/ L'Iran non permetterà agli "stati canaglia" di aggravare la situa...

L'Iran non permetterà agli "stati canaglia" di aggravare la situazione in Siria

L'Iran non permetterà agli stati canaglia di aggravare la situazione in Siria
 

Un alto funzionario militare iraniano, Yazayeri Masud ha avvertito che l'Iran non tollererà un eventuale invio di truppe di terra da parte di "stati canaglia" in Siria.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 
"L'Arabia Saudita ha esibito tuta la sua potenza militare sia in Siria e Yemen. Eppure, ha fallito in entrambi i campi (...) Se loro (i sauditi) fossero stati in grado, avrebbero già inviato truppe in territorio siriano. Così Riad perde ancora di più se vuole aumentare la propria presenza in Siria", ha sostenuto, oggi, il generale Yazayeri Masud, Vice Capo di Stato Maggiore delle Forze Armate iraniane.
Nei giorni scorsi, i principali oppositori del governo siriano nella regione hanno preso in considerazione la possibilità di inviare forze di terra in Siria che, a loro avviso, avrà lo scopo di combattere le organizzazioni terroristiche che affliggono il paese dall'inizio del conflitto nel 2011.
A capo della nuova iniziativa militare ci sono l'Arabia Saudita e la Turchia, con la luce verde degli Stati Uniti. Proprio gli USA hanno annunciato oggi la sua piena disponibilità ad avviare qualsiasi operazione di terra in territorio siriano. Damasco, nel frattempo, vede questo come un pretesto per rovesciare il presidente siriano Bashar al-Assad.
A tal proposito, il generale Yazayeri ha dichiarato che i terroristi che operano in Siria oggi sono sostenuti da forze saudite, da mercenari di Washington e da diversi paesi reazionari della regione, proprio per questo, "parlare di invio di truppe da parte di Riyadh o di altri paesi non è nuova", ha sostenuto l&# 39;alto ufficiale iraniano.
"Inoltre, i terroristi infiltrati in Siria attraverso il confine con la Turchia sono una realtà che non si può smentire", ha sottolineato il comandante militare iraniano, secondo il quale, l'incursione militare nel territorio siriano "è un bluff politico ed una manovra di guerra psicologica."
In ogni caso, il generale iraniano ha sottolineato che Teheran non permetterà in alcun modo che attori stranieri impongono le loro politiche in Siria maligna.
"Non permetteremo che la situazione in Siria vada fuori controllo, che certi stati canaglia possano attuare le loro politiche dannose. Se necessario, prenderemo le decisioni appropriate ", ha spiegato alla domanda se l'Iran è intenzionata ad aumentare il numero di consulenti in Siria per contrastare un possibile dispiegamento di forze straniere.
Yazayeri ha concluso il suo intervento ribadendo che la Repubblica islamica dell'Iran sostiene le operazioni anti-terrorismo in Russia.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: Hispantv
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Iran: "Uguali radici e origine degli attentati terroristici di Manchester e Miryaveh"

L'Iran ha esortato a porre fine al terrorismo, dal momento che questa piaga non varia e ciò che è accaduto a Manchester è lo stesso che accade in Medio Oriente.

"Crediamo fermamente che siano uguali nelle radici e nelle origini ideologiche gli atti terroristici a Miryaveh...
Notizia del:     Fonte: SANA

Il mainstream lo ignora, ma di terrorismo si muore ogni giorno in Siria. Homs, attentato provoca 4 morti e più di 30 feriti

Quattro persone sono state uccise e altre 30 sono rimaste ferite, oggi, a causa dell'esplosione di un pick-up azionata dai terroristi vicino alla centrale elettrica principale nel quartiere al-Zahraa nella città di Homs.

Il reporter dell'agenzia di stampa siriana, SANA, ha riferito che due terroristi hanno fatto esplodere un pick-up...
Notizia del:     Fonte: al masdar esp

Siria, documentario "Infiltrati a Idlib", viaggio nella roccaforte dei "ribelli", in realtà in mano ad al Qaeda

La giornalista Jenan Moussa ha presenta questo documentario sulla situazione attuale a Idlib, città situata a nord della Siria controllata quasi esclusivamente dai vari gruppi di insorti armati,...
Notizia del:     Fonte: https://www.bna.bh

Trump e leader arabi potrebbero inviare 34.000 soldati in Iraq e Siria 'contro l'ISIS'

Nell'ambito del documento intitolato 'Dichiarazione di Riyadh', i leader di diversi paesi a maggioranza musulmana si impegnano a sostenere le operazioni militari, se necessario.

Come parte della visita del Presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, a Riyadh, capitale dell'Arabia Saudita,...
Notizia del:     Fonte: The Washington Post

Il Pentagono distrae dalle spese del carburante 80 milioni di dollari per destinarli ai "ribelli" in Siria

Secondo il quotidiano statunitense 'The Washington Post', con un budget di carburante volutamente gonfiato, il Pentagono deve ancora trovare i soldi per sostenere i "ribelli in Siria" e per continuare le sue operazioni in Afghanistan.

I funzionari del Pentagono hanno gonfiato i preventivi per il costo del carburante per l'acquisto al fine...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

'Gli USA attaccano le forze irachene che impediscono le spedizioni di armi all'ISIS'

Falah al-Jazali, un membro del parlamento iracheno e uno dei comandanti delle unità di mobilitazione irachene, Al-Hashad Al-Shabi, ha dichiarato che i membri del gruppo Kataib Sayyed Al-Shohada sono stati bombardati dagli aerei della coalizione anti ISIS guidata dagli USA.

Secondo Falah Al-Jazali, membro del parlamento iracheno e uno dei comandanti delle unità di mobilitazione...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

VIDEO. Migliaia di yemeniti protestano contro la visita di Trump in Arabia Saudita

A Sana'a, capitale dello Yemen, migliaia di persone hanno protestato contro la visita del Presidente degli Stati Uniti Donald Trump, in Arabia Saudita.

I manifestanti yemeniti hanno condannato il sostegno di Washington all'aggressione saudita nello Yemen.   La...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News

Siria, la battaglia decisiva al confine con l'Iraq

Altro che liberazione di Raqqa dall'ISIS, ormai il campo di battaglia decisivo per la guerra alla Siria sembra essere la zona del confine siro-iracheno.

Sembrava che per il futuro della Siria fosse decisiva la battaglia per la liberazione di Raqqa attualmente in...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News

Siria, i "ribelli" appoggiati dagli USA continuano a perdere terreno a Sweida per l'avanzata dell'esercito siriano

L'esercito arabo siriano (SAA), accanto a diverse unità alleate, ha conquistato un grosso pezzo di territorio in mano ai "ribelli" del FSAnella campagna orientale di Al-Sweida, ha...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar

FOTO. Gli attacchi degli USA non intimoriscono la Siria che invia rinforzi nella provincia di Sweida

Come riferisce il portale di notizie, 'Al Masdar News', ieri sera, l'esercito arabo siriano (SAA) ha inviato una dozzina di tecnici verso l'autostrada Damasco-Baghdad per rafforzare i contingenti...
Le più recenti da Siria e dintorni
Notizia del:     Fonte: al masdar esp

Siria, documentario "Infiltrati a Idlib", viaggio nella roccaforte dei "ribelli", in realtà in mano ad al Qaeda

La giornalista Jenan Moussa ha presenta questo documentario sulla situazione attuale a Idlib, città situata a nord della Siria controllata quasi esclusivamente dai vari gruppi di insorti armati,...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar news

Report della guerra alla Siria. Maggio 2017, ISIS al collasso

Come ha riferito il portale di notizie 'Al Masdar', il mese di maggio è stato terribile per l'ISIS, poiché l'organizzazione terroristica ha subito diverse sconfitte sia in...
Notizia del:     Fonte: http://ont.by

Assad: Non bisogna arrendersi al "nazismo contemporaneo sotto forma di occupazione occidentale"

Il presidente siriano Bashar al-Assad, ha accusato le potenze occidentali di perseguire le politiche di Hitler e promuovere 'il nazismo contemporaneo'.

Il capo di Stato siriano ha formulato le osservazioni in un'intervista concessa alla Tv bielorussa ONT, martedì...
Notizia del:     Fonte: Hispantv Addiyar

Assad: "Se non potrò liberare la Siria dal terrorismo nei prossimi 2 anni mi dimetterò"

Il presidente siriano Bashar al-Assad, ha dichiarato, nel corso di un incontro con alcune personalità politiche, che se la Siria non riuscirà a liberare la Siria dalla presenza dei terroristi in due anni, si dimetterà dalla carica.

"Se non potrò liberare la Siria, mi dimetterò, ma sono sicuro al cento per cento che la Siria...
Notizia del:     Fonte: Fars news

Esercito siriano e Forze di mobilitazione popolare irachene si uniscono per eliminare l'ISIS dalla frontiera tra Siria e Iraq

Un alto comandante delle Hashid a Shaabi, Forze di mobilitazione irachene, ha annunciato che le sue truppe e quelli siriane con altri alleati effettuano le operazioni nelle zone di confine tra Mosul e Deir Ezzor per eliminare la presenza dell'ISIS al confine.

"Tenuto conto del fatto che l'operazione di Mosul si avvicina alla fine, egli dichiara che le forze...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News

Esercito siriano e Hezbollah controllo 113 km del confine con il Libano

L'esercito siriano e i combattenti di Hezbollah hanno preso il controllo di 113 km dal confine libanese.

Le forze siriane e Hezbollah controllano un'area lunga 113 chilometri, che si estende dai passi di montagna...
Notizia del:     Fonte: Al MAsdar News

VIDEO. Esercito siriano e Hezbollah prendono il controllo della frontiera tra Siria e Libano

Come riporta il portale di informazione, 'Al Masdar News', per la prima volta dal 2011, Esercito siriano e Hezbollah hanno il pieno controllo dell'intero confine siriano-libanese.   L'esercito...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa