/ La Russia sospende i suoi attacchi in territorio siriano contro i...

La Russia sospende i suoi attacchi in territorio siriano contro i gruppi che hanno accettato il cessate il fuoco

La Russia sospende i suoi attacchi in territorio siriano contro i gruppi che hanno accettato il cessate il fuoco
 

Lo Stato Maggiore russo ha riferito che un totale di 17 formazioni armate si sono recate al comando della base aerea Jmeimim impegnandosi a rispettare il cessate il fuoco in Siria.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 
L'Air Force russa ha sospeso completamente i bombardamenti nelle regioni in cui le formazioni armate hanno accettato il cessate il fuoco in Siria, ha riferito il ministero della difesa russo.
 
Complessivamente 17 formazioni armate si sono recate al comando della base aerea Jmeimim impegnondosi a rispettare il cessate il fuoco in Siria, riferiscono le autorità della difesa russo. Si specifica che le ostilità sono cessate in 34 zone della Siria.
 
Scambio di dati tra la Russia e gli Stati Uniti
 
La Russia ha consegnato agli USA un elenco di tutte le formazioni armate che hanno accettato il cessate il fuoco (6.111 persone) e anche un elenco delle 74 aree dove non dovranno essere effettuati gli attacchi.
 
"È stata disegnata una mappa sulla situazione in Siria, in particolare, per lo scambio di informazioni con i nostri colleghi statunitensi, ed è stato consegnato alla parte statunitense durante le consultazioni bilaterali, il 26 febbraio ad Amman, così come  per i canali militari diplomatici. Nelle informazioni sono segnate le regioni nelle quali si sono realizzate  attività di riconciliazione delle parti in conflitto, i territori controllati dalle forze governative siriane, dai curde dai terroristi dello Stato islamico, così come quelli del Fronte al-Nusra e di altri gruppi armati", ha spiegato il capo della direzione operativa, il generale Sergei Rudskói.
 
Il Generale ha aggiunto che la Russia ha ricevuto dai colleghi americani una mappa simile ed è attualmente in corso un confronto tra le informazioni ed i forniti dati dai militari russi. "L'elenco dei gruppi armati, secondo la delegazione degli Stati Uniti, è stato inviato a noi attraverso i canali diplomatici", ha aggiunto.
 
In caso di violazione della tregua
 
"L'Air Force della Federazione Russa controlla completamente la situazione in tutto il territorio della Siria", ha dichiarato Rudskói, notando che Mosca rispetta pienamente i suoi obblighi in materia di cessazione delle ostilità in Siria.
 
In caso di violazione della tregua, la parte che viene attaccata immediatamente informa del fatto la Russia e gli Stati Uniti. Dopo la conferma di una violazione del cessate il fuoco, Mosca o Washington prenderanno provvedimenti per ridurre la tensione, ha precisato il generale.
 
Lo Stato Maggiore ha sottolineato che la Russia ha fatto il primo passo per la cessazione delle ostilità in Siria, ma che tutte le parti che influenzano il conflitto devono fare tutto il possibile per cessare il fuoco.
 
La riconciliazione delle parti in conflitto
 
Gli Stati Uniti prevede di creare ad Amman, in Giordania, un punto focale per la riconciliazione delle parti in conflitto, in modo simile a quello stabilito nella base aerea russa Jmeimim in Siria, ha riferito il capo della principale direzione operativa dello Stato Maggiore russo.
 
A Jmeimim, i funzionari del centro hanno condotto 49 negoziati con i rappresentanti delle formazioni armate e accordi sono stati firmati sulla cessazione delle ostilità, informano le autorità russe. È stato firmato anche un documento sul trasferimento di tre postazioni il controllo delle forze governative.
 
Il cessate il fuoco in Siria è entrata in vigore oggi alle 00:00 (ora di Damasco). I gruppi terroristici come lo Stato islamico e Al-Nusra sono esclusi dalla cessazione delle ostilità.
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: RT
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: Anadolu

La Turchia si vendica degli USA e pubblica la mappa delle sue basi segrete in Siria

L'agenzia di stampa turca Anadolu ha rivelato l'ubicazione di 10 avamposti militari degli Stati Uniti in Siria, specificando il numero delle truppe presenti.

Martedì scorso, l'agenzia statale turca di notizie 'Anadolu' ha pubblicato un rapporto sulla...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

L'Iran mette in guardia dalla trappola tesa dagli Stati Uniti in Iraq e in Siria

Nessuno ha l'autorità di decidere il destino di Iraq e Siria, tranne che i rispettivi popoli e governi legittimi, ha avvertito il portavoce delle forze armate iraniane, Seyed Massoud Yazayeri.

Il portavoce delle Forze Armate dell'Iran, il generale Seyed Massoud Yazayeri, ieri, ha condannato la politica...
Notizia del:     Fonte: The Washington Post

Trump ordina alla CIA di fermare tutti gli aiuti finanziari e militari ai "ribelli" in Siria

Dopo sei anni di guerra in Siria, l'amministrazione statunitense ha infine deciso di rinunciare al suo sostegno ai gruppi ribelli che combattono contro le truppe siriane.

Secondo i funzionari statunitensi, Donald Trump ha deciso di porre fine al programma segreto della CIA per armare...
Notizia del:     Fonte: Embajada de la República Bolivariana de Venezuela en Italia

Caracas: "Il governo degli Stati Uniti mostra, senza pudore, la sua vicinanza assoluta con i violenti ed estremisti"

"Lanciamo un appello ai popoli dell’America Latina e dei Caraibi, ai popoli liberi del mondo, affinché comprendano l’entità della brutale minaccia contenuta in questo comunicato imperiale e a difendere la sovranità, l’autodeterminazione e l’indipendenza, principi fondamentali del diritto internazionale."

La Repubblica Bolivariana del Venezuela ripudia l’infausto comunicato rilasciato dalla Casa Bianca ieri...
Notizia del:     Fonte: http://www.independent.co.uk

I familiari delle vittime dell'11-S sollecitano Teresa May a pubblicare la relazione sui legami tra l'Arabia Saudita e i terroristi

I sopravvissuti degli attentati dell'11-S sollecitano Teresa May a pubblicare una relazione sui finanziamenti dall'Arabia Saudita agli estremisti nel Regno Unito.

La relazione sulla importanza di tale finanziamento è stata commissionata dall'ex primo ministro britannico,...
Notizia del:     Fonte: CNN

Trump ha intensificato gli interventi militari all'estero

Nei primi sei mesi dell'Amministrazione Trump, gli Stati Uniti d'America hanno intensificato i loro interventi all'estero e altri sono in preparazione.

Intense operazioni militari degli USA attraversano l'Europa, l'Africa, il Medio Oriente e l'Asia...
Notizia del:     Fonte: Haaretz

Israele si oppone alla tregua in Siria concordata da Russia e Stati Uniti

Israele rifiuta la tregua in Siria recentemente negoziata tra Mosca e Washington

Il primo ministro del regime israeliano, Benyamin Netanyahu, durante alcune osservazioni fatte ieri con i giornalisti...
Notizia del:     Fonte: The Jerusalem Post

Jpost: Hezbollah ha più missili dei paesi della NATO

Il Movimento della Resistenza Islamica in Libano, Hezbollah, ha più missili che la maggior parte membri della NATO, USA esclusi, ha rivelato il giornale israeliano, 'The Jerusalem Post'.

Ieri, il quotidiano israeliano 'The Jerusalem Post' ha riferito che Hezbollah, sostenuto dall'Iran,...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News - Foto di Repertorio

La Russia schiera le sue truppe nella Siria meridionale

L'esercito russo ha schierato oggi le sue truppe al Governatorato di Dara'a per iniziare l'operazione di controllo del cessate il fuoco nel sud della Siria.

Secondo la fonte militare citata da 'Al-Masdar News', i militari russi avranno una sede specifica nella...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Cambiamenti in vista? A Ginevra l'opposizione siriana non chiede più le dimissioni di Assad

Il principale gruppo di opposizione sembrerebbe aver cambiato la sua posizione verso il presidente Bashar al-Assad non menzionando la necessità delle sue dimissioni.

La notizia è stata riferita dal rappresentante permanente della Russia alle Nazioni Unite a Ginevra, Alexei...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: http://italia.embajada.gob.ve/

Il Venezuela esprime una categorica protesta per l’illegale celebrazione del Vertice MERCOSUR

Comunicato ufficiale della Repubblica Bolivariana del Venezuela - Ministero del Potere Popolare per gli Affari Esteri

  La Repubblica Bolivariana del Venezuela esprime una protesta categorica per l'illegale celebrazione...
Notizia del:

Mosca si esprime sul plebiscito "irregolare" della destra in Venezuela: "Ha solo diviso il paese di più"

Il direttore aggiunto del Dipartimento d'Informazione e stampa del Ministero degli Affari esteri russo, Artiom Kozhin, ha dichiarato che i "politici in Venezuela devono agire con saggezza statale...
Notizia del:     Fonte: Anadolu

La Turchia si vendica degli USA e pubblica la mappa delle sue basi segrete in Siria

L'agenzia di stampa turca Anadolu ha rivelato l'ubicazione di 10 avamposti militari degli Stati Uniti in Siria, specificando il numero delle truppe presenti.

Martedì scorso, l'agenzia statale turca di notizie 'Anadolu' ha pubblicato un rapporto sulla...
Notizia del:

Tito Boeri alla Camera: tra bufale e imperialismo

Oggi alla Camera dei deputati Tito Boeri, presidente dell’INPS, rilancia sulla assoluta necessità di far arrivare ogni anno in Italia centinaia di migliaia di migranti “per salvare l'INPS...
Notizia del:

Tiziana Beghin (M5S): "L'esercito Usa inquina più delle 5 multinazionali più grandi al mondo messe insieme. E nessuno lo dice..."

di Tiziana Beghin* SAPETE QUAL È L'ORGANIZZAZIONE PIÙ INQUINANTE DEL MONDO?   Parliamo di un gigante che inquina più delle prime 5 multinazionali chimiche americane...
Notizia del:

"Ti maledico". Il teologo spagnolo José Antonio Fortea contro Maduro e contro il Papa. A sostegno del golpe in Venezuela

In Venezuela si sta avvicinando il punto di non ritorno. Purtroppo, però, non si levano voci di condanna dalla «comunità internazionale»

di Geraldina Colotti* - il Manifesto Dopo i proiettili, le molotov di escrementi (le puputov) e le sanzioni...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

L'Iran mette in guardia dalla trappola tesa dagli Stati Uniti in Iraq e in Siria

Nessuno ha l'autorità di decidere il destino di Iraq e Siria, tranne che i rispettivi popoli e governi legittimi, ha avvertito il portavoce delle forze armate iraniane, Seyed Massoud Yazayeri.

Il portavoce delle Forze Armate dell'Iran, il generale Seyed Massoud Yazayeri, ieri, ha condannato la politica...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa