/ 'L'imprevedibile' presidente turco potrebbe invadere la Siria per...

'L'imprevedibile' presidente turco potrebbe invadere la Siria per fermare i progressi dei curdi. L'Independent

'L'imprevedibile' presidente turco potrebbe invadere la Siria per fermare i progressi dei curdi. L'Independent
 

L'abbattimento del caccia russo è stato "un agguato ben preparato"

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

L'abbattimento di un bombardiere russo da parte della Turchia lo scorso 24 novembre ha dimostrato finoa a che punto può spingersi questo Paese, scrive l'Independent'. In realtà, questa è la prima volta che un paese membro della NATO abbatte un aereo militare russo o sovietico dalla guerra di Corea, ricorda il quotidiano britannico.
 
Mentre la Turchia insiste sul fatto che l'attacco era una risposta alla violazione del suo spazio aereo da parte di aerei russi, che sarebbe durata 17 secondi, questo attacco in realtà aveva tutte le caratteristiche di un "agguato ben preparato", ha detto il giornale.
 
Sembra che i caccia turchi abbiano condotto una missione speciale per distruggere il bombardiere russo, 'nascondendosi' a bassa quota prima dell'attacco. Inoltre, secondo il quotidiano, l'intelligence russa era informata del piano, ma a quanto pare, il presidente russo non ha creduto che la Turchia si sarebbe spinta così oltre.
 
Il vero problema per la Turchia sono i successi dell'esercito curdo, che, con il sostegno di Stati Uniti e Russia, ha fatto seri progressi al confine tra Siria e Turchia, privando lo Stato Islamico di approvvigionamenti provenienti da vari punti di frontiera. La Turchia ha fatto pressione alle Nazioni Unite  per non invitare i curdi al nuovo round di colloqui di pace sulla Siria, Ginevra III.
 
Secondo l'Independent, la guerra in Siria entra nella sua fase decisiva, e forse definirà chi sono i vincitori e i vinti per decenni. Le forze governative sono state in grado di prevalere su più fronti, con il sostegno della Russia, l'Iran e il Libano, mentre i tentativi turchi di spodestare il presidente siriano Bashar al-Assad, negli ultimi cinque anni, sono prossimi al fallimento, mette in evidenza l'articolo
 
Nel frattempo, le Unità di protezione popolare hanno sottratto allo Stato Islamico più della metà del confine tra Siria e Turchia, con il sostegno degli Stati Uniti. L'avanzata dei curdi per il presidente turco Recep Tayyip Erdogan è così "umiliante", che, nonostante le obiezioni di Russia e Stati Uniti, il presidente potrebbe inviare truppe in Siria.  
 
D'altra parte, se la Turchia avesse voluto intervenire nel nord della Siria, avrebbe dovuto farlo prima dell'abbattimento del bombardiere russo che ha portato al rafforzamento delle posizioni militari russe in Siria. Il problema con la Turchia è che, nelle parole di un ex leader curdo, Sheikhmous Omar, le reazioni del presidente Erdogan sono "imprevedibili".
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: AFP

Yemen, attacco della coalizione saudita su un hotel provoca 35 morti

Un altro terribile massacro dell'Arabia saudita compiuto nello Yemen con l'appoggio di USA e Gran Bretagna ha provocato la morte di più di 30 persone nei pressi di Sanaa.

Un nuovo bombardamento della coalizione guidata dall'Arabia Saudita ha colpito un albergo vicino alla capitale...
Notizia del:     Fonte: rupty

Raqqa, la denuncia dei civili: La Coalizione "ha bombardato deliberatamente" quando c'erano bambini nelle strade

I sopravvissuti agli attacchi della coalizione guidati dagli Stati Uniti segnalano che gli aerei hanno usato fosforo bianco quando hanno bombardato un'area residenziale in Siria.

Molti civili nella provincia Raqqa raccontano di essere stati bersaglio di bombardamenti effettuati in questa...
Notizia del:     Fonte: Tass - Haaretz

Netanyahu ribadisce a Putin di temere più l'Iran che l'ISIS in Siria

Il primo ministro del regime israeliano in un incontro con il Presidente russo Putin ha ribadito che la presenza dell'Iran in Siria rappresenta una minaccia per Israele e per il mondo intero.

Israele utilizzerà i mezzi necessari per proteggere se stesso e impedire all'Iran di rafforzare la...
Notizia del:

John Pilger ha ragione. Se il Venezuela cade, l'umanità cade

"Gli USA hanno già invaso il Venezuela con gruppi sovversivi come la NED, che supportano una cosiddetta 'opposizione', che cerca rovesciare con la forza un governo eletto"

di Luis Hernández Navarro - Cubainformazione (Traduzione di Francesco Monterisi*)   John...
Notizia del:

Cuba: il paese con la più rapida crescita di internet... o il contrario?

I grandi media internazionali continuano a sottolineare che il governo di Cuba ostacola lo sviluppo di Internet per "timore della libertà di informazione". Un argomento che ogni giorno è più debole

di José Manzaneda - coordinatore di Cubainformación (Traduzione di Francesco Monterisi*)   I...
Notizia del:

Cuba, l'isola ferita solidale con il popolo spagnolo colpito dal terrorismo

I cubani solidarizzano con il popolo spagnolo, e gli altri che negli ultimi tempi hanno sofferto le conseguenze delle azioni terroristiche, perché sanno cosa vuol dire perdere i propri cari

di Arthur González (Traduzione di Francesco Monterisi*)   Rabbia ed impotenza si uniscono...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

La Siria denuncia i massacri dei civili e danni per 2,5 miliardi di dollari nel settore petrolifero a causa degli attacchi aerei USA

Dopo le continue denuncie all'ONU sulle morti dei civili, il governo siriano lamenta anche danni per miliardi di dollari nel settore petrolifero a causa degli attacchi della Coalizione guidata dagli USA che illegalmente opera nel paese arabo.

In una lettera inviata al Segretario generale delle Nazioni Unite e al presidente del Consiglio di sicurezza...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa