/ Armi francesi usate nella guerra allo Yemen: un'inchiesta contrad...

Armi francesi usate nella guerra allo Yemen: un'inchiesta contraddice la versione del governo Macron

 

La coalizione a guida saudita ha usato armi vendute da Parigi come parte delle sue operazioni militari nello Yemen. Nonostante la smentite di facciata di Parigi, queste armi potrebbero quindi essere la causa di molte vittime civili.


"Chars Leclerc, Mirage 2000-9, radar Cobra, blindati Aravis, elicotteri Cougar e Dauphin, cannoni Cesar...":  secondo il rapporto di un'indagine congiunta della ONG 'Disclose' un equipe di indagine di Radio Francia, la coalizione armata guidata dall'Arabia Saudita avrebbe usato armi francesi per attaccare lo Yemen, "anche su aree civili".
 
Queste rivelazioni contraddicono quindi la versione della Francia per giustificare alcuni dei suoi controversi contratti di armi. Parigi ha sempre spiegato che le armi vendute ai suoi partner erano usate in posizioni difensive, principalmente nel contesto della lotta al terrorismo.
 
Pubblicato il oggi sul sito di 'Disclose', queste rivelazioni si basano in particolare sul documento trapelato relativo alla classificazione "difesa confidenziale", scritto il 25 set 2018 da agenti della Direzione dei servizi segreti militari, secondo la ONG. Comprende la "lista dettagliata delle armi francesi coinvolte nella guerra in Yemen".
 
Su questa base, l'inchiesta rivela, ad esempio, una mappa della regione che mostra dove sono state utilizzate le armi vendute dalla Francia all'Arabia Saudita e agli Emirati Arabi Uniti. "Popolazione interessata da possibili attacchi di artiglieria: 436.370 persone", si legge nel rapporto confidenziale dell'ONG sul bombardamento della coalizione.
 
"Questi documenti sono stati presentati ad un incontro all'Eliseo, il 3 ottobre 2018, alla presenza di Emmanuel Macron", secondo l'ONG Disclose in un tweet per presentre la sua indagine.
 

 
Tra le altre rivelazioni, l'inchiesta sostiene anche che "carri armati Leclerc partecipano all'offensiva", contraddicendo il ministro francese della Difesa, Florence Parly, che ha sostenuto, il 20 gennaio 2019 di non essere a conoscenza "che le armi [Francesi] fossero usate "direttamente in questo conflitto".
Da parte sua, il rapporto dell'indagine specifica per esempio: "Nel novembre 2018, i carri armati francesi sono al centro della battaglia di Al Hodeïda".
 
Inoltre, mentre gli attacchi più mortali del conflitto sono state effettuate per via aerea, l'indagine, ha svelato che "i combattenti sauditi sono dotati di una meraviglia tecnologica disegnata da ingegneri francesi: le Pod Damocles ", un dispositivo impiantatosotto gli aerei da combattimento, che consente al pilota di sganciare qualsiasi tipo di missile.
 
"La Francia non è tra i principali fornitori di armi dei paesi impegnati nello Yemen".
 
 
Alla domanda circa le rivelazioni dell'inchiesta, il primo ministro ha voluto dare "qualche risposta", mettendo le mani avanti parlando di "partenariati strategici interessi di sicurezza comune" tra Francia, Arabia Arabia e gli Emirati Arabi Uniti.
 
Al di là delle spiegazioni geopolitiche per queste collaborazioni, la lettera del governo sottolinea le osservazioni già fatte dal Ministro competente, dicendo che "le armi francesi che dispongono i membri della coalizione sono usate principalmente sulla difensiva, a al di fuori del territorio yemenita, ma non in prima linea." Precisando che "la Francia non è tra i primi fornitori di armi dei paesi impegnati nello Yemen".
 
Fonte: Disclose - Foto AFP
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa