/ RUSSIA E OPEC CONCORDANO NEL CONGELARE LA PRODUZIONE DI PETROLIO

RUSSIA E OPEC CONCORDANO NEL CONGELARE LA PRODUZIONE DI PETROLIO

RUSSIA E OPEC CONCORDANO NEL CONGELARE LA PRODUZIONE DI PETROLIO
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

I due maggiori produttori di greggio del mondo, Russia e Arabia Saudita, hanno concordato di non aumentare la produzione di petrolio. Lo ha dichiarato il ministro dell'energia del Qatar proprio ora a Bloomberg.
 
I membri dell'OPEC, come il Venezuela e la Nigeria, hanno chiesto una riunione d'emergenza del cartello per discutere i prezzi del greggio che sono caduti oltre il 70 per cento dal 2014. Dopo l'incontro con il ministro dell'Energia russo Aleksandr Novak, il ministro del petrolio saudita Ali Al-Naimi ha detto che il congelamento dell'uscita a livelli di gennaio
sarebbe "sufficiente", tuttavia il paese ha ancora voglia di soddisfare la domanda dei suoi clienti.

In precedenza, l'Arabia Saudita aveva chiarito come non avrebbe tagliato la produzione, a meno che i principali produttori al di fuori del cartello, non avessero cooperato. Il ministro dell'Energia russo Aleksandr Novak ha detto che tale cooperazione è possibile se gli altri produttori saranno compatti.
 
Il crollo dei prezzi del petrolio hanno costretto i produttori a sedersi al tavolo dei negoziati.
Mentre il Venezuela è stato di gran lunga il grande produttore di greggio più colpito, gli attuali prezzi del petrolio rendono difficile anche per la Russia equilibrare il bilancio. La situazione di Riad, secondo stime del FMI, parlano di un deficit di bilancio a $ 140 miliardi di dollari.

"Questi sono ancora primi giorni e nulla di concreto è stato concordato, ma c'è una consapevolezza crescente che i paesi potrebbero essere più flessibili, anche se Riyadh dovrebbe insistere sul fatto che tutti gli altri contribuiscono al taglio", ha concluso il ministro del Qatar intervenuto a Bloomberg.

Rinnovate speranze di possibili tagli alla produzione hanno fatto aumentare i prezzi martedì. Il greggio viene scambiato a 35 dollari al barile a Londra (+6%), mentre il benchmark WTI futures guadagnano nei mercati statunitensi oltre il 5% e si sono attestati a $31 per barile.
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: Al Manar

Deputato curdo-siriano avverte che YPG potrebbe pagare a caro prezzo alleanza con Washington

Le Unità di protezione del popolo curdo, (YPG) nel nord-est della Siria non dovrebbe fare troppo affidamento al sostegno di Washington. Avrebbero fatto meglio ad allearsi con l'esercito siriano e la Russia, ha dichiarato il deputato curdo-siriano Oussi Omar.

"Io non sono per un boicottaggio totale degli Stati Uniti, ma non contate su di loro. Questo è un paese...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Putin: La Siria non diventerà una seconda Libia o Somalia

Il presidente russo Vladimir Putin ha dichiarato che Mosca non permetterà che la Siria diventi una seconda Libia o Somalia, dove l'interferenza occidentale ha portato entrambi i paesi in una sanguinosa guerra civile.

Parlando, ieri, in una conferenza stampa congiunta con il suo omologo greco, Alexis Tsipras ad Atene, Putin ha...
Notizia del:     Fonte: RT

Russia: "Il Fronte Al-Nusra in Siria riceve ogni giorno armi dalla Turchia"

Il gruppo terroristico di Al-Nusra sta ricevendo spedizioni giornaliere di armi al confine con la Turchia, ha denunciato il Generale russo, Sergei Rudskói.

Il ramo di al Qaeda ha usato la tregua tra le forze governative e i "ribelli moderati" in Siria per riorganizzarsi...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Gli Emirati arabi inviano altri mercenari stranieri di una società USA nello Yemen

Il governo degli Emirati Arabi Uniti (UAE) ha firmato un contratto di 529 milioni di dollari con una società di sicurezza privata degli Stati Uniti per inviare altri mercenari nello Yemen. L'accordo,...
Notizia del:     Fonte: http://znetitaly.altervista.org/

Andre Vltchek: Perché sono comunista!

di Andre Vltchek - Counterpunch Traduzione di ZnetItalia Ci sono numerosi messaggi fondamentali che letteralmente urlano dallo schermo ogni volta che uno guardaLa Ultima Cena, un brillante film...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

L'esercito russo ha ucciso 28.000 terroristi dell'ISIS e di al-Qaeda in Siria

L'aviazione russa ha eliminato 28.000 terroristi dell'ISIS (Daesh, in arabo) e del Fronte Al-Nusra, ramo di Al Qaeda in Siria, durante le sue operazioni in territorio siriano, secondo un alto funzionario militare russo.

"Secondo le nostre stime, il Fronte Al-Nusra e ISIS avevano circa 80.000 combattenti, all'inizio...
Notizia del:     Fonte: RT

Il Fronte al-Nusra riunisce 6.000 combattenti per minare il processo di riconciliazione in Siria

Il ministro della difesa russo, Sergei Shoigu, ha riferito che la Russia potrebbe bombardare le fazioni armate in Siria che non hanno aderito alla cessazione delle ostilità.

  Il Fronte al-Nusra ha formato un gruppo di 6.000 combattenti per bloccare le attività dell'esercito...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Putin scrive ad Assad dopo gli attacchi di Latakia: Continueremo a combattere la minaccia terroristica

Il presidente russo Vladimir Putin ha ribadito la sua volontà di continuare la lotta contro il terrorismo in una lettera per inviare le condoglianze al suo omologo siriano, Bashar al-Assad, dopo...
Notizia del:     Fonte: RT

Lavrov a Kerry: "Non c'è altra forza più efficace dell'esercito siriano per combattere il terrorismo"

I punti dell'accordo dell'incontro di Vienna dove si è riunito il gruppo di sostegno internazionale per la Siria per risolvere la crisi nel paese arabo.

Il Ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha dichiarato che il risultato principale della riunione del Gruppo...
Notizia del:     Fonte: Hispantv-Presstv

VIDEO. Yemen, milioni di persone protestano contro l'aggressione dell'Arabia Saudita

Milioni di yemeniti sono scesi, ieri, nelle strade della capitale Sana'a, per denunciare l'attacco incessante saudita al loro paese.

  Sotto lo slogan "Noi continueremo la nostra resistenza contro il nemico saudita, sostenuto dagli...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: Al Manar

Deputato curdo-siriano avverte che YPG potrebbe pagare a caro prezzo alleanza con Washington

Le Unità di protezione del popolo curdo, (YPG) nel nord-est della Siria non dovrebbe fare troppo affidamento al sostegno di Washington. Avrebbero fatto meglio ad allearsi con l'esercito siriano e la Russia, ha dichiarato il deputato curdo-siriano Oussi Omar.

"Io non sono per un boicottaggio totale degli Stati Uniti, ma non contate su di loro. Questo è un paese...
Notizia del:

Colombia, repressa nel sangue manifestazione pacifica campesina: un morto e due feriti gravi

Questa settimana è iniziato in Colombia uno sciopero dei contadini, lavoratori indigeni e rurali che chiedono allo Stato di porre fine al paramilitarismo e altre rivendicazioni sociali sospese...
Notizia del:

John Pilger, "Non disturbate l'America mentre si prepara una nuova guerra"

"Il messaggio nel paese è chiaro “turatevi il naso” e votate per la Clinton. Ma in questo modo, si alimenta il mostro e ci si prepara per un'altra guerra”

Dopo aver “coperto” quattro campagne, John Pilger, il grande giornalista australiano, nel suo...
Notizia del:

In Francia il primo movimento sociale contro l'Unione Europea. Jacques Sapir

Bruxelles e Francoforte cercano d'imporre in Francia quello che hanno già imposto alla Grecia

  La Francia sta attraversando la più grave crisi sociale dal 1995, quando un movimento sociale...
Notizia del:

Le sei multinazionali dei media che "bombardano" gli americani con 10 ore di programmazione quotidiana

  Se si consente a qualcuno di pompare ore e ore di "programmazione" nella nostra mente, ogni singolo giorno, è inevitabile che questi avrà un grande impatto sul nostro...
Notizia del:

Tra le email della Clinton il piano per rovesciare Assad al fine di "aiutare Israele"

Pubblicato da Wkileaks, un documento contenuto nelle email dell'ex Segretario di Stato fornisce dettagli sui motivi che hanno spinto Washington ad "aiutare il popolo siriano a rovesciare...
Notizia del:

Sanzioni alla Siria, rinnovo burocratico ma il petrolio dall'opposizione continueremo a comprarlo

L'ufficio stampa del Consiglio Ue "risponde" per email (all'Antidiplomatico).

  "Confermate le sanzioni "con procedura scritta", e sempre esentando l'opposizione...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa