/ 18 Gennaio 1943. L'Armata Rossa rompe l'assedio della Germania na...

18 Gennaio 1943. L'Armata Rossa rompe l'assedio della Germania nazista dopo 872 giorni di terribili sofferenze

 

I soldati sovietici riuscirono a espellere le truppe naziste durante l'Operazione Spark, l'offensiva che si rivelò essere il punto di svolta nella lotta per liberare Leningrado e durante la Grande Guerra Patriottica


Il 18 gennaio è una delle date più importanti legate alla Grande Guerra Patriottica, poiché 77 anni fa, nel 1943, grazie all'operazione Spark, fu sollevato l'assedio nazista su Leningrado.

 
Un anno e mezzo prima, nel luglio 1941, le truppe tedesche entrarono nel territorio della regione di Leningrado (ora San Pietroburgo) e alla fine di agosto occuparono la città di Tosno, situata a 50 chilometri da Leningrado.
 

 
Nonostante gli sforzi dell'Armata Rossa, il nemico continuò a restringere il recinto attorno alla città e il 2 settembre i tedeschi tagliarono l'ultimo binario ferroviario che collegava Leningrado con il resto del paese. Meno di una settimana dopo, l'8 settembre, Leningrado era già completamente circondata e l'unico filo che lo collegava al resto del mondo era lo stile di vita, che raggiungeva l'area urbana attraverso il ghiaccio del lago Ladoga. A Leningrado c'erano oltre 2,5 milioni di abitanti, di cui 400.000 erano bambini. 
 
La città trascorse 872 lunghi giorni nel mortale accerchiamento del nemico e secondo alcune stime più di 1,2 milioni di persone morirono  di fame, freddo e bombardamenti. 
 
Per liberare Leningrado, il comando sovietico combinò i colpi simultanei di due fronti (quello di Leningrado e Voljov) e durante l'operazione Scintilla, a costo di enormi sforzi, riuscirono a espellere il nemico. 
 
Operazione Spark
 
Le truppe sovietiche fecero quattro tentativi falliti per rompere l'assedio. Solo nel gennaio del 1943, quando le principali forze tedesche erano concentrate a Stalingrado (ora Volgograd), lo raggiunsero grazie all'operazione Spark.

 
Secondo una versione storica, durante le discussioni per scegliere il nome dell'operazione, l'allora leader dell'Unione Sovietica, Iósif Stalin, ricordando i fallimenti precedenti e, nella speranza che il quinto tentativo avrebbe permesso di unire i due fronti e raggiungere successo, disse "Possa la scintilla dare fuoco!" . 
 
L'offensiva iniziò la mattina del 12 gennaio ed è durata diversi giorni. La buona pianificazione dell'attacco diede i suoi frutti. Il 18 gennaio, l'Armata Rossa, che avanzava lungo la riva del lago Ladoga, riuscì ad aprire un corridoio largo 10 chilometri che consentì di ripristinare la fornitura della città. 
 
E sebbene ci sia voluto ancora un anno intero prima che l'assedio fosse completamente rimosso, questo evento rappresentò una svolta nella lotta per Leningrado e durante la Grande Guerra Patriottica.
 

 
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa