/ WSJ: questa è la vera ragione dietro la guerra al contante

WSJ: questa è la vera ragione dietro la guerra al contante

WSJ: questa è la vera ragione dietro la guerra al contante
 

Il Ceo di Deutsche Bank John Cryan, il mese scorso, ha fatto la previsione shock che il denaro non sopravviverà un altro decennio.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

“Questi sono tempi strani monetari, con tassi di interesse negativi e banchieri centrali considerati padroni dell'universo”. Inizia così un editoriale del WSJ sulla “guerra ai contanti” in corso in Europa e Stati Uniti alla luce anche della dichiarazione del noto economista Larry Summers secondo cui è giunto il momento di dire addio alle banconote da 100 dollari.
 
I limiti sulle transazioni in contanti si sono diffusi in Europa dopo il panico finanziario del 2008, apparentemente, scrive il WSJ, per un giro di vite sulla criminalità e l'evasione fiscale. Il Ceo di Deutsche Bank John Cryan, il mese scorso, ha fatto la previsione shock che il denaro non sopravviverà un altro decennio.
 
Combattere l&#
39;evasione, il terrorismo? La vera ragione della guerra al contante, sostiene il WSJ, è politica: politici e banchieri centrali temono che potrebbe minare i possessori di valuta monetaria. Nel loro nuovo mondo con tassi di interesse negativi, che sono una tassa sui depositi presso le banche, l'obiettivo è incitare i depositanti a rimuovere denaro e spenderlo per aumentare la domanda economica. Ma questo obiettivo sarà compromesso se i cittadini avranno la possibilità di accumulare denaro. Quindi, conclude il WSJ, presto, divieto di cassa. Del resto gente del calibro di Andrew Haldane e di Harvard Kenneth Rogoff hanno scritto sul Financial Times che l'eliminazione di carta moneta sarebbe "di gran lunga il più semplice" modo per "aggirare" il tasso di interesse pari a zero” che ha di fatto reso le Banche centrali inoperative.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: Hispantv

USA: "Non daremo il cartellino giallo" ad Ahrar al-Sham nonostante i massacri commessi in Siria

Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha dichiarato che la Casa Bianca non mancherà di sostenere Ahrar al-Sham, nonostante i "massacri" commessi in Siria.

"Non daremo un cartellino giallo" per fare pressione su Ahrar al-Sham, al fine di rispettare la tregua...
Notizia del:

Per il Ministro Calenda i Parlamenti nazionali non devono interferire sulla firma del TTIP

Perché la Nato economica (il TTIP) e il progetto di distruzione della Costituzione sui dettami di JP Morgan imposto da Renzi sono due facce della stessa medaglia

di Alessandro Bianchi   Mentre il vice-direttore del Fatto Quotidiano arriva perfino a difendere...
Notizia del:

Manlio Dinucci, la strategia golpista di Washington dal Brasile al Venezuela

di Manlio Dinucci Il manifesto, 24 maggio 2016   Quale collegamento c’è tra società geograficamente, storicamente e culturalmente distanti, dal Kosovo alla Libia...
Notizia del:

Accademico della Nuova Zelanda: ecco come l'oligarchia mediatica ricatta i governi

"Sono le multinazionali del cinema che dettano legge nel mondo arrivando persino a ricattare i governi che alla fine si piegano".

Il sito degli europarlamentari del MoVimento Cinque Stelle ospita un'interessante intervista con Alfio...
Notizia del:

Zero Hedge: "Bush è stato orribile come presidente, ma poi è arrivato Obama"..

"Bush è stato orribile come presidente. A quel tempo pensavo che fosse il peggiore presidente della storia americana. Ma poi è arrivato Obama e ha stabilito un sacco di record"…

Il blog americano ZeroHedge cerca di tracciare un bilancio dei due mandati del presidente americano, Barack...
Notizia del:

Russia: "Nessuno ha il diritto di imporre rivoluzioni colorate in Venezuela"

La Russia ha dichiarato in una nota del Ministero degli esteri di lunedì che la soluzione politica del Venezuela, come in tutti i paesi, deve essere coerente con le norme costituzionali e la...
Notizia del:

Dobbiamo smetterla di trattare Puerto Rico come una colonia. Bernie Sanders

"Stiamo con i lavoratori di Puerto Rico o con Wall Street e il Tea Party? La scelta non può essere più chiara "

  Puerto Rico, che ha lo status di Stato libero associato agli Stati Uniti, si trova di fronte ad...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa