5 semplici domande ad Alfano (che incontra il suo omologo del regime di Kiev)

5 semplici domande ad Alfano (che incontra il suo omologo del regime di Kiev)

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Danilo Della Valle


Il nostro ministro degli esteri Alfano incontra il suo omologo ucraino, il "patriota" Pavlo Klimkin (nato in Russia e formatosi in Russia all'università), che rappresenta "la faccia europeista" del governo ucraino. I due hanno discusso di due punti: del partenariato orientale Ue e della soluzione del conflitto interno ucraino.






Riguardo il primo punto, il Ministro italiano ha dichiarato l'importanza dell'Ucraina nel processo di integrazione europeo.

Mi viene da pensare, importante per chi?

Per le nostre aziende che stanno entrando nel loro mercato trasformando l'Ucraina come il resto dei paesi dell'Est Europa in dei grandi mercati da invadere con i nostri prodotti?

O per chi cerca altra forza lavoro a basso costo così come è avvenuto per bulgari, polacchi e rumeni?

Importante per i nostri governi e per la Nato che vedono, inspiegabilmente, nella Russia un "nemico da controllare ed accerchiare"?

Importante per gli oligarchi al potere che con le loro riforme stanno ulteriormente aggravando la situazione economica della popolazione che da ormai decenni è in perenne caduta?...

E per quanto riguarda il secondo punto, mi verrebbe da chiedere ad Angelino se è serio quando in tre righe dice tutto ed il contrario di tutto...parla di dialogo e di accordi di Minsk non sapendo forse che gli accordi sono spesso violati dai battaglioni neonazisti ucraini.

Parla di integrità del territorio ucraino, e la potrei capire come dichiarazione vista la sua posizione, ma dimentica che ci sarebbe da condannare innanzitutto il golpe ai danni del legittimo governo preMaidan, e che con lo scoppio di una guerra civile l'autodeterminazione di parte della popolazione che ha subito e subisce discriminazioni è quantomeno da discutersi.... così come ha omesso di condannare le gravi responsabilità del governo ucraino che non si sta dando molto da fare nella ricerca dei responsabili della strage di stampo nazista avvenuta ad Odessa.... insomma, ancora una volta si è persa una occasione per andare oltre le solite strette di mano ed esercitare le funzioni di ministro con un minimo di coraggio...."Tra i governanti, quanti perfetti e inutili buffoni! Questo paese è devastato dal dolore... "

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Torna a salire la tensione tra Grecia e Turchia di Antonio Di Siena Torna a salire la tensione tra Grecia e Turchia

Torna a salire la tensione tra Grecia e Turchia

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico di Gilberto Trombetta Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia di Giuseppe Masala Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti