/ ISIS, petrolio e Turchia: I nuovi documenti che confermano i traf...

ISIS, petrolio e Turchia: I nuovi documenti che confermano i traffici illegali tra Ankara ed i terroristi

ISIS, petrolio e Turchia: I nuovi documenti che confermano i traffici illegali tra Ankara ed i terroristi
 

Il Canale televisivo RT ha pubblicato documenti e testimonianze che provano e confermano i legami tra ISIS e Turchia.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

Il gruppo terroristico ISIS (Daech in arabo) ha lanciato la produzione di petrolio su larga scala vendendolo sul mercato nero in Turchia che invia rinforzi di uomini, lo testimonia e documenta un reportage di RT.
 
La Turchia invia i terroristi in Siria...
 
Tra i documenti sequestrati dopo la liberazione della città siriana di Al-Shaddadi, ci sono passaporti e carte d'identità di terroristi dell'ISIS provenienti da diversi paesi, tra cui la Libia, la Tunisia, Bahrain e il Kazakistan. Questi passaporti portano i timbri di ingresso in Turchia.


 
I titolari di questi passaporti - uomini, ma anche donne - sono già morti, secondo i curdi. Ad ogni hanno sequestrato i documenti di identità quando si sono uniti ai terroristi dell'ISIS. In cambio hanno ricevuto di opuscoli di propaganda. I giornalistidi  RT hanno scoperto un particolare libro "Le misure ideali contro il regime criminale di Assad" in un "ufficio" del Daech. Curiosamente, il libro è stato pubblicato da una casa editrice turca di Istanbul, che ha anche una pagina Facebook.
 
Gli islamisti arrestati dichiarano di non aver avuto alcun problema ad attraversare il confine turco-siriano.
 
"Quando ho attraversato il confine, erano le 10:00. Nessuno ci ha sbarrato la strada (...). E tuttavia questa è una regione strategica", ha dichiarato un turco catturato dai curdi. Secondo lui, ci sono molti soldati turchi al confine, ma non fermano coloro che desiderano unirsi ai terroristi.
 
Il prigioniero è convinto che le attività dell'ISIS soddisfino gli interessi di Ankara.
 
"La Turchia e l'ISIS hanno un nemico comune, l'YPG. La Turchia non vuole spoercarsi le mani, lei vuole sbarazzarsi del suo nemico per mano di un altro", ha dichiarato il islamista.
 
... E l'ISIS invia petrolio in Turchia
 
"C'è traffico di petrolo, io lo so. Inoltre, essi (i turchi) forniscono cibo e altri prodotti all&# 39;ISIS. Daech viene colpito da un embargo, hanno problemi a procurarsi il cibo. Ricevono anche un sostegno finanziario, armi e munizioni. si aiuta apertamente l'ISIS", ha spiegato un islamista turco catturato da militanti curdi YPG nel nord della Siria.

Un documento sulla vendita di petrolio greggio dal pozzo Rijura


 
 
Questo terrorista ha sottolineato che la quantità di petrolio venduto è troppo grande per passare inosservato agli occhi delle autorità turche.


 
Un altro documento sulla vendita di petrolio greggio dal pozzo di  Rijura
 
 
Secondo i documenti in possesso di RT, l'ISIS e si fa riferimento alla vendita di petrolio nel mese di gennaio 2016, gli autisti dei camion cisterna acquistano il petrolio dall'ISIS ad un prezzo tra i 12 ed i 26 dollari al barile. Si tratta di petrolio provenienti da diversi petrolio. Il 23 gennaio, l'ISIS ha pubblicato nei suoi registri che ha venduto 383 barili di petrolio dal giacimento di Kabiba per 4979 dollari ($ 13 al barile). I documenti sono firmati dal "Ufficio Petrolio and Gas Dipartimento delle risorse naturali dello Stato islamico".
 
Un documento sulla vendita di petrolio greggio dal giacimento di petrolio Kabiba


 
In un altro documento pubblicato da RT c'è una lettera su due nuovi ingegneri assunti da una società regionale del " Dipartimento Petrolio e gas Daech" di El-Baqara. Da questo documento sembra che gli ingegneri hanno l'incarico di sapere per costruire nuovi gasdotti e riparare gli impianti petroliferi danneggiati dagli attacchi aerei. In totale, la controllata impiega 17 ingegneri, di cui 5 team leader e diversi lavoratori.
 
Il documentario RT sulle relazioni tra la Turchia e l'ISIS sarà trasmesso il mese prossimo.
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: RT-Al Manar
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: rupty

Raqqa, la denuncia dei civili: La Coalizione "ha bombardato deliberatamente" quando c'erano bambini nelle strade

I sopravvissuti agli attacchi della coalizione guidati dagli Stati Uniti segnalano che gli aerei hanno usato fosforo bianco quando hanno bombardato un'area residenziale in Siria.

Molti civili nella provincia Raqqa raccontano di essere stati bersaglio di bombardamenti effettuati in questa...
Notizia del:     Fonte: Tass - Haaretz

Netanyahu ribadisce a Putin di temere più l'Iran che l'ISIS in Siria

Il primo ministro del regime israeliano in un incontro con il Presidente russo Putin ha ribadito che la presenza dell'Iran in Siria rappresenta una minaccia per Israele e per il mondo intero.

Israele utilizzerà i mezzi necessari per proteggere se stesso e impedire all'Iran di rafforzare la...
Notizia del:

Cuba, l'isola ferita solidale con il popolo spagnolo colpito dal terrorismo

I cubani solidarizzano con il popolo spagnolo, e gli altri che negli ultimi tempi hanno sofferto le conseguenze delle azioni terroristiche, perché sanno cosa vuol dire perdere i propri cari

di Arthur González (Traduzione di Francesco Monterisi*)   Rabbia ed impotenza si uniscono...
Notizia del:

Una minaccia attraversa il mondo

Una minaccia attraversa il mondo, le élite mondiali hanno deciso di dare battaglia non solo per le risorse naturali dei paesi, ma anche per l’imposizione totalitaria della propria visione culturale

di Elias Jaua Milano - Ciudad CCS   C’è uno schema ricorrente nelle cosiddette ‘resistenze’...
Notizia del:     Fonte: ilsole24ore.com

La lotta al jihadismo a dovrebbero fare anche i nostri alleati arabi, compratori di armi e partner d’affari, che manovrano questi movimenti. Ecco un’altra ragione che alimenterà ancora a lungo il jihadismo

È in Afghanistan che è caduto il vero Muro, dieci anni prima di quello di Berlino, quando la vittoria dei mujaheddin, alleati dell’Occidente, sull’Armata Rossa è stata resa possibile dai petrodollari dell’Arabia che impone l’ortodossia del wahabismo, ideologia fondante del regno dei Saud

di Alberto Negri - Il Sole 24 Ore   L’Isis può perdere la partita in Iraq e in Siria, ma...
Notizia del:

Ma perché uccidere i terroristi prima che possano parlare?

di Francesco Santonianni   Ma com'è che terroristi che potrebbero essere catturati e, quindi, interrogati in modo da risalire ai mandanti delle loro stragi vengono, invece, sistematicamente...
Notizia del:     Fonte: TASS

VIDEO. L'aviazione russa elimina più di 200 terroristi dell'ISIS diretti a Deir Ezzor

I terroristi stavano viaggiando verso la città siriana in un convoglio formato da circa venti veicoli, compresi carri armati.

L'aviazione russa ha eliminato oltre 200 membri dell'ISIS, colpendo un convoglio con armi pesanti diretto...
Notizia del:     Fonte: The Sunday Times

'The Sunday Times': L'ISIS ha utilizzato società britanniche per inviare materiale militare in Spagna

L'ISIS ha beneficiato di una rete di aziende collegate ad un ufficio situato a Cardiff, per inviare materiale militare di alta qualità in Spagna e finanziare i piani terroristici nei paesi europei.

"La tecnologia di sorveglianza che è stata inviata in Spagna, dove 14 persone sono morte giovedì...
Notizia del:     Fonte: Sana.sy

Assad: "Abbiamo contrastato il progetto occidentale, ma la battaglia deve continuare fino alla vittoria"

Nel corso di una conferenza organizzata dal Ministero degli esteri, il Presidente siriano, Bashar al Assad ha dichiarato che "l'Occidente ora vive un conflitto esistenziale ogni volta che percepisce che uno Stato vuole prendere parte al suo ruolo."

"Abbiamo pagato un prezzo molto alto in questa guerra, ma siamo stati in grado di contrastare il progetto...
Notizia del:     Fonte: Haaretz

Preoccupato per i nuovi progressi dell'esercito siriano, Netanyahu incontrerà Putin

Il premier del regime israeliano terrà un incontro con il presidente russo Vladimir Putin per discutere gli ultimi sviluppi della guerra in Siria dopo gli ultimi successi dell'esercito siriano.

I media israeliani hanno riferito che il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu incontrerà il suo...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: AFP

Yemen, attacco della coalizione saudita su un hotel provoca 35 morti

Un altro terribile massacro dell'Arabia saudita compiuto nello Yemen con l'appoggio di USA e Gran Bretagna ha provocato la morte di più di 30 persone nei pressi di Sanaa.

Un nuovo bombardamento della coalizione guidata dall'Arabia Saudita ha colpito un albergo vicino alla capitale...
Notizia del:     Fonte: rupty

Raqqa, la denuncia dei civili: La Coalizione "ha bombardato deliberatamente" quando c'erano bambini nelle strade

I sopravvissuti agli attacchi della coalizione guidati dagli Stati Uniti segnalano che gli aerei hanno usato fosforo bianco quando hanno bombardato un'area residenziale in Siria.

Molti civili nella provincia Raqqa raccontano di essere stati bersaglio di bombardamenti effettuati in questa...
Notizia del:     Fonte: Tass - Haaretz

Netanyahu ribadisce a Putin di temere più l'Iran che l'ISIS in Siria

Il primo ministro del regime israeliano in un incontro con il Presidente russo Putin ha ribadito che la presenza dell'Iran in Siria rappresenta una minaccia per Israele e per il mondo intero.

Israele utilizzerà i mezzi necessari per proteggere se stesso e impedire all'Iran di rafforzare la...
Notizia del:

John Pilger ha ragione. Se il Venezuela cade, l'umanità cade

"Gli USA hanno già invaso il Venezuela con gruppi sovversivi come la NED, che supportano una cosiddetta 'opposizione', che cerca rovesciare con la forza un governo eletto"

di Luis Hernández Navarro - Cubainformazione (Traduzione di Francesco Monterisi*)   John...
Notizia del:

Cuba: il paese con la più rapida crescita di internet... o il contrario?

I grandi media internazionali continuano a sottolineare che il governo di Cuba ostacola lo sviluppo di Internet per "timore della libertà di informazione". Un argomento che ogni giorno è più debole

di José Manzaneda - coordinatore di Cubainformación (Traduzione di Francesco Monterisi*)   I...
Notizia del:

Cuba, l'isola ferita solidale con il popolo spagnolo colpito dal terrorismo

I cubani solidarizzano con il popolo spagnolo, e gli altri che negli ultimi tempi hanno sofferto le conseguenze delle azioni terroristiche, perché sanno cosa vuol dire perdere i propri cari

di Arthur González (Traduzione di Francesco Monterisi*)   Rabbia ed impotenza si uniscono...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

La Siria denuncia i massacri dei civili e danni per 2,5 miliardi di dollari nel settore petrolifero a causa degli attacchi aerei USA

Dopo le continue denuncie all'ONU sulle morti dei civili, il governo siriano lamenta anche danni per miliardi di dollari nel settore petrolifero a causa degli attacchi della Coalizione guidata dagli USA che illegalmente opera nel paese arabo.

In una lettera inviata al Segretario generale delle Nazioni Unite e al presidente del Consiglio di sicurezza...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa