/ ISIS, petrolio e Turchia: I nuovi documenti che confermano i traf...

ISIS, petrolio e Turchia: I nuovi documenti che confermano i traffici illegali tra Ankara ed i terroristi

ISIS, petrolio e Turchia: I nuovi documenti che confermano i traffici illegali tra Ankara ed i terroristi
 

Il Canale televisivo RT ha pubblicato documenti e testimonianze che provano e confermano i legami tra ISIS e Turchia.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

Il gruppo terroristico ISIS (Daech in arabo) ha lanciato la produzione di petrolio su larga scala vendendolo sul mercato nero in Turchia che invia rinforzi di uomini, lo testimonia e documenta un reportage di RT.
 
La Turchia invia i terroristi in Siria...
 
Tra i documenti sequestrati dopo la liberazione della città siriana di Al-Shaddadi, ci sono passaporti e carte d'identità di terroristi dell'ISIS provenienti da diversi paesi, tra cui la Libia, la Tunisia, Bahrain e il Kazakistan. Questi passaporti portano i timbri di ingresso in Turchia.


 
I titolari di questi passaporti - uomini, ma anche donne - sono già morti, secondo i curdi. Ad ogni hanno sequestrato i documenti di identità quando si sono uniti ai terroristi dell'ISIS. In cambio hanno ricevuto di opuscoli di propaganda. I giornalistidi  RT hanno scoperto un particolare libro "Le misure ideali contro il regime criminale di Assad" in un "ufficio" del Daech. Curiosamente, il libro è stato pubblicato da una casa editrice turca di Istanbul, che ha anche una pagina Facebook.
 
Gli islamisti arrestati dichiarano di non aver avuto alcun problema ad attraversare il confine turco-siriano.
 
"Quando ho attraversato il confine, erano le 10:00. Nessuno ci ha sbarrato la strada (...). E tuttavia questa è una regione strategica", ha dichiarato un turco catturato dai curdi. Secondo lui, ci sono molti soldati turchi al confine, ma non fermano coloro che desiderano unirsi ai terroristi.
 
Il prigioniero è convinto che le attività dell'ISIS soddisfino gli interessi di Ankara.
 
"La Turchia e l'ISIS hanno un nemico comune, l'YPG. La Turchia non vuole spoercarsi le mani, lei vuole sbarazzarsi del suo nemico per mano di un altro", ha dichiarato il islamista.
 
... E l'ISIS invia petrolio in Turchia
 
"C'è traffico di petrolo, io lo so. Inoltre, essi (i turchi) forniscono cibo e altri prodotti all&# 39;ISIS. Daech viene colpito da un embargo, hanno problemi a procurarsi il cibo. Ricevono anche un sostegno finanziario, armi e munizioni. si aiuta apertamente l'ISIS", ha spiegato un islamista turco catturato da militanti curdi YPG nel nord della Siria.

Un documento sulla vendita di petrolio greggio dal pozzo Rijura


 
 
Questo terrorista ha sottolineato che la quantità di petrolio venduto è troppo grande per passare inosservato agli occhi delle autorità turche.


 
Un altro documento sulla vendita di petrolio greggio dal pozzo di  Rijura
 
 
Secondo i documenti in possesso di RT, l'ISIS e si fa riferimento alla vendita di petrolio nel mese di gennaio 2016, gli autisti dei camion cisterna acquistano il petrolio dall'ISIS ad un prezzo tra i 12 ed i 26 dollari al barile. Si tratta di petrolio provenienti da diversi petrolio. Il 23 gennaio, l'ISIS ha pubblicato nei suoi registri che ha venduto 383 barili di petrolio dal giacimento di Kabiba per 4979 dollari ($ 13 al barile). I documenti sono firmati dal "Ufficio Petrolio and Gas Dipartimento delle risorse naturali dello Stato islamico".
 
Un documento sulla vendita di petrolio greggio dal giacimento di petrolio Kabiba


 
In un altro documento pubblicato da RT c'è una lettera su due nuovi ingegneri assunti da una società regionale del " Dipartimento Petrolio e gas Daech" di El-Baqara. Da questo documento sembra che gli ingegneri hanno l'incarico di sapere per costruire nuovi gasdotti e riparare gli impianti petroliferi danneggiati dagli attacchi aerei. In totale, la controllata impiega 17 ingegneri, di cui 5 team leader e diversi lavoratori.
 
Il documentario RT sulle relazioni tra la Turchia e l'ISIS sarà trasmesso il mese prossimo.
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: RT-Al Manar
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: CNN

McCain si reca in Siria in segreto e incontra le forze USA

Secondo la CNN, il senatore statunitense John McCain è stato in Siria la scorsa settimana, dove ha visitato le truppe degli Stati Uniti e ha sostenuto la necessita di un'azione militare più aggressiva nel paese arabo.

Questo viaggio segreto è stato confermato, ieri, da Julie Tarallo, portavoce del senatore repubblicano,...
Notizia del:     Fonte: Al MAsdar- Walla

I Jet da combattimento israeliani hanno attaccato le postazioni dell'esercito siriano e di Hezbollah in Siria

L'aviazione israeliana ha bombardato, ieri notte, le posizioni dell'esercito siriano e di Hezbollah vicino al confine con il Libano.

Un aereo da guerra israeliano ha lanciato missili contro obiettivi dell'esercito siriano e combattenti del...
Notizia del:     Fonte: sueddeutsche.de

L'Arabia Saudita intende inviare forze di terra e speciali in Siria

Il ministro degli esteri saudita, Adel al-Jubeir, ha dichiarato che Riyadh potrebbe inviare truppe di terra in Siria per combattere il gruppo terroristico ISIS (Daesh, in arabo).

In un'intervista esclusiva con il quotidiano tedesco Sueddeutsche Zeitung, pubblicata ieri, Al-Jubeir ha...
Notizia del:     Fonte: kp.ru

Cosa potrebbe accadere se Trump attaccasse l'Iran?

Esperti e analisti hanno analizzato le possibili conseguenze di un attacco degli USA all'Iran.

Dopo l'insediamento alla Casa Bianca, Donald Trump, ha descritto l'Iran come lo "stato numero del...
Notizia del:     Fonte: Ynetnews

'I missili da crociera di Hezbollah cambieranno le regole del gioco'

Secondo la stampa israeliana, Hezbollah possiede missili da crociera supersonica anti-nave che cambieranno le regole del gioco nella regione.

Alti funzionari di diverse agenzie di intelligence occidentali, fonti considerate "altamente affidabili"...
Notizia del:     Fonte: cbsnews

Donald Trump conferma di voler creare "zone sicure" in Siria

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ieri, ha dichiarato che il suo paese creerà "zone sicure" in Siria e in altri paesi del Medio Oriente.

"I paesi (arabi) Golfo dovrebbero pagare per le aree sicure in Siria dove la gente possa rimanere per evitare...
Notizia del:     Fonte: Al Arabiya

Erdogan: Continueremo l'addestramento dei 'ribelli' contro Assad

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha confermato che Ankara continuerà l'addestramento dei "ribelli" in lotta contro il presidente siriano Bashar al-Assad.

"La Turchia, così come è stato discusso con i funzionari sauditi e europei continuerà...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

VIDEO. Siria, le città di Kafraya e Al-Fua, assediate dai "ribelli" sostenuti dell'Occidente, sull'orlo della catastrofe umanitaria

Gli abitanti delle città siriane di Al-Fua e Kafraya affrontano una situazione umanitaria critica, a causa dell'assedio asfissiante imposto loro dai sedicenti "ribelli" appoggiati dall'occidente.

Il blocco è stato attuato dalle organizzazioni terroristiche, alcune delle quali definite dai governi...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News

Report Guerra in Siria, ultimo aggiornamento

Nel corso degli ultimi due mesi, il conflitto siriano ha visto drastici cambiamenti su diversi fronti, comprese le zone dove non si combatteva da anni.

Ultimo report della guerra in Siria realizzato da Al Masdar-News.   Damasco   Tra i maggiori cambiamenti...
Notizia del:     Fonte: Europe 1

VIDEO. Assad: L'Occidente paga il prezzo di aver appoggiato Al-Qaeda

Il presidente siriano Bashar al-Assad ha ribadito che l'Occidente sta pagando il prezzo per aver sostenuto il gruppo terroristico di Al-Qaeda in Siria.

"L'Occidente ha fornito sostegno ai gruppi armati in Siria, affermando che queste bande sono 'moderate'...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Italia Saudita. Sempre in ginocchio davanti ai petrodollari

Alfano incontra a Roma il suo omologo saudita

di Marinella Correggia   L’Arabia saudita può bombardare funerali, mercati, scuole e ospedali...
Notizia del:

Roberta Lombardi - "Caso Alitalia, a pagare non siano ancora i lavoratori"

di Roberta Lombardi* Punto e a capo. Siamo un’altra volta punto a capo. E ad ogni nuovo stop e ripartenza a rimetterci siamo sempre tutti noi, nessuno escluso. Caso Alitalia, febbraio 2017....
Notizia del:     Fonte: http://panap.net

Studio: Gli insediamenti israeliani in Cisgiordania avvelenano i palestinesi

Una recente ricerca ha rivelato che le colonie israeliane illegali inquinano le terre palestinesi in Cisgiordania con pesticidi pericolosi.

Una ricerca congiunta condotta da organizzazioni non governative 'Gruppo arabo per la protezione della natura'...
Notizia del:     Fonte: CNN

McCain si reca in Siria in segreto e incontra le forze USA

Secondo la CNN, il senatore statunitense John McCain è stato in Siria la scorsa settimana, dove ha visitato le truppe degli Stati Uniti e ha sostenuto la necessita di un'azione militare più aggressiva nel paese arabo.

Questo viaggio segreto è stato confermato, ieri, da Julie Tarallo, portavoce del senatore repubblicano,...
Notizia del:     Fonte: http://reliefweb.int

L'ONU avverte: più di 17 milioni di yemeniti non possono alimentarsi per le conseguenze dell'aggressione dell'Arabia Saudita

L'ONU stima che il numero di yemeniti che non possono alimentarsi per la 'terribile situazione umanitaria' causata dall'aggressione dell'Arabia Saudita supera i 17 milioni.

"Stiamo assistendo a una carenza di cibo e ad un aumento dei prezzi di cibo, carburante e instabilità...
Notizia del:

Venezuela, Maduro annuncia un nuovo corso per il Chavismo

"Oggi questi scenari sono stati modificati dal carattere non convenzionale della guerra globale."

Il presidente venezuelano Nicolas Maduro ha affermato ai dirigenti del Partito Socialista Unito del Venezuela (PSUV)...
Notizia del:

Giornalista Usa: "Il nostro ruolo è controllare esattamente quello che la gente pensa"

Nel corso di una vivace discussione incentrata sui timori che il presidente Trump stia "cercando di minare i media", il giornalista della MSNBC Mika Brzezinski si lascia sfuggire finalmente...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa