/ RUSSIA E OPEC CONCORDANO NEL CONGELARE LA PRODUZIONE DI PETROLIO

RUSSIA E OPEC CONCORDANO NEL CONGELARE LA PRODUZIONE DI PETROLIO

RUSSIA E OPEC CONCORDANO NEL CONGELARE LA PRODUZIONE DI PETROLIO
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

I due maggiori produttori di greggio del mondo, Russia e Arabia Saudita, hanno concordato di non aumentare la produzione di petrolio. Lo ha dichiarato il ministro dell'energia del Qatar proprio ora a Bloomberg.
 
I membri dell'OPEC, come il Venezuela e la Nigeria, hanno chiesto una riunione d'emergenza del cartello per discutere i prezzi del greggio che sono caduti oltre il 70 per cento dal 2014. Dopo l'incontro con il ministro dell'Energia russo Aleksandr Novak, il ministro del petrolio saudita Ali Al-Naimi ha detto che il congelamento dell'uscita a livelli di gennaio
sarebbe "sufficiente", tuttavia il paese ha ancora voglia di soddisfare la domanda dei suoi clienti.

In precedenza, l'Arabia Saudita aveva chiarito come non avrebbe tagliato la produzione, a meno che i principali produttori al di fuori del cartello, non avessero cooperato. Il ministro dell'Energia russo Aleksandr Novak ha detto che tale cooperazione è possibile se gli altri produttori saranno compatti.
 
Il crollo dei prezzi del petrolio hanno costretto i produttori a sedersi al tavolo dei negoziati.
Mentre il Venezuela è stato di gran lunga il grande produttore di greggio più colpito, gli attuali prezzi del petrolio rendono difficile anche per la Russia equilibrare il bilancio. La situazione di Riad, secondo stime del FMI, parlano di un deficit di bilancio a $ 140 miliardi di dollari.

"Questi sono ancora primi giorni e nulla di concreto è stato concordato, ma c'è una consapevolezza crescente che i paesi potrebbero essere più flessibili, anche se Riyadh dovrebbe insistere sul fatto che tutti gli altri contribuiscono al taglio", ha concluso il ministro del Qatar intervenuto a Bloomberg.

Rinnovate speranze di possibili tagli alla produzione hanno fatto aumentare i prezzi martedì. Il greggio viene scambiato a 35 dollari al barile a Londra (+6%), mentre il benchmark WTI futures guadagnano nei mercati statunitensi oltre il 5% e si sono attestati a $31 per barile.
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: Wall Street Journal

WSJ: I bombardieri russi hanno distrutto una base militare segreta di Stati Uniti e Regno Unito in Siria

Gli aerei da guerra russi hanno bombardato una base militare segreta degli Stati Uniti e dell Regno Unito, che si trova in Siria. Lo ha rivelato il quotidiano statunitense Wall Street Journal.

L'attacco dell'Aeronautica Militare della Russia contro la base legata CIA, in Siria era parte di una campagna...
Notizia del:     Fonte: RT

In Unione Sovietica già giocavano a Pokémon Go?

Nella vecchia Unione Sovietica era molto popolare un gioco praticato all'aria aperta conosciuto come 'caccia alla volpe' che permetteva ai partecipanti di sviluppare abilità di ricerca attraverso un ricevitore radio, una bussola e una mappa

da RT Nelle reti sociali russe sta circolando una fotografia di un numero della rivista sovietica ‘Ogoniok’...
Notizia del:     Fonte: Tass

Lavrov: La situazione del Medioriente frutto di un “atteggiamento ignorante e poco professionale” dell’Occidente

Il Ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha dichiarato, oggi, che il cambio di potere in Siria deve essere il risultato di elezioni, in quanto, in caso contrario, il paese corre il rischio di ripetere il destino della Libia, ha riferito l’agenzia TASS.

"I partner dicono: 'Cerchiamo di risolvere il problema della Libia, della Siria e dell’Iraq, organizziamo...
Notizia del:     Fonte: change.org

Petizione: nessuna onorificenza per Poroshenko

Riceviamo e pubblichiamo dal Coordinamento Ucraina Antifascista

Noi sottoscritti, cittadine e cittadini italiani e non, premesso che il Consiglio Comunale di Verona ha approvato...
Notizia del:     Fonte: Prensa Latina

Assad: Cuba è e sarà la punta di diamante del movimento rivoluzionario e Fidel Castro è il suo simbolo

Il Presidente siriano Bashar al Assad, in un’intervista rilasciata, oggi, a Prensa Latina, ha dichiarato che Cuba è e sarà la punta di diamante del movimento rivoluzionario in America Latina, e il suo leader storico, Fidel Castro, è un simbolo della lotta per l'indipendenza.

Testo dell’intervista in lingua originale su Prensa Latina   PRENSA LATINA: Signor Presidente, la...
Notizia del:     Fonte: TeleSur/Cubadebate

Nicaragua: a Managua si celebrano 37 anni di Rivoluzione Sandinista

Il Comandante Ortega: «La Rivoluzione continua a essere viva perché ha prodotto cambiamenti radicali»

Si sono tenute ieri a Managua le celebrazioni in occasione del 37°anniversari della Rivoluzione Sandinista...
Notizia del:

Riflessioni sulla crisi turca e sul fallimento della sinistra

di Maurizio Musolino* A distanza di qualche giorno dal tentato colpo di stato in Turchia si può iniziare a fare qualche considerazione su quanto accaduto nella notte fra venerdì...
Notizia del:     Fonte: http://sputniknews.com/

Pepe Escobar: l'Inferno non possiede la furia di un Sultano di Teflon

di Pepe Escobar - Sputnik Quando il presidente turco/aspirante sultano Recep Tayyip Erdogan è atterrato all’aeroporto Ataturk di Istanbul sabato mattina presto, ha dichiarato che...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Assad: il futuro della Siria è legato al campo di battaglia

Il presidente siriano Bashar al-Assad ha ribadito, ieri, che il futuro della Siria è legato ai successi nella lotta contro il terrorismo.

"Il futuro della Siria è legato al campo di battaglia. Nel presente nella lotta dell’esercito...
Notizia del:

Tutti i possibili scenari nella Turchia post-golpe

Visto dai tavoli della diplomazia mediorientale il golpe a Erdogan sembra profilare qualcosa di più che una distensione tra Erdogan e Putin e l'Iran

La Turchia fa i conti con la vendetta di Erdogan, che adesso ha mano libera per attaccare tutti i nemici...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: The Telegraph

Turchia, portati in carcere più di 60 minorenni dopo il fallito colpo di stato

Le autorità turche durante il tentativo di colpo di stato hanno portato in carcere 62 minori, di età compresa tra i 14 ei 17 anni, che studiavano in un'accademia militare a Istanbul.

Il quotidiano britannico The Telegraph, ieri, ha riportato che gli agenti di polizia turchi sono entrati, lo scorso...
Notizia del:     Fonte: RT

Monaco, la Polizia afferma: «Vi sono legami con Breivik»

La Polizia tedesca in una conferenza stampa ha segnalato un «ovvio legame» tra l'autore della strage di Monaco di Baviera e il terrorista norvegese Anders Behring Breivik

da RT Gli eventi a Monaco di Baviera hanno coinciso esattamente con il quinto anniversario del doppio attentato...
Notizia del:     Fonte: VeteransToday

I terroristi dell’ISIS si addestrano nei pressi di un campo militare degli Stati Uniti in Kosovo

Ci sono almeno cinque campi di addestramento dell’ISIS (Daesh, in arabo) in Kosovo, a pochi chilometri dal campo militare degli Stati Uniti di Bondsteel.

Il portale di notizie nordamericano,VeteransToday, citando fonti vicine ai servizi di intelligence del Kosovo,...
Notizia del:

Monaco, terrore al centro commerciale: tutto quello che sappiamo

Ancora avvolte nel mistero restano le motivazioni che hanno spinto il ragazzo a compiere la strage

Sono le 15:50 di un tranquillo venerdì pomeriggio a Monaco di Baviera quando la Polizia riceve una concitata...
Notizia del:     Fonte: RT/BBC

Attacco a Monaco: l'attentatore avrebbe agito da solo. I morti salgono a 10

La Polizia informa che l'attentatore si è suicidato

«Abbiamo trovato un uomo, si è suicidato. Partiamo dal presupposto, che fosse l’unico tiratore»,...
Notizia del:     Fonte: RT

Attentato a Monaco di Baviera: almeno 6 morti e numerosi feriti

Secondo le prime testimonianze l'attacco sarebbe stato portato da più persone con armi da fuoco

Almeno sei persone sono morte in una sparatoria avvenuta in uno dei maggiori centri commerciali di Monaco di...
Notizia del:

Manlio Di Stefano (M5S) a Laura Boldrini sulla Turchia: "Ma perché Erdogan è solo ora un dittatore?"

Dov'erano i moralisti di oggi quando, alle Nazioni Unite, l'Ambasciatore russo Churkin mostrava al mondo le prove di come Ankara addestrasse combattenti terroristi in Siria e del traffico continuo di armi e munizioni nei territori siriani sotto controllo dell'ISIS?"

di Manlio Di Stefano* "L'accordo per i migranti è stato un errore", chiosa da ultimo...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa