/ Perché i mercati stanno crollando: "la fiducia nelle banche centr...

Perché i mercati stanno crollando: "la fiducia nelle banche centrali è finita"

Perché i mercati stanno crollando: la fiducia nelle banche centrali è finita
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

Con Bloomberg che scrive che i segnali da parte delle banche centrali dall'Europa al Giappone non riescono a allievare le preoccupazioni degli investitori e che la crescita globale continuerà a rallentare, le borse sono in picchiata - con quella di Milano che oggi registra un meno 4%.
 
Il presidente della Fed Yellen ha suggerito che la banca centrale potrebbe ritardare, ma non abbandonare, gli aumenti dei tassi di interesse previsti in risposta alle recenti turbolenze nei mercati finanziari. Mohit Kumar, responsabile della strategia di tassi in Credit Agricole SA a Londra, ha puntualizzato come “gli investitori sono preoccupati per le opzioni politiche delle banche centrali dato che il mercato è guidato da fattori sui quali hanno poco o nessun controllo. "
 
E sempre Bloomberg: “I mercati finanziari stanno segnalando che gli investitori hanno perso fiducia nella capacità delle banche centrali per sostenere l&#
39;economia globale”.
 
"I mercati si chiedono, bene, abbiamo avuto questi esperimenti di politica monetaria non convenzionali per gli ultimi sei o sette anni e non hanno causato una spinta sostenibile alla crescita globale", ha detto Shane Oliver, responsabile della strategia di investimento a Sydney a base di AMP Capital Investors Ltd, lasciando intendere che nessuno crede più ormai ai banchieri centrali. 
 
Per quel che riguarda la zona euro, la Bce ha utilizzato tutto e oltre quello che era lecito per tenere in vita artificialmente un esperimento fallito e fallientare come quello della zona euro, drogando l'economia per anni. In estrema sintesi, alla prossima influenza, Draghi non avrà più la cura, non ha più nessun bazooka. Inizia a dare la colpa a forze esterne che complottano contro la Bce per avere una scusa il giorno che dovrà abbandonare il dogma sull'irreversibilità della moneta unica.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da Notizia del giorno
Notizia del:

Le dieci bugie russofobe dell’ultimo rapporto dell’ECFR di Soros

Un commento a “Russia 2030: a story of great power dreams and small victorious wars”, scritto da Fredrik Wesslau e Andrew Wilson

di Eugenio Cipolla   Quello che segue non vuole essere un manifesto pro-Russia. Chi scrive sa benissimo...
Notizia del:

Dati Istat. Il crollo industriale ha una causa: l'euro

Leggiamo dall'Ansa di questa mattina come il fatturato dell'industria italiana "segna a marzo il peggiore calo tendenziale a partire da agosto 2013, con una riduzione del 3,6% rispetto all'anno...
Notizia del:

Venezuela, perché non vi indignate per queste foto brutali?

di Alessandro Bianchi Viviamo in un mondo al contrario. Chi gestisce i mezzi di comunicazione riesce a manipolare la vostra percezione al punto che quando sentite una menzogna alla terza volta fa...
Notizia del:

PRIME FOTO: militari egiziani pubblicano le prime foto dell'EgyptAir A320

L'aereo EgyptAir A320 partito dall'aeroporto Charles de Gaulle alle 21:09del 18 maggio e diretto verso la città egiziana del Cairo (atterraggio previsto nella capitale egiziana a 01:04...
Notizia del:

Non ve l'hanno detto, ma da anni l'Unione Europea viola i diritti umani in Siria. Possiamo fermarla, ma c'è poco tempo.

Il 23 maggio, lunedì, a vostra insaputa, il regime di Bruxelles prorogherà l'embargo contro la popolazione siriana. Sei disposto ad accettarlo ancora?

Il 23 maggio, il prossimo lunedì, il Consiglio europeo a livello di ministri degli affari esteri si...
Notizia del:

Il Fatto Quotidiano sostiene il TTIP?

  Sergio Feltri, montiano di ferro e vice-direttore del Fatto Quotidiano, ha utilizzato una specie di editoriale per spiegare come il TTIP alla fine sia proprio quello di cui l'Italia abbia...
Notizia del:

"Made in Usa": i tre indizi chiave del coinvolgimento statunitense nel golpe in Brasile

  “Non pensavo sarebbe stato necessario combattere ancora contro un colpo di stato in questo paese”. Queste sono state le prime parole della Presidenta Dilma dopo essere stata destituita...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa