/ WSJ: questa è la vera ragione dietro la guerra al contante

WSJ: questa è la vera ragione dietro la guerra al contante

WSJ: questa è la vera ragione dietro la guerra al contante
 

Il Ceo di Deutsche Bank John Cryan, il mese scorso, ha fatto la previsione shock che il denaro non sopravviverà un altro decennio.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

“Questi sono tempi strani monetari, con tassi di interesse negativi e banchieri centrali considerati padroni dell'universo”. Inizia così un editoriale del WSJ sulla “guerra ai contanti” in corso in Europa e Stati Uniti alla luce anche della dichiarazione del noto economista Larry Summers secondo cui è giunto il momento di dire addio alle banconote da 100 dollari.
 
I limiti sulle transazioni in contanti si sono diffusi in Europa dopo il panico finanziario del 2008, apparentemente, scrive il WSJ, per un giro di vite sulla criminalità e l'evasione fiscale. Il Ceo di Deutsche Bank John Cryan, il mese scorso, ha fatto la previsione shock che il denaro non sopravviverà un altro decennio.
 
Combattere l&# 39;evasione, il terrorismo? La vera ragione della guerra al contante, sostiene il WSJ, è politica: politici e banchieri centrali temono che potrebbe minare i possessori di valuta monetaria. Nel loro nuovo mondo con tassi di interesse negativi, che sono una tassa sui depositi presso le banche, l'obiettivo è incitare i depositanti a rimuovere denaro e spenderlo per aumentare la domanda economica. Ma questo obiettivo sarà compromesso se i cittadini avranno la possibilità di accumulare denaro. Quindi, conclude il WSJ, presto, divieto di cassa. Del resto gente del calibro di Andrew Haldane e di Harvard Kenneth Rogoff hanno scritto sul Financial Times che l'eliminazione di carta moneta sarebbe "di gran lunga il più semplice" modo per "aggirare" il tasso di interesse pari a zero” che ha di fatto reso le Banche centrali inoperative.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: Hispantv

L'opposizione siriana chiede l'intervento militare degli Stati Uniti in Siria

L'opposizione siriana ha esortato gli Stati Uniti ad effettuare un intervento militare in Siria per "difendere il popolo siriano". E non finisce qui. Regno Unito, Francia e USA chiedono una riunione urgente del Consiglio sicurezza dell'ONU per Aleppo.

"Chiediamo a Washington di adottare immediatamente entrambe le misure militari e politiche contro il governo...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Lavrov: Gli Stati Uniti hanno chiesto scusa ad Assad per l'attacco all'Esercito siriano

Gli Stati Unitisi sono scusati con il presidente siriano Bashar al-Assad, per il bombardamento aereo sulle postazioni dell'esercito siriano. Lo ha riferito il ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov.

"Sì, il governo degli Stati Uniti si è scusato con il presidente siriano per l'attacco aereo,...
Notizia del:

L'attacco mediatico contro il Venezuela raggiunge il livello più basso di sempre con le 'culle di cartone'

Di nuovo all'attacco meschino, mediocre, basso e moralmente piccolo come solo le corporazioni neo-liberali da cui sono stipendiati sanno fare.  Protagonisti, come sempre, Omero Cia(i) su...
Notizia del:

Lavrov: "Nelle élite occidentali prevalgono le idee di supremazia e difesa degli interessi propri contro lo sviluppo di una cooperazione giusta ed equa"

La crisi siriana non può essere risolta fino a quando i terroristi saranno sconfitti, ha dichiarato, questa sera, il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov, intervenendo alla 71 sessione dell'Assemblea generale dell'ONU.

Parlando alla 71a sessione dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite (UNGA), il ministro degli Esteri russo...
Notizia del:

PUTIN: "NON SI DOVEVA DISTRUGGERE L'URSS"

"Il Partito comunista dell'Unione Sovietica avrebbe dovuto trasformare il blocco in un'entità democratica piuttosto che vederlo crollare". Lo ha dichiarato il presidente russo...
Notizia del:

Fonte interna di Twitter: cosi' il social nasconde deliberatamente alcuni account

Le voci che Twitter abbia iniziato a censurare blandamente gli account “politicamente più scomodi” negli Stati Uniti è stata confermata da una fonte interna all'azienda...
Notizia del:

Esiste per l'Italia una via d'uscita dalle guerre della Nato? La risposta arriva da Margarita (Venezuela)

di Patrick Boylan* - Peacelink Se l'Italia si trova coinvolta in sempre più guerre, non è soltanto perché fa parte della NATO e quindi ha il "dovere" (se non legale,...
 

Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa