/ Maxim Litvinenko accusa i britannici: «Loro avevano più motivi pe...

Maxim Litvinenko accusa i britannici: «Loro avevano più motivi per uccidere mio fratello»

Maxim Litvinenko accusa i britannici: «Loro avevano più motivi per uccidere mio fratello»
 

Leggendo le trecento pagine redatte da sir Robert Owen, si ha l'impressione di imbattersi in qualcosa di costruito ad arte...

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

di Eugenio Cipolla
 
Leggendo le trecento pagine redatte da sir Robert Owen, il giudice della corte britannica che ha definito Vladimir Putin il “probabile” mandante dell’omicidio dell’ex agente dell’FSB, Aleksander Litvinenko, assassinato a Londra nel 2006 con una dose letale di Polonio 210, si ha l’impressione di imbattersi in un qualcosa di costruito ad arte per screditare la leadership russa. Ogni parola, ogni frase, ogni espressione sono accompagnate sempre da un sé, da un ma o da un punto di domanda, a dimostrare che una tesi più o meno logica c’è, ma che mancano le prove per dimostrarla e renderla inconfutabile.

David Cameron, nel tentativo di rafforzare la relazione della giustizia britannica, ha parlato di «omicidio di Stato», incontrando tutto il disappunto del Cremlino, molto irritato per l’ennesima mossa britannica tesa a infastidire la sempre più crescente influenza del presidente russo nella zona del conflitto siriano. Di ciò che non tornava in quella relazione ne abbiamo parlato qui, qualche giorno fa, sottolineando nove punti che rafforzano i dubbi sul documento diffuso dai giudici di Sua Maestà. Il decimo, quasi a farlo apposta per arrotondare la cifra, lo ha aggiunto Maxim Litvinenko, fratello di Aleksandr.

La sua opinione è nettamente discordante rispetto a quella della cognata Marina, vedova di Aleksandr, la quale, subito dopo la diffusione della relazione, ha chiesto al governo di Londra di imporre sanzioni contro la Russia. «Non credo nemmeno per un secondo che le autorità russe possano essere coinvolte – ha detto Maxim al tabloid inglese Mirror – questa tesi è serve come strumento di pressione contro il governo russo, per metterlo in cattiva luce. Altrimenti perché i risultati vengono fuori solo dopo 10 anni?». Secondo il fratello di Litvinenko «i russi non avevano ragione di volere Aleksander morto, perché non era una spia, era più simile ad un poliziotto. Sono gli occidentali che lo hanno definito spia. Sì, era nell’FSB, ma lavorava perlopiù su casi riguardanti criminalità organizzata, omicidi, traffico d’armi. Cose del genere, insomma. Non conosceva alcun segreto di Stato».

Maxim, che oggi vive a Rimini, in Italia, dove lavora come chef, crede in realtà che i servizi britannici «avevano molti più motivi dei russi per eseguire questo assassinio». Il fratello, infatti, arrivato a Londra, si era unito all’MI-6 e li potrebbe essere venuto a conoscenza di documenti riservati riguardo l’attività dell’intelligence britannica contro la Russia. Sia Maxim che il padre hanno detto di non aver fede nel rapporto britannico, mettendo persino in dubbio il fatto che sia stato il Polonio 210 la vera causa della morte di Aleksander.

«Credo che possa essere stato ucciso da un altro veleno, forse tallio, che gli ha causato una morte lenta e dolorosa. Il Polonio può essere stata somministrato in seguito. Noi – ha detto Maxim – abbiamo sempre chiesto di riesumare il corpo, in modo da verificare la presenza di Polonio nel corpo, ma la nostra richiesta è stata sempre ignorata. Ora sono passati dieci anni e anche se venisse accolta non lo sapremo mai se era davvero così, perché ogni traccia di veleno sarebbe già scomparsa». Maxim ha avanzato anche qualche altra ipotesi, collegando la morte del fratello con il suicidio di Boris Berezovksy e l’assassinio di un proprietario di night club dove sono state trovate tracce di Polonia. Il mistero diventa sempre più fitto.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Il presidente filippino molla Trump per Putin: «Dalla Russia compreremo gas e armi»

di Eugenio Cipolla L’arrivo alla Casa Bianca di Donald Trump, che con il tempo sembra sempre più essere un’anatra zoppa, e l’ipocrisia dell’Unione Europa, sempre pronta...
Notizia del:

Esplosione a Manchester: 22 morti e 60 feriti. L'Isis rivendica l'attacco

Lunedì sera c’è stata un’esplosione alla Manchester Arena, un palazzetto di Manchester, nel Regno Unito, nel quale si stava tenendo un concerto della popstar americana Ariana...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Iran: "Uguali radici e origine degli attentati terroristici di Manchester e Miryaveh"

L'Iran ha esortato a porre fine al terrorismo, dal momento che questa piaga non varia e ciò che è accaduto a Manchester è lo stesso che accade in Medio Oriente.

"Crediamo fermamente che siano uguali nelle radici e nelle origini ideologiche gli atti terroristici a Miryaveh...
Notizia del:     Fonte: SANA

Il mainstream lo ignora, ma di terrorismo si muore ogni giorno in Siria. Homs, attentato provoca 4 morti e più di 30 feriti

Quattro persone sono state uccise e altre 30 sono rimaste ferite, oggi, a causa dell'esplosione di un pick-up azionata dai terroristi vicino alla centrale elettrica principale nel quartiere al-Zahraa nella città di Homs.

Il reporter dell'agenzia di stampa siriana, SANA, ha riferito che due terroristi hanno fatto esplodere un pick-up...
Notizia del:

I media cinesi esaltano lo smantellamento della rete di spionaggio della CIA in Cina tra il 2010 e il 2012

Il Global Times, pubblicato da Quotidiano del Popolo, scrive in un editoriale nelle sue edizioni cinese e in lingua inglese che se le notizie che la Cina "ha in modo sistematico smantellato operazioni...
Notizia del:

Rohani: " “il problema del terrorismo non si risolve tenendo riunioni e versando denaro nelle tasche delle superpotenze”

Proprio mentre il presidente americano Donald Trump si è recato in visita in Arabia Saudita annunciando il rinnovamento dell’amicizia tra Ryad e Washington, in Iran si è assistito al...
Notizia del:

Alberto Negri - Manchester, centinaia i foreign fighters tornati per uccidere

di Alberto Negri, Il Sole 24 Ore* Se fosse confermata la pista jihadista, questo attentato era tra le tragiche eventualità da mettere in conto. Dopo l'attentato del lupo solitario Khalid...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa