/ Sergio Romano: "Sulla Nato bisogna fare un passo indietro"... (si...

Sergio Romano: "Sulla Nato bisogna fare un passo indietro"... (si quel Sergio Romano)

Sergio Romano: Sulla Nato bisogna fare un passo indietro... (si quel Sergio Romano)
 

"L’industria delle armi americana controlla la politica estera dell’Occidente. Putin ha ragione sull'Alleanza Atlantica"

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 
In un'intervista rilasciata a Linkiesta Sergio Romano, l'ex diplomatico e il noto editorialista de il Corriere dichiara che sulla Nato “bisogna fare un passo indietro”.
 
"Occorre fare un passio indietro. Una volta caduto il muro di Berlino, gli americani, per un certo periodo, non seppero che cosa fare della Nato. Per qualche anno hanno temporeggiato e si sono tenuti il dossier sul tavolo. A un certo punto, tuttavia, alcuni consiglieri del presidente Clinton gli hanno prospettato una soluzione: conservare la Nato e allargarla ai paesi ex satelliti dell'Unione Sovietica che avessero fatto domanda di adesione; quelli del Patto di Varsavia, per intenderci. Fu una scelta che la Russia considerò subito con molto sospetto".
   
E sull'allargamento ad est della Nato in chiara violazione di quanto assicurato al Cremlino dopo l'unificazione della Germania, Romano accusa anche le lobby militari.
 
“Se un Paese entra nella Nato deve adeguarsi agli standard dell’Alleanza. Chi gli fornirà armi e infrastrutture?
L'industria militare americana ha un primato industriale, ma anche un forte potere politico. Il primo che se ne accorse fu Eisenhower, che nel suo discorso d'addio del 16 gennaio 1961, alla fine del secondo mandato presidenziale, denunciò l'esistenza di un complesso militare-industriale che cercava di orientare le politiche americane"
 
E poi Romano sostiene le ragioni di Putin, che ha recentemente dichiarato che la Nato è il nemico per la Russia - 
“Credo che Putin abbia qualche motivo per pensarlo.
Certo si può avere ragione anche con qualche con qualche gesto eccessivo, come nella vicenda ucraina”
- e a Schäuble, che parla di esercito europeo in contrapposizione alla Nato - “Schäuble ama fare il guastafeste, quello che dice le verità scomode. Non so se in quell'intervista stesse parlando a nome del governo, o se parlasse indirettamente alla Merkel. Probabilmente l'ha detto per ricordare quale è il vero problema dell'Europa: che se l'Unione Europea non ha un esercito, non ha una politica estera. E se non ha una politica estera, involontariamente, implicitamente, fa quella degli Stati Uniti”.
 
Una politica estera che dovrebbe essere per Sergio Romano quella della “neutralità”.
 
La sola scelta di sicurezza per l'Europa dovrebbe quella della neutralità.
 
........

Sergio Romano, non esattamente un ex brigatista, si è appena espresso per la dissoluzione della Nato e la neutralità dell'Europa, dopo aver dichiarato che tutta la politica estera occidentale è controllato dalle lobby delle armi statunitensi. Meglio tardi che mai, si direbbe. Ma ora 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da Notizia del giorno
Notizia del:

Facebook oscura le pagine. Ecco come seguire l'AntiDiplomatico

Come avevamo ampiamente previsto, la famosa caccia alle streghe mascherata con la "battaglia contro le fake news" aveva il semplice e unico obiettivo di oscuare chi, attraverso la rete, aveva...
Notizia del:

L'ANTIDIPLOMATICO SU TELEGRAM!

  L'AntiDiplomatico.it da oggi si dota anche di un Canale Telegram e questo è il link da cliccare per iscriversi (https://t.me/lantidiplomatico). Vi aggiorneremo quotidianamente sulle...
Notizia del:

Per i servizi segreti italiani Biden diffonde fake news

Quella di Biden era una fake news, anzi la madre di tutte le fake news. Il Governo Gentiloni convochi immediatamente l'Ambasciatore Usa

In tanti devono aver avuto una qualche crisi d’identità dopo le parole scritte da Biden su Foreign...
Notizia del:

Così una fake news della CNN su Wikileaks arriva a milioni di persone in pochissimo tempo

G. Greenwald: "I media Usa hanno subito la debacle più umiliante da anni. Ora rifiutano trasparenza su quello che è successo"

di Glenn Greenwald - Intercept  VENERDÌ è stato uno dei giorni più imbarazzanti...
Notizia del:

“Cosi si finanzia la fabbrica delle fake news”. La nostra risposta al quotidiano "La Repubblica"

Su La Repubblica di domenica 3 dicembre, a pagina 6 e 7, leggiamo un articolo a firma Carlo Bonini e Giuliano Foschini dal titolo “Cosi si finanzia la fabbrica delle fake news”. Per...
Notizia del:

ESCLUSIVO AD. Gershon Peres (fratello dell'ex Presidente israeliano) è stato membro del CMC, il centro occulto della CIA legato all'omicidio Kennedy

Nel Centro Mondiale Commerciale, dal 1967 al 1970, sedette Gershon Peres.

Questo 22 novembre 2017, nell'anno del centenario della nascita di JFK e nel giorno dell'anniversario...
Notizia del:

Scoop de 'Il Sole 24 Ore': ecco chi finanzia le fake news in Italia

La clamorosa notizia viene incredibilmente ignorata

  Vi è una grande inflazione ipertrofica e stupefacente nelle ultime settimane a parlare, a trattare...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa