/ Maxim Litvinenko accusa i britannici: «Loro avevano più motivi pe...

Maxim Litvinenko accusa i britannici: «Loro avevano più motivi per uccidere mio fratello»

Maxim Litvinenko accusa i britannici: «Loro avevano più motivi per uccidere mio fratello»
 

Leggendo le trecento pagine redatte da sir Robert Owen, si ha l'impressione di imbattersi in qualcosa di costruito ad arte...

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

di Eugenio Cipolla
 
Leggendo le trecento pagine redatte da sir Robert Owen, il giudice della corte britannica che ha definito Vladimir Putin il “probabile” mandante dell’omicidio dell’ex agente dell’FSB, Aleksander Litvinenko, assassinato a Londra nel 2006 con una dose letale di Polonio 210, si ha l’impressione di imbattersi in un qualcosa di costruito ad arte per screditare la leadership russa. Ogni parola, ogni frase, ogni espressione sono accompagnate sempre da un sé, da un ma o da un punto di domanda, a dimostrare che una tesi più o meno logica c’è, ma che mancano le prove per dimostrarla e renderla inconfutabile.

David Cameron, nel tentativo di rafforzare la relazione della giustizia britannica, ha parlato di «omicidio di Stato», incontrando tutto il disappunto del Cremlino, molto irritato per l’ennesima mossa britannica tesa a infastidire la sempre più crescente influenza del presidente russo nella zona del conflitto siriano. Di ciò che non tornava in quella relazione ne abbiamo parlato qui, qualche giorno fa, sottolineando nove punti che rafforzano i dubbi sul documento diffuso dai giudici di Sua Maestà. Il decimo, quasi a farlo apposta per arrotondare la cifra, lo ha aggiunto Maxim Litvinenko, fratello di Aleksandr.

La sua opinione è nettamente discordante rispetto a quella della cognata Marina, vedova di Aleksandr, la quale, subito dopo la diffusione della relazione, ha chiesto al governo di Londra di imporre sanzioni contro la Russia. «Non credo nemmeno per un secondo che le autorità russe possano essere coinvolte – ha detto Maxim al tabloid inglese Mirror – questa tesi è serve come strumento di pressione contro il governo russo, per metterlo in cattiva luce.
Altrimenti perché i risultati vengono fuori solo dopo 10 anni?»
. Secondo il fratello di Litvinenko «i russi non avevano ragione di volere Aleksander morto, perché non era una spia, era più simile ad un poliziotto. Sono gli occidentali che lo hanno definito spia. Sì, era nell’FSB, ma lavorava perlopiù su casi riguardanti criminalità organizzata, omicidi, traffico d’armi. Cose del genere, insomma. Non conosceva alcun segreto di Stato».

Maxim, che oggi vive a Rimini, in Italia, dove lavora come chef, crede in realtà che i servizi britannici «avevano molti più motivi dei russi per eseguire questo assassinio». Il fratello, infatti, arrivato a Londra, si era unito all’MI-6 e li potrebbe essere venuto a conoscenza di documenti riservati riguardo l’attività dell’intelligence britannica contro la Russia. Sia Maxim che il padre hanno detto di non aver fede nel rapporto britannico, mettendo persino in dubbio il fatto che sia stato il Polonio 210 la vera causa della morte di Aleksander.

«Credo che possa essere stato ucciso da un altro veleno, forse tallio, che gli ha causato una morte lenta e dolorosa. Il Polonio può essere stata somministrato in seguito. Noi – ha detto Maxim – abbiamo sempre chiesto di riesumare il corpo, in modo da verificare la presenza di Polonio nel corpo, ma la nostra richiesta è stata sempre ignorata. Ora sono passati dieci anni e anche se venisse accolta non lo sapremo mai se era davvero così, perché ogni traccia di veleno sarebbe già scomparsa». Maxim ha avanzato anche qualche altra ipotesi, collegando la morte del fratello con il suicidio di Boris Berezovksy e l’assassinio di un proprietario di night club dove sono state trovate tracce di Polonia. Il mistero diventa sempre più fitto.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Presidente della Repubblica ceca vuole un referendum su Unione Europea e NATO

  Il presidente della Repubblica ceca, Milos Zeman, ha invocato per un referendum nel suo paese nell'Ue e Nato: nonostante Zeman voglia rimanere in entrambe organizzazioni e avere “una...
Notizia del:

Diana Johnstone racconta Hillary: "Quelli che non le piacciono meritano semplicemente di essere eliminati".

  Diana Johnstone, autrice della biografia politica non autorizzata del probabile prossimo Presidente degli Stati Uniti, Hillary Clinton, ha rilasciato un'intervista molto significativa...
Notizia del:     Fonte: RT

Quando Amnesty International difendeva il terrorista ceceno, mente dell'attentato all'aeroporto di Istanbul

  Colui che si sospetta essere la mente degli attentati all'aeroporto di Istanbul costata la vita a 44 persone, Ahmed Chataev, russo di origine cecena, aveva ricevuto lo status di rifiugiato...
Notizia del:

Il crollo della democrazia occidentale. Paul Craig Roberts

  La democrazia non esiste più in Occidente. Negli Stati Uniti, potenti gruppi di interesse privati, come ad esempio il complesso militare-industriale, Wall Street, la lobby israeliana,...
Notizia del:

Chi saranno vincitori e vinti dopo la giravolta di Erdogan con Mosca e Tel Aviv?Alberto Negri

di Alberto Negri, Il Sole 24 ore*   Guerra all’Isis, questione curda, transizione siriana: chi saranno vincitori e vinti dopo la giravolta di Erdogan con Mosca e Tel Aviv? Nel conflitto...
Notizia del:

Dedicato a tutti coloro che esaltano Altiero Spinelli e i "padri fondatori" del "sogno europeo"

di Mauro Gemma* Chi esalta Altiero Spinelli ha materia per riflettere su un'affermazione del genere. Si parla spesso di "padri fondatori", ma "fondatori" di che? Non sarebbe...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Russia: La NATO ha installato sistemi anti-missili in Turchia per una minaccia inesistente dalla Siria

Le basi della NATO in Turchia sono dotati di sistemi anti-missile con il pretesto di fermare una minaccia 'inesistente' dalla Siria, ha dichiarato il rappresentante della Russia all'ONU.

"I paesi della NATO alternativamente hanno collocato sistemi Patriot in Turchia per proteggere questo paese...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa