/ Zimbabwe, Mugabe a sorpresa non annuncia dimissioni

Zimbabwe, Mugabe a sorpresa non annuncia dimissioni

Zimbabwe, Mugabe a sorpresa non annuncia dimissioni
 

L’Unione Africana dello Zimbabwe - Fronte Patriottico, propone per la carica di presidente Emmerson Mnangagwa

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 

La settimana scorsa con la comparsa di blindati nelle strade di Harare e l’annuncio dato dal capo dell’esercito dello Zimbabwe che il presidente Mugabe si trovava sotto custodia delle forze armate, sembrava doversi chiudere il lungo regno del longevo leader africano. 

 

Invece il novantatreenne Robert Mugabe non smette di stupire. Così in un discorso alla nazione in diretta televisiva dove ci si aspettava la formalizzazione delle sue dimissioni, Mugabe dichiara che presiederà il prossimo congresso del partito di governo che si terrà a Dicembre. Secondo il presidente quanto accaduto la scorsa settimana non minaccia la Costituzione del paese o il suo potere come capo di Stato e comandante in capo. 

 

Il presidente decide di terminare il suo discorso con queste parole: «Vi ringrazio e vi auguro buona notte», come evidenzia l’emittente RT.  

 

Il partito di governo dello Zimbabwe, l’Unione Africana dello Zimbabwe - Fronte Patriottico (ZANU - PF), alcune ore prima del discorso di Mugabe aveva lanciato un ultimatum: l’abbandono dell’incarico entro le 12 di lunedì, altrimenti sarebbe partito il processo di impeachment nei suoi confronti. 

 

L’Unione Africana dello Zimbabwe - Fronte Patriottico, propone per la carica di presidente Emmerson Mnangagwa. Ex vicepresidente e uomo ritenuto il delfino di Mugabe, fino a quando l’anziano leader non ha deciso di indicare la moglie Grace come candidata alla sua successione. 

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: RT
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: Al-Youm Rai

Gli Stati Uniti facilitano il trasferimento dell'ISIS e di Al-Qaeda in Libia

Un accordo segreto raggiunto dagli Stati Uniti e da diversi paesi arabi del Medio Oriente consente il trasferimento di migliaia di terroristi dell'ISIS (Daesh, in arabo), Al-Qaeda e di altre cellule estremiste dall'Iraq, Siria e Libano in Libia, ha rivelato il giornale arabo Al-Youm Rai.

Nell'articolo pubblicato ieri dal giornale arabo, 'Al-Youm Rai', che cita diverse fonti di intelligence...
Notizia del:     Fonte: Embajada de la República Bolivariana de Venezuela en Italia

Le dodici vittorie del Presidente Maduro nel 2017

di Ignacio Ramonet Per cominciare, dobbiamo ricordare che il presidente Nicolás Maduro è il presidente più ingiustamente accusato, calunniato e aggredito nella storia del Venezuela....
Notizia del:

Venezuela, Operazione Peter Pan: quando i bambini sono il bersaglio della manipolazione psicologica

Oggi, ci sono settori in Venezuela che intendono riproporre questa operazione, in mezzo a campagne mediatiche che cercano di distorcere la realtà della situazione interna del paese, che si trova di fronte a un blocco economico promosso dagli Stati Uniti

da AVN   Alla fine del 1960 fu perpetrato uno degli episodi di maggiore manipolazione psicologica contro...
Notizia del:

Il Parlamento europeo sostiene il neonazismo venezuelano

Tra i vincitori del Premio Sakharov spicca Lorent Saleh, golpista venezuelano pienamente inserito in ambienti neonazisti colombiani

di Fabrizio Verde   In occasione della consegna del Premio Sakharov all’opposizione venezuelana,...
Notizia del:

Venezuela, una "dittatura" che celebra tre elezioni in un anno

da Mision Verdad   Il 30 luglio di quest'anno si sono svolte le elezioni per l'Assemblea nazionale costituente (ANC) con una partecipazione di 8 milioni e 89 mila elettori, che rappresentano...
Notizia del:

Honduras: la polizia in sciopero contro la repressione

Un funzionario della polizia dell'Honduras ha dichiarato alla rete televisiva locale, l'UNE, che alcuni ufficiali faranno uno sciopero della fame perché sono stanchi di prendere ordini da politici corrotti per reprimere innocenti

  da teleSUR Esprimendo sgomento per la repressione di Stato in corso in Honduras sotto la stretta presidenziale,...
Notizia del:

Il popolo dell'Honduras nelle piazze sfida l'impero

L’Honduras non è un paese qualsiasi dell’America Centrale, dalla nefasta epoca della United Fruit Company fino agli anni delle basi paramilitari dei "contras" nicaraguensi, il territorio è sempre stato utilizzato per il sostegno alle violente politiche militariste degli Stati Uniti nella regione

di Carlos Aznarez - teleSUR   Da quel nefasto giorno di giugno 2009 quando l’esercito e la polizia...
Notizia del:

Giornalismo e fake news. Quando sono solo i 'bot russi' a informare sul nuovo golpe in Honduras

Cercate su Google Honduras.... e non troverete una riga sui cosiddetti liberi media sul golpe e i morti nelle strade

  Provate a fare quest'esperimento con noi. Scrivete la parola Honduras su Google e capirete il...
Notizia del:

Nuovo golpe in Honduras? Il popolo non deve lasciarsi sconfiggere

Il popolo honduregno deve difendere il voto a Nasralla e non permettere un altro golpe simile a quello contro Zelaya

di Ilka Oliva Corado - Crónicas de una Inquilina   Il 28 giugno dell’anno 2009, quando...
Notizia del:

Promozione e finanziamento della violenza in Venezuela attraverso le reti sociali

Il Dipartimento di Stato degli USA dietro i finanziamenti alle fake news necessarie per scatenare la violenza in Venezuela

da Mision Verdad   Diceva Edward Bernays, teorico della Commissione dell’Informazione Pubblica...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: Der Spiegel - Foto AFP

Germania, Francia e Regno Unito promotrici di sanzioni all'Iran per accontentare Trump

Secondo il settimanale tedesco, 'Der Spiegel', la Germania insieme a Francia e Gran Bretagna stanno esercitando pressioni su altri paesi europei per imporre altre sanzioni all'Iran, accontentando di fatto il Presidente degli USA, Donald Trump.

Citando diplomatici europei, la rivista tedesca 'Der Spiegel' afferma in un articolo pubblicato ieri...
Notizia del:     Fonte: SANA -Reuters

Il governo siriano condanna "l'aggressione turca su Afrín"

In un comunicato, Damasco condanna l'aggressione turca sulla città siriana di Afrin. Inoltre, ha smentito di essere stata messa a conoscenza da Ankara dell'avvio dell'operazione "Ramoscello d'ulivo".

Il governo siriano ha condannato "l'aggressione turca contro Afrin" condotta nell'ambito dell'operazione...
Notizia del:

Perché gli "Stati Uniti d'Europa" non è la cosa più spaventosa detta oggi da Renzi

    “Il 4 marzo come il nuovo 1948”. Lo ha scritto Fabbrini (della Luiss) il 3 dicembre su il Sole 24 ore (giornale di Confindustria). Lo ha ribadito oggi Andrea Bonanni su...
Notizia del:     Fonte: TASS - AP foto

Siria, la Russia ritira le sue truppe dopo offensiva della Turchia ad Afrin

La Russia ha comunicato il ritiro delle sue truppe dall'area di Afrin nel nord della Siria, dove l'esercito turco sta lanciando un'offensiva terrestre e aerea contro obiettivi delle Unità di protezione popolare curde, YPG, lo ha riportatoil ministero della Difesa russo.

"Per evitare eventuali provocazioni ed escludere qualsiasi minaccia contro la vita e la salute dei militari...
Notizia del:

Il tormentone fake news ha il primo risultato: la "verità" la decideranno i poliziotti di Minniti

di Dante Barontini* Siamo governati da ignoranti contenti di esserlo. Dunque da gente pericolosa per tutta la popolazione, perché – perversa conseguenza di leggi elettorali che...
Notizia del:     Fonte: Der Spiegel

Giornalista israeliano rivela l'uccisione di migliaia di persone da parte del Mossad

Il giornalista israeliano Ronen Bergman, nel suo ultimo libro, ha rivelato l'uccisione di molte persone anche per 'errore' di almeno 3.000 persone per mano di agenti del servizio di intelligence del regime di Israele (Mossad) oltre anche a diversi casi di "rapimento" e "tortura".

"In generale, stiamo parlando di almeno 3.000 persone, bersaglio non solo le persone obiettivo, ma anche...
Notizia del:     Fonte: Airwars

La coalizione guidata dagli USA ha ucciso 6.000 civili in Iraq e in Siria nel 2017

Un nuovo rapporto indica che gli attacchi della cosiddetta coalizione anti-ISIS, guidati dagli Stati Uniti, hanno provocato più di 6000 civili morti in Iraq e in Siria durante l'anno 2017. La cifra è tre volte più grande rispetto a quella del 2016.

In un rapporto pubblicato giovedì scorso, l'organizzazione giornalistica indipendente 'Airwars'...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa