/ Zimbabwe: continua il braccio di ferro tra Mugabe e forze armate

Zimbabwe: continua il braccio di ferro tra Mugabe e forze armate

Zimbabwe: continua il braccio di ferro tra Mugabe e forze armate
 

Le mancate dimissioni dell'anziano leader e le mosse conseguenti dei militari

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 

Le mancate dimissioni del presidente Mugabe hanno ulteriormente aggravato la crisi politica dello Zimbabwe. I militari, che di fatto controllano il paese, hanno annunciato che a breve illustreranno la propria posizione in merito, secondo quanto riferisce l’emittente pubblica del Sudafrica. 

 

Il presidente ha accusato il partito di governo African National Union of Zimbabwe-Patriotic Front (Zanu-PF) di aver provocato l’attuale crisi. Intanto lo Zanu-PF avrebbe preparato una mozione di censura contro Mugabe e il leader del gruppo parlamentare Lovemore Matuke. Iniziativa che avrebbe il sostegno di 230 deputati su 260. 

 

Christopher Mutsvangwa, presidente dell'Associazione dei veterani dello Zimbabwe, ha annunciato oggi che nel paese ci saranno proteste di piazza fino a quando il presidente di 93 anni non lascerà l'incarico. 

 

La crisi politica è scoppiata dopo che lo scorso 6 di novembre, Mugabe, ha deciso di allontanare Emmerson Mangwana. Suo braccio destro da 40 anni e da tutti indicato come successore del presidente. 

 

Il presidente dello Zambia, intanto, ha inviato nello Zimbabwe Kenneth Kaunda nel tentativo di convincere Mugabe a farsi da parte. 

 

Le forze armate controllano il paese dallo scorso martedì con l’obiettivo  - secondo quanto affermano - di allontanare dal potere i criminali che circondano il presidente ed evitare che altri eroi della guerra di indipendenza siano allontanati dalle proprie postazioni di governo. 

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: Al-Youm Rai

Gli Stati Uniti facilitano il trasferimento dell'ISIS e di Al-Qaeda in Libia

Un accordo segreto raggiunto dagli Stati Uniti e da diversi paesi arabi del Medio Oriente consente il trasferimento di migliaia di terroristi dell'ISIS (Daesh, in arabo), Al-Qaeda e di altre cellule estremiste dall'Iraq, Siria e Libano in Libia, ha rivelato il giornale arabo Al-Youm Rai.

Nell'articolo pubblicato ieri dal giornale arabo, 'Al-Youm Rai', che cita diverse fonti di intelligence...
Notizia del:     Fonte: Embajada de la República Bolivariana de Venezuela en Italia

Le dodici vittorie del Presidente Maduro nel 2017

di Ignacio Ramonet Per cominciare, dobbiamo ricordare che il presidente Nicolás Maduro è il presidente più ingiustamente accusato, calunniato e aggredito nella storia del Venezuela....
Notizia del:

Venezuela, Operazione Peter Pan: quando i bambini sono il bersaglio della manipolazione psicologica

Oggi, ci sono settori in Venezuela che intendono riproporre questa operazione, in mezzo a campagne mediatiche che cercano di distorcere la realtà della situazione interna del paese, che si trova di fronte a un blocco economico promosso dagli Stati Uniti

da AVN   Alla fine del 1960 fu perpetrato uno degli episodi di maggiore manipolazione psicologica contro...
Notizia del:

Il Parlamento europeo sostiene il neonazismo venezuelano

Tra i vincitori del Premio Sakharov spicca Lorent Saleh, golpista venezuelano pienamente inserito in ambienti neonazisti colombiani

di Fabrizio Verde   In occasione della consegna del Premio Sakharov all’opposizione venezuelana,...
Notizia del:

Venezuela, una "dittatura" che celebra tre elezioni in un anno

da Mision Verdad   Il 30 luglio di quest'anno si sono svolte le elezioni per l'Assemblea nazionale costituente (ANC) con una partecipazione di 8 milioni e 89 mila elettori, che rappresentano...
Notizia del:

Honduras: la polizia in sciopero contro la repressione

Un funzionario della polizia dell'Honduras ha dichiarato alla rete televisiva locale, l'UNE, che alcuni ufficiali faranno uno sciopero della fame perché sono stanchi di prendere ordini da politici corrotti per reprimere innocenti

  da teleSUR Esprimendo sgomento per la repressione di Stato in corso in Honduras sotto la stretta presidenziale,...
Notizia del:

Il popolo dell'Honduras nelle piazze sfida l'impero

L’Honduras non è un paese qualsiasi dell’America Centrale, dalla nefasta epoca della United Fruit Company fino agli anni delle basi paramilitari dei "contras" nicaraguensi, il territorio è sempre stato utilizzato per il sostegno alle violente politiche militariste degli Stati Uniti nella regione

di Carlos Aznarez - teleSUR   Da quel nefasto giorno di giugno 2009 quando l’esercito e la polizia...
Notizia del:

Giornalismo e fake news. Quando sono solo i 'bot russi' a informare sul nuovo golpe in Honduras

Cercate su Google Honduras.... e non troverete una riga sui cosiddetti liberi media sul golpe e i morti nelle strade

  Provate a fare quest'esperimento con noi. Scrivete la parola Honduras su Google e capirete il...
Notizia del:

Nuovo golpe in Honduras? Il popolo non deve lasciarsi sconfiggere

Il popolo honduregno deve difendere il voto a Nasralla e non permettere un altro golpe simile a quello contro Zelaya

di Ilka Oliva Corado - Crónicas de una Inquilina   Il 28 giugno dell’anno 2009, quando...
Notizia del:

Promozione e finanziamento della violenza in Venezuela attraverso le reti sociali

Il Dipartimento di Stato degli USA dietro i finanziamenti alle fake news necessarie per scatenare la violenza in Venezuela

da Mision Verdad   Diceva Edward Bernays, teorico della Commissione dell’Informazione Pubblica...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

"Ci vuole un bel coraggio a chiamare missioni di pace gli avamposti delle conquiste neo-liberali"

di Mauro Armanino* - il Fatto Quotidiano Ci vuole davvero un bel coraggio. Chiamate missioni militari di pace gli avamposti delle conquiste neoliberali camuffate da buon samaritano. Arriviamo...
Notizia del:     Fonte: RT

Mosca: "Gli Stati Uniti stanno elaborando un piano B per cambiare il governo in Siria e la Russia lo neutralizzerà"

Mosca avverte sul tentativo dell'occidente, con un 'Piano B' di rovesciare il governo siriano ma allo stesso tempo ribadisce che lo neutralizzerà.

"Gli Stati Uniti hanno dato il via alla creazione di autorità alternative in una parte significativa...
Notizia del:     Fonte: TASS

La Turchia invade Afrin, ma la Francia all'ONU discuterà di Idlib e Damasco, dove l'esercito siriano affronta i gruppi jihadisti

Mentre la Turchia attacca i curdi sul territorio siriano, Parigi non considera questa operazione militare così importante da metterla al centro della riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Piuttosto si parlerà della 'situazione umanitaria' a Idlib e di Damasco dove l'esercito siriano sta conducendo un'offensiva contro i gruppi jihadisti.

La Francia, nell'ambito di una riunione a porte chiuse del Consiglio di sicurezza dell'ONU che si terrà...
Notizia del:     Fonte: Haaretz

'Il 97% dell'acqua di Gaza ha la stessa qualità di quella delle fogne'

Un rapporto dell'Autorità palestinese sull'acqua nella Striscia di Gaza. assediata da Israele, avverte che fino al 97% dell'acqua potabile nell'enclave costiera non è adatta al consumo umano a causa dell'inquinamento provocato da acque reflue non trattate e a causa di un alto livello di salinità.

Ahmed Yaqubi, idrologo, consulente per l'Autorità palestinese nella Striscia di Gaza, ha presentato...
Notizia del:

Alberto Negri: "I grandi perché dei bambini: perchè la Turchia è ancora nella Nato?"

di Alberto Negri* Perché ci sono diverse basi Nato, tra cui quella di Incirlik. Perché ci sono i missili puntati su Russia e Iran. Perché la stessa Turchia usa la sua membership...
Notizia del:

Egitto, Al Sisi verso il secondo mandato. Quali prospettive per il Mediterraneo?

Ha ufficializzato la propria candidatura ad un secondo mandato il capo di Stato uscente egiziano Abd al-Fattah Al Sisi, in carica dal 2014.  Lo ha annunciato durante una conferenza di tre giorni...
Notizia del:

Le strategie dell'imperialismo in Africa Australe: le sfide di Sudafrica, Zimbabwe, Angola e Mozambico

di Carlos Lopes Pereira da “Avante!”, Settimanale del Partito Comunista Portoghese Traduzione di Marx21.it In Africa Australe sono in corso sviluppi della situazione in...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa