/ La Russia sospende i suoi attacchi in territorio siriano contro i...

La Russia sospende i suoi attacchi in territorio siriano contro i gruppi che hanno accettato il cessate il fuoco

La Russia sospende i suoi attacchi in territorio siriano contro i gruppi che hanno accettato il cessate il fuoco
 

Lo Stato Maggiore russo ha riferito che un totale di 17 formazioni armate si sono recate al comando della base aerea Jmeimim impegnandosi a rispettare il cessate il fuoco in Siria.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 
L'Air Force russa ha sospeso completamente i bombardamenti nelle regioni in cui le formazioni armate hanno accettato il cessate il fuoco in Siria, ha riferito il ministero della difesa russo.
 
Complessivamente 17 formazioni armate si sono recate al comando della base aerea Jmeimim impegnondosi a rispettare il cessate il fuoco in Siria, riferiscono le autorità della difesa russo. Si specifica che le ostilità sono cessate in 34 zone della Siria.
 
Scambio di dati tra la Russia e gli Stati Uniti
 
La Russia ha consegnato agli USA un elenco di tutte le formazioni armate che hanno accettato il cessate il fuoco (6.111 persone) e anche un elenco delle 74 aree dove non dovranno essere effettuati gli attacchi.
 
"È stata disegnata una mappa sulla situazione in Siria, in particolare, per lo scambio di informazioni con i nostri colleghi statunitensi, ed è stato consegnato alla parte statunitense durante le consultazioni bilaterali, il 26 febbraio ad Amman, così come  per i canali militari diplomatici. Nelle informazioni sono segnate le regioni nelle quali si sono realizzate  attività di riconciliazione delle parti in conflitto, i territori controllati dalle forze governative siriane, dai curde dai terroristi dello Stato islamico, così come quelli del Fronte al-Nusra e di altri gruppi armati", ha spiegato il capo della direzione operativa, il generale Sergei Rudskói.
 
Il Generale ha aggiunto che la Russia ha ricevuto dai colleghi americani una mappa simile ed è attualmente in corso un confronto tra le informazioni ed i forniti dati dai militari russi. "L'elenco dei gruppi armati, secondo la delegazione degli Stati Uniti, è stato inviato a noi attraverso i canali diplomatici", ha aggiunto.
 
In caso di violazione della tregua
 
"L'Air Force della Federazione Russa controlla completamente la situazione in tutto il territorio della Siria", ha dichiarato Rudskói, notando che Mosca rispetta pienamente i suoi obblighi in materia di cessazione delle ostilità in Siria.
 
In caso di violazione della tregua, la parte che viene attaccata immediatamente informa del fatto la Russia e gli Stati Uniti. Dopo la conferma di una violazione del cessate il fuoco, Mosca o Washington prenderanno provvedimenti per ridurre la tensione, ha precisato il generale.
 
Lo Stato Maggiore ha sottolineato che la Russia ha fatto il primo passo per la cessazione delle ostilità in Siria, ma che tutte le parti che influenzano il conflitto devono fare tutto il possibile per cessare il fuoco.
 
La riconciliazione delle parti in conflitto
 
Gli Stati Uniti prevede di creare ad Amman, in Giordania, un punto focale per la riconciliazione delle parti in conflitto, in modo simile a quello stabilito nella base aerea russa Jmeimim in Siria, ha riferito il capo della principale direzione operativa dello Stato Maggiore russo.
 
A Jmeimim, i funzionari del centro hanno condotto 49 negoziati con i rappresentanti delle formazioni armate e accordi sono stati firmati sulla cessazione delle ostilità, informano le autorità russe. È stato firmato anche un documento sul trasferimento di tre postazioni il controllo delle forze governative.
 
Il cessate il fuoco in Siria è entrata in vigore oggi alle 00:00 (ora di Damasco). I gruppi terroristici come lo Stato islamico e Al-Nusra sono esclusi dalla cessazione delle ostilità.
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: RT
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: Al Masdar

Mappa della guerra in Siria dopo l'avanzata dell'esercito siriano contro i "ribelli" appoggiati dagli USA alla frontiera giordana

I recenti progressi dell'esercito siriano, come riportato da 'Al Masdar news', nella campagna meridionale della Siria, hanno portato al recupero di una grande parte di territorio che è...
Notizia del:     Fonte: https://www.bna.bh

Trump e leader arabi potrebbero inviare 34.000 soldati in Iraq e Siria 'contro l'ISIS'

Nell'ambito del documento intitolato 'Dichiarazione di Riyadh', i leader di diversi paesi a maggioranza musulmana si impegnano a sostenere le operazioni militari, se necessario.

Come parte della visita del Presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, a Riyadh, capitale dell'Arabia Saudita,...
Notizia del:     Fonte: The Washington Post

Il Pentagono distrae dalle spese del carburante 80 milioni di dollari per destinarli ai "ribelli" in Siria

Secondo il quotidiano statunitense 'The Washington Post', con un budget di carburante volutamente gonfiato, il Pentagono deve ancora trovare i soldi per sostenere i "ribelli in Siria" e per continuare le sue operazioni in Afghanistan.

I funzionari del Pentagono hanno gonfiato i preventivi per il costo del carburante per l'acquisto al fine...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

'Gli USA attaccano le forze irachene che impediscono le spedizioni di armi all'ISIS'

Falah al-Jazali, un membro del parlamento iracheno e uno dei comandanti delle unità di mobilitazione irachene, Al-Hashad Al-Shabi, ha dichiarato che i membri del gruppo Kataib Sayyed Al-Shohada sono stati bombardati dagli aerei della coalizione anti ISIS guidata dagli USA.

Secondo Falah Al-Jazali, membro del parlamento iracheno e uno dei comandanti delle unità di mobilitazione...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

VIDEO. Migliaia di yemeniti protestano contro la visita di Trump in Arabia Saudita

A Sana'a, capitale dello Yemen, migliaia di persone hanno protestato contro la visita del Presidente degli Stati Uniti Donald Trump, in Arabia Saudita.

I manifestanti yemeniti hanno condannato il sostegno di Washington all'aggressione saudita nello Yemen.   La...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News

Siria, la battaglia decisiva al confine con l'Iraq

Altro che liberazione di Raqqa dall'ISIS, ormai il campo di battaglia decisivo per la guerra alla Siria sembra essere la zona del confine siro-iracheno.

Sembrava che per il futuro della Siria fosse decisiva la battaglia per la liberazione di Raqqa attualmente in...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News

Siria, i "ribelli" appoggiati dagli USA continuano a perdere terreno a Sweida per l'avanzata dell'esercito siriano

L'esercito arabo siriano (SAA), accanto a diverse unità alleate, ha conquistato un grosso pezzo di territorio in mano ai "ribelli" del FSAnella campagna orientale di Al-Sweida, ha...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar

FOTO. Gli attacchi degli USA non intimoriscono la Siria che invia rinforzi nella provincia di Sweida

Come riferisce il portale di notizie, 'Al Masdar News', ieri sera, l'esercito arabo siriano (SAA) ha inviato una dozzina di tecnici verso l'autostrada Damasco-Baghdad per rafforzare i contingenti...
Notizia del:     Fonte: ria.ru

Russia: "L'attacco degli Stati Uniti contro le forze siriane è inaccettabile e viola la sovranità del paese"

"Ogni azione militare che conduce peggioramento della situazione" in Siria "non contribuisce al processo politico", secondo il ministero degli Esteri russo.

Il Ministero degli Affari Esteri della Federazione Russa ha definito l'attacco da parte della coalizione...
Notizia del:     Fonte: RT

Putin sulla situazione in Venezuela: «L'ingerenza esterna è inammissibile»

Si rafforza la cooperazione bilaterale tra Russia e Venezuela. Maduro si recherà presto a Mosca

di Fabrizio Verde   I presidenti di Russia e Venezuela, Vladimir Putin e Nicolas Maduro, hanno sostenuto...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Il presidente filippino molla Trump per Putin: «Dalla Russia compreremo gas e armi»

di Eugenio Cipolla L’arrivo alla Casa Bianca di Donald Trump, che con il tempo sembra sempre più essere un’anatra zoppa, e l’ipocrisia dell’Unione Europa, sempre pronta...
Notizia del:

Esplosione a Manchester: 22 morti e 60 feriti. L'Isis rivendica l'attacco

Lunedì sera c’è stata un’esplosione alla Manchester Arena, un palazzetto di Manchester, nel Regno Unito, nel quale si stava tenendo un concerto della popstar americana Ariana...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Iran: "Uguali radici e origine degli attentati terroristici di Manchester e Miryaveh"

L'Iran ha esortato a porre fine al terrorismo, dal momento che questa piaga non varia e ciò che è accaduto a Manchester è lo stesso che accade in Medio Oriente.

"Crediamo fermamente che siano uguali nelle radici e nelle origini ideologiche gli atti terroristici a Miryaveh...
Notizia del:     Fonte: SANA

Il mainstream lo ignora, ma di terrorismo si muore ogni giorno in Siria. Homs, attentato provoca 4 morti e più di 30 feriti

Quattro persone sono state uccise e altre 30 sono rimaste ferite, oggi, a causa dell'esplosione di un pick-up azionata dai terroristi vicino alla centrale elettrica principale nel quartiere al-Zahraa nella città di Homs.

Il reporter dell'agenzia di stampa siriana, SANA, ha riferito che due terroristi hanno fatto esplodere un pick-up...
Notizia del:

I media cinesi esaltano lo smantellamento della rete di spionaggio della CIA in Cina tra il 2010 e il 2012

Il Global Times, pubblicato da Quotidiano del Popolo, scrive in un editoriale nelle sue edizioni cinese e in lingua inglese che se le notizie che la Cina "ha in modo sistematico smantellato operazioni...
Notizia del:

Rohani: " “il problema del terrorismo non si risolve tenendo riunioni e versando denaro nelle tasche delle superpotenze”

Proprio mentre il presidente americano Donald Trump si è recato in visita in Arabia Saudita annunciando il rinnovamento dell’amicizia tra Ryad e Washington, in Iran si è assistito al...
Notizia del:

Alberto Negri - Manchester, centinaia i foreign fighters tornati per uccidere

di Alberto Negri, Il Sole 24 Ore* Se fosse confermata la pista jihadista, questo attentato era tra le tragiche eventualità da mettere in conto. Dopo l'attentato del lupo solitario Khalid...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa