/ La Russia sospende i suoi attacchi in territorio siriano contro i...

La Russia sospende i suoi attacchi in territorio siriano contro i gruppi che hanno accettato il cessate il fuoco

La Russia sospende i suoi attacchi in territorio siriano contro i gruppi che hanno accettato il cessate il fuoco
 

Lo Stato Maggiore russo ha riferito che un totale di 17 formazioni armate si sono recate al comando della base aerea Jmeimim impegnandosi a rispettare il cessate il fuoco in Siria.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 
L'Air Force russa ha sospeso completamente i bombardamenti nelle regioni in cui le formazioni armate hanno accettato il cessate il fuoco in Siria, ha riferito il ministero della difesa russo.
 
Complessivamente 17 formazioni armate si sono recate al comando della base aerea Jmeimim impegnondosi a rispettare il cessate il fuoco in Siria, riferiscono le autorità della difesa russo. Si specifica che le ostilità sono cessate in 34 zone della Siria.
 
Scambio di dati tra la Russia e gli Stati Uniti
 
La Russia ha consegnato agli USA un elenco di tutte le formazioni armate che hanno accettato il cessate il fuoco (6.111 persone) e anche un elenco delle 74 aree dove non dovranno essere effettuati gli attacchi.
 
"È stata disegnata una mappa sulla situazione in Siria, in particolare, per lo scambio di informazioni con i nostri colleghi statunitensi, ed è stato consegnato alla parte statunitense durante le consultazioni bilaterali, il 26 febbraio ad Amman, così come  per i canali militari diplomatici. Nelle informazioni sono segnate le regioni nelle quali si sono realizzate  attività di riconciliazione delle parti in conflitto, i territori controllati dalle forze governative siriane, dai curde dai terroristi dello Stato islamico, così come quelli del Fronte al-Nusra e di altri gruppi armati", ha spiegato il capo della direzione operativa, il generale Sergei Rudskói.
 
Il Generale ha aggiunto che la Russia ha ricevuto dai colleghi americani una mappa simile ed è attualmente in corso un confronto tra le informazioni ed i forniti dati dai militari russi. "L'elenco dei gruppi armati, secondo la delegazione degli Stati Uniti, è stato inviato a noi attraverso i canali diplomatici", ha aggiunto.

 
In caso di violazione della tregua
 
"L'Air Force della Federazione Russa controlla completamente la situazione in tutto il territorio della Siria", ha dichiarato Rudskói, notando che Mosca rispetta pienamente i suoi obblighi in materia di cessazione delle ostilità in Siria.
 
In caso di violazione della tregua, la parte che viene attaccata immediatamente informa del fatto la Russia e gli Stati Uniti. Dopo la conferma di una violazione del cessate il fuoco, Mosca o Washington prenderanno provvedimenti per ridurre la tensione, ha precisato il generale.
 
Lo Stato Maggiore ha sottolineato che la Russia ha fatto il primo passo per la cessazione delle ostilità in Siria, ma che tutte le parti che influenzano il conflitto devono fare tutto il possibile per cessare il fuoco.
 
La riconciliazione delle parti in conflitto
 
Gli Stati Uniti prevede di creare ad Amman, in Giordania, un punto focale per la riconciliazione delle parti in conflitto, in modo simile a quello stabilito nella base aerea russa Jmeimim in Siria, ha riferito il capo della principale direzione operativa dello Stato Maggiore russo.
 
A Jmeimim, i funzionari del centro hanno condotto 49 negoziati con i rappresentanti delle formazioni armate e accordi sono stati firmati sulla cessazione delle ostilità, informano le autorità russe. È stato firmato anche un documento sul trasferimento di tre postazioni il controllo delle forze governative.
 
Il cessate il fuoco in Siria è entrata in vigore oggi alle 00:00 (ora di Damasco). I gruppi terroristici come lo Stato islamico e Al-Nusra sono esclusi dalla cessazione delle ostilità.
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: RT
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: Hispantv

NYT: Armi della CIA per i ribelli siriani vendute al mercato nero

Le armi spedite in Giordania per i ribelli siriani da parte della CIA e dell'Arabia Saudita sono state rubate da agenti dei servizi segreti giordani e vendute al mercato nero. Lo ha rivelato il New York Times.

Alcune delle armi rubate sono state utilizzate in una sparatoria nel novembre scorso, dove morirono due nordamericani...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Le banche di Turchia e Qatar facilitano le transazioni finanziarie dell'ISIS

Il gruppo terroristico ISIS (Daesh, in arabo) ha accumulato riserve monetarie nelle banche di Turchia e Qatar, rivela un articolo del quotidiano britannico "Express".

"Per anni, le banche in Qatar hanno aiutato le organizzazioni terroristiche (...)", ha riportato, ieri,...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar

L'Esercito iracheno ha liberato Falluja

L'esercito iracheno ha ufficialmente liberato la città strategica di Fallujah nel governatorato di Al-Anbar, dopo una lunga battaglia durata un mese contro il gruppo terroristico ISIS.

Secondo il ministero della Difesa iracheno, l'esercito iracheno, appoggiato dalle Forze di mobilitazione popolare...
Notizia del:     Fonte: TeleSur Englsh/ ABI

Evo Morales sulla Brexit: «Espressione della crisi capitalistica e dell'Unione Europea»

Il presidente della Bolivia, Evo Morales, ha dichiarato che la decisione del popolo britannico di abbandonare l’Unione Europea è un chiaro segno della crisi del sistema capitalista...
Notizia del:     Fonte: nrg.co

Il capo dei servizi segreti di Israele ha ribadito che Tel Aviv non vuole la sconfitta dell'ISIS in Siria

Herzl Halevi si è mostrato preoccupato per le perdite subite dal gruppo terroristico negli ultimi tre mesi ed ha sottolineato che la sua sconfitta potrebbe mettere Israele in una "posizione difficile".

Il capo dell'intelligence militare israeliana, Herzl Halevi, ha ribadito che il suo Paese non vuole che lo...
Notizia del:     Fonte: Sana. Sy

Nasrallah: La battaglia di Aleppo è cruciale per il destino della Siria

Il segretario generale di Hezbollah, Hassan Nasrallah, ha dichiarato che la partecipazione della Resistenza nella lotta contro il terrorismo in Siria è a difesa del Libano e del suo popolo e che non si può scollegare il futuro e il destino del Libano da ciò che è accadendo in Siria.

Il leader libanese ha fatto queste osservazioni in un discorso televisivo per celebrare il quarantesimo giorno...
Notizia del:     Fonte: Al Manar

Come Israele beneficia degli attacchi in Giordania

Un'autobomba ha colpito martedì scorso l'esercito giordano in una regione di confine con la Siria, uccidendo sei soldati e ferendone altri 6. Anche se l'attacco non è stato rivendicato, i media hanno accusato l'ISIS di essere l'autore. Ecco però quali saranno i benefici per Israele.

In risposta all'attacco, la Giordania ha dichiarato le "zone militari chiuse" lungo i confini con...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Erdogan invita l'Occidente ad accettare i terroristi Al-Nusra come suo 'alleato'

Il presidente della Turchia, Recep Tayyip Erdogan, ha proposto all'Occidente di escludere dalla lista delle organizzazioni terroristiche, Al-Nusra e accettare questo gruppo come un alleato.

"Perché non accettare il Fronte al-Nusra (ramo siriano di Al-Qaeda) come alleato? Stanno anche combattendo...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Portavoce Casa Bianca: "Attaccare le forze siriane trascinerebbe gli Stati Uniti in una grande guerra"

Il portavoce della Casa Bianca, Josh Earnest, ha riconosciuto, ieri, che un eventuale attacco contro le forze siriane creerebbe il caos in Asia occidentale.

"Un attacco contro le forze di Bashar al-Assad porterebbe ad una grande guerra nella regione", ha dichiarato...
Notizia del:     Fonte: Sana.sy

Cuba chiede la fine dell'ingerenza straniera negli affari interni della Siria

Cuba ha chiesto la fine delle ingerenze straniere negli affari interni della Siria e ha ribadito il suo sostegno per una soluzione pacifica della crisi.

Durante la trentaduesima sessione del Consiglio dei diritti umani, il rappresentante permanente di Cuba presso...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

La vera catastrofe post Brexit: per Soros perdite superiori a 1,5 miliardi!

  Come scherzo del destino o vendetta della storia se preferite, l'uomo che con 1.5 miliardi di profitti speculativi aveva determinato nel 1992 lo sganciamento della sterlina dallo SME,...
Notizia del:

L’Ucraina si arrende: abbandonato il sogno dell’indipendenza energetica dalla Russia

Kiev costretta a tornare ad importare energia elettrica dalla Russia

di Eugenio Cipolla  Alla fine, dopo mesi di battaglie commerciali, guerre mediatiche e azioni volte a...
Notizia del:

ERDOGAN SI SCUSA CON PUTIN PER ABBATTIMENTO SU 24

Il Presidente russo Vladimir Putin ha ricevuto un messaggio di scuse da parte del Presidente turco Recep Tayyip Erdogan, nel quale si scusa per l'abbattimento del Su-24 e per la morte del suo...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

NYT: Armi della CIA per i ribelli siriani vendute al mercato nero

Le armi spedite in Giordania per i ribelli siriani da parte della CIA e dell'Arabia Saudita sono state rubate da agenti dei servizi segreti giordani e vendute al mercato nero. Lo ha rivelato il New York Times.

Alcune delle armi rubate sono state utilizzate in una sparatoria nel novembre scorso, dove morirono due nordamericani...
Notizia del:

Grande concorso de l’Antidiplomatico: vinci un volo A/R Italia Londra firmando con il nome più originale la petizione truffa antiBrexit

L’Antidiplomatico, anche per venire incontro alla Compagnia RyanAir e con la auspicabile collaborazione finanziaria della Fondazione Soros lancia il grande concorso “Firma la petizione...
Notizia del:

Capire la Brexit: il potere di dire 'no'

  La strategia principale per mantenere il potere è quello di dare agli 'impotenti' l'illusione di processo decisionale e autonomia. Avere voce in capitolo sulla propria...
Notizia del:

Deutsche Bank sulla Brexit: "Non si può scappare da un fatto: è una guerra di classe"

  Jim Reid di Deutsche Bank in una nota ripresa da Zero Hege commenta le conseguenze della Brexit. “Le forze finanziarie rimpiangono questa decisione del Regno Unito ma dovremmo rispettare...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa