/ Finalmente scoperta la fonte di Rita Katz sulle minacce dell'ISIS...

Finalmente scoperta la fonte di Rita Katz sulle minacce dell'ISIS all'Italia.

Finalmente scoperta la fonte di Rita Katz sulle minacce dell'ISIS all'Italia.
 

Non serve di più a convincere chi si attesta al 73° posto per libertà di stampa nel mondo.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

    
Nel periodo del depistaggio di massa, può accadere che un'agenzia privata finanziata dall'intelligence americana e gestita da una sionista dichiarata, il famigerato Site, possa avere il monopolio di diffusione di tutti i presunti video jihadisti-Isis. Siamo al sud di Roma, prenderemo le vostre donne, il Colosseo minacciato.... sempre il Site che segnala, senza chiarire mai bene la fonte originale, e a catena tutti i media che riportano. L'obiettivo ultimo, quello della fobia di massa, è presto assicurato. Nel suo ultimo articolo Augusto Rubei cerca di fare però il passo successivo ed indagare le fonti attraverso cui il Site riesce a spaventare così bene la società italiana.  “Non scenda in guerra, altrimenti il Mediterraneo sarà colorato dal sangue dei suoi cittadini“, l'ultima minaccia di Rita Katz. Ebbene la fonte è un utente, “tale Hamel Bochra, vale a dire mister nessuno: un perfetto sconosciuto, che attraverso un sito web altrettanto sconosciuto si è sentito, anche lui, leader dello Stato Islamico per un giorno”.
 
 
Il sito in questione è www.khelafamedia.com. Sorprende che il sermone sia scritto in spagnolo, anche se la piattaforma è in lingua araba, e sorprende che il sedicente “lupo solitario” abbia riservato per noi un pdf tradotto proprio in italiano, tanto per essere sicuro che recepissimo il messaggio, sfruttando justpaste.it, un sito già usato in passato da service più o meno noti al libro paga dell’Isis e di altre organizzazioni terroristiche, come al Qaeda, Boko Haram e al Shabaab.
Il titolo è inequivocabile, tutto in maiuscolo: “Lupi solitari”. Subito dopo il richiamo ai “Leoni delle città”, che “si espande fino a Roma, ishaa’allah”. La predica (con qualche refuso tipico di chi ha una buona, ma non perfetta, conoscenza della lingua) inizia invocando il “nome di Allah il Compassionevole il Misericordioso, la lode appartiene ad Allah signore mondi – si legge – per quello che hanno fatto i veri leoni, i nostri fratelli che vivono nelle società occidentali nonostante i falsi Imam con i loro sermoni di satana diciamo (dicano, avrà voluto scrivere, ndr) che stanno aiutando i laici e i cani di Roma e di Obama per combatterci. Ma per i veri jihadisti e i nostri sostenitori che non vedono l’ora di raggiungerci sono i veri LEONI. Come dice Allah: ‘Combatti dunque per la causa di Allah – sei responsabile solo di te stesso – e incoraggia i credenti. Forse Allah fermerà l’acrimonia dei miscredenti. Allah è più temibile nella sua acrimonia, è più temibile nel suo castigo’, Sadaqa lahu alaadim”.
Ma il bello viene in chiusura, quando il signor Hamel (ammesso che questo sia il suo vero nome) offre dei “consigli per i veri lupi solitari”. A parte le ovvietà, come ad esempio “evitare di usare i propri documenti originali o il telefonino prima e dopo aver compiuto un attacco” (ma va?), ce n’è anche per suggerimenti che – possiamo dirlo – rasentano quasi il ridicolo: “Usate le armi più spaventose del momento“; oppure: “Cercate di non aumentare il numero del gruppo così non ci saranno ritiri durante l’operazione”.
 
 
Prendere un commento di un utente sconosciuto all'interno di un sito sconosciuto tra i portali jihadisti per fare i titoli di tutti i giornali e le aperture di tutti i telegiornali ha come obiettivo unico quello di distogliere l'attenzione dalle riforme liberticide interne di Renzi e preparare l'opinione pubblica a “necessarie nuove misure” per la nostra sicurezza: droni americani a Sigonella, intelligence europea, l'intensificazione di Eurogendfor, la chiusura di siti internet che dovessero reputare pericolosi... Proseguiamo? La stampa è complice di tutto questo. E alla prossima minaccia che non tarderà ad arrivare, ricordate sempre che la fonte sarà il Site, al quale basta prendere a riferimento un commento di un utente sconosciuto ad un portale sconosciuto in lingua spagnola. Del resto, non serve di più a convincere chi si attesta al 73° posto per libertà di stampa nel mondo. 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: Hispantv

"La Russia continua ad utilizzare la base iraniana per attaccare i terroristi"

Il Presidente del Parlamento iraniano, Ali Larijani, ha dichiarato, oggi, che gli aerei russi stanno ancora utilizzando la base iraniana Noyé per attaccare i terroristi in Siria.

Larijani ha riferito, confutando il Ministero della Difesa della Russia, che anche i bombardieri strategici russi...
Notizia del:     Fonte: Al Manar

Gli attacchi della coalizione guidata degli Stati Uniti hanno causato danni per 2 miliardi di dollari alla Siria

L'industria del petrolio e del gas in Siria ha subito ingenti danni in seguito ai bombardamenti della coalizione guidata dagli Stati Uniti.

Gli attacchi della coalizione guidata dagli Stati Uniti, il cui scopo ufficiale è quello di combattere l'ISIS,...
Notizia del:

Assange: Clinton e Trump sono un disastro per tutti

Il fondatore di Wikileaks, Julian Assange, ritiene che l'elezione a Presidente degli Stati Uniti di Hillary Clinton o Donald Trump sarebbe un disastro per gli USA e per il resto del mondo.

"Entrambi i candidati (per la Casa Bianca), lei e Donald Trump, sono un disastro sia per il loro paese che...
Notizia del:

Ministero della Difesa iraniano: "La Russia utilizzerà la nostra base per tutto il tempo necessario"

Il Ministero della Difesa iraniano ha annunciato che la Russia può utilizzare la base iraniana di Hamdan per le operazioni contro i terroristi in Siria per tutto il tempo necessario. Si valuta, inoltre, la concessione di altre basi iraniane alla Russia.

"Gli aerei russi useranno la base militare Hamadan per attaccare lo Stato Islamico tutto il tempo necessario",...
Notizia del:

Il burkini e la libertà religiosa

Credo che ci sia un ambito privato dove ogni cittadino deve poter manifestare le proprie convinzioni e le proprie idee. Piacciano o non piacciano, almeno finché non offendono altri cittadini

di Maurizio Musolino   Le polemiche sul burkini in Francia è di giorno in giorno più stucchevole....
Notizia del:

Bourj Hammoud: dal genocidio armeno alla crisi siriana

Bourj Hammoud si trova nella parte nord-orientale della capitale libanese a poca distanza dal mare e dal porto della città, oltre il Beirut River. Il quartiere deve il suo nome a quello dell'unico edificio presente prima della progressiva urbanizzazione della zona: la torre (in arabo Bourj) costruita dalla famiglia libanese Hammoud che, in uno dei punti d'accesso alla città, permetteva di tenere sotto controllo il territorio circostante

  di Maurizio Vezzosi e Giacomo Marchetti     Beirut - La vernice rossa scalfisce i muri...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

"Israele dovrebbe preoccuparsi per i bombardamenti russi dall'Iran in Siria"

Per l'analista israeliano Yossi Melman, Israele farebbe bene a preoccuparsi per l'uso del territorio iraniano per il decollo dei bombardieri russi a lungo raggio Tu-22M3 e Su-34.

"Questo problema ha significati strategici globali a lungo termine, causando la preoccupazione di Israele",...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa