/ RUSSIA E OPEC CONCORDANO NEL CONGELARE LA PRODUZIONE DI PETROLIO

RUSSIA E OPEC CONCORDANO NEL CONGELARE LA PRODUZIONE DI PETROLIO

RUSSIA E OPEC CONCORDANO NEL CONGELARE LA PRODUZIONE DI PETROLIO
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

I due maggiori produttori di greggio del mondo, Russia e Arabia Saudita, hanno concordato di non aumentare la produzione di petrolio. Lo ha dichiarato il ministro dell'energia del Qatar proprio ora a Bloomberg.
 
I membri dell'OPEC, come il Venezuela e la Nigeria, hanno chiesto una riunione d'emergenza del cartello per discutere i prezzi del greggio che sono caduti oltre il 70 per cento dal 2014. Dopo l'incontro con il ministro dell'Energia russo Aleksandr Novak, il ministro del petrolio saudita Ali Al-Naimi ha detto che il congelamento dell'uscita a livelli di gennaio
sarebbe "sufficiente", tuttavia il paese ha ancora voglia di soddisfare la domanda dei suoi clienti.

In precedenza, l'Arabia Saudita aveva chiarito come non avrebbe tagliato la produzione, a meno che i principali produttori al di fuori del cartello, non avessero cooperato. Il ministro dell'Energia russo Aleksandr Novak ha detto che tale cooperazione è possibile se gli altri produttori saranno compatti.
 
Il crollo dei prezzi del petrolio hanno costretto i produttori a sedersi al tavolo dei negoziati. Mentre il Venezuela è stato di gran lunga il grande produttore di greggio più colpito, gli attuali prezzi del petrolio rendono difficile anche per la Russia equilibrare il bilancio. La situazione di Riad, secondo stime del FMI, parlano di un deficit di bilancio a $ 140 miliardi di dollari.

"Questi sono ancora primi giorni e nulla di concreto è stato concordato, ma c'è una consapevolezza crescente che i paesi potrebbero essere più flessibili, anche se Riyadh dovrebbe insistere sul fatto che tutti gli altri contribuiscono al taglio", ha concluso il ministro del Qatar intervenuto a Bloomberg.

Rinnovate speranze di possibili tagli alla produzione hanno fatto aumentare i prezzi martedì. Il greggio viene scambiato a 35 dollari al barile a Londra (+6%), mentre il benchmark WTI futures guadagnano nei mercati statunitensi oltre il 5% e si sono attestati a $31 per barile.
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:

Come e perché la Cina sta provando a ritagliarsi un ruolo nella crisi ucraina

di Eugenio Cipolla Il 2017 per l’Ucraina e per gli ucraini si è aperto esattamente come si era chiuso: con la guerra in Donbass e nessuna prospettiva di miglioramento all’orizzonte....
Notizia del:     Fonte: Al Manar

Un ex oppositore siriano rivela il lato nascosto dei "ribelli" appoggiati dalle Monarchie del Golfo e dall'Occidente

È tornato in Siria l'oppositore Nawaf Bashir e non risparmia le sue rivelazioni circa il lato nascosto dell'opposizione siriana appoggiata dagli Stati del Golfo e dalle potenze occidentali.

Come riporta Al Manar, Bashir non è un oppositore qualsiasi, ma è uno degli estensori della Dichiarazione...
Notizia del:     Fonte: http://www.raialyoum.com/

Il Free Syrian Army ordina la morte di un suo leader per le opinioni in appoggio al ruolo della Russia in Siria

Un tribunale militare del cosiddetto 'Free Syrian Army' (FSA) ha condannato a morte uno dei suoi alti dirigenti per aver riconosciuto il ruolo russo nella lotta contro il terrorismo in Siria.

In un articolo pubblicato, ieri, dal quotidiano arabo con sede a Londra, 'Rai al-Youm', il generale Mustafa...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Hamas, Fatah e Jihad islamica hanno concordato un governo di unità nazionale palestinese

Hamas, Fatah e Jihad islamica, a Mosca, hanno deciso di formare un governo di unità nazionale palestinese a serrare i ranghi contro l'apartheid israeliana.

Secondo quanto ha riferito il canale iraniano in lingua spagnola, Hispantv, è stato raggiunto l'accordo...
Notizia del:     Fonte: Al Manar - TASS

Aleppo, i civili non interessano più ai media e alle organizzazioni occidentali

Ad Aleppo si cerca di tornate alla normalità, anche se le organizzazioni umanitarie internazionali, dalla sua liberazione, non hanno aiutato la città e la sua popolazione, ha dichiarato il Ministero della Difesa russo.

Le organizzazioni umanitarie internazionali non forniscono più assistenza ai civili ad Aleppo e il fatto...
Notizia del:     Fonte: Al Manar

Siria, i colloqui di Astana: i partecipanti, le priorità e le condizioni di Damasco

I negoziati ad Astana tra emissari di Damasco e i cosiddetti ribelli, sotto il patrocinio di Russia, Iran e Turchia, dovrebbero consentire il "consolidamento" del cessate il fuoco in Siria e cercare di raggiungere un accordo politico sul conflitto, ha dichiarato, oggi, Sergey Lavrov, Ministro degli esteri russo.

Qui il testo originale articolo sulle prospettive dei colloqui di Astana in merito al conflitto siriano   I...
Notizia del:     Fonte: TASS

Lavrov: Gli Stati Uniti volevano utilizzare anche Jabhat al-Nusra per rovesciare Assad

"Ci sono un sacco di esempi che mostrano come gli statunitensi e i loro alleati, subdolamente, hanno voluto usare al-Nusra per indebolire e infine rovesciare Assad", ha dichiarato il capo della Diplomazia russa Sergey Lavrov.

Gli Stati Uniti volevano utilizzare i gruppi terroristici come ISIS e Jabhat al-Nusra (Braccio di Al Qaeda in...
Notizia del:     Fonte: http://www.occhidellaguerra.it/

I soldati russi ad Aleppo, salutati come liberatori. Fulvio Scaglione dalla Siria

di Fulvio Scaglione - Gli Occhi della Guerra   Aleppo, 12 gennaio. Ad Aleppo, in questo periodo, si vede in giro un sacco di gente…strana. Nei quartieri Est, dove si è combattuto...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Russia e Turchia si impegnano a coordinare i propri attacchi aerei in Siria

Russia e Turchia hanno raggiunto un accordo, ieri, per coordinare i loro attacchi aerei sul territorio siriano.

Secondo il Ministero della Difesa russa, il patto si propone di rafforzare la cooperazione tra Mosca e Ankara nei...
Notizia del:

Assange accusa Soros e USAID sulla campagna di propaganda contro la Russia (VIDEO)

Il fondatore di WikiLeaks, Julian Assange, ha affermato che George Soros e l'USAID hanno finanziato i media mainstream dello scandalo di Panama Papers per una più ampia campagna di propaganda...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: http://contropiano.org/

Filippine. A Roma i negoziati tra guerriglia comunista e governo

Nei mesi scorsi Duterte ha offerto quattro posti nel suo governo ad altrettanti esponenti del Partito Comunista che però ha rifiutato

di Macro Santopadre - Contropiano Nel silenzio assoluto dei media italiani, è iniziato questa mattina...
Notizia del:

Disastri naturali, il modello di Cuba e il baratro italiano

Al di là delle differenze tra un uragano (prevedibile) e un terremoto (imprevedibile), valga l’esempio di Cuba come buona ragione per interrogarci su alcune questioni, tutt’altro che tecniche

di Davide Angelilli   “Il segreto dell’esito della Difesa Civile Cubana è non pensare...
Notizia del:

Tra fake news e tentativi di golpe “morbido”: Casini ridicolizzato oggi in Senato sul Venezuela

Con un’operazione fatta di tutta fretta di ritorno da un viaggio a Caracas ospite dell’opposizione e della destra golpista venezuelana, Casini voleva portare il Senato della Repubblica dalla parte dei golpisti venezuelani

di Fabrizio Verde   Alla fine Pierferdinando Casini resta con il cerino in mano. Come vi anticipavamo...
Notizia del:

"Leaks no hacking". Alla fine Obama l'ammette...

Ad ogni modo, Obama lascia la presidenza annunciando in conferenza stampa che i documenti pubblicati da Wikileaks su Podesta e DNC (commissione nazionale democratici) non sono frutto di hacking ma di leaks. In...
Notizia del:     Fonte: The Washington Post

Delegazione del Congresso USA visita la Siria

Una delegazione statunitense composta da membri democratici del Congresso ex e attuali, è attualmente in visita in Siria. Non si esclude un incontro con il Presidente siriano Assad.

Secondo varie fonti arabe e statunitensi come il 'The Washington Post', una delegazione di congressisti...
Notizia del:

Come e perché la Cina sta provando a ritagliarsi un ruolo nella crisi ucraina

di Eugenio Cipolla Il 2017 per l’Ucraina e per gli ucraini si è aperto esattamente come si era chiuso: con la guerra in Donbass e nessuna prospettiva di miglioramento all’orizzonte....
Notizia del:

Casini, il vuoto cosmico che attacca la sovranita' del Venezuela

Domani mattina il Senato approverà una mozione a prima firma Casini, e il 24 gennaio la Commissione affari esteri della Camera ne approverà una dello stesso tenore di Cicchitto, dove si chiede al governo, provando a coinvolgere anche l’Unione Europa, di intervenire in favore della comunità italiana residente in Venezuela e per il rispetto dei «diritti umani»

di Fabrizio Verde   Si susseguono senza soluzione di continuità gli attacchi rivolti alla Repubblica...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa