/ 70 anni di "fake news": ecco come la CIA ha finanziato le riviste...

70 anni di "fake news": ecco come la CIA ha finanziato le riviste di opinione in Europa

 

di Philip Giraldi

da “American Herald Tribune

Traduzione di Marco Pondrelli per Marx21.it. Su segnalazione di Vladimiro Giacché



Quando un' agenzia di intelligence si occupa di diffondere fake news si parla di"disinformazione“, che è un sottoinsieme di ciò che viene definita azione occulta, fondamentalmente operazioni segrete eseguite in un paese straniero per influenzare l'opinione pubblica o per bloccare un governo o un gruppo considerato ostile.



Durante la Guerra Fredda le operazioni di disinformazione erano gestite dai principali attori sia della Nato che, in opposizione, del Patto di Varsavia. A volte le attività ed il sostegno economico erano chiaramente visibili, ad esempio quando Radio Free Europe e Radio Mosca discutevano su quanto fosse cattiva la vita quotidiana fra gli oppositori dell'alleanza. A volte, tuttavia, prendeva forma inserendo clandestinamente storie nei media che erano palesemente false, ma progettate per spostare la percezione pubblica di ciò che stava accadendo nel mondo. La guerra del Vietnam fornì un perfetto campo di gioco, con storie provenienti dal governo degli Stati Uniti e dai suoi sostenitori che presentavano una narrazione della lotta per la democrazia contro il totalitarismo, mentre il blocco comunista promuoveva una storia contraria, di oppressione coloniale e capitalista verso un popolo che si sforzava di essere libero.


La CIA (Central Intelligence Agency) ereditò l'onere delle operazioni segrete dal suo predecessore l'OSS, che aveva avuto un notevole successo nel condurre operazioni di disinformazione durante la Seconda Guerra Mondiale. Fin dall'inizio vi fu una notevole opposizione al proseguimento di tali programmi. Erano sia costosi che soggetti a devastanti contraccolpi quando venivano scoperti e svelati. Nell'Europa occidentale i potenti partiti comunisti erano veloci a pubblicizzare i passi falsi dell'intelligence USA, ma ciononostante la capacità di manipolare le notizie ed i mezzi d'informazione per piazzare storie critiche sui sovietici e sui loro alleati portò a programmi importanti per finanziare riviste e libri, cercando nel contempo di acquisire un insieme di giornalisti che avrebbero prodotto pezzi su richiesta, e tutto ciò si è dimostrato troppo allettante per essere ignorato.


È stato fatto un considerevole esame ex post sull'uso da parte della CIA di meccanismi di finanziamenti nascosti, incluso il Congress of Cultural Freedom per finanziare scrittori e riviste in Europa, i più noti dei quali sono stati The Paris Review e l'Encounter di Londra. C'era una guerra a bassa intensità contro il comunismo, un conflitto che molti scrittori patriottici sostenevano, il finanziamento di riviste e la ricerca di contributi per scrivere materiale appropriato era relativamente facile e difficilmente contestato. Alcuni redattori di alto livello sapevano o sospettavano fortemente da dove provenissero i finanziamenti, altri no, ma la maggior parte non si poneva alcuna domanda, perché in quel momento i sostegni alle riviste letterarie erano scarsi. Molti degli scrittori erano all'oscuro dei finanziamenti, ma scrissero quello che scrissero a causa delle loro personali convinzioni politiche. La CIA, alla ricerca di un buon rapporto qualità-prezzo, spinse alcune linee editoriali ma non in modo aggressivo, poiché ha cercato di consentire al processo di svolgersi senza troppe interferenze.




Le riviste di opinione erano una cosa, penetrare nel mondo dei giornali era una storia completamente diversa. Era facile trovare un giornalista di livello medio o basso e pagarlo per scrivere certi pezzi, ma il percorso verso la pubblicazione effettiva era ed è più complicato di così, occorre infatti passare per diversi livelli editoriali prima di andare in stampa. Un recente libro cita la convinzione che la CIA avesse "un agente in un giornale in ogni capitale mondiale almeno dal 1977" il quale poteva pubblicare o non pubblicare alcune notizie. Se è vero che le ambasciate e i servizi di intelligence degli Stati Uniti avevano una notevole capacità di collocare storie nelle capitali dell'America Latina e in parti dell'Asia, la situazione in Europa, dove ho lavorato, era  mista.


Conoscevo solo un redattore capo di un importante giornale europeo che era considerato una risorsa dell'Agenzia, sebbene non potesse pubblicare notizie false poiché era responsabile sia del suo comitato di redazione che della impresa che possedeva il giornale. Rifiutò anche di prendere uno stipendio dalla CIA, il che significava che la sua collaborazione era volontaria e non aveva un coinvolgimento diretto.


In effetti la CIA aveva un considerevole numero di "assets" giornalistici in Europa ma erano generalmente o collaboratori occasionali o di medio livello, aveva quindi solo una capacità limitata di dare forma alle notizie. Spesso, questi “assets”, hanno scritto per pubblicazioni che hanno avuto un impatto minimo o nullo. In effetti ci si potrebbe ragionevolmente chiedere se il supporto alle riviste letterarie negli anni Cinquanta e Sessanta trasformatosi poi in operazioni più dirette alla ricerca di agenti giornalisti abbia avuto un impatto significativo in termini geopolitici o sulla stessa Guerra Fredda.


Più insidiosa fu la cosiddetta Operation Mockingbird, che iniziò nei primi anni '50 e che più o meno apertamente ottenne la cooperazione delle maggiori pubblicazioni e dei notiziari americani per aiutare a combattere la "sovversione" comunista. L'attività fu esposta da Seymour Hersh nel 1975 e fu ulteriormente raccontata dalla Church Commission nel 1976, e dopo tutto ciò le operazioni della CIA per influenzare l'opinione pubblica negli Stati Uniti divennero illegali così come l'uso di giornalisti americani come agenti fu generalmente proibito. Si apprese anche che l'Agenzia aveva lavorato al di fuori della sua carta fondativa per infiltrarsi in gruppi di studenti ed organizzazioni contro la guerra con l'Operation Chaos, gestita dal controverso, se non completamente pazzo, agente segreto della Cia James Jesus Angleton.


La ruota del governo finisce spesso per tornare al punto di partenza, sembra che noi si sia tornati nell'era della disinformazione, dove le agenzie di sicurezza nazionali del governo degli Stati Uniti, inclusa la CIA, sono ora sospettate di spacciare storie che hanno lo scopo di influenzare l'opinione negli Stati Uniti producendo una reazione politica. Lo Steele Dossier su Donald Trump è un esempio perfetto, un rapporto che è emerso attraverso una serie deliberata di atti del direttore della CIA John Brennan, pieno di insinuazioni non verificabili volte a distruggere la reputazione del Presidente-eletto prima del suo insediamento. Per tutti gli americani che si preoccupano del buon governo è innegabilmente positivo che il Congresso ora intenda investigare sul dossier per determinare chi l'ha ordinato, pagato e che obiettivi voleva raggiungere.

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa