare Israele a contrastare...
Notizia del:

"L'impero fallito": la Russia e la strategia militare cinese per contenere gli Stati Uniti

di  Federico Pieraccini - Strategiculture (traduzione di Controinformazione) Guardando al panorama politico globale nel corso dell’ultimo mese, due tendenze stanno diventando più...
Notizia del:

Il discorso di Trump all'Onu: l'epitaffio dell'Impero

Ancora una volta, conta la realtà dei fatti e non le parole dietro cui Trump e l'establishment americano spesso si nascondono: in Siria hanno perso, così come in Iraq ed Afghanistan

di Federico Pieraccini   Trump, nel suo discorso alle Nazioni Unite, ha attaccato nell'ordine Kim...
Notizia del:

Nonostante le bufale russofobe dei media, sono gli Stati Uniti il paese più temuto. Pew Research Center

di Federico Pieraccini Media mainstream, Intelligence, politici, lobby straniere, Think Tank, apparato militare, conglomerati Industriale, Banche e la FED compongono il deep state americano e considerano...
Notizia del:

L’intesa tra Mosca e Pechino Spaventa un Occidente Diviso

Il 4 luglio 2017, Xi Jinping è stato accolto a Mosca da Putin nel loro ventunesimo incontro ufficiale, utile per coordinare le prossime mosse di un G20 che si preannuncia delicato per i temi internazionali sul tavolo.

  di Federico Pieraccini   I più di venti accordi firmati tra Russia e Cina ammontano...
Notizia del:

Trump come Bush, un "problema". Ma solo perché mostra il vero volto dell'imperialismo a stelle strisce.

Il problema per gli americani è avere gente come Bush o Trump presidente: mostra il vero volto dell'imperialismo a stelle strisce.   Ormai è tutto marketing: i poteri forti...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa