/ ISIS, petrolio e Turchia: I nuovi documenti che confermano i traf...

ISIS, petrolio e Turchia: I nuovi documenti che confermano i traffici illegali tra Ankara ed i terroristi

ISIS, petrolio e Turchia: I nuovi documenti che confermano i traffici illegali tra Ankara ed i terroristi
 

Il Canale televisivo RT ha pubblicato documenti e testimonianze che provano e confermano i legami tra ISIS e Turchia.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

Il gruppo terroristico ISIS (Daech in arabo) ha lanciato la produzione di petrolio su larga scala vendendolo sul mercato nero in Turchia che invia rinforzi di uomini, lo testimonia e documenta un reportage di RT.
 
La Turchia invia i terroristi in Siria...
 
Tra i documenti sequestrati dopo la liberazione della città siriana di Al-Shaddadi, ci sono passaporti e carte d'identità di terroristi dell'ISIS provenienti da diversi paesi, tra cui la Libia, la Tunisia, Bahrain e il Kazakistan. Questi passaporti portano i timbri di ingresso in Turchia.


 
I titolari di questi passaporti - uomini, ma anche donne - sono già morti, secondo i curdi. Ad ogni hanno sequestrato i documenti di identità quando si sono uniti ai terroristi dell'ISIS. In cambio hanno ricevuto di opuscoli di propaganda. I giornalistidi  RT hanno scoperto un particolare libro "Le misure ideali contro il regime criminale di Assad" in un "ufficio" del Daech. Curiosamente, il libro è stato pubblicato da una casa editrice turca di Istanbul, che ha anche una pagina Facebook.
 
Gli islamisti arrestati dichiarano di non aver avuto alcun problema ad attraversare il confine turco-siriano.
 
"Quando ho attraversato il confine, erano le 10:00. Nessuno ci ha sbarrato la strada (...). E tuttavia questa è una regione strategica", ha dichiarato un turco catturato dai curdi. Secondo lui, ci sono molti soldati turchi al confine, ma non fermano coloro che desiderano unirsi ai terroristi.
 
Il prigioniero è convinto che le attività dell'ISIS soddisfino gli interessi di Ankara.
 
"La Turchia e l'ISIS hanno un nemico comune, l'YPG. La Turchia non vuole spoercarsi le mani, lei vuole sbarazzarsi del suo nemico per mano di un altro", ha dichiarato il islamista.
 
... E l'ISIS invia petrolio in Turchia
 
"C'è traffico di petrolo, io lo so. Inoltre, essi (i turchi) forniscono cibo e altri prodotti all&# 39;ISIS. Daech viene colpito da un embargo, hanno problemi a procurarsi il cibo. Ricevono anche un sostegno finanziario, armi e munizioni. si aiuta apertamente l'ISIS", ha spiegato un islamista turco catturato da militanti curdi YPG nel nord della Siria.

Un documento sulla vendita di petrolio greggio dal pozzo Rijura


 
 
Questo terrorista ha sottolineato che la quantità di petrolio venduto è troppo grande per passare inosservato agli occhi delle autorità turche.


 
Un altro documento sulla vendita di petrolio greggio dal pozzo di  Rijura
 
 
Secondo i documenti in possesso di RT, l'ISIS e si fa riferimento alla vendita di petrolio nel mese di gennaio 2016, gli autisti dei camion cisterna acquistano il petrolio dall'ISIS ad un prezzo tra i 12 ed i 26 dollari al barile. Si tratta di petrolio provenienti da diversi petrolio. Il 23 gennaio, l'ISIS ha pubblicato nei suoi registri che ha venduto 383 barili di petrolio dal giacimento di Kabiba per 4979 dollari ($ 13 al barile). I documenti sono firmati dal "Ufficio Petrolio and Gas Dipartimento delle risorse naturali dello Stato islamico".
 
Un documento sulla vendita di petrolio greggio dal giacimento di petrolio Kabiba


 
In un altro documento pubblicato da RT c'è una lettera su due nuovi ingegneri assunti da una società regionale del " Dipartimento Petrolio e gas Daech" di El-Baqara. Da questo documento sembra che gli ingegneri hanno l'incarico di sapere per costruire nuovi gasdotti e riparare gli impianti petroliferi danneggiati dagli attacchi aerei. In totale, la controllata impiega 17 ingegneri, di cui 5 team leader e diversi lavoratori.
 
Il documentario RT sulle relazioni tra la Turchia e l'ISIS sarà trasmesso il mese prossimo.
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: RT-Al Manar
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: TASS

Russia: La Coalizione guidata dagli Stati Uniti ha distrutto Raqqa come Dresda nel 1945

"Raqqa ha avuto lo stesso destino di Dresda nel 1945, cancellata dai bombardamenti britannico -statunitensi", ha dichiarato il portavoce del ministero della Difesa russo Igor Konashenkov.

Gli aerei combattenti degli Stati Uniti e della coalizione hanno bombardato la città siriana di Raqqa...
Notizia del:     Fonte: Yeni Safak

La Turchia installerà 8 basi militari nel nord della Siria

La Turchia prevede di stabilire otto basi militari nella provincia siriana di Idlib. Lo ha riferito il quotidiano filo-governativo turco 'Yeni Safak'.

Ieri, il quotidiano vicino alle posizioni del Governo di Ankara, 'Yeni Safak', ha riferito che l'esercito...
Notizia del:     Fonte: Blic InSerbia

Gli USA obbligano la Serbia a non aiutare la Siria nel processo di sminamento

Gli Stati Uniti ha esercitato pressioni sulla Serbia affinché non cooperi con il governo siriano nel processo di sminamento del paese arabo.

Giovedì scorso sul quotidiano serbo 'Blic', è apparsa la notizia che gli Stati Uniti hanno...
Notizia del:     Fonte: The Washington Post

Gli USA amplieranno la loro presenza militare in Africa

Le forze armate statunitensi stanno cambiando la loro strategia anti-terrorismo in Africa e espanderanno le loro operazioni militari nel continente africano.

"L'esercito sta cambiando la sua strategia antiterrorismo per concentrarsi maggiormente sull'Africa,...
Notizia del:     Fonte: RT Arabic

VIDEO. Migliaia di siriani salutano per l'ultima volta il Generale Zahreddine, eroe della lotta all'ISIS

Grande partecipazione popolare a Sweida per il funerale del Generale dell'esercito siriano, eroe della lotta all'ISIS, Issam Zahreddine, rimasto ucciso per l'esplosione di una mina, mercoledì scorso.

Migliaia di siriana hanno reso omaggio, oggi, al Gen. Issam Zahreddine che ha perso la vita dopo il convoglio...
Notizia del:     Fonte: https://travel.state.gov - Ria Novosti

Gli USA ammettono per la prima volta che i terroristi dell'ISIS e Al Nosra usano armi chimiche

Questa ammissione è stata pubblicata in un documento ufficiale del Dipartimento di stato USA.

Mercoledì scorso, il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha emesso sul suo sito web un avvertimento...
Notizia del:     Fonte: The Washington Post

The Washington Post: 'L'avanzata russa e siriana ha vanificato le ambizioni degli USA'

Secondo il quotidiano statunitense, i rapidi progressi delle forze siriane nelle zone orientali della Siria hanno vanificato le speranze degli Stati Uniti di «guadagnare più terreno» nel paese arabo.

In un articolo pubblicato, ieri, dal quotidiano statunitense 'The Washington Post' si evidenzia che l'espansione...
Notizia del:     Fonte: Ria Novosti

Russia: "L'ISIS è stato espulso dal 92,6% del territorio siriano "

La forza aerea russa ha condotto nell'ultima settimana oltre 400 missioni di combattimento in Siria e ha distrutto più di 1.200 strutture appartenenti ai gruppi terroristici.

I terroristi dell'ISIS sono stati espulsi da più del 92,6% del territorio siriano. Lo ha riferito...
Notizia del:     Fonte: Sana - Hispantv

Assad: 'La sconfitta dei terroristi ha inferto un colpo devastante ai piani dell'Occidente'

Il presidente siriano ha ricevuto a Damasco il capo dell'esercito iraniano per coordinare la strategia anti terrorismo di entrambi i paesi.

Il presidente siriano Bashar al-Assad ha tenuto un incontro con il capo di Stato Maggiore iraniano Mohammad Bagheri...
Notizia del:

Raqqa nelle mani di USA e Arabia Saudita: "Il 'regime' siriano non metterà più piede qui"

Come era prevedibile, una volta liberata dall'ISIS, il destino di Raqqa sembra quello di cadere nelle mani degli USA che chiudono ogni accesso alla città al governo siriano.

In un incontro a Raqqa con il Consiglio civile nella città di Ain Issa, Brett McGurk, l'inviato degli...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: Bloomberg

"Invito" degli USA all'Europa: O si unisce alla sanzioni contro l'Iran o "affronterà i rischi significativi"

Gli Stati Uniti chiedono alle imprese europee di aderire alle sanzioni imposte da Washington contro il Corpo dei Guardiani della rivoluzione islamica dell'Iran (IRGC). Altrimenti...

"Prevediamo che paesi e società provenienti dall'Europa e da altre parti del mondo si uniscano...
Notizia del:     Fonte: TASS

Russia: La Coalizione guidata dagli Stati Uniti ha distrutto Raqqa come Dresda nel 1945

"Raqqa ha avuto lo stesso destino di Dresda nel 1945, cancellata dai bombardamenti britannico -statunitensi", ha dichiarato il portavoce del ministero della Difesa russo Igor Konashenkov.

Gli aerei combattenti degli Stati Uniti e della coalizione hanno bombardato la città siriana di Raqqa...
Notizia del:

Elezioni in Venezuela: dichiarazione ufficiale degli osservatori spagnoli

Sul quotidiano iberico Publico la dichiarazione che smonta tutte le fake news sulle regionali del 15 ottobre

da Publico   In riferimento alla posizione assunta da Stati Uniti ed Unione Europea, che hanno deciso...
Notizia del:

Il Fatto Quotidiano e la democrazia in America Latina

Il Fatto Quotidiano costretto oggi (oggi) a dar notizia della morte di Santiago Maldonado nell'Argentina di Macrì scrive in prima pagina: "In Sud America la democrazia resta un sogno"....
Notizia del:

Una sinistra senza popolo, una sinistra che odia il popolo non può combattere il neoliberismo

di Francesco Erspamer* “Populismo digitale. La crisi, la rete e la nuova destra”: dal titolo mi sembrava un libro interessante e dell’autore, Alessandro Del Lago, sapevo che è...
Notizia del:

6 anni dall'assassinio di Gheddafi. Così titolavano i civili giornali occidentali: noi non dimentichiamo.

Sei anni fa veniva assassinato Mu'ammar Gheddafi. Era il 20 ottobre 2011. E questa è stata la reazione dei liberi giornali occidentali...   Rimane estremamente attuale...
Notizia del:     Fonte: Yeni Safak

La Turchia installerà 8 basi militari nel nord della Siria

La Turchia prevede di stabilire otto basi militari nella provincia siriana di Idlib. Lo ha riferito il quotidiano filo-governativo turco 'Yeni Safak'.

Ieri, il quotidiano vicino alle posizioni del Governo di Ankara, 'Yeni Safak', ha riferito che l'esercito...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa