/ La Turchia bombarda la Siria per il quarto giorno consecutivo (ne...

La Turchia bombarda la Siria per il quarto giorno consecutivo (nel silenzio dei media)

La Turchia bombarda la Siria per il quarto giorno consecutivo (nel silenzio dei media)
 

500 soldati del Free Syrian Army sono entrate nel territorio siriano "per fermare l'avanzata dello YPG"

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 
La Turchia ha bombardato la Siria per il quarto giorno consecutivo con la scusa-pretesto di dover stanare i ribelli curdi protetti dal YPG. “Circa 150 terroristi sono stati uccisi”, scrive l'agenzia del regime di Ankara Yeni Safak.
 
Con l'esercito siriano, supportato da Russia e Iran, che si appresta a liberare Aleppo e tagliare le linee di rifornimento dei terroristi con la Turchia, i curdi consolidano la loro posizione nel nord del paese. Si tratta del peggior scenario possibile per Ankara, con il presidente Erdogan che non distingue più tra PKK (gruppo terrorista anche per gli USA) e  YPG (supportato apertamente dagli Usa). La Turchia ha paura che il YPG sia a breve, effettivamente, in grado di costruire l'embrione statale al confine.
 
Ci sono tutte le ragioni per sospettare che la Turchia non solo continuerà nel bombardamento di Azaz, ma inizierà un'invasione della Siria. Motivo ufficiale: "per combattere ISIS".
 
Martedì abbiamo sommato diverse indicazioni da questo punto di vista, che dimotrano come un'escalation in Siria sia ormai imminente con Ankara disposta a partecipare “definitivamente” in un'operazione di terra. “Non è possibile finire la guerra senza”, ha dichiarato un funzionario turco a Bloomberg, parlando in condizioni di anonimato.

Scrive correttamente Zero Hedge come la logica sia sempre la stessa, la stessa che la Francia ha utilizzato per bombardare la Siria per frenare il flusso di rifugiati. Flusso che è aumentato dall'inizio delle operazioni francese. “E' impossibile finire la guerra in Siria senza una nuova guerra in Siria”. Chiaro no?

Il funzionario turco ha anche escluso un'operazione unilaterale turco-saudita, anche se l'agenzia del regime di Ankara Yeni Safak scrive che la Turchia è pronta ad entrare dentro 10km di territorio siriano per stabile una “zona di sicurezza”.
La scusa: bloccare il flusso di migranti. Ma, prosegue Zero Hedge, per quanto non sia possibile stabilire il livello di rispetto dei diritti umani da parte del YPG, non sono certo l'Isis o al-Nusra. Perché i civili scappino a centinaia di migliaia non è chiaro, prosegue Zero Hedge, ma sembra evidente che Ankara stia cercando il pretesto per ricreare un collegamento per rifornire al-Nusra e altri ribelli sunniti. Collegamenti tagliati dall'avanzata dell'esercito siriano, con il supporto della Russia e Iran. Il piano “safe zone” turco - che assomiglia all'assurdo “ISIS-free” zone dello scorso agosto – richiede il supporto degli USA.
 
Yeni Safak scrive poi che 500 soldati del Free Syrian Army sono entrate nel territorio siriano "per fermare l'avanzata dello YPG" e “difendere la città di Azaz sotto assedio dei curdi”. 
 
Se il collegamento con i ribelli viene tagliato, scrive, “Assad, con il sostegno di Iran e Russia, otterrà il potere di controllare l'intero confine turco-siriano”
 
Quello che emerge è che i turchi sono preoccupati, al livello della disperazione frenetica. Lunedì YPG ha preso il controllo di Tal Rifaat, una città tra Aleppo e Azaz. Se la Turchia vuole arrestare l'avanzata deve inviare truppe o F-16, altrimenti diventa inevitabile data la presenza nel paese dei S-400S russi.
 
Quello che dovrebbe essere chiaro da ora che l'escalation in Siria è iniziato. E il tutto perché chiuso il "corridoio di Azaz", Ankara deve rifornire i ribelli sunniti (anche elementi di Al-Nusra). Come ha dichiarato il primo ministro russo Medvedev recentemente "sono tutti banditi." Sì, conclude Zero Hedge, banditismo dilagante, facilitato dai turchi.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da Notizia del giorno
Notizia del:

Amnesty International e il Venezuela: una lettera critica al portavoce italiano R. Noury

Signor Riccardo Noury, Portavoce e responsabile della comunicazione di Amnesty International Italia con grande rammarico e preoccupazione apprendiamo come la sua organizzazione sia tornata a prestare...
Notizia del:

L'inserto di oggi di "Repubblica", l’ennesima marchetta mediatica al Dipartimento di Stato Usa

di Sergio Cararo* - Contropiano Proprio ieri avevamo riferito di come il Dipartimento di Stato Usa – direttamente o attraverso sue agenzie – spenda milioni di dollari per sostenere...
Notizia del:

Laura Boldrini, Basta Bufale

“Ci siamo occupati di fake news da tempi non sospetti”, esordisce così Laura Boldrini che oggi alla Camera ha chiamato alle armi la cavalleria pesante nella corsa verso la limitazione...
Notizia del:

Il Fatto Quotidiano e il Venezuela: il giornale di Travaglio si conferma la migliore "sponda dell'interventismo"

Nel giorno in cui Papa Francesco al giornalista di Antenna 3, Antonio Pelayo, dichiara: "Non si è risolta perché le proposte non sono state accettate e so che ora si sta insistendo...
Notizia del:

Propaganda di guerra contro il Venezuela. La ragazza di Tachira uccisa da un militante dell'opposizione. Non lo scrive nessuno in Italia!

#Venezuela Per giorni tutti i media a parlare della povera ragazza uccisa nel Tachira dai violenti collettivi rossi. Ieri la notizia bomba: arrestato l'assassino, è un militante della opposizione...
Notizia del:

Venezuela. Detenuti confessano e fanno i nomi dei deputati dell'opposizione che hanno finanziato le violenze e il vandalismo

Da Telesur Il presidente del Venezuela, Nicolas Maduro ha annunciato questa domenica che le agenzie di sicurezza statali hanno le prove che collegano la leadership dell'opposizione agli atti di...
Notizia del:

L'unilateralismo di Washington in Siria mina le Nazioni Unite. Hans Blix, capo della Commissione Onu incaricata di cercare in Iraq le armi di distruzione di massa

 Washington avrebbe dovuto aspettare i risultati di una inchiesta imparziale e un'autorizzazione internazionale prima di colpire la Siria unilateralmente con il pretesto di aver usato armi chimiche,...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa