/ Le relazioni pericolose con Al Qaeda in Siria: Quello che Washing...

Le relazioni pericolose con Al Qaeda in Siria: Quello che Washington preferisce negare

Le relazioni pericolose con Al Qaeda in Siria: Quello che Washington preferisce negare
 

"Gli Stati Uniti hanno mantenuto il silenzio sul ruolo chiave di Al-Nusra nello sforzo militare contro [presidente siriano] Bashar al Assad", ha affermato il giornalista Gareth Porter.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

Anche se Washington si rifiuta da lungo tempo di ammettere che i gruppi ribelli sostenuti dagli Stati Uniti si sono uniti con il gruppo terroristico di Al Qaeda in Siria, la verità è finalmente venuta alla luce, scrive il giornalista Gareth Porter, sul periodico "Fairness and Accuracy in Reporting".

Secondo Porter, i siriani, armati e addestrati dalla CIA hanno a lungo collaborato con il Fronte al-Nusra, gruppo affiliato ad Al Qaeda ed il suo stretto alleato Ahrar al-Sham.
 
"Un problema cruciale per la copertura dei mezzi di comunicazione della guerra civile in Siria è stato il modo di caratterizzare il rapporto tra le forze &#
39;moderate' opposizione armata così definita dalla CIA, da un lato, e il ramo di Al Qaeda, il Fronte al-Nusra (e il suo stretto alleato Ahrar al-Sham), dall'altro", ha scritto il giornalista.
 
Porter ha ricordato che questo è "un tema politicamente sensibile per la politica degli Stati Uniti", che mira a rovesciare il presidente siriano Bashar al Assad.
 
"Gli Stati Uniti hanno mantenuto il silenzio sul ruolo di Al-Nusra nello sforzo militare contro Al Assad, nascondendo il fatto che il successo di Al Nusra nel nord-ovest della Siria è stato un elemento chiave nella strategia diplomatica del Segretario di Stato John Kerry, in Siria ", ha concluso Porter.
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: RT
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: nrg.co

Il capo dei servizi segreti di Israele ha ribadito che Tel Aviv non vuole la sconfitta dell'ISIS in Siria

Herzl Halevi si è mostrato preoccupato per le perdite subite dal gruppo terroristico negli ultimi tre mesi ed ha sottolineato che la sua sconfitta potrebbe mettere Israele in una "posizione difficile".

Il capo dell'intelligence militare israeliana, Herzl Halevi, ha ribadito che il suo Paese non vuole che lo...
Notizia del:     Fonte: Sana. Sy

Nasrallah: La battaglia di Aleppo è cruciale per il destino della Siria

Il segretario generale di Hezbollah, Hassan Nasrallah, ha dichiarato che la partecipazione della Resistenza nella lotta contro il terrorismo in Siria è a difesa del Libano e del suo popolo e che non si può scollegare il futuro e il destino del Libano da ciò che è accadendo in Siria.

Il leader libanese ha fatto queste osservazioni in un discorso televisivo per celebrare il quarantesimo giorno...
Notizia del:     Fonte: Al Manar

Come Israele beneficia degli attacchi in Giordania

Un'autobomba ha colpito martedì scorso l'esercito giordano in una regione di confine con la Siria, uccidendo sei soldati e ferendone altri 6. Anche se l'attacco non è stato rivendicato, i media hanno accusato l'ISIS di essere l'autore. Ecco però quali saranno i benefici per Israele.

In risposta all'attacco, la Giordania ha dichiarato le "zone militari chiuse" lungo i confini con...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Erdogan invita l'Occidente ad accettare i terroristi Al-Nusra come suo 'alleato'

Il presidente della Turchia, Recep Tayyip Erdogan, ha proposto all'Occidente di escludere dalla lista delle organizzazioni terroristiche, Al-Nusra e accettare questo gruppo come un alleato.

"Perché non accettare il Fronte al-Nusra (ramo siriano di Al-Qaeda) come alleato? Stanno anche combattendo...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Portavoce Casa Bianca: "Attaccare le forze siriane trascinerebbe gli Stati Uniti in una grande guerra"

Il portavoce della Casa Bianca, Josh Earnest, ha riconosciuto, ieri, che un eventuale attacco contro le forze siriane creerebbe il caos in Asia occidentale.

"Un attacco contro le forze di Bashar al-Assad porterebbe ad una grande guerra nella regione", ha dichiarato...
Notizia del:     Fonte: Sana.sy

Cuba chiede la fine dell'ingerenza straniera negli affari interni della Siria

Cuba ha chiesto la fine delle ingerenze straniere negli affari interni della Siria e ha ribadito il suo sostegno per una soluzione pacifica della crisi.

Durante la trentaduesima sessione del Consiglio dei diritti umani, il rappresentante permanente di Cuba presso...
Notizia del:     Fonte: Al Manar

"La cooperazione tra Iran, Russia e Siria ha permesso la liberazione di Falluja"

Il portavoce del ministero degli Esteri iracheno, Ahmad Jamal, ha sottolineato che la cooperazione nel settore dell'intelligence dell'alleanza anti-terrorismo tra Teheran, Mosca, Baghdad e Damasco e ha svolto un ruolo fondamentale nella liberazione della città di Falluja nella provincia di Anbar.

"Il ruolo svolto dal Centro antiterrorismo, che è di stanza a Baghdad e formato congiuntamente da...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Una società francese ha pagato le tasse all'ISIS per proteggere i suoi affari in Siria

Alcuni documenti svelati dal quotidiano francese "Le Monde" hanno portato alla luce che una società di materiali da costruzione francese ha pagato le tasse all'ISIS per "proteggere" i suoi affari in Siria.

I documenti pubblicati dal quotidiano francese Le Monde, ieri, hanno svelato che gli amministratori di questa società,...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Russia, Comitato Difesa della Duma: Il capo della NATO porterà il mondo al disastro

Il Segretario generale della NATO manipola la realtà schierando più truppe vicino alla Russia. Vladimir Komoyédov

"Tutti capiscono che non sono colombe di pace che volano verso di noi a mangiare dalla tua mano. Sono bestie...
Notizia del:     Fonte: Alwaght

Lanciata una guerra economica contro Hezbollah in Sud America

Una nuova guerra mediatica organizzata ed una la campagna giudiziaria è stata lanciata contro la struttura economica della comunità libanese in Paraguay.

Questa campagna accusa gli uomini d'affari libanesi in Paraguay di far parte del Movimento di Resistenza Islamica...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Nella "democratica" Europa se il voto non piace.... si ripete! La petizione per un nuovo referendum anti-Brexit

  di Diego Angelo Bertozzi Nella "democratica" Europa c'è chi chiede di annullare un voto libero perché il risultato non è piaciuto. La petizione di...
Notizia del:

Brexit. Dal nazismo all'Isis: tutte le incredibili bufale della stampa italiana

di Marco Montoro     "Il voto favorevole all’uscita, senza mezzi termini, dell’Uk dalla comunità europea, ha generato l’ennesimo chiarissimo esempio...
Notizia del:

Partito comunista portoghese: "La Brexit è un'enorme opportunità per chi da decenni lotta contro l'UE"

Dichiarazione di João Ferreira, parlamentare europeo del Partito Comunista Portoghese   da www.pcp.pt - Traduzione di Marx21.it   La vittoria dell’uscita...
Notizia del:

Brexit. Il messaggio che può salvare il mondo: la pacchia per il neo-liberismo è finita!

di Francesco Erspamer* È possibile che nel breve termine Brexit abbia conseguenze negative. Ma nel lungo termine potrebbe salvare l’Europa e il mondo. Perché il suo messaggio...
Notizia del:     Fonte: nrg.co

Il capo dei servizi segreti di Israele ha ribadito che Tel Aviv non vuole la sconfitta dell'ISIS in Siria

Herzl Halevi si è mostrato preoccupato per le perdite subite dal gruppo terroristico negli ultimi tre mesi ed ha sottolineato che la sua sconfitta potrebbe mettere Israele in una "posizione difficile".

Il capo dell'intelligence militare israeliana, Herzl Halevi, ha ribadito che il suo Paese non vuole che lo...
Notizia del:

La vera catastrofe post Brexit: i 400 più ricchi al mondo hanno perso 127 miliardi!

  Per tutti coloro che hanno lanciato anatemi da fine del mondo imminente e minacce di ogni sorta contro la Brexit, inclusi i seguaci di George Soros italiani come il vice-direttore del Fatto...
Notizia del:

Vladímir Putin: "Accusare la Rusia dopo il 'Brexit' è una dimostrazione di poca cultura politica"

Il presidente russo Vladimir Putin ha respinto le accuse contro la Russia e il suo presunto interesse ad una vittoria del 'Brexit' nel Regno Unito. Lo riporta TASS. "Le affermazioni di...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa