/ Zajárova sfida giornalista della CNN: "Adesso faccia un 'servizi...

Zajárova sfida giornalista della CNN: "Adesso faccia un 'servizio onesto' sul bambino di Aleppo"

Zajárova sfida giornalista della CNN:  Adesso faccia un 'servizio onesto' sul bambino di Aleppo
 

La portavoce del ministero degli Esteri russo ha dichiarato che i giornalisti della catena televisiva statunitense "sono stati colto in flagrante" e ora "devono rispondere."

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

La portavoce del ministero degli Esteri russo, María Zajárova, ha affermato che le dichiarazioni del padre di Omran Daqneesh, il 'bambino di Aleppo', che ha accusato la stampa occidentale di "sfruttare" il figlio a scopo di propaganda, quando nel mese di agosto 2016 vari media comunicazione pubblicarono immagini del bambino insanguinato. La diplomatica russa ha ricordato che la giornalista Christiane Amanpour della CNN ha mostrato queste foto al ministro degli esteri russo Serguéi Lavrov durante un'intervista e ha chiesto cosa avrebbe potuto dire alla famiglia del ragazzo.
 
"Dal momento che Christiane Amanpour ha iniziato quella storia ... Adesso si può anche avere il coraggio e l'etica professionale per portarla al termine. Vai a Aleppo, in Siria, vai a trovare la famiglia del bambino e fai un servizio veramente onesto e non falsa, come sanno fare alla CNN ", ha spiegatoZajárova. "Potresti fare domande difficili, fare un vera e proprio reportage su questo bambino su come i media statunitensi hanno manipolato la sua immagine e il suo destino. Non solo il destino della sua famiglia, ma il destino di tutta la Siria per anni", ha sottolineato.
 
La portavoce ha ammesso che "è comodo diffondere una storia falsa sulla CNN", ma ha anche aggiunto che i suoi reporter "sono stati colti in flagrante" e ora "devono rispondere." "Christiane Amanpour, ti aspettano ad Aleppo", ha concluso.
 
"Tutto quello che voglio è essere lasciato in pace"
 
"I nostri giornalisti hanno denunciato uno dei 'falsi' più spaventosi sulla Siria", ha dichiarato il direttore del gruppo RT, Margarita Simonián. "La prossima volta porteremo con noi Christiane Amanpour e a tutti coloro che lo vogliono. Se avete il coraggio di parlare con Omran e la sua famiglia", ha affermato.
 
Un team di Ruptly ha incontrato la famiglia Daqneesh che era tornato ad Aleppo dove cerca di riprendere la sua routine. Parlando a Ruptly, Mohammad Kheir Daqneesh, padre di Omran, ha rivelato che la prima cosa che hanno o 'Caschi Bianchi' è stata mettere suo figlio in ambulanza per fotografarlo invece di fornire il primo soccorso.
 
 

 
"Mentre ero impegnato a salvare la mia famiglia", quelle persone hanno "come sfuggiti dalle macerie per utilizzare queste immagini nella loro propaganda", ha detto Mohammad. Daqneesh ha anche chiarito che il bambino è stato "fotografato senza il mio consenso." "Hanno anche rasato i miei capelli, ho cambiato il mio nome e per un po' ho smesso di uscire con lui per proteggerlo da molestie", ha raccontato Mohammad.
 
"Tutto quello che voglio è essere lasciato in pace", ha aggiunto. Tuttavia, ha deplorato il fatto che aveva da poco ricevuto minacce per non aver collaborato con l'opposizione siriana, che lo considerano "un traditore". Egli ha anche criticato le azioni della Caschi Bianchi, che "lavorano principalmente con la stampa" perché è "uno strumento professionale che stanno utilizzando."
 

 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: RT esp
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News

L'esercito siriano ha messo l'ISIS in trappola nella Siria centrale

Era solo una questione di tempo e, infatti, adesso l'ISIS si trova completamente assediato nel Governatorato di Hama. Il crollo completo del gruppo terroristico in tutto il deserto siriano in tempi così rapidi, fino a poco tempo, non era affatto previsto.

Come ha riferito 'Al Masdar news', ieri, l'incubo dell'ISIS è diventato una realtà,...
Notizia del:

Lanciarazzi Usa per la difesa della democrazia in Ucraina

I documenti mostrano che la società americana «AirTronic USA», vicina al Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, ha concluso l’11 novembre scorso un contratto con la compagnia statale ucraina "Spetstehnoeksport” per la fornitura di 100 lanciarazzi a propulsione

di Giuseppe Acciaio   I primi di agosto sono stati diffusi alcuni documenti ufficiali attestanti che...
Notizia del:     Fonte: Al MAsdar

Siria, il ruolo chiave dei palestinesi nella lotta all'ISIS

Gli ultimi successi dell'esercito arabo siriano nella Siria centrale contro l'ISIS non sarebbero stati raggiunti senza il contributo dei suoi alleati come le Forze di Difesa nazionale, Liwaa Fatemiyoun (combattenti afgano-iraniani), Hezbollah e soprattutto le diverse unità combattenti palestinesi.

Secondo l'analisi del portale 'Al Masdar News', i guerriglieri palestinesi hanno svolto un ruolo fondamentale...
Notizia del:     Fonte: Reuters

SDF-YPG: Gli USA resteranno in Siria per decenni

Il portavoce delle 'Forze democratiche siriane', un insieme di milizie dominate dalle YPG, afferma che i militari statunitensi rimarranno nella Siria settentrionale a lungo dopo la sconfitta dei terroristi, prevedendo legami duraturi con la regione dominata dai curdi.

Le forze democratiche siriane (SDF) sostenute dagli Stati Uniti, un'alleanza di milizie dominate dal YPG...
Notizia del:

Il terrorismo va sempre condannato: i morti a Barcellona valgono come quelli a Parigi, Mosul o Marawi

In Europa e negli Stati Uniti invece, in base al luogo dell'attentato cambia il racconto. Se avviene nel vecchio continente è terrorismo. Se avviene in Siria sono conseguenze di un regime brutale

di Federico Pieraccini   Che sia Spagna, Inghilterra, Francia, Belgio, Siria, Iraq o Filippine, il terrorismo...
Notizia del:     Fonte: http://italia.embajada.gob.ve/

Venezuela, il Ministro degli Esteri ringrazia Cina e Russia per il loro sostegno in favore della sovranità nazionale

da italia.embajada.gob.ve   Il Ministro degli Esteri della Repubblica Bolivariana del Venezuela, Jorge Arreaza, ha ringraziato i governi della Repubblica Popolare Cinese e della Federazione...
Notizia del:     Fonte: Ha'aretz

Israele ammette che ha attaccato quasi 100 volte i convogli di Hezbollah

Un funzionario militare israeliano ha riconosciuto che le forze armate del regime hanno attaccato, negli ultimi cinque anni, quasi 100 volte i convogli 'di armi' di Hezbollah.

"Il numero di attacchi israeliani su questi convogli dal 2012 si sta avvicinando a numeri a 3 cifre",...
Notizia del:     Fonte: Tass

Russia: La scoperta di armi chimiche degli Stati Uniti in Siria è la prova che l'Occidente sostiene i terroristi

Alcuni paesi si impegnano, da un lato, verbalmente per il diritto internazionale, ma da un altro armano i terroristi con sostanze vietate, ha affermato Maria Zakharova, portavoce del ministero degli Esteri russo.

La scoperta di armi chimiche di produzione statunitense e britannica in Siria è la prova che i paesi occidentali,...
Notizia del:     Fonte: Al masdar news

L'Esercito siriano avanza verso la base USA situata al sud della Siria

Oggi, l'esercito arabo siriano ed i suoi alleati hanno realizzato un enorme progresso nella Siria meridionale, entrando nella zona a sud-est di Damasco dalle loro posizioni nella provincia di Sweida.

Come ha riferito il portale, 'al Masdar News', sostenuto da Hashd Al-Sha'abi (combattenti iracheni)...
Notizia del:     Fonte: Sana.sy

Siria: Stati Uniti e Regno Unito inviano sostanze tossiche ai terroristi

Il ministero degli Esteri siriano rivela l'origine delle sostanze tossiche trovate nei depositi di armi dei terroristi: aziende statunitensi ed il Regno Unito.

"Possiamo tranquillamente dire che gli Stati Uniti, il Regno Unito, così come i suoi alleati nella...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Venezuela: individuati eliporti, potenziali punti di sbarco per i golpisti dell'"Operazione David"

di Ernesto J. Navarro (ACTUALIDADRT) Gli investigatori della polizia venezuelana che conducono le indagini sulla cosiddetta Operación David hanno rivelato di aver individuato...
Notizia del:

Il beneficio occulto che gli Usa perseguono nel conflitto nord-coreano

In un interessante approfondimento di 'Gazeta.ru' si analizza la decisione del leader nord-coreano di desistere dal suo piano di attacco missilistico contro l'isola di Guam dopo che...
Notizia del:

I veri sconfitti in Venezuela: i media

di Leopoldo Santos Ramirez - La Jornada   L'industria dei media, degli USA, si sta muovendo tra le contraddizioni della politica interna USA e della politica internazionale senza adempiere...
Notizia del:

Partito comunista venezuelano: "L'aggressione contro il nostro popolo è internazionale. Anche la risposta deve esserlo".

Dichiarazione di Carlos Aquino, dell'Ufficio Politico del Partito Comunista del Venezuela (PCV)

  da prensapcv.wordpress.com Traduzione di Marx21.it “Le recenti dichiarazioni di Donald...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News

L'esercito siriano ha messo l'ISIS in trappola nella Siria centrale

Era solo una questione di tempo e, infatti, adesso l'ISIS si trova completamente assediato nel Governatorato di Hama. Il crollo completo del gruppo terroristico in tutto il deserto siriano in tempi così rapidi, fino a poco tempo, non era affatto previsto.

Come ha riferito 'Al Masdar news', ieri, l'incubo dell'ISIS è diventato una realtà,...
Notizia del:

Lanciarazzi Usa per la difesa della democrazia in Ucraina

I documenti mostrano che la società americana «AirTronic USA», vicina al Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, ha concluso l’11 novembre scorso un contratto con la compagnia statale ucraina "Spetstehnoeksport” per la fornitura di 100 lanciarazzi a propulsione

di Giuseppe Acciaio   I primi di agosto sono stati diffusi alcuni documenti ufficiali attestanti che...
Notizia del:     Fonte: The Independent

Theresa May rifiuta la richiesta dei sopravvissuti dell'11 settembre di pubblicare i documenti sui legami tra terroristi e Arabia Saudita

I sopravvissuti hanno definito la risposta del Regno Unito "vergognosa".

Come ha riportato il quotidiano britannico 'The Independent', la premier della Gran Bretagna, Theresa May...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa